Home » Rubriche »Very Important Planet » Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English:

Barbara Serra e l’informazione ambientale di Al Jazeera English

ottobre 11, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Che in Italia la televisione non lasci spazio all’informazione ambientale è un dato acquisito. Ma cosa succede all’estero? Abbiamo cercato un esempio di informazione “diversa” nel canale satellitare all-news Al Jazeera English.

La storia di Al Jazeera parte nel 1996, dopo che l’emiro del Qatar decide di dar vita ad un canale televisivo indipendente in lingua araba. L’emittente si impone a livello regionale in occasione dell’operazione militare statunitense Desert Fox del 1998 contro l’Iraq e nel 2000 con la copertura completa della seconda intifada in Palestina. L’ascesa a livello globale inizia nel 2001, dopo gli attentati alle Torri Gemelli e la successiva guerra in Afghanistan. In questo modo si afferma per la prima volta a livello internazionale una narrazione degli eventi fatta da un punto di vista non occidentale. Nel 2006 Al Jazeera si lancia alla conquista dei telespettatori occidentali. A novembre inizia la programmazione regolare del canale Al Jazeera English che trasmette solo in lingua inglese. La popolarità dell’emittente non viene tuttavia vista di buon occhio né dai regimi arabi né dagli Stati Uniti. Diversi sono gli ostacoli che Al Jazeera incontra nel corso degli anni. Dall’allontanamento dei giornalisti e la chiusura degli uffici di corrispondenza alle accuse di fare da cassa di risonanza del terrorismo islamico trasmettendo i messaggi di Osama Bin Laden.

Nella squadra di giornalisti di Al Jazeera English è presente anche una giornalista italiana, Barbara Serra, che lavora presso la sede di Londra.

D) Barbara Serra, quali sono le potenzialità di un mezzo di informazione come Al Jazeera?

R) Le potenzialità sono enormi. Abbiamo deciso di fare reportage che raccontino il mondo. Ci vuole molta volontà per prendere una decisione di questo tipo, perché si tratta di una scelta molto costosa.  Chi guarda il nostro telegiornale si accorge che non abbiamo cose “leggere”. Trattiamo molto i temi di interesse sociale. Andiamo a prendere storie anche nelle parti del mondo più remote, dove spesso non ci sono corrispondenti. E queste storie le facciamo raccontare da persone che si trovano nel luogo dove avviene il fatto. È assurdo avere un corrispondente da Gerusalemme che affronta la crisi della Siria, è come parlare della crisi in Grecia da un altro paese europeo!

D) Secondo lei come vengono percepite le tematiche ambientali nel mondo arabo?

R) Il mondo arabo è molto diverso. Su questa domanda posso rispondere dal mio punto vista personale. Secondo me in questo momento hanno altre questioni da affrontare e, in particolare, non vivono le problematiche legate ad una possibile mancanza di petrolio

D) Quanto spazio riserva Al Jazeera English all’informazione ambientale?

R) Al Jazeera English ha dato e sta dando molto spazio alle tematiche ambientali. Nel palinsesto, ad esempio, c’è un programma di mezz’ora che si chiama “Earthrise”. Il programma esplora soluzioni alle sfide ambientali di oggi con uno sguardo ottimista ai progetti tecnologici, alle novità scientifiche e di ecodesign provenienti da tutto il mondo. I giornalisti di Al Jazeera in questo modo incontrano e  presentano individui e comunità che trasmettono un nuovo stile di vita in campo ambientale.

D) L’informazione ambientale di Al Jazeera English si limita al programma “Earthrise”  oppure trova spazio anche nei telegiornali?

R) Oltre al programma specifico inseriamo le notizie ambientali anche nei nostri notiziari. Non saprei darle esattamente una statistica precisa di quanto spazio riserviamo all’ambiente rispetto agli altri temi. Tuttavia le faccio subito un esempio concreto. Due giorni fa nel corso del telegiornale che conducevo abbiamo mandato in onda un servizio sullo scioglimento del ghiaccio artico: nel corso dell’ultima estate si sono sciolti di meno rispetto all’anno precedente (grazie alle temperature più basse del solito, NdR) ma secondo gli esperti i ghiacci continueranno comunque a sciogliersi progressivamente, con il ritmo elevato osservato negli ultimi trent’anni. Al Jazeera cerca quindi di fare anche un’informazione ambientale puntuale. Del resto, se c’è un impatto globale, come nel caso dell’ambiente, è necessario informare il pubblico su questo fenomeno.

Giuseppe Iasparra

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

maggio 25, 2018

Alstom premiata in Germania per il treno a idrogeno

Il Coradia iLint di Alstom, il primo treno regionale del mondo a celle a combustibile idrogeno ha vinto il 4 maggio scorso il premio GreenTec Award 2018 nella categoria Mobility by Schaeffler. Il premio è stato ufficialmente conferito ad Alstom nel sito produttivo di Salzgitter, in Germania, dove si è svolta una cerimonia dedicata, prima [...]

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

maggio 21, 2018

Come diventare eco-istruttori di windsurf. Il nuovo corso AICS

Si chiamano eco-istruttori di sport da tavola e rappresentano l’ultima frontiera dell’unione tra sport professionale, ambiente e alimentazione. Nella pratica, i corsi di formazione oltre a prevedere temi rigorosamente didattici per lo svolgimento dell’insegnamento sportivo, includeranno elementi di cultura ambientale ed alimentare. Sono quindi riservati a chi vuole fare del brevetto di istruttore di surf [...]

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

maggio 18, 2018

Il MAcA di Torino inaugura il nuovo “guscio” per le mostre sui temi ambientali

Il Museo A come Ambiente – MAcA di Torino ha inaugurato, il 16 maggio, il Padiglione Guscio, la nuova area del Museo destinata ad accogliere le mostre temporanee e le iniziative pensate per il grande pubblico. Progettato dall’architetto Agostino Magnaghi, il “Guscio” è una struttura a quarto di cilindro che occupa un’area di 245 mq [...]

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

maggio 16, 2018

“Aree interne”: come contrastare spopolamento e carenza di servizi?

La comunità delle “aree interne”, di cui fanno parte più di mille Comuni in tutta Italia, ha scelto quest’anno la Val Maira per il proprio incontro annuale. Ad Acceglio (CN), il 17 e 18 maggio, sono infatti attese circa duecento persone, per discutere insieme l’avanzamento nell’attuazione della Strategia Nazionale per le Aree Interne (SNAI), che la [...]

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

maggio 15, 2018

“Green Apple Days”: GBC Italia entra nelle scuole per parlare di sostenibilità ambientale

Anche quest’anno GBC Italia, il Green Building Council di Rovereto, ritorna nelle scuola italiane con Green Apple Days of Service, un’iniziativa lanciata, in origine, negli USA da USGBC per approfondire i temi della sostenibilità, con attività e workshop volti ad educare bambini e ragazzi al rispetto della natura e al risparmio delle risorse naturali. Con più di 700 milioni [...]

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

maggio 14, 2018

Kloters lancia RepAir, la t-shirt che cattura l’inquinamento

Ogni anno nel mondo si vendono miliardi di t-shirt. Cosa succederebbe se tra queste ne esistesse una in grado di pulire l’aria? Se lo è chiesto Kloters, start up di moda maschile, 100% made in Italy. La risposta è RepAir, una maglia genderless in cotone, prodotta interamente in Italia, che pulisce l’aria utilizzando un inserto [...]

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

maggio 14, 2018

ADSI: accordo a quattro per la tutela dei beni artistici e architettonici italiani

ADSI – Associazione Dimore Storiche Italiane ha annunciato oggi di aver siglato accordi di partnership con tre importanti aziende italiane, a diverso titolo impegnate nella salvaguardia del patrimonio culturale del nostro Paese: Mapei, Repower e Urban Vision. Obiettivo delle partnership è promuovere iniziative comuni che contribuiscano a diffondere la consapevolezza e le competenze necessarie a proteggere e tutelare i beni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende