Home » Rubriche »Very Important Planet » Arduino e Nicole: il record mondiale di parapendio è una vittoria di coppia:

Arduino e Nicole: il record mondiale di parapendio è una vittoria di coppia

settembre 6, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Sicuramente una passione fuori dal comune quella che la coppia Arduino Persello e Nicole Fedele condividono fin dall’inizio della loro storia d’amore nel 2004. I due, infatti, oltre a essere marito e moglie sono anche piloti di parapendio. Entrambi friulani di Gemona (Udine), lui ha 45 anni ed è impiegato in un’impressa meccanica, lei ha 28 anni, traduttrice, ma è già nota come campionessa europea in carica e detentrice della coppa del mondo. A fine agosto sono riusciti ad avverare uno dei loro sogni più grandi stabilendo i nuovi record mondiali di volo in parapendio andata e ritorno. Hanno percorso rispettivamente 312 e 280 chilometri fino a tornare da dove erano partiti. Il decollo è avvenuto a Sorica, in Slovenia, a una settimana di distanza l’uno dall’altra, con un tracciato simile per entrambi che ha toccato il Monte Nero, la diga del Vajont, il fiume Piave, le Alpi Giulie, le montagne di Gemona, il lago di Cavazzo, la valle Agordina e le Dolomiti friulane. Arduino ha realizzato una quota massima di 2.933 metri e una velocità media di 34,5 km/h. Nicole si è innalzata fino a 2.942 metri, tenendo una media di 30 km/h. Entrambi hanno impiegato circa nove ore e mezzo per percorrere gli interi tragitti.

D) Ragazzi, volare ininterrottamente per quasi 10 ore: che cosa si prova?

R) Arduino: sembra incredibile, ma il tempo passa davvero molto in fretta! Volando per così tante ore gli attimi di rilassamento sono pochissimi e l’obiettivo è costantemente davanti agli occhi.

Nicole: indubbiamente è stressante a livello psico-fisico, ma anche molto appagante: quando l’energia ti permette di arrivare laddove altri non sono ancora arrivati, significa che ne è valso lo sforzo.

D) Qual è stato il primo pensiero dopo la conferma di aver stabilito un record mondiale?

R) A: ovviamente la gioia per aver realizzato qualcosa che nessuno al mondo ha fatto prima: spostare il limite ancora più in là nel volo di andata e ritorno è uno dei record più prestigiosi omologati dalla Federazione Aeronautica Internazionale. In questo sport, infatti, stabilire un record su un percorso andata e ritorno è tecnicamente più difficile rispetto ad uno di distanza libera, dove non c’è obbligo di tornare al punto di partenza.

N: sicuramente la soddisfazione per aver raggiunto un nuovo traguardo e la conferma che gli sforzi ,presto o tardi, vengono sempre ripagati.

D) Quale sarà la vostra prossima sfida?

R) A: conquistare il primato mondiale nella distanza in linea, decollando da un punto e arrivando il più lontano possibile. Il detentore di questo record maschile è un sudafricano che nel 2008 nella sua regione ha stabilito un primato di 502,2 km. Io lo tenterò fra ottobre e novembre prossimi nelle pianure della regione del Cearà in Brasile.

N: per me, riuscire ad abbattere la barriera dei 400km nelle pianure del Céara in Brasile significherebbe diventare la prima donna ad aver percorso una tale distanza. Finora soltanto 12 piloti al mondo sono riusciti a volare così lontano…

D) Cosa regala osservare il mondo dall’alto?

R) A: si prova un assoluto senso di pace, tutto sembra tranquillo e in armonia. In particolare, quando sorvolo  le cime così imponenti e maestose delle Dolomiti, mi sento  tanto piccolo e allo stesso tempo tanto fortunato a godere di queste meraviglie.

N: ogni volta che volo sulle montagne friulane – in particolare la zona della Carnia, dove ho iniziato  -  mi sembra di essere a casa, mi sento privilegiata rispetto a chi le guarda da un’altra prospettiva. In realtà, essendo nata e cresciuta in mezzo alle montagne, ho sempre amato e rispettato la natura. Anzi, probabilmente il parapendio mi ha affascinato fin da subito proprio per questo…

D) Come è nata la vostra passione per questo sport?

A: sin da piccolino ero attratto da tutto ciò che volava, disegnavo paracadutisti e aerei, costruivo modellini…

N: per me è stato un vero colpo di fulmine: avevo quasi 17 anni la prima volta che ho visto un parapendio e ne sono rimasta subito folgorata!

D) Arduino, cosa invidi di più agli uccelli?

R) La loro innata sensibilità al vento, i loro movimenti armoniosi e la fiducia che subito ci offrono quando anche per parecchio tempo volano a pochi metri di distanza dalla nostra vela.

D) Cos’hanno in comune la passione per il parapendio e l’ambiente?

R) A: natura e ambiente hanno un ruolo fondamentale in questo sport, noi ci conviviamo continuamente, ammirandoli e rispettandoli.

N: il nostro sport dipende dalla natura. Essendo un mezzo privo di motore, il parapendio sfrutta le correnti ascensionali generate dal riscaldamento solare per spostarsi e percorrere centinaia di chilometri.

D) Nicole, come si può vivere in armonia con il pianeta anche a terra?

R) Basta davvero poco: una passeggiata al parco, un’escursione in montagna, una gita al lago… Penso che solo apprezzando la natura, si possa imparare a portarle rispetto.

Daniela Falchero

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

gennaio 8, 2018

Ujet lancia lo scooter elettrico “di lusso”

La lussemburghese Ujet ha presentato ieri, al Consumer Electronics Show di Las Vegas, il suo primo scooter elettrico, che punta sulla “nuova mobilità urbana” attraverso un mix di praticità, design, divertimento e facilità d’uso. Progettato da zero in Germania, lo scooter “bandiera” di Ujet combina connettività intelligente e materiali ad alte prestazioni – tipici del settore [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende