Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano:

Bici e cultura a tavolino. Tappa all’Upcycle Bike Café di Milano

dicembre 7, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Sulla scia del Nord Europa crescono, anche in Italia, i bike café, un fenomeno al quale avevamo dedicato una puntata di “Campioni d’Italia” con l’esempio del bike bar di Alessandria. Ma il primo ad “aprire bottega” è stato, in realtà, già tre anni fa l’Upcycle Milano Bike Café. Un primato di cui i suoi fondatori non sono affatto gelosi, anzi: “fortunatamente è stato copiato ed imitato” dice orgoglioso Roberto Peia, uno dei responsabili di questa avventura. Che “con un gruppo di amanti della bici, imprenditori, operatori, giornalisti“, nel capoluogo lombardo, in via Ampère 59, ha rigenerato “un garage d’automobili, vecchio sporco, puzzolente ed abbandonato” per dare spazi di socialità a chi ama muoversi a pedali.

L’idea è nata grazie ad una ricerca del distretto di co-working e innovazione sociale Avanzi che, ricorda Peia, aveva necessità di ampliare gli spazi. In Italia, all’epoca, non ne esisteva ancora uno di bike bar, Roberto ha la passione per la bici, è il fondatore di Ubm (che si occupa di consegne su due ruote) e quando arriva la proposta risponde subito di sì. Detto fatto Peia coinvolge uno studio di architetti, il riferimento sono i modelli nordeuropei e londinesi: spazio, dunque, ai grandi tavoli che agevolano socialità.

Chi si muove a pedali cerca benessere e qualità della vita, a iniziare dal cibo. Per questo il titolare srotola il menu salutista: “Massima attenzione al biologico, abbiamo sempre un piatto per chi è vegano, vegetariano o intollerante“. Il ciclista portatore sano di benessere. Cura del corpo, ma pure della mente: Upcycle ospita una biblioteca tematica e vende anche libri.Oltre il versante enogastronomico ci  impegniamo in quello ciclo-culturale. Ogni mese presentiamo un resoconto di viaggi in bici”, poi c’è l’appuntamento fisso con la bici del mese. A dicembre la scelta è caduta su MB Crew, una piccola realtà artigianale “a due passi da Upcycle, che ha aperto i battenti da qualche anno in un piccolo e caloroso negozio di bici gestito e cresciuto da Simone e Federico, che arrivano dalla crew della BMX. Con lei hanno fatto le notti in Stazione Centrale e al Parco Lambro, poi sono diventati grandi e hanno capito che la loro passione doveva evolversi e, inizialmente un po’ per gioco, ne hanno fatto un lavoro”. E’solo un esempio del circolo virtuoso di networking che si discute e si crea in questa sorta di distretto culturale metropolitano dedicato a ruote, manubrio e pedali.

Negli spazi di Upcycle sono passati grandi maestri dell’artigianato come Dario Pegoretti e Doriano De Rosa e miti del ciclismo come Francesco Moser, Ivan Basso, Claudio Chiappucci e Davide Cassani, attuale allenatore della nazionale. Insomma, “la meglio gioventù” del ciclismo. Eventi di grande fascino, ma porte aperte anche all’educazione civica con convegni sulla sicurezza organizzati insieme alla Fiab, la Federazione Italiana degli Amici della Bicicletta.

Nei bike bar non si va solo per incontrare i compagni di pedalata, mangiare, bere, confrontarsi e chiacchierare. La cultura è al centro. E non poteva essere diversamente  per uno come Peia, che ha pubblicato un curioso libro, con la chef del locale Francesca Baccani, dal titolo originale: Dalla padella alla biciovvero un ricettario dei piatti che si possono gustare da Upcycle. Ma non è finita qui perché il ciclista imprenditore ha ripercorso sulle pagine di una pubblicazione anche la sua avventura imprenditoriale con i corrieri in bici e pure un noir a pedali, dal titoloA rincorrere il vento. Storia di pedali, pistole e puttane“.

Secondo Roberto manca la cultura della bici in Italia. “Nel nostro paese è necessario far dialogare le varie tribù che compongono la variegata comunità dei ciclisti. Non c’è comunicazione tra chi va a scatto fisso e quelli che si sporcano di fango con la Mtb o ancora quelli che usano la bici negli spostamenti quotidiani“. Un popolo da far crescere, anche in senso ecologico. “Crediamo in questa forma di mobilità perché risolverebbe molti problemi, ma servono investimenti in sicurezza, rastrelliere, intermodalità, piste ciclabili”. C’è insomma ancora molto da pedalare.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

marzo 28, 2017

INGRID: in Puglia un progetto per lo stoccaggio di idrogeno allo stato solido

Sfruttare al massimo l’energia generata da fonti rinnovabili, superando i limiti che le caratterizzano, quali discontinuità e picchi di sovrapproduzione. È questo l’intento di INGRID, il progetto europeo di ricerca finanziato nell’ambito del 7° Programma Quadro che offre una soluzione tecnologica che consente lo stoccaggio in forma di idrogeno allo stato solido, attraverso dei dischi [...]

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

marzo 24, 2017

Greenpeace a Roma: “Un’Europa rinnovata, ma anche più rinnovabile”

Alla vigilia delle celebrazioni per il Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma, un gruppo di attivisti di Greenpeace è entrato in azione nella capitale aprendo uno striscione di 100 metri quadri dalla terrazza del Pincio, con il messaggio “After 60 years: a better Europe to save the climate” rivolto ai leader europei, nei prossimi giorni [...]

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

marzo 24, 2017

CIB al preview di Fieragricola: “In Italia 8 miliardi di metri cubi di biometano entro il 2030″

«L’Italia è il quarto Paese al mondo dietro a Germania, Stati Uniti e Cina e secondo in Europa per numero di impianti di biogas nelle aziende agricole, che sono più di 1.250 realizzati e dagli attuali 2 miliardi di metri cubi abbiamo la potenzialità per arrivare a 8 miliardi di metri cubi di biometano entro [...]

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

marzo 23, 2017

Restauro-Musei: il Salone di Ferrara punta sull’economia del patrimonio culturale e ambientale

Fino al 24 marzo 2017 torna, nella sede di Ferrara Fiere, il “Salone del Restauro”, rinominato, nella sua XXIV edizione, Restauro-Musei, Salone dell’Economia, della Conservazione, delle Tecnologie e della Valorizzazione dei Beni Culturali e Ambientali. Tre giornate di esposizioni, convegni, eventi e mostre, con l’intento di promuovere il patrimonio culturale e ambientale sotto tutti gli aspetti. L’edizione [...]

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

marzo 23, 2017

E’possibile una “ecologia del diritto”? Scienza e politica dei beni comuni alla Biennale Democrazia

  Venerdì 31 marzo Aboca presenterà alla quinta edizione di “Biennale Democrazia”, a Torino, l’edizione italiana del libro “The Ecology of Law” (“Ecologia del Diritto”), del fisico e teorico dei sistemi Fritjof Capra (direttore e fondatore del Centro per l’Ecoalfabetizzazione di Berkeley in California e membro del Consiglio della Carta Internazionale della Terra) e dello [...]

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

marzo 22, 2017

Ricerca Ipsos: la popolazione mondiale ha scarsa fiducia nella capacità di trattare le acque

Con l’hashtag #WORLDWATERDAY anche quest’anno si celebra la Giornata Mondiale dell’Acqua, istituita nel 1993 dalle Nazioni Unite come momento per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione delle risorse idriche, evidenziare l’importanza dell’acqua e la necessità di preservarla e renderla accessibile a tutti. Il tema proposto di questo anno è infatti “Waste Water” (le acque di scarico): [...]

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

marzo 21, 2017

Conlegno celebra la Giornata Internazionale delle Foreste: “il legname illegale ha impatti sulla vita quotidiana”

Coprono una superficie di circa 4 miliardi di ettari, quasi il 31% delle terre emerse. Sono le foreste, aree che svolgono un ruolo insostituibile per il Pianeta e di cui oggi si celebra la Giornata Internazionale. Le foreste conservano la biodiversità e l’integrità del suolo, danno cibo a miliardi di persone e assorbono gran parte del [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende