Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Bergamo, città impossibile e casa dei camminatori:

Bergamo, città impossibile e casa dei camminatori

febbraio 18, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Proseguono le “Divagazioni cantautoriali di mobilità elementare” di Orlando Manfredi, in arte Duemanosinistra, alla ricerca della densità di significato – umano e ambientale – delle città e dei luoghi che ci circondano, indagati rigorosamente a piedi, con zaino e chitarra. Questo mese tocca alla pedemontana Bergamo, la città di Gaetano Donizetti e di Walter Bonatti.

Sapevo solo qualcosa – ma potrei dire: nulla – sulla proverbiale bellezza della Città di Bergamo.Poi ho scoperto che è una città impossibile: sta sopra ai colli delle Prealpi Orobie (Città Alta), è interamente cintata da mura, ed è contenuta all’interno di una riserva naturale, il Parco dei Colli di Bergamo.

Con queste credenziali, come potrebbe immaginarsela un urbanista?

E’ sufficiente fare due passi per scoprire che Bergamo si avvia ad essere un piccolo modello di città sostenibile, oltre ad essere uno scrigno d’arte pazzesco e un centro culturalmente vivo, che vanta la candidatura a Capitale Europea della Cultura per il 2019. Un cantautore, poi, le sarà così grato per aver dato i natali a Gaetano Donizetti e ai Verdena, da poterle perdonarle la sbandata dei Pooh, bergamaschi anche loro…

“Terra che ‘l Serio bagna e l’ Brembo inonda / che valli e monti mostri a l’una mano / ed a l’altra il tuo verde e largo piano / or ampia ed or sublime ed or profonda”. In un sonetto dedicatole, Torquato Tasso metteva all’opera quella commistione unica tra Ambiente e Arte che caratterizza Bergamo, rendendo perfettamente il quadro idrografico e orografico del suo territorio: i fiumi Serio e Brembo, attraversano la pianura – e con essa la Città Bassa – mediante un sistema di canali, detti Rogge.

Armato di occhi e chitarra, gli strumenti di baratto spirituale dei miei viaggi a piedi, parto alla scoperta della roccaforte dei camminatori (da qui scesero centinaia di volontari destinati alla spedizione dei Mille).

La Città Bassa, lungi dall’essere una periferia o peggio un hinterland, comprende un insieme di borghi antichi, uno dei teatri più belli e importanti d’Italia (il Teatro Donizetti), un Centro monumentale, piccoli parchi e una fitta rete di servizi. Al primo passo oltre la stazione dei treni su piazza Marconi, ti accorgi di cosa significhi pianificare e comunicare i servizi per il cittadino. Poco oltre la piazza, passi in rassegna l’Urban Center – interfaccia e guida per i cittadini o i curiosi ai prossimi lavori, interventi e opportunità per la città – l’ufficio turistico, il servizio noleggio mezzi elettrici, e una delle diciannove stazioni del servizio di bike sharing della città bassa. Non male per un piccolo centro. Esiste anche il Piedibus, un autobus “speciale”, guidato da bambini che vanno a scuola a piedi, accompagnati da genitori e insegnanti!

Con il progetto “Fotovoltaico sugli immobili pubblici”, l’amministrazione comunica il vincolo degli stabili comunali (scuole materne, elementari, medie, ma anche l’Urban Center e la stazione delle Autolinee), per la creazione di nuovi impianti fotovoltaici, con un risparmio annuo di emissioni di CO2 pari a 750 tonnellate.

Dalla parte opposta, ma sempre nel cuore della grande piazza, campeggiano le insegne della Ciclostazione: una struttura integrata che comprende una mini-officina autogestita per piccole riparazioni, un chiosco-bar (chiuso), una batteria di rastrelliere per le bici con piano d’appoggio e sedute per leggere, mangiare o lavorare, e tettoie per conservare al ripario dalle intemperie biciclette e persone.

La giornata grigia scarica pioggia in maniera capricciosa. Mi metto anch’io sotto le tettoie mentre vesto Lilliput, la mia chitarrina da viaggio, di una copertura impermeabile, con un centinaio di uomini e donne di mezza età a guardarmi con tanto d’occhi.
Sono in prevalenza rumeni, che si trovano lì all’ora di pranzo per mangiare insieme e rifondare un qualche senso di comunità. Oltre a loro, alcuni boliviani e tre giovani ragazzi indiani. Si alza uno fra i più attivi della comunità dei rumeni. Raggiunge l’auto parcheggiata a qualche metro dalle tettoie. Tira giù il finestrino e spara a manetta una musica balcanica, un poco involgarita dal tunz tunz.

Proprio davanti a noi, una targa pubblicizza una scuola di ballo locale, la Milonga di Bergamo – la scena è surreale! Ed eccolo scendere dall’auto il nostro uomo, e offrire la mano alle donne, per farle ballare un poco, per farle sentire a casa. Gli vorrei stringere la mano anch’io.

Ma come si fa a creare un sistema di trasporti e infrastrutture per una città divisa in due? Della bici già s’è detto, ma non che esiste un servizio di consegne a domicilio di pacchi e merci a mezzo velò, dunque a impatto ambientale zero.
Per il trasporto pubblico, autobus a metano a basse emissioni per la parte bassa, rete tramviaria di collegamento con la provincia (Il Tram delle Valli, il cui tracciato poggia sul sedime dell’antica ferrovia della Val Seriana), due funicolari, una di collegamento tra le città Alta e Bassa, e l’altra che lega il centro antico con il Colle San Vigilio.

Beh, se non fosse abbastanza chiaro, io me la faccio a piedi lungo gli Scorlazzini, le antiche scalinate che conducevano al centro medioevale. La Città Alta è già completamente dentro la riserva naturale, tra terrazzamenti, tornanti e insenature dei colli. Su questi fazzoletti scoscesi, sbucano varietà floristiche e aree gioco impossibili.

Dentro le mura, edificate nel Cinquecento in epoca di dominazione veneziana, si trova oggi un orto urbano ad uso sociale, messo lì sotto i bastioni. Da un segnavia scopro anche che, all’interno del Parco, esiste un Orto Botanico, realizzato in appena 2400 metri quadrati di terreno (molto meno di quelli necessari a un campo da calcio), ricchissimo di piante esotiche e piante indigene. Purtroppo la stagione è sfavorevole e lo trovo chiuso.

Termino l’ascesa all’ingresso della città vecchia, davanti all’iscrizione Pax tibi marce, evangelista meus. Non posso crederci: sono di fronte alla Porta di San Giacomo. Proprio lui, il Santiago pellegrino, che non lesina apparizioni ai camminatori di ogni dove.

Le vie e i camminamenti di Bergamo Alta sono una centrifuga di Bellezza, in cui si alternano stretti budelli medioevali con campi aperti rinascimentali, luoghi d’arte e sfilze di botteghe artigiane o rivendite commerciali. I bergamaschi passeggiano dagli uni agli altri, con nonchalance, senza sembrare ottusi alla propria Bellezza e a come valorizzarla. Forse hanno da insegnarci qualcosa.

Orlando Manfredi

Playlist:
- Gaetano Donizetti, Una furtiva lagrima da L’Elisir d’amore
- Verdena, Wow, 2011, Black out Universal
- Pooh, Parsifal, 1973, CBS.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende