Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bicincittà conquista 100 città con il bike sharing e punta sui giovani maggiorenni:

Bicincittà conquista 100 città con il bike sharing e punta sui giovani maggiorenni

agosto 23, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Mettere in sella l’Italia e gli italiani, nei loro spostamenti quotidiani. Bicincittà ha coltivato con tenacia e determinazione, dal 2004, questa visione della mobilità “green” a due ruote e oggi ha messo radici in 100 città italiane con il proprio servizio di bike sharing. Una formula di condivisione (la chiamano “sharing economy“) che ha funzionato: si è creato lavoro, generata economia pulita e contribuito alla mobilità sostenibile del nostro Paese.

Una sfida che continua, per far pedalare ogni categoria sociale e generazioni diverse. Oggi è il turno dei neo-maggiorenni con l’ultima iniziativa su base torinese Easy 18 dedicata a “ragazzi e ragazze che hanno compiuto 18 anni e che vogliono iscriversi al servizio di bike sharing [TO]BIKE per la prima volta“.

Ma chi sono i “campioni” dietro BicinCittà? Come nasce il servizio che ha conquistato, negli anni, tanti campanili del Belpaese? Ce lo ha raccontato Gianluca Pin, 46 anni, laurea in architettura, direttore commerciale dell’azienda che, come ama sottolineare, pedala dalla nascita. Una vita su due ruote per l’imprenditore della Srl del Gruppo Comunicare, che ha sede a Orbassano, in provincia di Torino.Bicincittà ha messo in sella gli italiani a partire dal 2004, siamo partiti da Cuneo, poi l’espansione in 100 città italiane che hanno scelto di pedalare con noi“. Una piccola grande rivoluzione.

Rispetto ad altre società non si limita ad operare nelle metropoli, ma ha conquistato tante piccole e medie città. Zone dove spesso mancano gli investimenti per queste attività. Intuizione formidabile, ma “è stata la scoperta dell’Uovo di Colombo” minimizza Pin. “Quasi tutti abbiamo una bici in cantina che non usiamo… Noi facciamo leva sulla bici dimenticata spingendo a superare il limite psicologico di andare a lavorare in bici”.

Ma dall’intuizione di rendere la vita più semplice ai propri concittadini bisogna poi riuscire a far arrivare il desiderio di pedale alla portata di tutti, convincerli che il bike sharing “è meglio”. E qui la ricetta migliore è l’esperienza diretta: “Quando inizio a pedalare capisco che è facile, poi arrivo prima, non pago il parcheggio, non perdo tempo, mi diverto e mi sento più libero“, chiarisce il direttore commerciale con un’analisi che ha il tratto dell’indagine psicologica. Evidentemente corretta, visto che oggi circolano 5.000 bici e si sono raggiunti i 100.000 utenti iscritti. Un network che continua a diffondersi in tutta Italia, molto bene al Nord ma pure al Sud “e non dimentichiamo le Isole”. Uno degli ultimi nastri d’inaugurazione è stato infatti tagliato ad Alghero, la città che si affaccia sulla costa occidentale della Sardegna.

Il bike sharing è molto utilizzato a Torino, ma anche a Bergamo e Padova, ovvero città di medie dimensioni – sottolinea il manager – Ci differenziamo e siamo un modello particolare nel panorama internazionale del settore. Siamo riusciti a dimostrare che anche i cittadini di questi comuni, dove spesso siamo l’unico fornitore del servizio, hanno necessità di questa offerta”.

I risultati arrivano anche grazie all’organizzazione aziendale. Il servizio viene sviluppato dalla società, si creano delle unità locali e ci si cura della gestione e manutenzione dei mezzi. Format che ha varcato anche i confini nazionali. A iniziare dalla Svizzera, dove il servizio è offerto in 20 città, poi in Spagna, a Pamplona, Inghilterra, Montenegro e tante altre terre straniere in programma, focalizzandosi, per il momento, sul mercato europeo.

Il privato sviluppa e gestisce il business, ma servono anche gli interventi pubblici, anzi “sono indispensabili” spiega Pin. “Il Ministro dell’Ambiente ha dato contributi alle città, ci aspettiamo ora un aumento di questi finanziamenti e una maggiore attenzione dei Comuni alle tante opportunità offerte dai programmi europei con i relativi finanziamenti”. “Proprio in questo momento dove gli enti stanno stringendo i cordoni della borsa – conclude il direttore commerciale – bisogna spingere su questi servizi nei nostri centri storici. Noi vogliamo essere un anello di questa catena, se c’è offerta ci sarà domanda“. Ovvero nei prossimi 10 anni ci saranno ancora tanti ciclisti da conquistare e tanto lavoro per Bicincittà.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende