Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bamboom: la prima linea per l’infanzia in bambù biologico:

Bamboom: la prima linea per l’infanzia in bambù biologico

settembre 17, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

“È stato un parto molto lungo”, ci racconta Pascalle de Jongh, 39 anni e tre figli, ripensando ai 12 mesi che sono stati necessari per dar vita a Bamboom. L’idea della linea di prodotti per la prima infanzia realizzata completamente in bambù biologico certificato, dice, “è nata come un flash”, ma poi “per realizzarla sono serviti molto tempo e lavoro. Volevo usare materie prime certificate e produrre in Italia: trovare i fornitori giusti non è stato facile”.

Ma perché proprio il bambù? “Ho usato degli indumenti in questa fibra durante la gravidanza e mi è piaciuto. Così ho pensato che poteva essere adatta per la pelle delicata dei neonati”, continua Pascalle, olandese  di nascita ma piemontese d’adozione. I tessuti in bambù hanno infatti molte proprietà positive: antibatterici, anallergici, traspiranti, impermeabili ai raggi UV e infrarossi, capaci di assorbire umidità e sudore, ecocompatibili e biodegradabili. La stessa pianta, grazie al suo veloce processo di accrescimento senza bisogno di pesticidi e fertilizzanti, ha un impatto positivo sull’ambiente, riuscendo ad assorbire fino a 12 tonnellate di CO2 per ettaro e rilasciare il 35% in più di ossigeno di ogni altra pianta di uguali dimensioni.

Pascalle, dopo gli studi in Olanda in ambito psicologico e sociale, nel 2005 inizia a lavorare in Italia come agente commerciale per alcune grandi aziende della prima infanzia. Così ha modo di conoscere il settore, capire i meccanismi di funzionamento, le tendenze, comprendere il funzionamento del mercato. L’idea di fondare Bamboom le viene nel 2011: dopo un anno di duro lavoro, a settembre 2012 i primi prodotti sono in vendita. “Il mio obiettivo era di creare prodotti naturali, ma anche belli : io per prima, come mamma, non acquisterei un prodotto in fibra naturale ma esteticamente brutto”. La stessa filosofia promossa dall’Associazione Greencommerce, con cui Bamboom sta valutando una collaborazione. Oggi la collezione Bamboom conta più di 20 prodotti, che vanno dal set lenzuolino al sacco nanna, fino alle copertine, ai body, il set bagno e le coperture per passeggini e ovetti, tutti realizzati in tessuti certificati da Oeko Tex, GOTS (Global Organic Textile Standard) ed Ecocert. Altri capi sono in fase di progettazione.

Ma come nascono i capi? Nella miglior tradizione delle piccole e medie imprese, in cui il fondatore passa da un ruolo all’altro, Pascalle disegna da sola vestiti e accessori: “Mi è sempre piaciuto disegnare e creare, tanto che fin da piccola realizzavo i vestiti per le mie bambole e per quelle delle mie amiche. Anche oggi continuo a disegnare oggetti e accessori, sia di moda che d’arredo, per me, i miei bambini e persino alcuni dei miei amici”. Al progetto iniziale lavora poi un team di persone che collaborano con Bamboom, “composto da genitori, insegnanti, nonni, infermieri e pediatri. Una sinergia preziosa per raccogliere, in ogni articolo della collezione, idee, suggerimenti e punti di forza così da consentire la creazione di un prodotto confortevole, pratico, funzionale, adatto a un utilizzo intenso e prolungato”.

Il mercato, spiega Pascalle, ha risposto bene: “Il prodotto è piaciuto fin da subito sia agli agenti che ai loro clienti. Ho iniziato quando la crisi c’era già: ho trovato molti punti vendita che hanno iniziato magari con un solo capo e poi ne hanno introdotti altri con l’aumentare dell’interesse da parte dei clienti”. Oggi i prodotti Bamboom sono distribuiti in Italia, Belgio e Paesi Bassi, “ma ci stiamo espandendo anche in altri Paesi”. La settimana scorsa la “Square collection” di Bamboom è stata selezionata alla fiera di prodotti per l’infanzia Kind + Jugend di Colonia tra le migliori innovazioni 2014 nel settore tessile per i bambini, nell’ambito dell’Innovation Award. “L’obiettivo è quello di diventare un punto di riferimento per quelle mamme e papà che vanno alla ricerca di prodotti trendy e alla moda, realizzati con tessuti di elevata qualità, certificati e sicuri per il benessere del proprio bambino”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

dicembre 11, 2018

“Heritage & Sustainability”: a Ferrara tre giorni sulla riqualificazione del patrimonio architettonico

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano dall’11 al 13 dicembre 2018 “Heritage & Sustainability“, un workshop internazionale incentrato sugli strumenti energetico-ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente. L’evento, in collaborazione con la fiera RemTech Expo, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici storici della città di Ferrara, il Castello Estense e il Palazzo Ducale. [...]

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

dicembre 7, 2018

Bando “Distruzione”. La Fondazione CRC aiuta a demolire le brutture

Dopo la positiva esperienza del 2017, anche nel 2018, la Fondazione CRC (Cassa di Risparmio di Cuneo) prosegue e rafforza il suo impegno a favore del contesto ambientale e paesaggistico della provincia di Cuneo promuovendo il “Bando Distruzione“, con il duplice obiettivo di distruggere le brutture e ripristinare la bellezza di un contesto paesaggistico e [...]

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

dicembre 6, 2018

I muretti a secco Patrimonio UNESCO. Italia Nostra: “Una rivincita della pietra sul cemento. Tramandiamo questa tecnica”

I “muretti a secco” sono  stati inseriti, nei giorni scorsi, nel Patrimonio immateriale dell’Umanità dall’UNESCO, confermando le motivazioni dei Paesi europei che congiuntamente ne avevano presentato la candidatura - Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera – facendo leva sulla “relazione armoniosa tra l’uomo e la natura”. L’arte dei muretti a secco, come si [...]

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

dicembre 3, 2018

Ecoforum Piemonte: Legambiente fotografa gli sviluppi dell’economia circolare 4.0

Dopo il successo della prima edizione torna mercoledì 5 dicembre 2018, all’Environment Park di Torino, l’EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte, un momento di confronto e dibattito sulla gestione virtuosa dei rifiuti con i principali operatori locali del settore (aziende, pubblica amministrazione, consorzi), per concentrarsi sulle criticità del ciclo dei rifiuti e sulle soluzioni per minimizzare lo smaltimento [...]

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

novembre 30, 2018

MOTUS-E bacchetta il Governo sulla Finanziaria: “non contiene misure per la mobilità elettrica”

MOTUS-E, l’associazione costituita da operatori industriali, mondo accademico e associazionismo ambientale e consumeristico con l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia attraverso il dialogo con le Istituzioni, il coinvolgimento del pubblico e programmi di formazione e informazione, ha rilasciato un comunicato stampa in cui rileva che la manovra finanziaria arrivata in Parlamento [...]

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

novembre 30, 2018

Origine del cibo: Coldiretti chiede all’UE l’etichettatura obbligatoria e lancia la petizione

Ieri a Bruxelles è stata ufficialmente lanciata l’ICE (Iniziativa dei Cittadini Europei) EAToriginal, la campagna di Coldiretti e altre associazioni europee per chiedere alla Commissione Europea di introdurre un’etichettatura obbligatoria sull’origine del cibo. La contraffazione e l’adulterazione di prodotti alimentari rappresentano infatti un grave rischio per la salute dei consumatori, soprattutto quando vengono utilizzati ingredienti di bassa [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende