Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ATMOPC: un informatico e un falegname per far crescere le piante nel computer dell’ufficio:

ATMOPC: un informatico e un falegname per far crescere le piante nel computer dell’ufficio

ottobre 5, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Un computer ricoperto di legno, proveniente da foreste certificate, ornato da una pianta. Non è solo un bel vedere, ma un vero generatore di riforestazione casalinga o aziendale perché di piante questo pc, grazie al calore prodotto, ne può far crescere 5/6 all’anno. Benvenuti nel mondo di AtmoPC, ideato, realizzato e prodotto da un informatico e un falegname, rispettivamente Fabio Portesan, classe 1978, e Filippo Fassera, classe 1980, entrambi di Novara.

“AtmoPC – ci racconta Fabio – nasce sulle rive del Sesia. Camminando sul nostro fiume in tranquillità e con le nostre famiglie si può tornare alla semplicità della natura e quindi la mente risponde meglio agli stimoli esterni. Abbiamo pensato lì  al nostro piccolo ecoPC, un mini ecosistema con la sua fonte di calore, la sua foresta, la sua terra e la sua acqua. Ci piace citare un proverbio dei nativi americani che ben semplifica ciò che sentiamo nei confronti del nostro pianeta e che recita Noi non ereditiamo la terra dai nostri avi ma la prendiamo a prestito dai nostri figli“. Tecnologia, ma pure poesia nel lavoro di questi due ragazzi che prima di vedere i frutti della loro invenzione hanno lavorato per oltre due anni a concepire materialmente e testare la nuova creatura.

Bella da vedere rispetto ai normali pc dominati, anche esteticamente, dai derivati del petrolio, ma anche energeticamente efficiente, perché secondo i suoi ideatori l’eco-pc ha consumi molto bassi. Fabio li traduce in numeri: “si aggirano intorno ai 60/70 kWh annuali, circa 20/25 euro di spesa! Data l’alta percentuale di utenti che passano al fotovoltaico, ma anche per chi è allacciato alla normale rete elettrica, è necessario che il dispendio di energia in ufficio o in casa sia minimo ed ATMO centra in pieno questo obiettivo”. Bolletta più bassa a casa, ma il vero risparmio è per le aziende, il loro principale cliente: “chiaro che la riduzione del consumo energetico per un pc casalingo è ben diversa rispetto ad un’azienda con decine di macchine, dove alla fine il conto si alleggerisce di un quarto“.

Ma per capire bene l’innovazione e la cura del dettaglio di AtmoPC servono le parole di entrambi i soci della coppia tecno-artigianale: “Gli elementi naturali in ATMO non sono solo l’involucro - spiega Filippo - ma rappresentano un ruolo fondamentale nel funzionamento di questo computer ecologico”. Ovvero oltre la superficie e il design : “la pianta presente di default in ATMO è una Peperomia Rotundifolia, ma abbiamo compilato  una lista di altre piante che potrebbero svolgere lo stesso ruolo. Il calore del pc riscalda il vano dove si trova la pianta che rimane ad una temperatura compresa tra i 17 e i 30 gradi centigradi“. In altri termini le giuste condizioni per farla crescere e agevolare la riforestazione casalinga. Ma non è finita qui perché “ci sono delle pietre vicino alla pianta, un dissipatore di calore naturale, che si possono trasformare in brucia essenze per l’aromaterapia“.

Massima attenzione anche alla filiera che porta al prodotto finito, per esempio il legname utilizzato  per creare la scocca “proviene da altre lavorazioni, al momento stiamo lavorando un quantitativo di Sassofrasso, un legno pregiato di colore chiaro. Un volta terminato ci rivolgeremo per le forniture a soggetti certificati FSC o PEFC“. Con l’impegno personale di Fabio e Filippo che “ogni 5 computer venduti ATMOPC pianterà un albero in terreni che stiamo al momento individuando“.

Bene dunque il risparmio, l’efficienza energetica e gli aspetti ambientali, ma c’è anche un altro fattore importante, di benessere e salubrità, in questo progetto: “miriamo a restituire positività e naturalità a luoghi di lavoro ma anche alla propria casa, rivestendo il pc, strumento indispensabile della nostra vita quotidiana, con materiali naturali che provocano sensazioni visive e tattili che riportano la mente alle belle giornate vissute all’aperto“.

Fabio e Filippo non si vogliono però fermare all’eco-pc. “Siamo in procinto di sperimentare un nuovo tipo di ricerca il cui obiettivo è semplice: vogliamo che i nostri PC, ma possibilmente anche altri strumenti tecnologici, possano attingere energia da una fonte veramente pulita, le piante, le quali al momento producono giornalmente sei volte in più dell’energia necessaria all’intera umanità! Questo è il vero obiettivo che ci siamo prefissati per il futuro di ATMOPC…”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende