Home » Campioni d'Italia »Rubriche » “Basta indossare gli abiti al contrario”. La fashion revolution di Marina Spadafora, stilista della moda etica:

“Basta indossare gli abiti al contrario”. La fashion revolution di Marina Spadafora, stilista della moda etica

aprile 26, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Una maglietta o una bella gonna, ma buone per l’ambiente e i diritti dei lavoratori. Ovvero etica ed estetica. E’questa, in sintesi, la filosofia che anima Fashion Revolution Week, la campagna internazionale che fino al 30 aprile vuole sensibilizzare opinione pubblica, consumatori e politici per un futuro più sostenibile nella moda. Che, in concreto, significa maggiore trasparenza lungo tutta la filiera.

La battaglia, che si combatte contemporaneamente in 90 Paesi nel mondo, ha preso il via in Gran Bretagna grazie alle attiviste del fair trade Carry Somers e Orsola De Castro dopo la strage di Rana Plaza a Dhaka, in Bangladesh, dove il 24 aprile 2013 morirono 1.133 operai e operaie, oltre a 2.500 feriti, per il crollo dello “stabilimento” tessile, in realtà una struttura fatiscente e pericolosa, dove tutti lavoravano in condizioni disumane.

In Italia sono in prima linea, in questa battaglia, Altromercato Actionaid con il coordinamento della stilista Marina Spadafora:“Il messaggio che vogliamo lanciare è che la rivoluzione si può fare anche con il portafoglio. La busta della spesa è il potere del consumatore che può decidere come far girare il mondo perché se l’ industria va contro i miei principi etici attraverso le mie scelte di consumo posso togliere ossigeno al loro business”. Partecipare è facile: “Basta indossare gli abiti al contrario, con l’etichetta bene in vista, fotografarsi e condividere le foto attraverso i social con l’hashtag  #WhoMadeMyClothes, taggando i grandi marchi della moda e condividendo le loro risposte”.

Figlia di imprenditori tessili di Bolzano, la Spadafora ha studiato fashion design a Los Angeles e lavorato a lungo a Hollywood come costumista. Negli anni ’90 ha venduto l’azienda di famiglia e collaborato con FerragamoPradaMiu Miu, diventando una vera autorità del settore, dove si contraddistingue per il lavoro con Altromercato e il suo progetto di moda etica Auteurs du Monde, di cui è direttrice creativa. Un programma per dare valore e diritti agli artigiani che le è valso il premio ONU “Women Together Award”.

L’obiettivo dell’eretica Marina è però quello di uscire dalla gabbia dorata del fashion per allargare il cerchio delle persone consapevoli: “Non possiamo sempre parlarci addosso tra di noi. Dobbiamo coinvolgere tutte le persone che non sanno nulla di fair trade e delle nostre battaglie“. Ovvero c’è da produrre seguito. Per questo la stilista ha voluto coinvolgere un altro nome noto della moda italiana: Antonio Marras. “Per il 27 aprile ho organizzato un evento a NonostanteMarras, il suo concept store milanese, così facciamo un salto di qualità per raggiungere  un pubblico  più ampio! La mia amica Lella Costa si esibirà in un monologo dedicato al ruolo dell’industria della moda nella rete economico-sociale globale e saranno dei nostri alcune realtà virtuose come CangiariLablacoLe Club EcoTeeshareWråd“. Alla campagna hanno inoltre aderito come testimonial le attrici Amanda Sandrelli e Stefania Rocca, la scrittrice Chiara Gamberale, la chef Cristina Bowerman, la conduttrice televisiva Eleonora Daniele, il musicista e conduttore radiotelevisivo Alex Braga.

Il dubbio che sorge spontaneo, in questi casi, è che “sensibilizzazione” ed eventi social ad alta visibilità mediatica attirino i marchi con una logica di greenwashing, che si traduce spesso in una mera patina di green per buona visibilità.”Il problema esiste – ammette Marina - ci sono aziende che fanno attività spot, una bella iniziativa e poi l’anno dopo non ne vogliono più sapere. La sostenibilità, invece, è continuità“. Ben vengano dunque le contromisure come “l’indice di trasparenza, che calcoliamo attraverso un questionario dove chiediamo alle aziende di esplicitare la filiera. Vogliamo capire se conoscono e controllano i loro fornitori. In questo modo è possibile elaborare un ranking che incide sulla reputazione aziendale. Funziona. Faccio un esempio: Gucci non aveva risposto, poi mi hanno cercato loro, quasi inseguita per essere analizzati!”. Si ritorna al “potere al consumatore“, concetto che la stilista ha esplicitato in un Ted Talk.

In concreto queste iniziative hanno anche permesso, tra le altre cose, di “far adottare una direttiva al G7 affinché le aziende costituiscano un fondo dedicato a risarcire le vittime di eventuali incidenti. Per quelle  del Rana Plaza è stato un calvario. In Cambogia si è riusciti a far aumentare la paga minima degli operai”. La difesa dei diritti – tassello fondamentale per facilitare la sostenibilità ambientale – oltre ai lavoratori, spazia però anche ai piccoli imprenditori: “Quando si lavora con il fair trade, si anticipa una parte dei soldi. Se, per esempio con Altromercato, ordiniamo 100 camicie di cotone, paghiamo subito il 50% e il saldo alla consegna della merce. In questo modo riescono a lavorare senza ricorrere a pesanti o a volte impossibili strumenti di finanziamento”.

Quindi si può fare, si può innestare un ciclo virtuoso anche nella moda e come ama ripetere Spadafora “tutto parte dal consumatore. E’ necessario un gran lavoro di sensibilizzazione per far capire che è preferibile comprare meno, ma prodotti di qualità. Evitando così di intasare le nostre discariche con la fast-fashion. In questo modo si fa bene all’ambiente, si paga il giusto valore al lavoro e poi un prodotto di qualità dura di più”. Meglio cioè una maglietta da 25 euro che dura 10 anni, piuttosto che 5 a 5 euro.

Gian Basilio Nieddu

 


Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

maggio 30, 2017

Spinetti (AIGAE) sulla Riforma dei Parchi: “un vero attentato alla figura delle guide”

“In Italia invece di valorizzare le figure che tutelano il territorio, si pensa ad affossarle. Alla Camera si sta consumando un vero attentato alla sopravvivenza dei Parchi, delle Aree Naturali, del Turismo Ambientale. I toni trionfalistici di alcuni deputati del PD non li comprendiamo dal momento in cui non ci sarà nulla da festeggiare qualora [...]

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

maggio 28, 2017

“Valorizziamo l’esistente”. A Mombello di Torino torna la Biennale dello Sviluppo Durevole

La Biennale dello Sviluppo Durevole della riserva MAB UNESCO CollinaPo, organizzata dall’Associazione Culturale di Promozione Sociale CioChevale, torna a Mombello di Torino domenica 28 maggio 2017 con il patrocinio del Comune. Una Biennale (alla sua seconda edizione) sulle buone pratiche per lo sviluppo durevole del territorio con tante realtà locali, ma non solo, che si incontreranno in [...]

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende