Home » Rubriche »Very Important Planet » Antonio Secci, dallo spazialismo ai pomodori biologici e ritorno:

Antonio Secci, dallo spazialismo ai pomodori biologici e ritorno

maggio 25, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Dai rovi della Sardegna al salotto artistico di Milano degli anni Sessanta/Settanta e poi il ritorno ai rovi e poi ancora arte contemporanea. E’ la circolarità di Antonio Secci, nato a Dorgali nel 1944, che nel decennio delle avanguardie artistiche  arriva nella capitale lombarda – consigliato dagli artisti  Gianni Dova e Guy Harloff - con i suoi pennelli da arte figurativa che ripose presto nella valigia per abbracciare il movimento dello Spazialismo. Confrontarsi, quindi,  con i grandi nomi della pittura italiana come Lucio Fontana e diventare allievo ed assistente di Roberto Crippa. Un sodalizio forte con uno dei nomi storici del movimento. Nel laboratorio produce opere materiche: gli squarci. Nel 1978 l’esperienza metropolitana finisce, c’è il ritorno alla terra piena di pietre della Sardegna. L’arte è messa da parte, e Antonio inizia a coltivare pomodori brutti ma buoni perché in biologico. Agricoltura “estrema”, ma dopo 20 anni ritorna dalla finestra l’arte, grazie alla critica Cristiana Collu, direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, e ritornano  i riconoscimenti, i cataloghi, le mostre in Italia e all’estero. L’agricoltura però resta, divenuta passione e compagna quotidiana…

D) Antonio, la tua vita è stata ricca di natura e di arte contemporanea, quanto della prima c’è nella seconda?

R) Ambiente e arte vanno in parallelo. Io cerco questo spazio dal punto di vista pittorico e non è cosmico, ma vivibile a livello umano. Questo spazio lo puoi trovare nella natura, per me è importante trovare attraverso l’arte il contatto con la natura…

D) Con la terra hai un rapporto quasi quotidiano da molti anni ormai, dopo l’esperienza metropolitana. Ce ne parli?

R) L’ho ripreso da quando c’è stata la “decadenza da artista”. Da bimbo ero molto legato alla terra tramite mio nonno. Il vento, l’aria, l’acqua e quello spazio con cui ogni comune mortale si confronta. Tutto quello che noi facciamo, dallo scrivere una poesia all’andare sulla luna, nasce sempre con gli elementi naturali.

D) Per la tua ricerca artistica è stato però fondamentale il tuo periodo di esperienza in città. Cosa ti ha dato?

R) Nel periodo metropolitano ero coinvolto nella ricerca. In quel contesto noti e vedi la differenza con i profumi e con l’aria che cambia. C’è da dire che le città erano molto diverse rispetto ad  oggi. Prima le fabbriche erano a ridosso, molto vicine, ora le città sono più pulite. Però questa calca umana sempre presente si contrappone a questi spazi enormi dove non c’è cemento, non c’è inquinamento. La mia ricerca si è comunque sviluppata nella città, da lì sono nate queste idee della ricerca spaziale. Ho cercato le soluzioni in quella calca umana dove avevo una tale varietà di materiale a disposizione da analizzare…

D) L’artista deve difendersi dalla “calca” o immergersi, farne parte?

R) C’è da capire se riesci a restarne immune. C’è bisogno di comunicazione – che non è quella di oggi, che è solo uno stress. Se ti omologhi diventi un metropolitano che riesce pure a convivere bene con l’aria malsana. Ma se riesci a sentire le essenze ed i profumi tu sei quel mirto, tu sei quel profumo e allora fai il tuo percorso… Anche se il rapporto con la natura deve essere mediato, non puoi atrofizzarti tra i rovi come è successo a me per qualche anno. Io poi ho avuto fortuna, ho ricongiunto le due esperienze, e ora faccio il pittore moderno in un territorio naturale.

D) Hai quindi imparato a prendere il buono sia dalla contemporaneità tecnologica che dalla natura… Un equilibrio non facile. Quale pensi sia oggi il pericolo maggiore che il nostro Pianeta corre? Lo chiediamo sempre a tutti gli intervistati…

R) Bisogna essere miopi per non vederlo, lo stiamo svuotando di quelle essenze primarie. L’ecosistema sta andando a farsi benedire e non è una questione di periodi ciclici. Negli ultimi 40 anni è cambiato tutto. Io mi auguro che non sia così, però tutto fa presagire un brutto peggioramento della situazione…

D) Quali sono i segnali che ti allarmano?

R) Io oltre 20 anni fa ho iniziato a fare l’ orto biologico, nessuno ne parlava, nessuno mi comprava i pomodori piccoli e brutti, preferivano quelli olandesi. Ma riuscivo a produrre in gran quantità: in un metro quadro coltivavo tanto pomodoro mentre ora per avere lo stesso risultato devo avere a disposizione  un campo da calcio. Oggi sono aumentate le malattie, prima gli insetti si combattevano fra di loro e facevano crescere le piante. Oggi si produce in modo anomalo, le coltivazioni intensive sono una cosa folle. Si dice che c’è più produzione con la chimica ma è un bluff, si butta tantissimo prodotto. Io devo combattere 50 volte più di prima. Pianto 100 piantine di pomodoro e la metà si rovinano subito, ma non uso il veleno, ne ripianto altre 50. Preferisco fare così che avvelenare il terreno e quindi il frutto che poi mangio!

Gian Basilio Nieddu

 

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende