Home » Bollettino Europa »Green Economy »Rubriche » Arbitrati internazionali: quando è lo Stato a non rispettare le regole:

Arbitrati internazionali: quando è lo Stato a non rispettare le regole

La Vallonia alla fine ha ceduto e il CETA è stato firmato. La regione francofona del Belgio, dopo il blocco iniziale, ha accettato il compromesso proposto dal premier Charles Michel, che ha consentito al trattato commerciale tra Unione Europea e Canada di andare in porto. Ma cosa ha ottenuto, alla fine, il presidente vallone Magnette – divenuto per qualche giorno l’eroe delle associazioni ambientaliste – rispetto alle contestazioni avanzate? Sui punti controversi l’accordo è davvero cambiato? La risposta è che, in realtà, non è cambiato praticamente nulla.

Il risultato forse più significativo della Vallonia è che il Belgio ricorrerà alla Corte di Giustizia Europea per verificare la compatibilità con il diritto comunitario della tanto controversa clausola ISDS “Investor-state dispute settlement. Ovvero del meccanismo che consente alle multinazionali di “fare causa” a uno Stato attraverso un arbitrato internazionale, nel caso in cui l’investitore ritenga di essere stato ingiustamente danneggiato. Un arbitraggio cioè sugli investimenti che possono essere lesi da norme pubbliche. Per risolvere queste controversie, il CETA stabilisce la creazione di un tribunale permanente, con giudici scelti da Canada e Unione Europea, tra i quali saranno sorteggiati quelli che si occuperanno dei singoli casi.

Il tema dell’arbitraggio sui conflitti fra investitori privati e Stati, da parte di panel separati dalla giurisdizione ordinaria, non è tuttavia una novità introdotta da CETA (e TTIP), ma è sempre stata la clausola comune in moltissimi dei trattati commerciali discussi o in discussione in questi anni. La ratio alla base degli ISDS è, infatti, che i tribunali statali non sempre sono il luogo migliore dove tutelare gli interessi di un’impresa straniera che si trova all’estero e che in questo modo ha, al contrario, la possibilità di proteggersi da eventuali decisioni scorrette da parte delle autorità pubbliche.

Gli oppositori di questo sistema di arbitrati lo considerano un potentissimo strumento nelle mani delle grandi corporation che, in caso di contenzioso, hanno capacità e soprattutto risorse per affrontare una lunga trafila legale che potrebbe durare anni. Mentre sarebbe solo un’arma spuntata per le aziende più piccole, che raramente, per altro, si insediano in altri Paesi.

Ma abbiamo trovato diversi casi in cui la questione viene ribaltata e si potrebbe guardare da un altro punto di vista. Se non fosse, infatti, l’industria a non rispettare le regole, ma lo Stato? Proprio sulle normative in materia ambientale, di salute e di energia, oltretutto.

Prendiamo il caso dell’Italia. Sul sito dell’UNCTAD, si scopre infatti che il nostro Paese – che non ha mai brillato per coerenza legislativa – è attualmente coinvolto in sei procedimenti in cui imprese estere hanno invocato un arbitrato internazionale. E sapete su quali materie? Tutti riguardano la modifica impropria e retroattiva degli incentivi alle fonte rinnovabili! Tutte le cause ad oggi aperte contro il nostro paese sono state cioè intentate da imprese che hanno ritenuto seriamente danneggiati i propri investimenti da una serie di decreti governativi (ad es. il famigerato “Quinto Conto Energia“) per tagliare gli incentivi ad alcune tipologie di progetti di energia da fonte solare. Paradossalmente, quindi, potrebbero proprio essere i tanto contestati arbitrati internazionali a “fare giustizia” nei confronti di imprese che hanno investito sulle fonti rinnovabili in Italia e che hanno visto cambiare le leggi in maniera improvvisa, imprevedibile (e retroattiva).

Allo stesso tempo, diverse imprese italiane sono impegnate in 30 cause dello stesso tipo contro altri Stati. Molto simile, ad esempio, il caso della Spagna, paese citato in giudizio principalmente a causa di una serie di riforme energetiche intraprese dal governo, che interessano il settore delle rinnovabili, tra cui una riduzione dei sussidi per i produttori. In questo caso sono 33 i giudizi pendenti e a procedere per vie legali sono stati operatori sia del solare che dell’eolico.

Sempre per quanto riguarda le aziende italiane coinvolte in arbitrati nell’ambito della green economy, spiccano l’esempio di una mancata centrale idroelettrica in Albania e di due progetti per la gestione differenziata dei rifiuti, uno ancora nel Paese balcanico e l’altro in Egitto. Entrambi paesi dove, abbiamo imparato, la certezza del diritto non è propriamente un totem nazionale…

Quelli citati sono tutti casi in cui, ovviamente, la molla che muove le imprese non è di origine ambientalista, ma è legata a perdite di profitto. Questo però non significa che le ricadute non siano di interesse collettivo e pone una seria riflessione sul ruolo e la struttura degli arbitrati che né gli Stati nazionali né il mondo ambientalista possono ignorare.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

marzo 20, 2017

InSinkErator presenta il rubinetto antispreco 3N1: dall’acqua fresca filtrata alla bollente per cucinare

In occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua del 22 marzo, InSinkErator, multinazionale americana leader mondiale nel settore dei dissipatori alimentari, presenta sul mercato italiano il nuovo erogatore antispreco 3N1, in grado di far risparmiare una risorsa sempre più preziosa come l’acqua. L’utilizzo casalingo, con cucina e bagno in testa, è infatti tra le principali cause dello spreco di [...]

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

marzo 20, 2017

Verso il Testo Unico sull’Agricoltura Biologica. La soddisfazione di Federbio

La Commissione Agricoltura della Camera ha approvato, il 16 marzo, il testo unico sull’agricoltura biologica, da anni atteso dall’intero comparto. Il testo, che sarà trasmesso alle commissioni competenti in sede consultiva per l’espressione del parere di competenza, ha l’obiettivo di mettere ordine e dare valore a un settore in costante crescita e sempre più in [...]

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

marzo 20, 2017

Salva la Goccia! L’iniziativa di Green Cross per la Giornata Mondiale dell’Acqua

“Salva la goccia” 2017 inaugura un nuovo sport: le Olimpiadi della Sostenibilità. Per la Giornata Mondiale dell’Acqua, che si celebra il 22 marzo, la quinta edizione della campagna per il risparmio idrico realizzata da Green Cross Italia chiede a bambini e studenti, insegnanti e cittadini di aderire alla gara anti-spreco. Obiettivo: ridurre i litri che [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende