Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Belloni: la gioielleria che punta su diamanti etici e oro sostenibile:

Belloni: la gioielleria che punta su diamanti etici e oro sostenibile

aprile 22, 2015 Campioni d'Italia, Rubriche

“Se nonostante la crisi il negozio ce la fa discretamente, è perché abbiamo puntato sui gioielli etici e sostenibili”. Francesco Belloni, che oggi gestisce insieme alla sorella Luisa la gioielleria di famiglia, non ha dubbi: a salvare il loro negozio di via Lamarmora a Milano, aperto dal padre nel 1955, è stata quella svolta impressa dal 2005, quando nella cassaforte dell’oreficeria sono arrivati i primi diamanti con filiera garantita provenienti dal Canada. Poi è stata la volta dell’oro Fairmined, estratto in miniere del Sud America gestite secondo criteri di sostenibilità sociali e ambientali e della linea di gioielli con pietre semipreziose tagliate da aziende che rispettano i diritti dei lavoratori. E Francesco e Luisa per il futuro puntano ad ampliare la gamma di prodotti, visto anche il crescente interesse dei clienti verso un tipo di gioielleria che non nasconda dietro di sé violazioni di di diritti umani, inquinamento dell’ambiente, guerre civili.

Ma torniamo a dieci anni fa, quando l’oreficeria milanese inizia a differenziarsi: “All’inizio ci hanno spinto i nostri principi personali. Con la guerra in Sierra Leone, negli anni Novanta, è esploso il problema dei diamanti, la cui estrazione e lavorazione era ed è legata in diversi casi a conflitti e violazioni dei diritti umani. Ho iniziato a informarmi e mi sono molto sensibilizzato sull’argomento”, racconta Francesco. La consapevolezza, però, da sola non sarebbe bastata se dall’altro lato non ci fosse stata anche un’offerta di prodotti diversi: “In quegli anni in Canada erano stati scoperti dei giacimenti di diamanti. Così, nel 2004 ho iniziato a fare ricerche su come acquistarli e il 15 luglio 2005, giorno del mio compleanno, la prima pietra è arrivata in gioielleria”. I Maple Leaf Diamonds, chiamati così perché a distinguerli è la serigrafia laterale di una foglia d’acero e un numero di tracciabilità, sono estratti nelle miniere di Ekati e Diavik, nel Nordovest del Paese. “Il fatto che vengano dal Canada garantisce che il processo di estrazione rispetti elevati standard di sostenibilità ambientale e sociale. Aspetti che invece non vengono garantiti dal diffuso Kimberly Process, basato sull’autocertificazione”.

All’inizio, certo, non è stato semplice: “Per una piccola oreficeria come la nostra, è stato impegnativo, era necessario crederci molto per andare avanti. Però è andata bene: abbiamo iniziato con dieci gioielli, oggi ne abbiamo cento”. E il secondo passo, nel 2009, è stato proprio l’oro: “È di circa 175 tonnellate la quantità di oro che l’Europa importa ogni anno dai bacini auriferi di tutto il mondo. 175 tonnellate del prezioso metallo senza nessun vincolo di tracciabilità, ossia senza che per l’esportazione venga richiesta alcuna informazione riguardo la loro provenienza. Domande non da poco rimangono senza alcuna risposta: sono stati utilizzati agenti chimici come mercurio e cianuro? Dove è collocata la miniera dove è stato estratto l’oro? Sono stati rispettati vincoli di sfruttamento dell’ambiente? Quali sono le condizioni dei lavoratori?”, racconta Francesco.

Partendo da queste domande, Francesco e Luisa sono arrivate all’oro Fairmined: “Arriva miniere del Sud America certificate, di proprietà di cooperative di minatori”. Il marchio garantisce il rispetto dei diritti dei lavoratori, l’eguaglianza di genere, l’assenza di lavoro minorile. Sul fronte ambientale, le miniere Fairmined sono impegnate per un ridotto uso di sostanze chimiche e per la salvaguardia delle risorse idriche e dell’ambiente. Si tratta di solito di piccoli siti estrattivi, con un’impronta ambientale più leggera rispetto a quella delle grandi miniere. “Acquistiamo l’oro puro e lo facciamo lavorare in Italia, da un laboratorio nostro partner da anni. Le nostre fedi non sono solo in oro etico, ma anche artigianali. Siamo l’unico esercizio italiano autorizzato da Fairmined a commercializzare il loro oro”.

Nel tempo, Luisa e Francesco hanno dato vita anche alla linea di gioielli di argento riciclato e a una di oreficeria con le pietre semipreziose Stonethic che l’azienda italiana Sanda lavora in una taglieria aperta in Vietnam secondo gli standard lavorativi europei.

Oggi le fedi in oro etico rappresentano il prodotto più venduto della gioielleria Belloni, che fa anche parte di Nozzetiche, la prima rete di imprese per il matrimonio sostenibile. “Alcune settimane è arrivata da noi una coppia di Pescara, mentre riceviamo ordini anche da Francia e Germania. Chi arriva da noi è già sensibile ai temi della sostenibilità sociale e della salvaguardia dell’ambiente. Nel tempo è invece cambiato il dialogo con i clienti che venivano da noi anche prima del 2005: notiamo un’attenzione sempre maggiore verso i nostri prodotti etici”.

L’obiettivo per il futuro è aumentare la gamma di gioielli realizzati in oro certificato: “Le catenine, per esempio, non possono essere realizzate artigianalmente, c’è bisogno di macchinari particolari. Vogliamo contattare delle fabbriche orafe per dar vita a una produzione in oro Fairmined”.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende