Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Arcoiris, i semi biologici Made in Italy che salvano le varietà antiche:

Arcoiris, i semi biologici Made in Italy che salvano le varietà antiche

aprile 9, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

«Qualcuno all’inizio pensava fossimo dei folli e che i nostri semi nessuno li avrebbe comprati, ma non è andata così. Siamo anomali, certo, ma nonostante tutto ogni anno aumentiamo il nostro fatturato». Antonio Lo Fiego del settore ricerca di Arcoiris descrive così l’ascesa dell’azienda di Modena, un’anomalia nel panorama nelle ditte sementiere. Non è una multinazionale, è esclusivamente specializzata in sementi non ibride da orto prodotte con tecniche biologiche e biodinamiche, la filiera è totalmente italiana, il fatturato è “appena” a cinque zeri, 600mila euro l’anno.

«Fino alla seconda guerra mondiale erano i contadini a moltiplicare i semi, dobbiamo ringraziare loro se hanno preservato molteplici varietà. Poi sono arrivate le grandi ditte sementiere. Recuperare la biodiversità dei nostri territori è stato per noi una scelta etica», spiega l’imprenditore che è anche presidente di Aiab Emilia Romagna. Quel che si dice gettare il cuore oltre l’ostacolo. Così come è stata una scommessa la continua selezione di varietà antiche, circa una decina ogni anno, che ha fatto diventare quest’impresa di quattro soci, tre dipendenti e due stagionali, un piccolo presidio di biodiversità per molti agricoltori biologici italiani ed europei. La melanzana bianca a forma d’uovo, l’anguria di Faenza, il sedano gigante di Romagna, il cannellino verde umbro sono alcune delle varietà antiche recuperate dall’oblio agronomico. E per il prossimo anno saranno disponibili anche i fiori biologici.

Era il 1998 quando nacque il primo nucleo aziendale, anche se allora le sementi non c’entravano. La ditta, inizialmente denominata Meridia, commerciava e vendeva polveri biologiche di erbe officinali e ortaggi disidratati per la produzione di dadi e brodi. Anche se non sono certo secoli fa, nessuno all’epoca vendeva sementi biologiche in Italia e l’azienda pensò di importarle dall’estero, in particolare dalla Germania, per commercializzarle. Quattro anni più tardi Lo Fiego e soci, di cui due produttori, cedettero Meridia ad eccezione del ramo d’azienda sementiero, dando vita ad Arcoiris.

Il presidente Simon Van Hilten, produttore olandese che tra Modena e Bologna ha un’azienda biodinamica di erbe officinali, e associati ci tengono a ricordare “con orgoglio” l’italianità della filiera produttiva. È tutta nel Bel Paese e conta su una trentina di piccoli produttori italiani biologici e biodinamici sparsi per la penisola, il grosso in Emilia Romagna, che forniscono la materia prima: sementi di ortive, aromatiche, officinali e da sovescio certificate bio e adatte al clima mediterraneo e italiano, prodotte in pochi chili. Anche la produzione limitata è infatti una “garanzia di biologico vero”.

Dal Lazio provengono la maggior parte dei semi di pomodoro, dal Piemonte quelli dei fagioli, altri agricoltori si trovano in Puglia, Umbria, Lombardia, Marche e in Calabria, in una tenuta confiscata alla mafia. Arcoiris controlla la purezza del seme, moltiplicando e selezionando varietà partendo da sementi O.P. (Open Pollinated), ovvero a impollinazione aperta. «In altre parole non usiamo ibridi, tanto che i nostri acquirenti potrebbero pure autoriprodursele, e rigorosamente non transgeniche – continua Lo Fiego – Fatto cento i compratori in un anno, l’anno successivo 80 le ricomprano, anche perché c’è sempre un rischio di incrocio che può alterare la purezza della varietà. Per questo, alterniamo sempre i produttori tra loro».

Un centinaio le varietà a catalogo che si arricchisce di campagna in campagna, con la selezione e il recupero di nuove varietà autoctone. Perché anche nell’agricoltura biologica e biodinamica si fa ricerca. Da alcuni anni Arcoiris collabora ad esempio con università e centri di ricerca, come il Crpv di Cesena o il Cra di Lodi, in progetti per aumentare la qualità e la produttività delle colture nei sistemi agricoli biologici e a basso input, attraverso lo sviluppo di un modello di innovazione varietale. È il caso ad esempio del progetto europeo Solibam, per cui la ditta sementiera si sta occupando di selezionare i pomodori, o ancora del progetto Oscar mirato sui sovesci. La disponibilità di cultivar adatte alla coltivazione biologica è infatti un problema che gli agricoltori bio sentono con urgenza. Una selezione varietale che tenga conto del gusto dei consumatori, della resistenza a patologie anche con la concia organica, dell’adattamento naturale all’ambiente è perciò importante per un settore come questo che sta sempre più prendendo piede.

Non è un caso che la gran parte dei clienti di Arcoiris sia costituita da agricoltori, da altre ditte sementiere estere – i semi bio Made in Italy raggiungono per la maggior parte la Francia, seguita da Germania, Grecia, Slovenia, Spagna e Portogallo – e infine da Gruppi di Acquisto Solidale e privati. Lo strumento principale di vendita è l’on line.

«Siamo consci che il seme è all’apice della catena alimentare – si legge nella mission sul loro sito -. Tutti i cibi provengono da semi e la qualità della vita umana dipende moltissimo dalla qualità del processo produttivo degli alimenti. Produrre sementi è una grande responsabilità e un seme di qualità è un elemento importante nel determinare il successo di una coltivazione e nel determinarne anche le qualità nutritive e di sapore dei prodotti finali».

E sul tema caldissimo degli OGM, l’imprenditore non ha dubbi: «Noi siamo contrari: il problema della contaminazione con colture tradizionali e biologiche è reale, si compromette l’autodeterminazione degli agricoltori che diventano dipendenti dalle ditte sementiere, si dà in mano il bene primario dell’umanità, ossia l’alimentazione, a 4-5 multinazionali. Sarebbe una dittatura».

Alessandra Sgarbossa

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende