Home » Rubriche »Very Important Planet » Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English:

Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English

ottobre 11, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Che in Italia la televisione non lasci spazio all’informazione ambientale è un dato acquisito. Ma cosa succede all’estero? Abbiamo cercato un esempio di informazione “diversa” nel canale satellitare all-news Al Jazeera English.

La storia di Al Jazeera parte nel 1996, dopo che l’emiro del Qatar decide di dar vita ad un canale televisivo indipendente in lingua araba. L’emittente si impone a livello regionale in occasione dell’operazione militare statunitense Desert Fox del 1998 contro l’Iraq e nel 2000 con la copertura completa della seconda intifada in Palestina. L’ascesa a livello globale inizia nel 2001, dopo gli attentati alle Torri Gemelli e la successiva guerra in Afghanistan. In questo modo si afferma per la prima volta a livello internazionale una narrazione degli eventi fatta da un punto di vista non occidentale. Nel 2006 Al Jazeera si lancia alla conquista dei telespettatori occidentali. A novembre inizia la programmazione regolare del canale Al Jazeera English che trasmette solo in lingua inglese. La popolarità dell’emittente non viene tuttavia vista di buon occhio né dai regimi arabi né dagli Stati Uniti. Diversi sono gli ostacoli che Al Jazeera incontra nel corso degli anni. Dall’allontanamento dei giornalisti e la chiusura degli uffici di corrispondenza alle accuse di fare da cassa di risonanza del terrorismo islamico trasmettendo i messaggi di Osama Bin Laden.

Nella squadra di giornalisti di Al Jazeera English è presente anche una giornalista italiana, Barbara Serra, che lavora presso la sede di Londra.

D) Barbara Serra, quali sono le potenzialità di un mezzo di informazione come Al Jazeera?

R) Le potenzialità sono enormi. Abbiamo deciso di fare reportage che raccontino il mondo. Ci vuole molta volontà per prendere una decisione di questo tipo, perché si tratta di una scelta molto costosa.  Chi guarda il nostro telegiornale si accorge che non abbiamo cose “leggere”. Trattiamo molto i temi di interesse sociale. Andiamo a prendere storie anche nelle parti del mondo più remote, dove spesso non ci sono corrispondenti. E queste storie le facciamo raccontare da persone che si trovano nel luogo dove avviene il fatto. È assurdo avere un corrispondente da Gerusalemme che affronta la crisi della Siria, è come parlare della crisi in Grecia da un altro paese europeo!

D) Secondo lei come vengono percepite le tematiche ambientali nel mondo arabo?

R) Il mondo arabo è molto diverso. Su questa domanda posso rispondere dal mio punto vista personale. Secondo me in questo momento hanno altre questioni da affrontare e, in particolare, non vivono le problematiche legate ad una possibile mancanza di petrolio

D) Quanto spazio riserva Al Jazeera English all’informazione ambientale?

R) Al Jazeera English ha dato e sta dando molto spazio alle tematiche ambientali. Nel palinsesto, ad esempio, c’è un programma di mezz’ora che si chiama “Earthrise”. Il programma esplora soluzioni alle sfide ambientali di oggi con uno sguardo ottimista ai progetti tecnologici, alle novità scientifiche e di ecodesign provenienti da tutto il mondo. I giornalisti di Al Jazeera in questo modo incontrano e  presentano individui e comunità che trasmettono un nuovo stile di vita in campo ambientale.

D) L’informazione ambientale di Al Jazeera English si limita al programma “Earthrise”  oppure trova spazio anche nei telegiornali?

R) Oltre al programma specifico inseriamo le notizie ambientali anche nei nostri notiziari. Non saprei darle esattamente una statistica precisa di quanto spazio riserviamo all’ambiente rispetto agli altri temi. Tuttavia le faccio subito un esempio concreto. Due giorni fa nel corso del telegiornale che conducevo abbiamo mandato in onda un servizio sullo scioglimento del ghiaccio artico: nel corso dell’ultima estate si sono sciolti di meno rispetto all’anno precedente (grazie alle temperature più basse del solito, NdR) ma secondo gli esperti i ghiacci continueranno comunque a sciogliersi progressivamente, con il ritmo elevato osservato negli ultimi trent’anni. Al Jazeera cerca quindi di fare anche un’informazione ambientale puntuale. Del resto, se c’è un impatto globale, come nel caso dell’ambiente, è necessario informare il pubblico su questo fenomeno.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende