Home » Rubriche »Very Important Planet » I 10 Demandamenti secondo Bergonzoni. Primo: pulisci tu per me:

I 10 Demandamenti secondo Bergonzoni. Primo: pulisci tu per me

luglio 19, 2013 Rubriche, Very Important Planet

Funambolo sì, ma delle idee. Le parole sono strumenti, parti del tutto, come i mattoni per la casa. Come l’architetto che lavora sull’ambiente lo rende accogliente, così Alessandro Bergonzoni, comico dalle mille sorprese, costruisce meraviglia e stupisce con il pensiero. Lo abbiamo intervistato nel ruolo di esploratore dei confini, ospite della rassegna “Oltre i Limiti” organizzata dal Comune di Torino. Lo ritroveremo il 5 settembre tra gli ospiti più divertenti e interessanti del Festival della Letteratura di Mantova, con un libro di poesie, il suo primo, dal titolo “L’amorte”, crasi senza veli né sconti di amore e morte, per i tipi di Garzanti. E ancora, nel capoluogo sabaudo in novembre, dove l’attore porterà in scena l’ultima tappa del suo spettacolo “Urge”. Prima del nuovo lavoro, che uscirà a febbraio 2014.

D) Bergonzoni, se si parla di ambiente, cosa le viene in mente?

R) Nel mio ultimo libro, il primo di poesie, dico una frase a cui tengo: non sono uno scrittore, sono uno scritturato, non sono un autore, ma uno autorizzato. Quando pronuncio questa parola, ambiente, penso all’ambiente del pensiero, non alla terra, alla città, ma all’ambiente dell’anima che dobbiamo abitare, accogliere. Quando l’uomo lavora per la natura, lavora attraverso la sua anima, la sua trascendenza, poi questo lo conduce nei vari ambiti, nei vari luoghi. Muovendo dal pensiero ci si sposta altrove.

D) Spesso, però, il pensiero si trova scomodo nel mondo. Non c’è piena sinergia. Parlando di natura, pensiamo alle città inquinate. Chi di noi si può ritenere a suo agio nello smog?

R) E’ vero, ma è anche vero il risvolto della medaglia, che l’ambiente è quello che è perché c’è un ambiente interiore che deturpa il mondo. Troppe volte, nella politica, nel sociale, si parte dai luoghi fisici, e non da quelli interiori. Per me c’è la natura “inumana” e quella sovrumana, che è la parte nostra più alta ed è quella che ci potrà salvare, far rinascere di nuovo, per non avere più una natura umiliata e inquinata.

D) Cioè lei dice che ce lo siamo voluto e non c’è scampo all’autodistruzione?

R) E’ un cane che si morde la coda. L’ambiente fuori e’ ridotto in maniera devastante, qualcuno di noi, tutti compresi e conniventi, decide di distruggerlo perché non ha un ambiente interno che possa pensare altro. Chi cementa, distrugge, deforesta, rende l’animale già morto prima che nasca, non ha, non ha avuto nel passato, un habitat interno tale da pensare ad altre strade. E noi, tutti compresi nessuno escluso, ce ne siamo fregati. Io li chiamo i 10 Demandamenti, non Comandamenti: lava tu per me, pulisci tu per me, fallo tu per me, fai la legge tu per me, e via elencando. E’ come quando si parla di Costituzione”.

D) In che senso?

R) C’è chi dice che la Costituzione è bellissima, e io sono d’accordo. Ma parlare di come salvarla è inutile se manca la Costituzione interiore, il legislatore interno. Per esempio, citiamo la sicurezza stradale: sì, ci sono le regole, il regolamento esiste, ma dobbiamo andare nelle scuole a spiegarlo, raccontare il pericolo, fare vedere le immagini crude dei rischi. Bisognerebbe parlare alle pance delle madri incinte, dicendo al bambino sei tu il primo Ministro dell’Ambiente, il primo architetto, il primo ministro dalla Cultura, il primo ambientalista.

D) Se fosse lei il Ministro dell’Ambiente?

R) Unirei insieme Sanità, Lavoro, Ambiente, Arte e Cultura, Agricoltura. Finalmente abbiamo capito che sono interconnessi, almeno ambiente, lavoro, sanità. C’è voluta l’Ilva di Taranto a svegliarci. Farei tutti i giorni una tavola rotonda per dire che non si posso slegare questi aspetti, l’arte dalla salute dalla spiritualità dall’etica, anche se parliamo di etica quando ci portano via i risparmi, quando vediamo fiumi schiumanti. Sennò aspettiamo. I dieci Demandamenti, appunto.

D) Il suo paradiso e il suo inferno terrestre.

R) Ho ripescato la grande potenza del mondo da poco tempo. Dopo 22 anni, da 2 ho ricominciato a volare. Il luogo più importante per me è il cielo. Il mio paradiso, fatto di luce e sole, noi siamo fatti di energia. L’inferno non è un luogo geografico, ma il vuoto, la morte interiore. Quando parli non con una persona ma con un’ombra, uno sguardo morto. Persone che sono sicure che esista solo una scienza, la medicina, persone appartenenti alle tribù dei “ma va là”, dei “soltanto”, dei “macché”. C’è poi un inferno ancora: i CIE, certi ospizi di anzianità, le celle due metri per due in cui ci si sta in sei. Non sono più una galera interna, sono il luogo di tortura più alta.

Letizia Tortello

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

novembre 20, 2017

Da Altromercato arriva la “Ri-capsula” per caffè, riutilizzabile 250 volte

Altromercato, la maggiore organizzazione del Commercio Equo e Solidale in Italia, lancia Ri-capsula, una capsula per caffè riutilizzabile, grazie ad una tecnologia innovativa, proposta in esclusiva da Altromercato sul mercato italiano, che accoppia alluminio e tappo in silicone alimentare. Ricaricabile fino a 250 volte e personalizzabile con il macinato Altromercato che si desidera, Ri-Capsula è compatibile con le macchine per [...]

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende