Home » Rubriche »Very Important Planet » Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English:

Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English

ottobre 11, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Che in Italia la televisione non lasci spazio all’informazione ambientale è un dato acquisito. Ma cosa succede all’estero? Abbiamo cercato un esempio di informazione “diversa” nel canale satellitare all-news Al Jazeera English.

La storia di Al Jazeera parte nel 1996, dopo che l’emiro del Qatar decide di dar vita ad un canale televisivo indipendente in lingua araba. L’emittente si impone a livello regionale in occasione dell’operazione militare statunitense Desert Fox del 1998 contro l’Iraq e nel 2000 con la copertura completa della seconda intifada in Palestina. L’ascesa a livello globale inizia nel 2001, dopo gli attentati alle Torri Gemelli e la successiva guerra in Afghanistan. In questo modo si afferma per la prima volta a livello internazionale una narrazione degli eventi fatta da un punto di vista non occidentale. Nel 2006 Al Jazeera si lancia alla conquista dei telespettatori occidentali. A novembre inizia la programmazione regolare del canale Al Jazeera English che trasmette solo in lingua inglese. La popolarità dell’emittente non viene tuttavia vista di buon occhio né dai regimi arabi né dagli Stati Uniti. Diversi sono gli ostacoli che Al Jazeera incontra nel corso degli anni. Dall’allontanamento dei giornalisti e la chiusura degli uffici di corrispondenza alle accuse di fare da cassa di risonanza del terrorismo islamico trasmettendo i messaggi di Osama Bin Laden.

Nella squadra di giornalisti di Al Jazeera English è presente anche una giornalista italiana, Barbara Serra, che lavora presso la sede di Londra.

D) Barbara Serra, quali sono le potenzialità di un mezzo di informazione come Al Jazeera?

R) Le potenzialità sono enormi. Abbiamo deciso di fare reportage che raccontino il mondo. Ci vuole molta volontà per prendere una decisione di questo tipo, perché si tratta di una scelta molto costosa.  Chi guarda il nostro telegiornale si accorge che non abbiamo cose “leggere”. Trattiamo molto i temi di interesse sociale. Andiamo a prendere storie anche nelle parti del mondo più remote, dove spesso non ci sono corrispondenti. E queste storie le facciamo raccontare da persone che si trovano nel luogo dove avviene il fatto. È assurdo avere un corrispondente da Gerusalemme che affronta la crisi della Siria, è come parlare della crisi in Grecia da un altro paese europeo!

D) Secondo lei come vengono percepite le tematiche ambientali nel mondo arabo?

R) Il mondo arabo è molto diverso. Su questa domanda posso rispondere dal mio punto vista personale. Secondo me in questo momento hanno altre questioni da affrontare e, in particolare, non vivono le problematiche legate ad una possibile mancanza di petrolio

D) Quanto spazio riserva Al Jazeera English all’informazione ambientale?

R) Al Jazeera English ha dato e sta dando molto spazio alle tematiche ambientali. Nel palinsesto, ad esempio, c’è un programma di mezz’ora che si chiama “Earthrise”. Il programma esplora soluzioni alle sfide ambientali di oggi con uno sguardo ottimista ai progetti tecnologici, alle novità scientifiche e di ecodesign provenienti da tutto il mondo. I giornalisti di Al Jazeera in questo modo incontrano e  presentano individui e comunità che trasmettono un nuovo stile di vita in campo ambientale.

D) L’informazione ambientale di Al Jazeera English si limita al programma “Earthrise”  oppure trova spazio anche nei telegiornali?

R) Oltre al programma specifico inseriamo le notizie ambientali anche nei nostri notiziari. Non saprei darle esattamente una statistica precisa di quanto spazio riserviamo all’ambiente rispetto agli altri temi. Tuttavia le faccio subito un esempio concreto. Due giorni fa nel corso del telegiornale che conducevo abbiamo mandato in onda un servizio sullo scioglimento del ghiaccio artico: nel corso dell’ultima estate si sono sciolti di meno rispetto all’anno precedente (grazie alle temperature più basse del solito, NdR) ma secondo gli esperti i ghiacci continueranno comunque a sciogliersi progressivamente, con il ritmo elevato osservato negli ultimi trent’anni. Al Jazeera cerca quindi di fare anche un’informazione ambientale puntuale. Del resto, se c’è un impatto globale, come nel caso dell’ambiente, è necessario informare il pubblico su questo fenomeno.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende