Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Baggero, la nuova vita dell’ecofrazione in provincia di Como:

Baggero, la nuova vita dell’ecofrazione in provincia di Como

agosto 29, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Andare indietro per poter andare avanti. E’ questa la filosofia adottata per rigenerare la frazione di Baggero, dentro i confini comunali di Merone, in provincia di Como. “Il nostro obiettivo è stato quello di riqualificare una frazione – la prima ecofrazione d’Italia - che un tempo era sostanzialmente destinata alle attività industriali. Legate, per esempio (ma non solo), alla cava che serviva il cementificio.  Attività che avevano sostituito quelle agricole”, spiega il sindaco di Merone Giovanni Vanossi – che ora vuole far rifiorire quelle attività agricole del passato, legandole però al turismo sostenibile e ad “attività esperienziali“.

Per rigenerare un territorio in direzione ecologica è innanzitutto necessaria una forte mobilitazione sociale e un cambiamento di paradigma culturale: “Per raggiungere questo obiettivo abbiamo creato una rete  dove sono presenti imprenditori agricoli con le loro aziende e quelli turistici con le loro strutture di ospitalità. Senza dimenticare gli enti  pubblici  che collaborano tra di loro  per creare un network con la missione di riqualificare l’ambiente“, aggiunge il Sindaco.

E i risultati? “Pian piano l’area si sta riqualificando. Farla diventare attrattiva anche per il turismo dopo un processo di industrializzazione pesante non è facilissimo – precisa il primo cittadino di Merone – ci vuole tanto impegno”. Per assurdo ad aiutare questo processo ha contribuito quello che negli anni ’70 fu considerato un gran problema: il rallentamento del processo di industrializzazione.

Ecco com’è andata la storia. Con le esigenze industriali nel 1928 nacque una cava mineraria al servizio di una cementeria: le cascine tradizionali dei contadini vennero abbandonate e molte aree verdi trasformate in zone di produzione. Ma la natura qualche decennio dopo, con l’avanzare della società dei servizi e la dismissione delle attività industriali, si è ripresa i suoi spazi, aprendo la strada a nuove opportunità di sviluppo. Una crisi che ha avuto dei risvolti positivi sicuramente per l’ambiente, ma anche per l’economia, grazie al recupero di attività tradizionali, all’offerta di nuovi servizi turistici e allo sviluppo di originali attività imprenditoriali.

La green economy di Baggero oggi non è solo “vacanze verdi”. Si è fatta, per esempio,  l’ecostazione dei treni e c’è l’obiettivo di togliere dalla strada almeno 10.000 veicoli aumentando così  il trasporto su ferro. Intervento che si traduce in meno emissioni, meno inquinamento, più qualità della vita – che si ottiene grazie anche agli investimenti in sentieri ciclopedonali, per favorire la diffusione del bike sharing (che attira turisti e fa bene ai polmoni dei residenti).

Secondo una stima sono stati circa venti i milioni spesi per la riqualificazione dell’antico borgo industriale. Si è partiti dalla riqualificazione della stazione di Merone – FNM Ferrovie Nord – che ha dato impulso alla mobilità sostenibile. Poi la produzione di biogas, i percorsi del Lambro, l’Ecoostello nell’Oasi del  Parco Valle Lambro e, ancora, il rilancio dell’agricoltura e il recupero delle antiche cascine con la coltivazione a basso impatto ambientale di insalate e verdure, da fornire alla cittadinanza e alla strutture ricettive, in una logica di “km.0″. Altra sfida: il recupero e la riqualificazione di una grande azienda dismessa, la ex Speri-Tesint.

Un progetto, dunque, di sviluppo sostenibile e green economy “integrale”: dall’agricoltura alla mobilità sostenibile, al turismo – con la Casa del Mulino hotel che funziona ad acqua grazie al recupero di un vecchio mulino del 1722 trasformato in mini centrale idroelettrica.

Fortemente innovativo anche il Corazziere, definito un rural resort. Una struttura alberghiera che ha contribuito al progetto generale di rilancio dell’ecofrazione di Baggero, come ci spiega il General Manager Andrea Camesasca – albergatore di terza generazione, già Vice Presidente del Consorzio Turistico Lariano e Vice Presidente dell’Associazione Albergatori della Provincia di Como: “Il nostro è stato un concreto segno di cambiamento a favore dell’eco-sostenibilità e del recupero delle radici, per questo motivo la struttura è stata ristrutturata e ampliata ponendo particolare attenzione al proprio impatto ambientale”. Che in concreto si traduce con l’utilizzo della forza idrica del fiume Lambro per l’alimentazione delle pompe di calore e parte del consumo elettrico, l’impiego di pannelli fotovoltaici (che oggi offrono anche un punto di ricarica per le auto elettriche Tesla), un sistema di recupero dell’acqua piovana, la conversione della maggior parte dell’illuminazione a LED e tanti altri piccoli accorgimenti che rendono l’Hotel Il Corazziere una struttura particolarmente “green”.

A Baggero si può dire che l’unione di intenti ha fatto la forza e il remare tutti insieme verso la sostenibilità sta portando i suoi frutti.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende