Home » Rubriche »Very Important Planet » Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo:

Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo

febbraio 23, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Chiara (Tabaroni) è di padre ferrarese e madre veneta ma nata sulle colline umbre di Umbertide, Bruno (Fronteddu) è sardo di Dorgali. Ma il duo si è incontrato a Bologna dove lei si è laureata al Dams, covo degli “indiani metropolitani” del ’77, e lui all’Accademia delle Belle Arti. Due artisti che con l’associazione Baba Jaga e il loro casolare isolato a Ca’ Colmello, nell’appennino tosco-romagnolo, sono diventati un punto di riferimento per i creativi che amano sperimentare nella natura. E sono tanti gli appuntamenti che organizzano in questo luogo magico, come il workshop residenziale “La danza del respiro” con la danzatrice belga Marie Close, che si tiene ai primi di marzo. E’ solo uno dei tanti appuntamenti creati dai due artisti nel loro casolare immerso nel verde, un rifugio artistico ad alto tasso di creatività…

D) Chiara, Bruno, ci raccontate la vostra residenza artistica, quel laboratorio immerso nella natura dell’Appennino dove ideate attività per bimbi e adulti? Come scrivete nel sito: “un ponte tra arte e natura”…

R) Baba Jaga nasce come associazione culturale nel 2004 ed è stato l’incontro di diversi percorsi: teatro, educazione e arti visive, inizialmente per sviluppare un progetto comune rivolto principalmente al mondo dell’infanzia. Dal 2011 abbiamo trasferito la sede a Ca’ Colmello, un antico casolare immerso tra le colline dell’appennino tosco-romagnolo, un luogo dove poter intrecciare ricerca artistica, spazio abitativo e d’accoglienza. In questo spazio abbiamo cercato l’approfondimento delle possibilità creative in uno stretto connubio tra arte e natura…

D) Non solo però mondo dell’infanzia, avete ampliato gli orizzonti al mondo degli adulti e c’è un filo conduttore ambientale nel vostro lavoro, vero?

R) Abbiamo pensato a  proposte rivolte agli adulti tra cui la rassegna estiva S.I.A Sottili Innesti Amorevoli che coinvolge artisti anche internazionali, ospiti con workshop di alta formazione (espressione corporea, drammaturgia, canto, danza, pittura…), poi spettacoli e concerti. Il nostro obiettivo è anche quello di rivitalizzare e far conoscere il territorio montano. Inoltre con l’associazione produciamo spettacoli, letture e narrazioni, ospitiamo residenze artistiche e promuoviamo campi in natura per bambini, laboratori e percorsi esperienziali.

D) Come nasce l’idea di Baba Jaga e qual è il suo significato più autentico?

R) Come luogo della delicatezza, dell’ascolto, della curiosità… Ci interessa ciò che si esprime nella propria fragilità, ciò che nella sua piccolezza si definisce più autentico: un gesto, una storia, un canto, la corsa di un bambino, l’aprirsi di una gemma, il muso morbido di un animale, il colore mutevole del cielo….cose che necessitano di uno sguardo che sappia riconoscere la meraviglia…

D) Quanto influisce sulla produzione artistica l’abitare e lavorare a stretto contatto con la natura?

R) Essere passeggeri terrestri è una condizione che appartiene a tutti, anche se nel quotidiano questo aspetto viene dimenticato da molti, e di conseguenza anche il rapporto con la natura perde inevitabilmente quella forza primaria e ancestrale, viene dimenticato il linguaggio specifico che abita nell’ascolto profondo e nel silenzio. Per noi abitare così isolati, immersi in una natura selvatica, è diventata una necessità, una forma di vita immersiva, in cui non è possibile più distinguere nettamente ricerca, vita quotidiana, natura: come splendidi vasi comunicanti si nutrono l’un l’altro, alimentando visioni, forme del pensiero e direzione dell’agire.

D) Qual è, secondo voi, il pericolo ambientale maggiore per il nostro Pianeta?

R) Difficile focalizzare un unico e prioritario pericolo ambientale, ormai cecità e follia umana hanno reso la terra una creatura fragile, che lancia a più riprese urla di avvertimento, e alcune parti già stanno collassando. Sebbene tutti siano a conoscenza di ciò, si continua a procedere ugualmente in una direzione egoistica e sfruttatrice di tutte le risorse. Arrivati a questo punto, l’unico cambiamento possibile, è quello dei singoli, nel proprio quotidiano. Piccoli passi di consapevolezza cosciente che possono fare la differenza. Sicuramente la risorsa idrica, è un enorme problema: ogni forma di vita dipende da essa per la propria sussistenza, e la siccità della scorsa estate giunta fin qui, ha portato molte riflessioni amare.

D) Voi cosa fate concretamente, nel vostro quotidiano, per ridurre la vostra impronta ambientale?

R) Cerchiamo di condurre una vita il più possibile coerente con un’etica che tenga in considerazione l’equilibrio dell’ecosistema su più fronti: attenzione allo spreco dell’acqua, al risparmio energetico, al riuso di materie organiche, al rispetto per gli animali e le piante tutte… Abbiamo un piccolo orto per la produzione famigliare, che annaffiamo con acqua piovana proveniente da un grande deposito, un frutteto sta nascendo… Anche il rimboschimento con giovani querce rappresenta un’azione di impegno attivo per il territorio in cui viviamo. Piantare un albero è un atto politico/poetico. L’ambiente ha bisogno di cure amorevoli, ancora e ancora. I passi possono essere tanti, e sensibilizzare le nuove generazioni può essere uno di questi: i bambini di oggi, si sa, saranno gli abitanti del mondo di domani. Partire da loro può essere una speranza, poiché vorremmo invecchiare in una terra che ancora respira e pulsa…

D) Oggi è la “giornata del risparmio energetico“, ricordatevi di spegnere la luce!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende