Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bicincittà conquista 100 città con il bike sharing e punta sui giovani maggiorenni:

Bicincittà conquista 100 città con il bike sharing e punta sui giovani maggiorenni

agosto 23, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Mettere in sella l’Italia e gli italiani, nei loro spostamenti quotidiani. Bicincittà ha coltivato con tenacia e determinazione, dal 2004, questa visione della mobilità “green” a due ruote e oggi ha messo radici in 100 città italiane con il proprio servizio di bike sharing. Una formula di condivisione (la chiamano “sharing economy“) che ha funzionato: si è creato lavoro, generata economia pulita e contribuito alla mobilità sostenibile del nostro Paese.

Una sfida che continua, per far pedalare ogni categoria sociale e generazioni diverse. Oggi è il turno dei neo-maggiorenni con l’ultima iniziativa su base torinese Easy 18 dedicata a “ragazzi e ragazze che hanno compiuto 18 anni e che vogliono iscriversi al servizio di bike sharing [TO]BIKE per la prima volta“.

Ma chi sono i “campioni” dietro BicinCittà? Come nasce il servizio che ha conquistato, negli anni, tanti campanili del Belpaese? Ce lo ha raccontato Gianluca Pin, 46 anni, laurea in architettura, direttore commerciale dell’azienda che, come ama sottolineare, pedala dalla nascita. Una vita su due ruote per l’imprenditore della Srl del Gruppo Comunicare, che ha sede a Orbassano, in provincia di Torino.Bicincittà ha messo in sella gli italiani a partire dal 2004, siamo partiti da Cuneo, poi l’espansione in 100 città italiane che hanno scelto di pedalare con noi“. Una piccola grande rivoluzione.

Rispetto ad altre società non si limita ad operare nelle metropoli, ma ha conquistato tante piccole e medie città. Zone dove spesso mancano gli investimenti per queste attività. Intuizione formidabile, ma “è stata la scoperta dell’Uovo di Colombo” minimizza Pin. “Quasi tutti abbiamo una bici in cantina che non usiamo… Noi facciamo leva sulla bici dimenticata spingendo a superare il limite psicologico di andare a lavorare in bici”.

Ma dall’intuizione di rendere la vita più semplice ai propri concittadini bisogna poi riuscire a far arrivare il desiderio di pedale alla portata di tutti, convincerli che il bike sharing “è meglio”. E qui la ricetta migliore è l’esperienza diretta: “Quando inizio a pedalare capisco che è facile, poi arrivo prima, non pago il parcheggio, non perdo tempo, mi diverto e mi sento più libero“, chiarisce il direttore commerciale con un’analisi che ha il tratto dell’indagine psicologica. Evidentemente corretta, visto che oggi circolano 5.000 bici e si sono raggiunti i 100.000 utenti iscritti. Un network che continua a diffondersi in tutta Italia, molto bene al Nord ma pure al Sud “e non dimentichiamo le Isole”. Uno degli ultimi nastri d’inaugurazione è stato infatti tagliato ad Alghero, la città che si affaccia sulla costa occidentale della Sardegna.

Il bike sharing è molto utilizzato a Torino, ma anche a Bergamo e Padova, ovvero città di medie dimensioni – sottolinea il manager – Ci differenziamo e siamo un modello particolare nel panorama internazionale del settore. Siamo riusciti a dimostrare che anche i cittadini di questi comuni, dove spesso siamo l’unico fornitore del servizio, hanno necessità di questa offerta”.

I risultati arrivano anche grazie all’organizzazione aziendale. Il servizio viene sviluppato dalla società, si creano delle unità locali e ci si cura della gestione e manutenzione dei mezzi. Format che ha varcato anche i confini nazionali. A iniziare dalla Svizzera, dove il servizio è offerto in 20 città, poi in Spagna, a Pamplona, Inghilterra, Montenegro e tante altre terre straniere in programma, focalizzandosi, per il momento, sul mercato europeo.

Il privato sviluppa e gestisce il business, ma servono anche gli interventi pubblici, anzi “sono indispensabili” spiega Pin. “Il Ministro dell’Ambiente ha dato contributi alle città, ci aspettiamo ora un aumento di questi finanziamenti e una maggiore attenzione dei Comuni alle tante opportunità offerte dai programmi europei con i relativi finanziamenti”. “Proprio in questo momento dove gli enti stanno stringendo i cordoni della borsa – conclude il direttore commerciale – bisogna spingere su questi servizi nei nostri centri storici. Noi vogliamo essere un anello di questa catena, se c’è offerta ci sarà domanda“. Ovvero nei prossimi 10 anni ci saranno ancora tanti ciclisti da conquistare e tanto lavoro per Bicincittà.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende