Home » Rubriche »Smart City »Very Important Planet » Antoine de Maximy, professione viaggiatore a impatto (e costo) zero:

Antoine de Maximy, professione viaggiatore a impatto (e costo) zero

Antoine De Maximy è riuscito a mettere insieme due grandi passioni e ne ha fatto un lavoro di successo: è l’ideatore del format francese trasmesso in Italia da Rai 5, dal titolo “Posso venire a dormire da voi?”

Ha presentato il suo approccio al viaggio, al lavoro e alla vita giovedì 31 maggio, in un incontro con il pubblico organizzato all’interno del festival torinese “Per sentieri e Remiganti“, quest’anno dedicato alla “gentilezza”.

Camicia rossa, instancabile intrattenitore, Antoine gira il mondo da solo con una telecamera alla spalla che riprende i suoi interlocutori e una attaccata al suo braccio che lo riprende grazie ad un distanziatore fisso. Una telecamera normale e il registratore nello zaino per qualche ripresa speciale, ma le mani sempre completamente libere per muoversi e relazionarsi.

Si, perché in tempi di viaggi solidali, responsabili e green, Antoine nel suo format vuole fornire delle idee e un esempio concreto per viaggiare a costo e impatto zero, ma soprattutto per prendere contatto, da vicino, molto vicino, con i paesi e le culture che si visitano.

D) Antoine, com’è nata l’idea di questo programma?

R) Dopo aver lavorato su diversi reportage di guerra, documentari su natura e animali, ho deciso di provare un nuovo lavoro, con budget decisamente più ridotto ma con molta più libertà. Così è nato il programma, dalla volontà di creare un ponte tra due culture, di creare amicizie brevi ma vere attraverso la complicità dei piccoli gesti. Ho iniziato a viaggiare e riprendere ormai otto anni fa. Ho visitato 90 paesi, circa la metà di quelli esistenti e i due terzi dei più grandi. All’inizio è stato tutt’altro che facile, ho girato 19 paesi nei primi due anni perché il format aveva bisogno di un buon materiale di base per la partenza e il lancio ufficiale. Se si considera che viaggio sempre da solo, che in ogni posto mi fermo due settimane e che solitamente curo anche il montaggio, sarà facile capire perché una parte di me è incredibilmente schizofrenica.

D) Che cosa distingue il tuo programma dagli altri documentari di geografia e cultura?

R) I documentari, per come nascono, raccontano il mondo, ma soprattutto le persone, le culture e le psicologie, per questo ho deciso di dare un taglio diverso alle puntate e di togliere quasi completamente le informazioni più ufficiali e di contestualizzazione sui paesi visitati, di cui spesso citiamo solo il nome. Più che presentare un paese, io voglio trasmettere delle atmosfere. I documentari che ne escono rappresentano perfettamente la varietà della natura umana e nonostante le grandi diversità, in tutti i paesi esistono grandi punti comuni, le priorità dalla gente sono simili ovunque: mi è capitato di visitare paesi più disponibili e altri più difficili, come gli Emirati, o più timidi come il Giappone, ma quando l’approccio del viaggiatore è verso la ricerca del divertimento, ovunque ti vengono aperte le porte di casa!

D) Dopo poche battute riesci a farti ospitare per la notte o invitare per un pasto in casa. Grande gentilezza, dunque, di chi arriva e di chi accoglie…

R) Il rispetto è alla base del viaggio. Una buona regola per esempio è quella di non essere invadente, negli spazi e nei tempi, cercando di ridurre l’impatto e la presenza al minimo possibile. Non bisogna fare domande, questo permette agli interlocutori di sentirsi liberi di esprimersi e di parlare di quello che vogliono, senza influenzare i pensieri e per conoscere le reali passioni, preoccupazioni e idee di chi si incontra.

D) Sfatiamo qualche luogo comune…

R) Non è vero che è maleducazione rifiutare il cibo offerto. Ci sono occasioni, davanti a piatti dal nome irripetibile e aspetti incommentabili, in cui è molto meglio dire un “no, grazie” che contorcersi in smorfie indelicate per tutta la durata del pasto!

Alfonsa Sabatino

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende