Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano:

Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano

dicembre 7, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Sulla scia del Nord Europa crescono, anche in Italia, i bike café, un fenomeno al quale avevamo dedicato una puntata di “Campioni d’Italia” con l’esempio del bike bar di Alessandria. Ma il primo ad “aprire bottega” è stato, in realtà, già tre anni fa l’Upcycle Milano Bike Café. Un primato di cui i suoi fondatori non sono affatto gelosi, anzi: “fortunatamente è stato copiato ed imitato” dice orgoglioso Roberto Peia, uno dei responsabili di questa avventura. Che “con un gruppo di amanti della bici, imprenditori, operatori, giornalisti“, nel capoluogo lombardo, in via Ampère 59, ha rigenerato “un garage d’automobili, vecchio sporco, puzzolente ed abbandonato” per dare spazi di socialità a chi ama muoversi a pedali.

L’idea è nata grazie ad una ricerca del distretto di co-working e innovazione sociale Avanzi che, ricorda Peia, aveva necessità di ampliare gli spazi. In Italia, all’epoca, non ne esisteva ancora uno di bike bar, Roberto ha la passione per la bici, è il fondatore di Ubm (che si occupa di consegne su due ruote) e quando arriva la proposta risponde subito di sì. Detto fatto Peia coinvolge uno studio di architetti, il riferimento sono i modelli nordeuropei e londinesi: spazio, dunque, ai grandi tavoli che agevolano socialità.

Chi si muove a pedali cerca benessere e qualità della vita, a iniziare dal cibo. Per questo il titolare srotola il menu salutista: “Massima attenzione al biologico, abbiamo sempre un piatto per chi è vegano, vegetariano o intollerante“. Il ciclista portatore sano di benessere. Cura del corpo, ma pure della mente: Upcycle ospita una biblioteca tematica e vende anche libri.Oltre il versante enogastronomico ci  impegniamo in quello ciclo-culturale. Ogni mese presentiamo un resoconto di viaggi in bici”, poi c’è l’appuntamento fisso con la bici del mese. A dicembre la scelta è caduta su MB Crew, una piccola realtà artigianale “a due passi da Upcycle, che ha aperto i battenti da qualche anno in un piccolo e caloroso negozio di bici gestito e cresciuto da Simone e Federico, che arrivano dalla crew della BMX. Con lei hanno fatto le notti in Stazione Centrale e al Parco Lambro, poi sono diventati grandi e hanno capito che la loro passione doveva evolversi e, inizialmente un po’ per gioco, ne hanno fatto un lavoro”. E’solo un esempio del circolo virtuoso di networking che si discute e si crea in questa sorta di distretto culturale metropolitano dedicato a ruote, manubrio e pedali.

Negli spazi di Upcycle sono passati grandi maestri dell’artigianato come Dario Pegoretti e Doriano De Rosa e miti del ciclismo come Francesco Moser, Ivan Basso, Claudio Chiappucci e Davide Cassani, attuale allenatore della nazionale. Insomma, “la meglio gioventù” del ciclismo. Eventi di grande fascino, ma porte aperte anche all’educazione civica con convegni sulla sicurezza organizzati insieme alla Fiab, la Federazione Italiana degli Amici della Bicicletta.

Nei bike bar non si va solo per incontrare i compagni di pedalata, mangiare, bere, confrontarsi e chiacchierare. La cultura è al centro. E non poteva essere diversamente  per uno come Peia, che ha pubblicato un curioso libro, con la chef del locale Francesca Baccani, dal titolo originale: Dalla padella alla biciovvero un ricettario dei piatti che si possono gustare da Upcycle. Ma non è finita qui perché il ciclista imprenditore ha ripercorso sulle pagine di una pubblicazione anche la sua avventura imprenditoriale con i corrieri in bici e pure un noir a pedali, dal titoloA rincorrere il vento. Storia di pedali, pistole e puttane“.

Secondo Roberto manca la cultura della bici in Italia. “Nel nostro paese è necessario far dialogare le varie tribù che compongono la variegata comunità dei ciclisti. Non c’è comunicazione tra chi va a scatto fisso e quelli che si sporcano di fango con la Mtb o ancora quelli che usano la bici negli spostamenti quotidiani“. Un popolo da far crescere, anche in senso ecologico. “Crediamo in questa forma di mobilità perché risolverebbe molti problemi, ma servono investimenti in sicurezza, rastrelliere, intermodalità, piste ciclabili”. C’è insomma ancora molto da pedalare.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende