Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano:

Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano

dicembre 7, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Sulla scia del Nord Europa crescono, anche in Italia, i bike café, un fenomeno al quale avevamo dedicato una puntata di “Campioni d’Italia” con l’esempio del bike bar di Alessandria. Ma il primo ad “aprire bottega” è stato, in realtà, già tre anni fa l’Upcycle Milano Bike Café. Un primato di cui i suoi fondatori non sono affatto gelosi, anzi: “fortunatamente è stato copiato ed imitato” dice orgoglioso Roberto Peia, uno dei responsabili di questa avventura. Che “con un gruppo di amanti della bici, imprenditori, operatori, giornalisti“, nel capoluogo lombardo, in via Ampère 59, ha rigenerato “un garage d’automobili, vecchio sporco, puzzolente ed abbandonato” per dare spazi di socialità a chi ama muoversi a pedali.

L’idea è nata grazie ad una ricerca del distretto di co-working e innovazione sociale Avanzi che, ricorda Peia, aveva necessità di ampliare gli spazi. In Italia, all’epoca, non ne esisteva ancora uno di bike bar, Roberto ha la passione per la bici, è il fondatore di Ubm (che si occupa di consegne su due ruote) e quando arriva la proposta risponde subito di sì. Detto fatto Peia coinvolge uno studio di architetti, il riferimento sono i modelli nordeuropei e londinesi: spazio, dunque, ai grandi tavoli che agevolano socialità.

Chi si muove a pedali cerca benessere e qualità della vita, a iniziare dal cibo. Per questo il titolare srotola il menu salutista: “Massima attenzione al biologico, abbiamo sempre un piatto per chi è vegano, vegetariano o intollerante“. Il ciclista portatore sano di benessere. Cura del corpo, ma pure della mente: Upcycle ospita una biblioteca tematica e vende anche libri.Oltre il versante enogastronomico ci  impegniamo in quello ciclo-culturale. Ogni mese presentiamo un resoconto di viaggi in bici”, poi c’è l’appuntamento fisso con la bici del mese. A dicembre la scelta è caduta su MB Crew, una piccola realtà artigianale “a due passi da Upcycle, che ha aperto i battenti da qualche anno in un piccolo e caloroso negozio di bici gestito e cresciuto da Simone e Federico, che arrivano dalla crew della BMX. Con lei hanno fatto le notti in Stazione Centrale e al Parco Lambro, poi sono diventati grandi e hanno capito che la loro passione doveva evolversi e, inizialmente un po’ per gioco, ne hanno fatto un lavoro”. E’solo un esempio del circolo virtuoso di networking che si discute e si crea in questa sorta di distretto culturale metropolitano dedicato a ruote, manubrio e pedali.

Negli spazi di Upcycle sono passati grandi maestri dell’artigianato come Dario Pegoretti e Doriano De Rosa e miti del ciclismo come Francesco Moser, Ivan Basso, Claudio Chiappucci e Davide Cassani, attuale allenatore della nazionale. Insomma, “la meglio gioventù” del ciclismo. Eventi di grande fascino, ma porte aperte anche all’educazione civica con convegni sulla sicurezza organizzati insieme alla Fiab, la Federazione Italiana degli Amici della Bicicletta.

Nei bike bar non si va solo per incontrare i compagni di pedalata, mangiare, bere, confrontarsi e chiacchierare. La cultura è al centro. E non poteva essere diversamente  per uno come Peia, che ha pubblicato un curioso libro, con la chef del locale Francesca Baccani, dal titolo originale: Dalla padella alla biciovvero un ricettario dei piatti che si possono gustare da Upcycle. Ma non è finita qui perché il ciclista imprenditore ha ripercorso sulle pagine di una pubblicazione anche la sua avventura imprenditoriale con i corrieri in bici e pure un noir a pedali, dal titoloA rincorrere il vento. Storia di pedali, pistole e puttane“.

Secondo Roberto manca la cultura della bici in Italia. “Nel nostro paese è necessario far dialogare le varie tribù che compongono la variegata comunità dei ciclisti. Non c’è comunicazione tra chi va a scatto fisso e quelli che si sporcano di fango con la Mtb o ancora quelli che usano la bici negli spostamenti quotidiani“. Un popolo da far crescere, anche in senso ecologico. “Crediamo in questa forma di mobilità perché risolverebbe molti problemi, ma servono investimenti in sicurezza, rastrelliere, intermodalità, piste ciclabili”. C’è insomma ancora molto da pedalare.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende