Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Barricalla, la discarica certificata EMAS compie 25 anni:

Barricalla, la discarica certificata EMAS compie 25 anni

settembre 11, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Può una discarica contribuire a ridurre l’impatto ambientale? Sembrerebbe un paradosso. Eppure a Collegno, nel torinese, ha sede il sito di smaltimento per rifiuti speciali e industriali più grande d’Italia, gestito dalla società a capitale pubblico-privato (il 30% è detenuto da Finpiemonte Partecipazioni, mentre il restante 70% è suddiviso in egual misura tra Sereco Piemonte e Sadi Servizi Industriali) Barricalla, che nel 2013 ha compiuto 25 anni di attività. Un quarto di secolo in cui si è cercato di mantenere un dialogo costante con i portatori di interesse, compresi i cittadini, all’inizio legittimamente preoccupati per l’”ecomostro”. Con il tempo, però, questo sito è riuscito addirittura a diventare un esempio a livello europeo. Un rappresentante del Comitato dei cittadini di Savonera, la frazione dove si trova il sito, arriva a dire: “È vero che non vogliamo che Barricalla cresca, ma saremmo più preoccupati se dovesse chiudere”.

La storia di Barricalla inizia nei primi anni ’80: allora “l’area su cui oggi insiste la discarica di rifiuti industriali pericolosi più importante d’Italia era un’area completamente degradata. La zona all’epoca ospitava infatti una cava di ghiaia di circa 600.000 metri cubi, che rappresentava un grave rischio per l’integrità della falda acquifera sottostante”, racconta il direttore tecnico Pasquale Luciani. In quegli anni la Regione Piemonte fa un censimento delle aree più degradate del territorio, per individuare un sito capace di ospitare una discarica che possa ricevere i rifiuti industriali speciali e tossico-nocivi della regione e costituire al tempo stesso un presidio permanente controllato. Nel 1984 nasce così la società Barricalla: “La componente pubblica della neonata società si sarebbe fatta garante della trasparenza delle attività svolte in discarica, mentre la parte privata ne avrebbe assicurato l’efficienza”. Viene autorizzato un primo lotto, che entra in funzione nel 1988, seguito dall’apertura di altri tre rispettivamente nel 1994, 2002 e 2010. “Dopo alcune comprensibili resistenze iniziali degli abitanti, in particolare degli agricoltori, che avevano già visto poco tempo prima i propri terreni attraversati dalla tangenziale di Torino, Barricalla, attraverso una costante attività di ascolto e concertazione con le parti sociali, vince la prima scommessa: quella della credibilità”.

Barricalla accoglie ogni anno 130.000 tonnellate di rifiuti speciali da tutta Italia. Ma come si svolge la sua attività? “Il nostro – continua Luciani – è il sito finale di smaltimento dei rifiuti. Gli scarti devono offrire condizioni di assoluta garanzia, ovvero non devono potersi rilevare criticità che favoriscano processi di trasformazione o indesiderate reazioni chimiche. Quando i rifiuti arrivano al nostro sito, il processo di classificazione ed omologazione deve essersi concluso favorevolmente. Noi verifichiamo che ci sia congruità tra ciò che viene dichiarato e la natura reale degli scarti”. La situazione del territorio e delle falde acquifere viene costantemente monitorata, con risultati positivi: “Ad oggi, dopo 25 anni di attività della discarica, non abbiamo mai ricevuto alcuna notifica di reati ambientali”. Dal 1998, il sito ha ottenuto ogni anno la certificazione EMAS, a garanzia di un modello di gestione ambientale efficace.

Fin dai primi anni di funzionamento, la discarica ha aperto le porte agli atenei, in linea con un approccio scientifico allora molto raro. “Nella seconda metà degli anni Ottanta, le informazioni relative al settore dello smaltimento professionale dei rifiuti industriali sono decisamente scarse. Internet è agli albori, i dati disponibili sono pochi e di difficile accesso. Il modo di operare allora dominante, consigliava infatti di mantenere su tutte le informazioni riguardanti i rifiuti tossico nocivi, oggi detti pericolosi, il massimo riserbo. In un quadro di questo tipo, e assolutamente in controtendenza rispetto al consueto agire del tempo, Barricalla sceglie sin dall’inizio della propria attività di coinvolgere l’Università e il Politecnico”, racconta oggi Mariachiara Zanetti, docente di Ingegneria Ambientale al Politecnico di Torino. Nasce così un rapporto virtuoso con il mondo scientifico: la società fornisce agli studiosi tutti i dati necessari con trasparenza, ricevendo in cambio indicazioni preziose su come migliorare le proprie performance. Pian piano, la discarica diventa così un laboratorio a cielo aperto, anche grazie ai progetti LIFE: nel 1995 il primo progetto per il monitoraggio integrato di aria, acqua e suolo, seguito nel 2003 da FALL (Filtering of Asbestos fibres in Leachate from hazardous waste Landfills), in collaborazione con l’Università Ca’Foscari di Venezia, per mettere a punto tecniche di cattura di particelle infinitesimali di amianto rimasto nelle acque di particolato.

Nel futuro della discarica c’è l’allestimento di nuovi lotti: i due ancora in funzione sono ad un livello di riempimento intorno al 60%. Si sta valutando la possibilità di estendere il volume della discarica dagli attuali 875.000 metri cubi a oltre un milione, ampliando l’attività del sito di smaltimento ai mercati d’oltralpe. Le aree esaurite vengono valorizzate con la realizzazione di impianti fotovoltaici. Il primo è già stato inaugurato a ottobre 2011 ed è in grado di coprire i consumi del sito e soddisfare il fabbisogno energetico di 500 famiglie. Potrà durare vent’anni a pieno regime, trenta in condizioni di efficienza. Lo stesso periodo richiesto per la progressiva dismissione della discarica.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende