Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bere o affogare: a Massarosa un “Patto per l’Ambiente” tra Comune e cittadini:

Bere o affogare: a Massarosa un “Patto per l’Ambiente” tra Comune e cittadini

ottobre 30, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

L’idea, dice scherzando Damasco Rossi, Assessore all’Ambiente di Massarosa, in provincia di Lucca, “è nata dalla disperazione. In un momento del genere, si beve o si affoga”. E lui, quando si è trovato di fronte a una spesa di 3 milioni di euro in più per estendere il sistema della raccolta porta a porta a tutto il comune (23.000 abitanti e 16 frazioni), ha deciso di inventarsi qualcosa di diverso. “Quei costi, con l’entrata in vigore della Tares, sarebbero stati scaricati sui cittadini, e questo non era sostenibile. Nel 2012, il nostro Comune ha speso 1,2 milioni di euro per lo smaltimento dell’indifferenziato, che in realtà è composto per l’80-85% da materiali riciclabili che non vengono differenziati dai cittadini. Allora ho detto loro: pensate che, facendo bene la raccolta differenziata e riducendo i rifiuti potete risparmiare l’80-85%”.

Rovesciando quindi il modello – non costi, ma risparmi – a febbraio è nato il Patto per l’Ambiente, primo in Italia e oggi modello per altre amministrazioni: “E’ un vero e proprio accordo tra Comune e cittadini, volontario e non obbligatorio, in cui si chiede alle famiglie di seguire le nostre indicazioni di riciclo, riduzione e riuso. In cambio, tutti i risparmi ottenuti nel 2013 nel settore dello smaltimento verranno riversati in modo proporzionale rispetto all’importo iniziale della Tares su coloro che hanno aderito”. Oggi hanno sottoscritto il Patto 2.000 famiglie, pari a circa il 25% delle utenze domestiche, e i risparmi del periodo maggio-agosto ammontano già a circa 100.000 euro.

Un progetto nato sulla strada della strategia “Rifiuti Zero”, per sensibilizzare i cittadini e renderli più responsabili partendo dal portafoglio, ma anche per cercare di cambiare il modo di vedere i rifiuti e i servizi ad essi correlati: “I rifiuti – si legge nel Patto, scritto sotto forma di una lettera aperta – devono essere immaginati come la corrente elettrica, l’acqua o ogni altro servizio: anche i loro costi aumentano costantemente nel tempo e si pagano in base a quanti se ne produce e a come si smaltiscono. Quanti più cittadini parteciperanno al “Patto” e seguiranno con diligenza ciò che in esso è previsto, contribuendo sin da ora, con piccoli e virtuosi gesti quotidiani, alla riduzione dei rifiuti e alla loro corretta differenziazione, tanto maggiori saranno i risparmi e quindi le positive ricadute economiche sulle famiglie del nostro Comune che sottoscriveranno questa iniziativa”.

L’applicazione del Patto è iniziata ad aprile ed è stata accompagnata da una ottimizzazione del servizio. “Razionalizzando i giri di raccolta del porta a porta, che rimane in vigore nei quartieri di Massarosa in cui era già attivo prima di febbraio, nel 2013 abbiamo risparmiato 200.000 euro rispetto al 2012. I turni di raccolta dell’organico, per esempio, da tre sono scesi a due, quelli del verde da settimanali sono diventati bisettimanali”, spiega Rosi. Per facilitare invece la raccolta differenziata nei quartieri in cui c’erano i cassonetti, “sono state create delle vere e proprie isole ecologiche e abbiamo distribuito gratuitamente alle famiglie bidoncini per il multimateriale leggero e il vetro, oltre alle compostiere coperte. Solo da febbraio a oggi, in tutto ne abbiamo distribuite 600”.

Un’attenzione particolare, infatti, è stata dedicata ai rifiuti organici: “Costituiscono il 30% dell’indifferenziato. La loro trasformazione in compost nel giardino di casa fa diminuire i costi di smaltimento, che sono pari a 110 euro a tonnellata”. Il messaggio, anche in questo caso è stato chiaro: “Più composti, meno spendi”. “Chi ha una superficie a verde superiore a 50 metri quadri, è obbligato a usare un sistema di compostaggio, chi invece non ha spazio può buttare l’umido negli appositi bidoni stradali”. Nell’ottica della riduzione dei rifiuti, invece, l’amministrazione è attiva da alcuni anni con le Case dell’Acqua e la promozione di detersivi alla spina e pannolini lavabili.

Il Patto per l’Ambiente non è il primo fiore all’occhiello di Massarosa: il Comune infatti ha ricevuto il marchio Toscana Ecoefficiente nel 2012 per le politiche ambientali, ha vinto il primo premio dell’Associazione Comuni Virtuosi come Comune a 5 stelle, e il Premio Natura, promosso on line da Jacopo Fo, con i voti di 10.000 cittadini. L’idea del contratto con le famiglie per fare bene la raccolta differenziata in cambio di un risparmio sulla tassa rifiuti nel frattempo ha fatto scuola: “Ci hanno chiamato tante amministrazioni per chiedere come abbiamo fatto. A Stazzema, comune qui vicino che lo sta proponendo ai cittadini, abbiamo passato tutto, compreso il disciplinare”. Anche quello riusato dunque, per fare il massimo con finanze ridotte.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

luglio 28, 2017

Sofidel lancia il car sharing aziendale elettrico con Nissan

Attraverso un accordo sulla mobilità elettrica sottoscritto con Nissan e l’acquisto di quattro veicoli 100% elettrici LEAF- attraverso il concessionario Nissan CFL di Lucca – Sofidel, società produttrice di carta per uso igienico e domestico (nota per il brand “Regina“), ha introdotto un importante novità nella gestione del proprio parco auto. Sofidel è infatti la prima azienda [...]

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende