Home » Campioni d'Italia »Rubriche » ATMOPC: un informatico e un falegname per far crescere le piante nel computer dell’ufficio:

ATMOPC: un informatico e un falegname per far crescere le piante nel computer dell’ufficio

ottobre 5, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Un computer ricoperto di legno, proveniente da foreste certificate, ornato da una pianta. Non è solo un bel vedere, ma un vero generatore di riforestazione casalinga o aziendale perché di piante questo pc, grazie al calore prodotto, ne può far crescere 5/6 all’anno. Benvenuti nel mondo di AtmoPC, ideato, realizzato e prodotto da un informatico e un falegname, rispettivamente Fabio Portesan, classe 1978, e Filippo Fassera, classe 1980, entrambi di Novara.

“AtmoPC – ci racconta Fabio – nasce sulle rive del Sesia. Camminando sul nostro fiume in tranquillità e con le nostre famiglie si può tornare alla semplicità della natura e quindi la mente risponde meglio agli stimoli esterni. Abbiamo pensato lì  al nostro piccolo ecoPC, un mini ecosistema con la sua fonte di calore, la sua foresta, la sua terra e la sua acqua. Ci piace citare un proverbio dei nativi americani che ben semplifica ciò che sentiamo nei confronti del nostro pianeta e che recita Noi non ereditiamo la terra dai nostri avi ma la prendiamo a prestito dai nostri figli“. Tecnologia, ma pure poesia nel lavoro di questi due ragazzi che prima di vedere i frutti della loro invenzione hanno lavorato per oltre due anni a concepire materialmente e testare la nuova creatura.

Bella da vedere rispetto ai normali pc dominati, anche esteticamente, dai derivati del petrolio, ma anche energeticamente efficiente, perché secondo i suoi ideatori l’eco-pc ha consumi molto bassi. Fabio li traduce in numeri: “si aggirano intorno ai 60/70 kWh annuali, circa 20/25 euro di spesa! Data l’alta percentuale di utenti che passano al fotovoltaico, ma anche per chi è allacciato alla normale rete elettrica, è necessario che il dispendio di energia in ufficio o in casa sia minimo ed ATMO centra in pieno questo obiettivo”. Bolletta più bassa a casa, ma il vero risparmio è per le aziende, il loro principale cliente: “chiaro che la riduzione del consumo energetico per un pc casalingo è ben diversa rispetto ad un’azienda con decine di macchine, dove alla fine il conto si alleggerisce di un quarto“.

Ma per capire bene l’innovazione e la cura del dettaglio di AtmoPC servono le parole di entrambi i soci della coppia tecno-artigianale: “Gli elementi naturali in ATMO non sono solo l’involucro - spiega Filippo - ma rappresentano un ruolo fondamentale nel funzionamento di questo computer ecologico”. Ovvero oltre la superficie e il design : “la pianta presente di default in ATMO è una Peperomia Rotundifolia, ma abbiamo compilato  una lista di altre piante che potrebbero svolgere lo stesso ruolo. Il calore del pc riscalda il vano dove si trova la pianta che rimane ad una temperatura compresa tra i 17 e i 30 gradi centigradi“. In altri termini le giuste condizioni per farla crescere e agevolare la riforestazione casalinga. Ma non è finita qui perché “ci sono delle pietre vicino alla pianta, un dissipatore di calore naturale, che si possono trasformare in brucia essenze per l’aromaterapia“.

Massima attenzione anche alla filiera che porta al prodotto finito, per esempio il legname utilizzato  per creare la scocca “proviene da altre lavorazioni, al momento stiamo lavorando un quantitativo di Sassofrasso, un legno pregiato di colore chiaro. Un volta terminato ci rivolgeremo per le forniture a soggetti certificati FSC o PEFC“. Con l’impegno personale di Fabio e Filippo che “ogni 5 computer venduti ATMOPC pianterà un albero in terreni che stiamo al momento individuando“.

Bene dunque il risparmio, l’efficienza energetica e gli aspetti ambientali, ma c’è anche un altro fattore importante, di benessere e salubrità, in questo progetto: “miriamo a restituire positività e naturalità a luoghi di lavoro ma anche alla propria casa, rivestendo il pc, strumento indispensabile della nostra vita quotidiana, con materiali naturali che provocano sensazioni visive e tattili che riportano la mente alle belle giornate vissute all’aperto“.

Fabio e Filippo non si vogliono però fermare all’eco-pc. “Siamo in procinto di sperimentare un nuovo tipo di ricerca il cui obiettivo è semplice: vogliamo che i nostri PC, ma possibilmente anche altri strumenti tecnologici, possano attingere energia da una fonte veramente pulita, le piante, le quali al momento producono giornalmente sei volte in più dell’energia necessaria all’intera umanità! Questo è il vero obiettivo che ci siamo prefissati per il futuro di ATMOPC…”.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende