Home » Bollettino Europa »Rubriche » Attuazione delle politiche ambientali UE: il focus sulla pagella dell’Italia:

Attuazione delle politiche ambientali UE: il focus sulla pagella dell’Italia

febbraio 13, 2017 Bollettino Europa, Rubriche

Come abbiamo anticipato nel precedente Bollettino Europa, il riesame dell’attuazione delle politiche ambientali (EIR) è lo strumento con il quale l’Unione Europea, attraverso un complesso di report specificamente dedicati, intende vagliare lo status delle normative ambientali nei paesi membri evidenziando punti di forza e problematiche.

L’Italia, da quanto emerge nel “country report“, brillerebbe per alcune pratiche, come le Valutazioni Ambientali Integrate; per l’applicazione dei progetti LIFE, finalizzati alla tutela della natura e della biodiversità e per lo sviluppo di indicatori alternativi al PIL, come il BES (Benessere Equo e Sostenibile), curato da Istat.

Il nostro Paese, a sorpresa, è inoltre il membro più attivo nell’utilizzo dellEMAS (uno strumento comunitario al quale possono aderire volontariamente le organizzazioni per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali e fornire agli stakeholders informazioni sulla propria gestione ambientale) e vanta il maggior numero di prodotti certificati Ecolabel in tutta la UE.

Tristemente note, al contrario, le criticità evidenziate dal report: la pessima qualità dell’aria, la caotica gestione dei rifiuti e delle acque reflue e – non certo ultima per gravità – una dissennata politica del consumo di suolo.

Il documento prodotto dalla Commissione Europea non è però strutturato per essere solamente una summa di elenchi di cose buone e cattive, ma coltiva anche l’obiettivo di proporre soluzioni. Al suo interno si rimanda per esempio all’opportunità – non sempre adeguatamente sfruttata – di attingere ai prestiti della Banca Europea per gli Investimenti Ambientali (con il sostegno dei Fondi strutturali e di investimento europei e del Fondo europeo per gli investimenti strategici), oppure alla possibilità di sfruttare il successo del progetto integrato «GESTIRE 2020» (utilizzato per aggiornare il Quadro di azione prioritario Natura 2000 della Lombardia) per tradurlo su scala nazionale.

Appare interessante soprattutto l’invito ad una revisione della strategia di pressione fiscale: “L’Italia – si legge – dovrebbe considerare la creazione di una commissione speciale per valutare le misure più idonee per la riforma del sistema di tassazione ambientale”. Un’analisi già emersa da uno studio di Eunomia Research, nel 2016, mostrava infatti “[…] che esiste un notevole potenziale per spostare le tasse dalla manodopera all’ambiente. In uno scenario di buone pratiche queste tasse potrebbero generare ulteriori 10,85 miliardi di euro entro il 2018”.

Oltre ai tentativi naufragati di Clini e Passera nel 2012, va ricordato che anche il Governo Renzi, con la legge di delega fiscale nr. 23 del marzo 2014, tentò di introdurre nuove forme di fiscalità “finalizzate a orientare il mercato verso modi di consumo e produzione sostenibili, e a rivedere la disciplina delle accise sui prodotti energetici e sull’energia elettrica […]”. Il gettito avrebbe dovuto essere reindirizzato “prioritariamente alla riduzione della tassazione sui redditi, in particolare sul lavoro generato dalla green-economy, alla diffusione e innovazione delle tecnologie e dei prodotti a basso contenuto di carbonio e al finanziamento di modelli di produzione e consumo sostenibili, nonché alla revisione del finanziamento dei sussidi alla produzione di energia da fonti rinnovabili”.

Ma la legge, come troppo spesso accade, non è mai stata attuata e ha subito la stessa sorte del fantomatico Green Act. Indicato nella stessa relazione come “essenziale” per il compimento di pratiche vantaggiose per l’economia e per l’ambiente, previsto dal Governo Renzi per il 2015, il Green Act non ha mai visto la luce e probabilmente – con tutta l’attenzione dirottata su legge elettorale e prossime elezioni – mai la vedrà in questa legislatura. Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, a margine dell’incontro dedicato ai 20 anni del Decreto Ronchi, ha dichiarato che il Green Act è stato in realtà applicato, anche se solo parzialmente: “deframmentato” in vari provvedimenti, che dovrebbero comunque portare l’Italia “nella giusta direzione, come l’Unione Europea ha avuto modo di riconoscere”…

Eppure, secondo la Commissione Juncker, i pochi passi avanti compiuti dall’Italia in materia ambientale sono da attribuirsi soprattutto alle iniziative UE e le multe che l’Unione commina al nostro Paese sembrerebbero confermare la generale insoddisfazione di Bruxelles.

Le procedure di infrazione non lasciano dubbi e riguardano proprio i temi richiamati nel report: la qualità dell’aria nel Belpaese è pessima (l’Agenzia Europea per l’Ambiente stima circa 67.000 morti premature l’anno causate dalle concentrazioni di particolato fine) e le conseguenti sanzioni inevitabili. Contemporaneamente alla diffida per la gestione rifiuti, la nostra deficitaria politica riguardante le acque reflue dovrebbe poi spalancarci le porte della Corte di Giustizia per inadempimento delle normative.

L’ostacolo più critico all’attuazione delle direttive europee in Italia è da ritenersi soprattutto di ordine amministrativo e la prima causa è stata identificata in un’inefficienza quasi endemica del nostro paese, a partire dalla frammentaria e conflittuale distribuzione di poteri e competenze. In sostanza, si dice, l’Italia si muove tra eccellenze locali e la totale mancanza di una regia nazionale coerente e organizzata: “Secondo l’indicatore della Banca Mondiale relativo all’efficacia del governo per il 2015, che valuta la percezione della qualità dei servizi pubblici, i punteggi del settore pubblico italiano sono ben al di sotto della media in termini di efficienza ed efficacia - recita il rapporto - Le competenze sono condivise tra le amministrazioni centrali e locali in modo poco chiaro, generando conflitti di sovrapposizione fra le varie istituzioni”.

Ora l’auspicio è che questo nuovo stimolo da parte dell’UE non sia nuovamente percepito dalla politica nazionale come un ostacolo – o, ancor peggio, come un’imposizione di sovranità – ma come un concreto stimolo a migliorare e diventare un paese “moderno”.

Andrea Ferrari Trecate

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

febbraio 15, 2019

E-commerce: la rinascita dei piccoli comuni passa anche dal digitale

Secondi dati di Ebay diffusi nei giorni scorsi, nel 2018 il 65% delle nuove aziende che si sono aperte allo shopping online provengono da città medio-piccole. Approfittano di un nuovo canale di vendita che offre ampie possibilità di espansione e di ritorno economico. L’e-commerce può essere un antidoto all’abbandono del commercio e delle imprese nei [...]

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

gennaio 29, 2019

Air Liquide: investimento da 20 milioni di dollari per produrre idrogeno “pulito” da elettrolisi

Il gruppo francese Air Liquide ha annunciato ieri di aver acquisito una quota del 18,6% del capitale della società canadese Hydrogenics Corporation, specializzata in impianti di produzione di idrogeno per elettrolisi e celle a combustibile. Questa operazione strategica, che rappresenta un investimento di 20,5 milioni di dollari (circa 18 milioni di euro), consente al Gruppo [...]

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

gennaio 25, 2019

“Non c’è più spazio per fregarsene”. La nuova campagna di Marevivo

“Non c’è più spazio per fregarsene” è l’allarme lanciato dall’Associazione Marevivo con la campagna di sensibilizzazione contro l’utilizzo delle plastiche monouso #StopSingleUsePlastic e la realizzazione di un video che mostra come ormai siamo invasi dalla plastica. A dimostrare quanto sia importante cambiare rotta i dati diffusi dal programma per l’ambiente delle Nazioni Unite (Unep) sull’inquinamento da plastica. [...]

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende