Home » Rubriche »Very Important Planet » I 10 Demandamenti secondo Bergonzoni. Primo: pulisci tu per me:

I 10 Demandamenti secondo Bergonzoni. Primo: pulisci tu per me

luglio 19, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Funambolo sì, ma delle idee. Le parole sono strumenti, parti del tutto, come i mattoni per la casa. Come l’architetto che lavora sull’ambiente lo rende accogliente, così Alessandro Bergonzoni, comico dalle mille sorprese, costruisce meraviglia e stupisce con il pensiero. Lo abbiamo intervistato nel ruolo di esploratore dei confini, ospite della rassegna “Oltre i Limiti” organizzata dal Comune di Torino. Lo ritroveremo il 5 settembre tra gli ospiti più divertenti e interessanti del Festival della Letteratura di Mantova, con un libro di poesie, il suo primo, dal titolo “L’amorte”, crasi senza veli né sconti di amore e morte, per i tipi di Garzanti. E ancora, nel capoluogo sabaudo in novembre, dove l’attore porterà in scena l’ultima tappa del suo spettacolo “Urge”. Prima del nuovo lavoro, che uscirà a febbraio 2014.

D) Bergonzoni, se si parla di ambiente, cosa le viene in mente?

R) Nel mio ultimo libro, il primo di poesie, dico una frase a cui tengo: non sono uno scrittore, sono uno scritturato, non sono un autore, ma uno autorizzato. Quando pronuncio questa parola, ambiente, penso all’ambiente del pensiero, non alla terra, alla città, ma all’ambiente dell’anima che dobbiamo abitare, accogliere. Quando l’uomo lavora per la natura, lavora attraverso la sua anima, la sua trascendenza, poi questo lo conduce nei vari ambiti, nei vari luoghi. Muovendo dal pensiero ci si sposta altrove.

D) Spesso, però, il pensiero si trova scomodo nel mondo. Non c’è piena sinergia. Parlando di natura, pensiamo alle città inquinate. Chi di noi si può ritenere a suo agio nello smog?

R) E’ vero, ma è anche vero il risvolto della medaglia, che l’ambiente è quello che è perché c’è un ambiente interiore che deturpa il mondo. Troppe volte, nella politica, nel sociale, si parte dai luoghi fisici, e non da quelli interiori. Per me c’è la natura “inumana” e quella sovrumana, che è la parte nostra più alta ed è quella che ci potrà salvare, far rinascere di nuovo, per non avere più una natura umiliata e inquinata.

D) Cioè lei dice che ce lo siamo voluto e non c’è scampo all’autodistruzione?

R) E’ un cane che si morde la coda. L’ambiente fuori e’ ridotto in maniera devastante, qualcuno di noi, tutti compresi e conniventi, decide di distruggerlo perché non ha un ambiente interno che possa pensare altro. Chi cementa, distrugge, deforesta, rende l’animale già morto prima che nasca, non ha, non ha avuto nel passato, un habitat interno tale da pensare ad altre strade. E noi, tutti compresi nessuno escluso, ce ne siamo fregati. Io li chiamo i 10 Demandamenti, non Comandamenti: lava tu per me, pulisci tu per me, fallo tu per me, fai la legge tu per me, e via elencando. E’ come quando si parla di Costituzione”.

D) In che senso?

R) C’è chi dice che la Costituzione è bellissima, e io sono d’accordo. Ma parlare di come salvarla è inutile se manca la Costituzione interiore, il legislatore interno. Per esempio, citiamo la sicurezza stradale: sì, ci sono le regole, il regolamento esiste, ma dobbiamo andare nelle scuole a spiegarlo, raccontare il pericolo, fare vedere le immagini crude dei rischi. Bisognerebbe parlare alle pance delle madri incinte, dicendo al bambino sei tu il primo Ministro dell’Ambiente, il primo architetto, il primo ministro dalla Cultura, il primo ambientalista.

D) Se fosse lei il Ministro dell’Ambiente?

R) Unirei insieme Sanità, Lavoro, Ambiente, Arte e Cultura, Agricoltura. Finalmente abbiamo capito che sono interconnessi, almeno ambiente, lavoro, sanità. C’è voluta l’Ilva di Taranto a svegliarci. Farei tutti i giorni una tavola rotonda per dire che non si posso slegare questi aspetti, l’arte dalla salute dalla spiritualità dall’etica, anche se parliamo di etica quando ci portano via i risparmi, quando vediamo fiumi schiumanti. Sennò aspettiamo. I dieci Demandamenti, appunto.

D) Il suo paradiso e il suo inferno terrestre.

R) Ho ripescato la grande potenza del mondo da poco tempo. Dopo 22 anni, da 2 ho ricominciato a volare. Il luogo più importante per me è il cielo. Il mio paradiso, fatto di luce e sole, noi siamo fatti di energia. L’inferno non è un luogo geografico, ma il vuoto, la morte interiore. Quando parli non con una persona ma con un’ombra, uno sguardo morto. Persone che sono sicure che esista solo una scienza, la medicina, persone appartenenti alle tribù dei “ma va là”, dei “soltanto”, dei “macché”. C’è poi un inferno ancora: i CIE, certi ospizi di anzianità, le celle due metri per due in cui ci si sta in sei. Non sono più una galera interna, sono il luogo di tortura più alta.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende