Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Antonio Frattini: i rubinetti sostenibili che guardano al futur(ism)o:

Antonio Frattini: i rubinetti sostenibili che guardano al futur(ism)o

ottobre 23, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Mentre a maggio scorso la Commissione Europea ha diffuso il regolamento per ottenere, anche nel settore della rubinetteria, la certificazione Ecolabel – a cui è dedicato, in tutta Europa il mese in corso – in Italia nascono i primi miscelatori sostenibili. Una strada su cui è particolarmente impegnata una giovane azienda novarese del distretto del rubinetto, la Antonio Frattini, che da alcuni anni coniuga con successo sostenibilità e design, con la determinazione ad andare contro il luogo comune: chi vuole prodotti a basso impatto ambientale non deve per forza accontentarsi di forme spartane.

Torniamo all’inizio di questa storia, quando nel 2009 Antonio Frattini, cresciuto tra le rubinetterie dell’azienda di famiglia, la Ras, decide di staccarsi per dar vita a una nuova avventura. All’insegna di un concetto utopistico – la bellezza – cercando di costruire un’impresa in grado di rispondere ai canoni di domani più che a quelli attuali. “Un’azienda deve essere anche un po’ futurista. Un tempo le fabbriche erano molto belle, pensavo fosse necessario tornare a poterle vedere come qualcosa di positivo anche oggi”. Recupero di una visione del passato, unita però a ciò che rende oggi le aziende all’avanguardia: “In quest’ottica si inserisce la sostenibilità, intesa come attenzione all’ambiente e ai lavoratori. Prima la sensibilità ecologica non c’era, ma oggi un’azienda che vuole essere moderna e guardare al futuro non può farne a meno”, continua Frattini pesando con cura parole spesso abusate.

Una sostenibilità che parte dall’impresa e arriva al prodotto: la sede è un vecchio stabilimento ristrutturato, illuminato con luci a led e dotato di riscaldamento a pellet. Rispetto ai rubinetti, si è lavorato innanzi tutto sulla portata: “Uno classico arriva a 20 litri, i nostri a 5 litri, senza però dare l’idea che esca solo un rivolo d’acqua. Le bocche sono più piccole e, grazie agli areatori, l’acqua viene combinata con più aria, mantenendo però alla vista un getto paragonabile a quello degli erogatori standard”.

In nome del rispetto dell’ambiente, l’impresa di San Maurizio d’Opaglio ha rispolverato anche il concetto, purtroppo oggi un po’ passato di moda, dei pezzi di ricambio: “Ci puntiamo molto. Al contrario di quello che fanno le altre aziende, li vendiamo con margini molto bassi, perché siamo convinti che alla base della sostenibilità ci sia la riparazione degli oggetti”. Anche il packaging è stato studiato con cura particolare: “E’ tutto in cartone, completamente riciclabile. Abbiamo tolto tutte le spugne e i sacchetti di solito utilizzati per l’imballo, che creano problemi in fase di riciclo”. Al loro posto, solo un panno da utilizzare anche per pulire i rubinetti una volta montati: “E’ prodotto in fibre di cotone provenienti da scarti di lavorazione e riciclate. Quando ero piccolo questa modalità era molto utilizzata, ma paradossalmente, nonostante si tratti solo di uno straccio, ritrovare oggi un fornitore è stato difficilissimo. Trovavamo solo panni in materiale sintetico”.

Nel 2011, l’azienda ha ottenuto una menzione d’onore al Compasso d’Oro con la serie Ort: linee pulite e minimaliste, eleganza e bassi consumi. A Cersaie 2013 ha presentato la linea Dudok Wood con inserti in legno e ha partecipato al progetto Aggregati di Davide Vercelli per una beauty spa “distribuita” e immersa nella natura.

L’idea di rispetto dell’ambiente che Antonio Frattini vuole far passare attraverso i propri prodotti è una sostenibilità in positivo, considerata un valore e non una rinuncia: “Non sono d’accordo con chi pensa che il consumatore che vuole cose sostenibili deve rinunciare al design. Quando usano un prodotto, poi, le persone non devono avere l’impressione di fare a meno di qualcosa, nel nostro caso dal rubinetto non può uscire solo un rivolo d’acqua: bisogna coniugare il risparmio delle risorse con l’efficienza e la bellezza”. E gli utenti capiscono il messaggio: “In Italia è più difficile avere a che fare con gli showroom, che spesso non hanno una politica di sostenibilità e puntano su prodotti che si vendono da soli. Nei Paesi scandinavi dove esportiamo, invece, si guarda meno al marketing e più al contenuto di un progetto: un’azienda con una filosofia chiara è apprezzata”, racconta Frattini, che critica quei casi in cui la comunicazione pubblicitaria fa greenwashing, “danneggiando anche quelle imprese che provano davvero a essere sostenibili”.

L’azienda conta sei dipendenti e un fatturato di circa 500.000 euro. La produzione per adesso è parzialmente esterna. “Siamo ancora una realtà piccola. Cerchiamo in ogni campo di avere un approccio sostenibile per quanto ci è possibile, mentre per altri progetti dovremo aspettare di crescere un po’”. Il più grande è quello sull’Africa: “Mi piacerebbe molto fare un progetto innovativo, realizzato in zone dove sarebbe bello creare lavoro, a metà strada tra un’impresa e una missione umanitaria. Penso per esempio a un rubinetto prodotto in Africa, ma in modo moderno e nel rispetto dell’ambiente. Trovare un partner locale è difficile, ma è un sogno che continuo a coltivare”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende