Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bere o affogare: a Massarosa un “Patto per l’Ambiente” tra Comune e cittadini:

Bere o affogare: a Massarosa un “Patto per l’Ambiente” tra Comune e cittadini

ottobre 30, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

L’idea, dice scherzando Damasco Rossi, Assessore all’Ambiente di Massarosa, in provincia di Lucca, “è nata dalla disperazione. In un momento del genere, si beve o si affoga”. E lui, quando si è trovato di fronte a una spesa di 3 milioni di euro in più per estendere il sistema della raccolta porta a porta a tutto il comune (23.000 abitanti e 16 frazioni), ha deciso di inventarsi qualcosa di diverso. “Quei costi, con l’entrata in vigore della Tares, sarebbero stati scaricati sui cittadini, e questo non era sostenibile. Nel 2012, il nostro Comune ha speso 1,2 milioni di euro per lo smaltimento dell’indifferenziato, che in realtà è composto per l’80-85% da materiali riciclabili che non vengono differenziati dai cittadini. Allora ho detto loro: pensate che, facendo bene la raccolta differenziata e riducendo i rifiuti potete risparmiare l’80-85%”.

Rovesciando quindi il modello – non costi, ma risparmi – a febbraio è nato il Patto per l’Ambiente, primo in Italia e oggi modello per altre amministrazioni: “E’ un vero e proprio accordo tra Comune e cittadini, volontario e non obbligatorio, in cui si chiede alle famiglie di seguire le nostre indicazioni di riciclo, riduzione e riuso. In cambio, tutti i risparmi ottenuti nel 2013 nel settore dello smaltimento verranno riversati in modo proporzionale rispetto all’importo iniziale della Tares su coloro che hanno aderito”. Oggi hanno sottoscritto il Patto 2.000 famiglie, pari a circa il 25% delle utenze domestiche, e i risparmi del periodo maggio-agosto ammontano già a circa 100.000 euro.

Un progetto nato sulla strada della strategia “Rifiuti Zero”, per sensibilizzare i cittadini e renderli più responsabili partendo dal portafoglio, ma anche per cercare di cambiare il modo di vedere i rifiuti e i servizi ad essi correlati: “I rifiuti – si legge nel Patto, scritto sotto forma di una lettera aperta – devono essere immaginati come la corrente elettrica, l’acqua o ogni altro servizio: anche i loro costi aumentano costantemente nel tempo e si pagano in base a quanti se ne produce e a come si smaltiscono. Quanti più cittadini parteciperanno al “Patto” e seguiranno con diligenza ciò che in esso è previsto, contribuendo sin da ora, con piccoli e virtuosi gesti quotidiani, alla riduzione dei rifiuti e alla loro corretta differenziazione, tanto maggiori saranno i risparmi e quindi le positive ricadute economiche sulle famiglie del nostro Comune che sottoscriveranno questa iniziativa”.

L’applicazione del Patto è iniziata ad aprile ed è stata accompagnata da una ottimizzazione del servizio. “Razionalizzando i giri di raccolta del porta a porta, che rimane in vigore nei quartieri di Massarosa in cui era già attivo prima di febbraio, nel 2013 abbiamo risparmiato 200.000 euro rispetto al 2012. I turni di raccolta dell’organico, per esempio, da tre sono scesi a due, quelli del verde da settimanali sono diventati bisettimanali”, spiega Rosi. Per facilitare invece la raccolta differenziata nei quartieri in cui c’erano i cassonetti, “sono state create delle vere e proprie isole ecologiche e abbiamo distribuito gratuitamente alle famiglie bidoncini per il multimateriale leggero e il vetro, oltre alle compostiere coperte. Solo da febbraio a oggi, in tutto ne abbiamo distribuite 600”.

Un’attenzione particolare, infatti, è stata dedicata ai rifiuti organici: “Costituiscono il 30% dell’indifferenziato. La loro trasformazione in compost nel giardino di casa fa diminuire i costi di smaltimento, che sono pari a 110 euro a tonnellata”. Il messaggio, anche in questo caso è stato chiaro: “Più composti, meno spendi”. “Chi ha una superficie a verde superiore a 50 metri quadri, è obbligato a usare un sistema di compostaggio, chi invece non ha spazio può buttare l’umido negli appositi bidoni stradali”. Nell’ottica della riduzione dei rifiuti, invece, l’amministrazione è attiva da alcuni anni con le Case dell’Acqua e la promozione di detersivi alla spina e pannolini lavabili.

Il Patto per l’Ambiente non è il primo fiore all’occhiello di Massarosa: il Comune infatti ha ricevuto il marchio Toscana Ecoefficiente nel 2012 per le politiche ambientali, ha vinto il primo premio dell’Associazione Comuni Virtuosi come Comune a 5 stelle, e il Premio Natura, promosso on line da Jacopo Fo, con i voti di 10.000 cittadini. L’idea del contratto con le famiglie per fare bene la raccolta differenziata in cambio di un risparmio sulla tassa rifiuti nel frattempo ha fatto scuola: “Ci hanno chiamato tante amministrazioni per chiedere come abbiamo fatto. A Stazzema, comune qui vicino che lo sta proponendo ai cittadini, abbiamo passato tutto, compreso il disciplinare”. Anche quello riusato dunque, per fare il massimo con finanze ridotte.

Veronica Ulivieri

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

dicembre 5, 2016

Greening the Islands Net: il nuovo laboratorio online di buone pratiche per le isole del mondo

Il tempo è scaduto, le isole rischiano di sparire a causa degli effetti dei cambiamenti climatici. Le istituzioni a livello internazionale dovrebbero prenderne atto e agire velocemente per contrastare il fenomeno e supportare l’innovazione tecnologica nelle isole. È l’appello che arriva dalle istituzioni e popolazioni delle isole che oggi sono in prima linea ad affrontare, [...]

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

dicembre 5, 2016

Giornata Mondiale del Suolo: People4Soil chiede principi e regole vincolanti

Immaginate una nazione di medie dimensioni, come l’Ungheria, il Portogallo o la Repubblica Ceca. Ora immaginate l’intera area di quella nazione ricoperta da cemento e asfalto: è grossomodo la superficie di suoli agricoli che negli ultimi 50 anni è stata “consumata” da insediamenti e infrastrutture nei 28 paesi dell’Unione Europea. Il suolo continua ad essere [...]

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende