Home » Bollettino Europa »Rubriche » Aria irrespirabile, in Europa calano gli inquinanti ma in Italia situazione disastrosa:

Aria irrespirabile, in Europa calano gli inquinanti ma in Italia situazione disastrosa

novembre 24, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

L’Europa è nella morsa dell’inquinamento atmosferico. Ad affermarlo è l’Agenzia Europea dell’Ambiente (EEA) nel suo rapporto annuale dal titolo “Air Quality 2014”. A poco è servito dedicare alla qualità dell’aria addirittura un Anno Europeo, il 2013, visto che questo è ancora il principale pericolo per la salute e l’ambiente e nel 2011 ha causato nel Vecchio Continente ben 400.000 morti premature con conseguenti costi salatissimi per i sistemi sanitari.

La relazione dell’EEA raccoglie dati provenienti da stazioni di monitoraggio ufficiali in tutta Europa, mappando 400 città, e mostra che quasi tutti gli abitanti delle zone urbane sono esposti a sostanze inquinanti a livelli ritenuti non sicuri dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). I calcoli dell’Agenzia hanno poi rivelato che, nel 2012, il 21,5% della popolazione urbana europea è stata esposta a livelli di polveri sottili che hanno superato il massimale fissato, il 14,2% è rimasto esposto a livelli di ozono superiori a quelli consentiti e l’8% al biossido di azoto, un inquinante direttamente correlato al numero di veicoli in circolazione.

Il più grave inquinante dell’aria sono le polveri sottili (Pm10 e Pm 2,5), perché le piccole particelle di cui sono formate sono in grado di penetrare in profondità nei polmoni. Per questo motivo, l’esposizione a lungo termine al particolato è il responsabile della stragrande maggioranza delle morti premature per inquinamento atmosferico in Europa nel 2011. Le polveri sottili sono poi seguite dall’ozono che ha provocato 16.160 morti all’anno.

La maggior parte degli inquinanti atmosferici sono lievemente diminuiti nel corso dell’ultimo decennio, inclusi particolato e ozono. Il biossido di azoto (NO2) non è calato così come sperato visto che i veicoli sono un’importante fonte di NO2, e le norme sulle loro emissioni non hanno portato alle riduzioni previste. L’inquinante che è, invece, aumentato di più negli ultimi dieci anni è stato il benzo(a)pirene (BaP). Le concentrazioni atmosferiche di questo elemento sono aumentate di oltre un quinto tra il 2003 e il 2012 a causa dell’uso urbano di stufe a legna e riscaldamento a biomassa. A tal punto che, nel 2012 quasi nove abitanti su dieci in città sono stati esposti a BaP.

Naturalmente, come un po’ in ogni campo, i dati mostrano livelli differenti e disomogeneità tra i 28 Paesi UE. Bulgaria, Polonia, Slovacchia, Italia settentrionale, Polonia e Benelux (Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo) sono le zone con una maggiore esposizione alle polveri sottili generate dall’industria e dalla proliferazione di autovetture con motore diesel. Mentre Croazia, Slovenia, Ungheria, Est e centro della Spagna, e ancora una volta, Bulgaria, Polonia e Italia settentrionale, sono state le zone più colpite dall’inquinamento da ozono troposferico generato dai motori a combustione.

Come si può ben notare, il nostro Paese figura in entrambe le classifiche e scendendo ancora di più nel dettaglio il quadro diventa sempre più preoccupante. Con circa 3.400 vittime all’anno l’Italia precede la Germania, la Francia e la Spagna nella classifica generale. Per quanto riguarda le morti premature dovute alle polveri sottili (Pm2,5) il Bel Paese si attesta al secondo posto dietro solo alla Germania con circa 64.000 vittime. Per quanto riguarda poi il monossido di carbonio, le nove stazioni di misura in Europa che hanno superato il limite di legge sono tutte in Italia. L’area della Pianura Padana, infine, ancora una volta è tra le zone più critiche d’Europa per presenza soprattutto di polveri sottili e ossidi di azoto.

L’allarme delle varie Organizzazioni ambientaliste, alla luce dei dati appena pubblicati, si basa poi su di un numero crescente di ricerche scientifiche che indicano che gli inquinanti atmosferici possono essere più dannosi di quanto si pensi. Il legame con le malattie respiratorie e cardiache è ormai tristemente ben noto, ma nuovi studi hanno dimostrato che queste sostanze possono incidere anche sulla salute in altri modi, dallo sviluppo fetale a malattie in età senile. Gli effetti sulla salute non sono poi slegati da quelli sull’ambiente. Infatti, questi inquinanti hanno anche un impatto significativo sulla vita delle piante e degli ecosistemi poiché sono la causa di problemi come l’eutrofizzazione – un fenomeno che avviene quando una quantità eccessiva di azoto danneggia gli ecosistemi – e l’acidificazione di corsi d’acqua, laghi e mari causata dalla presenza nell’aria di inquinanti dei composti dello zolfo e dell’azoto.

Se le Associazioni hanno subito fatto sentire la loro voce, più delicata è la posizione delle Istituzioni europee. La nuova Commissione UE sembrerebbe orientata verso un possibile ritiro del “Pacchetto sulla qualità dell’aria”. Un totale autogoal visto che si tratta di uno strumento nato proprio per aiutare i Governi e ridurre l’inquinamento sul proprio territorio e a tutelare la salute dei cittadini e alla redazione del quale stanno lavorando le Organizzazioni ambientaliste in modo che vengano adottate misure restrittive più ambiziose e vincolanti sulla base delle recenti raccomandazioni fornite dall’OMS, sopratutto per quanto riguarda la riduzione delle emissioni degli inquinanti più pericolosi.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende