Home » Rubriche »Very Important Planet » Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo:

Baba Jaga: la fragilità della natura diventa arte sull’Appennino Tosco-Romagnolo

febbraio 23, 2018 Rubriche, Very Important Planet

Chiara (Tabaroni) è di padre ferrarese e madre veneta ma nata sulle colline umbre di Umbertide, Bruno (Fronteddu) è sardo di Dorgali. Ma il duo si è incontrato a Bologna dove lei si è laureata al Dams, covo degli “indiani metropolitani” del ’77, e lui all’Accademia delle Belle Arti. Due artisti che con l’associazione Baba Jaga e il loro casolare isolato a Ca’ Colmello, nell’appennino tosco-romagnolo, sono diventati un punto di riferimento per i creativi che amano sperimentare nella natura. E sono tanti gli appuntamenti che organizzano in questo luogo magico, come il workshop residenziale “La danza del respiro” con la danzatrice belga Marie Close, che si tiene ai primi di marzo. E’ solo uno dei tanti appuntamenti creati dai due artisti nel loro casolare immerso nel verde, un rifugio artistico ad alto tasso di creatività…

D) Chiara, Bruno, ci raccontate la vostra residenza artistica, quel laboratorio immerso nella natura dell’Appennino dove ideate attività per bimbi e adulti? Come scrivete nel sito: “un ponte tra arte e natura”…

R) Baba Jaga nasce come associazione culturale nel 2004 ed è stato l’incontro di diversi percorsi: teatro, educazione e arti visive, inizialmente per sviluppare un progetto comune rivolto principalmente al mondo dell’infanzia. Dal 2011 abbiamo trasferito la sede a Ca’ Colmello, un antico casolare immerso tra le colline dell’appennino tosco-romagnolo, un luogo dove poter intrecciare ricerca artistica, spazio abitativo e d’accoglienza. In questo spazio abbiamo cercato l’approfondimento delle possibilità creative in uno stretto connubio tra arte e natura…

D) Non solo però mondo dell’infanzia, avete ampliato gli orizzonti al mondo degli adulti e c’è un filo conduttore ambientale nel vostro lavoro, vero?

R) Abbiamo pensato a  proposte rivolte agli adulti tra cui la rassegna estiva S.I.A Sottili Innesti Amorevoli che coinvolge artisti anche internazionali, ospiti con workshop di alta formazione (espressione corporea, drammaturgia, canto, danza, pittura…), poi spettacoli e concerti. Il nostro obiettivo è anche quello di rivitalizzare e far conoscere il territorio montano. Inoltre con l’associazione produciamo spettacoli, letture e narrazioni, ospitiamo residenze artistiche e promuoviamo campi in natura per bambini, laboratori e percorsi esperienziali.

D) Come nasce l’idea di Baba Jaga e qual è il suo significato più autentico?

R) Come luogo della delicatezza, dell’ascolto, della curiosità… Ci interessa ciò che si esprime nella propria fragilità, ciò che nella sua piccolezza si definisce più autentico: un gesto, una storia, un canto, la corsa di un bambino, l’aprirsi di una gemma, il muso morbido di un animale, il colore mutevole del cielo….cose che necessitano di uno sguardo che sappia riconoscere la meraviglia…

D) Quanto influisce sulla produzione artistica l’abitare e lavorare a stretto contatto con la natura?

R) Essere passeggeri terrestri è una condizione che appartiene a tutti, anche se nel quotidiano questo aspetto viene dimenticato da molti, e di conseguenza anche il rapporto con la natura perde inevitabilmente quella forza primaria e ancestrale, viene dimenticato il linguaggio specifico che abita nell’ascolto profondo e nel silenzio. Per noi abitare così isolati, immersi in una natura selvatica, è diventata una necessità, una forma di vita immersiva, in cui non è possibile più distinguere nettamente ricerca, vita quotidiana, natura: come splendidi vasi comunicanti si nutrono l’un l’altro, alimentando visioni, forme del pensiero e direzione dell’agire.

D) Qual è, secondo voi, il pericolo ambientale maggiore per il nostro Pianeta?

R) Difficile focalizzare un unico e prioritario pericolo ambientale, ormai cecità e follia umana hanno reso la terra una creatura fragile, che lancia a più riprese urla di avvertimento, e alcune parti già stanno collassando. Sebbene tutti siano a conoscenza di ciò, si continua a procedere ugualmente in una direzione egoistica e sfruttatrice di tutte le risorse. Arrivati a questo punto, l’unico cambiamento possibile, è quello dei singoli, nel proprio quotidiano. Piccoli passi di consapevolezza cosciente che possono fare la differenza. Sicuramente la risorsa idrica, è un enorme problema: ogni forma di vita dipende da essa per la propria sussistenza, e la siccità della scorsa estate giunta fin qui, ha portato molte riflessioni amare.

D) Voi cosa fate concretamente, nel vostro quotidiano, per ridurre la vostra impronta ambientale?

R) Cerchiamo di condurre una vita il più possibile coerente con un’etica che tenga in considerazione l’equilibrio dell’ecosistema su più fronti: attenzione allo spreco dell’acqua, al risparmio energetico, al riuso di materie organiche, al rispetto per gli animali e le piante tutte… Abbiamo un piccolo orto per la produzione famigliare, che annaffiamo con acqua piovana proveniente da un grande deposito, un frutteto sta nascendo… Anche il rimboschimento con giovani querce rappresenta un’azione di impegno attivo per il territorio in cui viviamo. Piantare un albero è un atto politico/poetico. L’ambiente ha bisogno di cure amorevoli, ancora e ancora. I passi possono essere tanti, e sensibilizzare le nuove generazioni può essere uno di questi: i bambini di oggi, si sa, saranno gli abitanti del mondo di domani. Partire da loro può essere una speranza, poiché vorremmo invecchiare in una terra che ancora respira e pulsa…

D) Oggi è la “giornata del risparmio energetico“, ricordatevi di spegnere la luce!

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

novembre 14, 2018

Bikeconomy Forum 2018: ecco come far girare l’economia su due ruote

Si svolgerà il 16 novembre, a Roma presso il Museo MAXXI, la terza edizione del Bikeconomy Forum, il più importante evento nazionale dedicato all’economia che ruota attorno alla bicicletta. Ideato dalla Fondazione Manlio Masi e Osservatorio Bikeconomy, con il Patrocinio della Regione Lazio, di Roma Capitale, del CONI e della Federazione Ciclistica Italiana, il Forum quest’anno si concentra su [...]

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

novembre 12, 2018

“Science and the Future” 2, torna al Politecnico di Torino il dibattito su cambiamenti climatici e sostenibilità

Sono trascorsi cinque anni dal convegno Internazionale “Science and the future. Impossible, likely, desirable. Economic growth and physical constraints”, che si tenne al Politecnico di Torino nell’ottobre del 2013. Quanto in questi cinque anni ci siamo avvicinati ai “futuri desiderabili” delineati allora? Oppure, al contrario, continuiamo a dirigerci a grandi passi verso quei “futuri impossibili” legati [...]

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

novembre 9, 2018

Il futuro del fotovoltaico al 2030, tra nuovi obiettivi e fine vita degli impianti

Nel mese di settembre 2018, con 2,35 miliardi di chilowattora prodotti (+14,4% rispetto a un anno fa), il fotovoltaico ha coperto l’8% della produzione elettrica nazionale con una potenza complessiva di circa 20 GW. Il parco italiano conta oggi 815.000 impianti, i quali ogni anno possono produrre circa 25 miliardi di chilowattora. Tuttavia, con la [...]

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

novembre 6, 2018

A Ecomondo 2018 gli Stati Generali della Green Economy parlano di “nuova occupazione”

Torna a Ecomondo, dal 6 al 9 novembre 2018 alla Fiera di Rimini, l’appuntamento con gli Stati Generali della Green Economy, un incontro promosso dal Consiglio Nazionale della Green Economy in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il supporto tecnico della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile. Giunti alla settima edizione gli Stati Generali saranno [...]

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende