Home » Rubriche »Very Important Planet » Antonello Colonna: “No ai pesticidi, sì alla permacultura”:

Antonello Colonna: “No ai pesticidi, sì alla permacultura”

Un anarchico ai fornelli, l’Ottavo Re di Roma: sono solo alcune delle definizioni usate da giornalisti, critici gastronomici, amici o semplici appassionati della cucina per riferirsi ad Antonello Colonna, uno degli chef più noti di Roma. Un cuoco dalle mani d’oro e dal cuore verde, come testimoniano non solo la sua cucina e il suo ristorante, ma anche la sua attività di supporto al progetto di Greenpeace per sensibilizzare al concetto di agricoltura ecologica. Proprio Open Colonna ha ospitato la presentazione dello studio “A come ape. Un’agricoltura senza pesticidi è possibile” che integra ricerca scientifica ed esperienza pratica di agricoltori e imprenditori che ormai applicano la moderna agricoltura sostenibile in tutta Europa. Durante la presentazione, Antonello Colonna ha servito alcuni suoi piatti realizzati con ingredienti che dipendono dall’impollinazione delle api.

D) Perché ha deciso di partecipare a questo progetto di Greenpeace?

R) Perché le api impollinano un terzo del cibo che mangiamo e la maggior parte della flora spontanea di cui disponiamo. No ai pesticidi, sì al prodotto naturale e alla natura, sì alla permacultura.

D) Cosa significa per lei territorio?

R) Il territorio per me è legato all’utilizzo di una materia prima che ci appartiene, che non è stata contaminata, che ha un valore in quanto ambiente, ecosistema, stagionalità, storicità, identità. Il territorio è identità. Mentre territorio e consumismo sono due realtà che non possono convivere. Oggi il problema della cucina italiana e dell’Italia in genere – e dell’informazione alla società che ne consegue – sta nel linguaggio, cui sono state rubate, soprattutto nel campo del cibo, parole che oggi non hanno più senso. Faccio un esempio: genuino aveva un significato ben definito. Ma oggi che senso ha questa parola dal momento che la ritrovi sulle etichette dei prodotti delle maggiori industrie italiane? Oggi aroma naturale lo usano tutti, ma cosa significa? Nella disciplina legale questo termine è stato reso applicabile a diversi prodotti, ma per me ha ben altro significato, si ricollega alla natura e non alla produzione di prodotti trattati. Ecco perché dico che territorio e identità devono viaggiare assieme. Molti errori sono stati commessi anche nell’informazione.

D) Qual è il rapporto quotidiano che ha con l’ambiente?

R) Nella realizzazione del mio resort mi sono perlopiù avvalso dei valori radicali in cui credo. Non so se sono green, ma so che si fondano su un profondo rispetto per l’umanità e per la natura. La riserva naturale che ci circonda era una discarica a cielo aperto che ho bonificato, ottenendo che alcune specie, da tempo scomparse, tornassero a ripopolarla. Pretendo dai ragazzi del mio staff una rigorosa raccolta differenziata e così via. Non voglio negare l’importanza di bioarchitettura, biodinamica, bioecologia – elementi, tra l’altro, tutti presenti nelle mie strutture – ma per me essere green è soprattutto una condotta di vita.

D) Quali sono i pro e i contro della filosofia km 0?

R) Senza dubbio la sensibilità alla qualità e al biologico, nell’opinione comune, è molto aumentata. Ma credo che le persone siano disorientate, non sono messe nella condizione di fidarsi e di fare delle scelte veramente consapevoli se ad ogni angolo della strada c’è un’insegna “km 0”. Questo dipende soprattutto dal boom mediatico che le assedia. Nel mondo della ristorazione non cambia molto: la strada da percorrere è lunga, soprattutto se si intende fare una vera distinzione tra retoriche, demagogie e vere consapevolezze.

D) Quali sono le eccellenze dell’Italia e come dovremmo preservarle in un’ottica di rispetto per l’ambiente?

R) L’Italia, più di ogni altro Paese, ha capitali di enorme valore, il suo cibo, la sua tradizione e sperimentazione culinaria, che dipendono dal lavoro svolto gratuitamente dagli insetti. Chiunque voglia salvaguardare queste risorse così importanti per l’economia del nostro Paese deve tenere da conto il lavoro di questi insetti e proteggere la nostra agricoltura. Ribadisco, no ai pesticidi, sì alla permacultura.

D) È stato definito un anarchico e rivoluzionario. Quali sono le sue rivoluzioni?

R) Racconto sempre di avere tre vite: una pubblica, una privata, una segreta. È in quella segreta che si accendono le mie “visioni”, che poi prendono forma in progetti e iniziative, attraverso cui gli altri mi attribuiscono un ruolo. Io mi limito a seguire le mie fantasie, lo faccio sin da quando ero bambino. Ci sono delle parole chiave che ben sintetizzano quello che accade nella mia cucina: identità, passione, agonismo. Sono i tre elementi che ci permettono di continuare al meglio un percorso ormai trentennale, una storia gastronomica che ha alla base una sana interpretazione della cucina italiana e romana. E non uso interpretazione a caso, ma volutamente in contrapposizione con rivisitazione e correzione, che invece non mi appartengono. Ciò che caratterizza il mio lavoro è la valorizzazione di quell’ecosistema gastronomico fatto dei prodotti di stagione del nostro splendido territorio, elementi che vanno recuperati e rispettati nei loro cicli naturali. C’è poi l’aspetto di gestione del locale in quanto attività commerciale, che al giorno d’oggi obbliga ogni cuoco ad essere un piccolo manager; è per questo che ho deciso di dare vita al nostro primo master in management della ristorazione, dove in dieci mesi puntiamo a dare la possibilità ai giovani di approfondire la storia e la cultura della cucina e di acquisire fondamentali nozioni di comunicazione e marketing. Poi, alla sera, tutti ai fornelli, per tenere sempre a mente che l’unica regina resta la cucina in quanto tale!

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende