Home » Rubriche »Very Important Planet » Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo:

Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo

febbraio 23, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Chiara (Tabaroni) è di padre ferrarese e madre veneta ma nata sulle colline umbre di Umbertide, Bruno (Fronteddu) è sardo di Dorgali. Ma il duo si è incontrato a Bologna dove lei si è laureata al Dams, covo degli “indiani metropolitani” del ’77, e lui all’Accademia delle Belle Arti. Due artisti che con l’associazione Baba Jaga e il loro casolare isolato a Ca’ Colmello, nell’appennino tosco-romagnolo, sono diventati un punto di riferimento per i creativi che amano sperimentare nella natura. E sono tanti gli appuntamenti che organizzano in questo luogo magico, come il workshop residenziale “La danza del respiro” con la danzatrice belga Marie Close, che si tiene ai primi di marzo. E’ solo uno dei tanti appuntamenti creati dai due artisti nel loro casolare immerso nel verde, un rifugio artistico ad alto tasso di creatività…

D) Chiara, Bruno, ci raccontate la vostra residenza artistica, quel laboratorio immerso nella natura dell’Appennino dove ideate attività per bimbi e adulti? Come scrivete nel sito: “un ponte tra arte e natura”…

R) Baba Jaga nasce come associazione culturale nel 2004 ed è stato l’incontro di diversi percorsi: teatro, educazione e arti visive, inizialmente per sviluppare un progetto comune rivolto principalmente al mondo dell’infanzia. Dal 2011 abbiamo trasferito la sede a Ca’ Colmello, un antico casolare immerso tra le colline dell’appennino tosco-romagnolo, un luogo dove poter intrecciare ricerca artistica, spazio abitativo e d’accoglienza. In questo spazio abbiamo cercato l’approfondimento delle possibilità creative in uno stretto connubio tra arte e natura…

D) Non solo però mondo dell’infanzia, avete ampliato gli orizzonti al mondo degli adulti e c’è un filo conduttore ambientale nel vostro lavoro, vero?

R) Abbiamo pensato a  proposte rivolte agli adulti tra cui la rassegna estiva S.I.A Sottili Innesti Amorevoli che coinvolge artisti anche internazionali, ospiti con workshop di alta formazione (espressione corporea, drammaturgia, canto, danza, pittura…), poi spettacoli e concerti. Il nostro obiettivo è anche quello di rivitalizzare e far conoscere il territorio montano. Inoltre con l’associazione produciamo spettacoli, letture e narrazioni, ospitiamo residenze artistiche e promuoviamo campi in natura per bambini, laboratori e percorsi esperienziali.

D) Come nasce l’idea di Baba Jaga e qual è il suo significato più autentico?

R) Come luogo della delicatezza, dell’ascolto, della curiosità… Ci interessa ciò che si esprime nella propria fragilità, ciò che nella sua piccolezza si definisce più autentico: un gesto, una storia, un canto, la corsa di un bambino, l’aprirsi di una gemma, il muso morbido di un animale, il colore mutevole del cielo….cose che necessitano di uno sguardo che sappia riconoscere la meraviglia…

D) Quanto influisce sulla produzione artistica l’abitare e lavorare a stretto contatto con la natura?

R) Essere passeggeri terrestri è una condizione che appartiene a tutti, anche se nel quotidiano questo aspetto viene dimenticato da molti, e di conseguenza anche il rapporto con la natura perde inevitabilmente quella forza primaria e ancestrale, viene dimenticato il linguaggio specifico che abita nell’ascolto profondo e nel silenzio. Per noi abitare così isolati, immersi in una natura selvatica, è diventata una necessità, una forma di vita immersiva, in cui non è possibile più distinguere nettamente ricerca, vita quotidiana, natura: come splendidi vasi comunicanti si nutrono l’un l’altro, alimentando visioni, forme del pensiero e direzione dell’agire.

D) Qual è, secondo voi, il pericolo ambientale maggiore per il nostro Pianeta?

R) Difficile focalizzare un unico e prioritario pericolo ambientale, ormai cecità e follia umana hanno reso la terra una creatura fragile, che lancia a più riprese urla di avvertimento, e alcune parti già stanno collassando. Sebbene tutti siano a conoscenza di ciò, si continua a procedere ugualmente in una direzione egoistica e sfruttatrice di tutte le risorse. Arrivati a questo punto, l’unico cambiamento possibile, è quello dei singoli, nel proprio quotidiano. Piccoli passi di consapevolezza cosciente che possono fare la differenza. Sicuramente la risorsa idrica, è un enorme problema: ogni forma di vita dipende da essa per la propria sussistenza, e la siccità della scorsa estate giunta fin qui, ha portato molte riflessioni amare.

D) Voi cosa fate concretamente, nel vostro quotidiano, per ridurre la vostra impronta ambientale?

R) Cerchiamo di condurre una vita il più possibile coerente con un’etica che tenga in considerazione l’equilibrio dell’ecosistema su più fronti: attenzione allo spreco dell’acqua, al risparmio energetico, al riuso di materie organiche, al rispetto per gli animali e le piante tutte… Abbiamo un piccolo orto per la produzione famigliare, che annaffiamo con acqua piovana proveniente da un grande deposito, un frutteto sta nascendo… Anche il rimboschimento con giovani querce rappresenta un’azione di impegno attivo per il territorio in cui viviamo. Piantare un albero è un atto politico/poetico. L’ambiente ha bisogno di cure amorevoli, ancora e ancora. I passi possono essere tanti, e sensibilizzare le nuove generazioni può essere uno di questi: i bambini di oggi, si sa, saranno gli abitanti del mondo di domani. Partire da loro può essere una speranza, poiché vorremmo invecchiare in una terra che ancora respira e pulsa…

D) Oggi è la “giornata del risparmio energetico“, ricordatevi di spegnere la luce!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

maggio 7, 2018

“I Venti Buoni”: al mercato Testaccio di Roma api e scoperte scientifiche

Inaugurata al mercato Testaccio di Roma l’istallazione fotografica “I Venti Buoni” che vede come protagoniste 20 arnie scelte per rappresentare alcuni dei più importanti scienziati della storia. Dal padre del metodo scientifico Galileo Galilei fino al recentemente scomparso Stephen Hawking, passando dalle pionieristiche scoperte di Marie Curie (unica donna ad aver vinto due premi Nobel) [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende