Home » Off the Green »Rubriche » Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly:

Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly

aprile 14, 2017 Off the Green, Rubriche

Anche il 51° Vinitaly si è chiuso, con un grande successo di pubblico (128.000 presenze) e di business (30.200 buyers internazionali). Ottimo. Io, però, ne esco piuttosto confuso.

Quando 10 anni fa ho iniziato ad ascoltare le storie dei produttori di vino bio (e seguire il mercato del biologico in generale) mi sembrava tutto più facile e la traiettoria più lineare. L’Italia, semplicemente, non era ancora pronta a recepire il messaggio, se non in nicchie di consumatori salutisti o ambientalisti. E i produttori “convenzionali” – così come la GDO – potevano allegramente fregarsene di quei pochi “invasati” che gli rodevano quote dello zerovirgola.

Il mercato mondiale e nazionale, però, ha continuato a crescere, ogni anno, a doppia cifra e quando i soldi in ballo diventano tanti tutto inevitabilmente si complica. I convenzionali non possono più ignorare il biologico e il biodinamico o liquidarli con una battuta, sono ormai obbligati a confrontarsi, a formarsi un’opinione più strutturata in merito. E a prepararsi a rispondere alla domanda dietro l’angolo: “Ma tu, perché non fai bio?”. E qui, apriti cielo, scatta il pandemonio.

Cercherò di fare una sintesi, senza pregiudizi, delle osservazioni empiriche e delle testimonianze raccolte in fiera, anche se il compito è quantomai arduo…

Partiamo da un dato oggettivo: l’area espositiva Vinitalybio si è ancora ristretta e assomiglia sempre più a una riserva indiana, mentre sembrano godere di un leggero ma crescente favore Vi.vi.t (Vigne Vignaioli Terroir, l’area degli “artigiani” del vino che cercano l’autenticità) e F.I.V.I (la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti). Le ragioni potrebbero essere molto “italiche”: il biologico è un disciplinare, figlio di una normativa europea recepita nell’ordinamento italiano, il resto è un mood, una filosofia, che non richiede la compilazione di carte né verifiche da parte di enti certificatori. E si sa che gli Italiani sono più attratti dagli stili di vita poco regolamentati che dalle leggi… Questo non significa, tuttavia, che siano diminuiti, in fiera, i produttori bio certificati, anzi! Li si trova ovunque nei padiglioni regionali. Il punto (su cui riflettere) è che, sempre più, molti di loro non vogliono “autoghettizzarsi”, perché si sentono innanzitutto produttori di vino, poi produttori di vino di una determinata zona geografica e poi produttori di vino bio. Per loro è scontato che il biologico debba diventare la normalità, così come molti ritengono che il vero successo della green economy sarà compiuto solo quando riprenderemo a chiamarla economy e l’aggettivo green non sarà più necessario.

E a questo proposito c’è una buona notizia (non scontata): tutti, ma proprio tutti quelli con cui parlo (convenzionali e “integrati” compresi) sono d’accordo che il futuro della viticoltura debba andare nella direzione del “biologico”! Ma…un passo oltre questa dichiarazione comune di intenti si apre la voragine dei distinguo. Innanzitutto, mi ricorda, un produttore piemontese dell’area FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) “il vino si fa in vigna e non in cantina” e quindi lui può pensare, in futuro – quando ci saranno tutti i preparati necessari a sostituire i fitofarmaci attuali – di diventare biologico in vigna, ma non ci pensa nemmeno di dover certificare l’iter in cantina. In sostanza vorrebbe tornare a una normativa fa, alle vecchie etichette in cui, prima di “vino biologico“, si scriveva “vino ottenuto da uve provenienti da agricoltura biologica”… “Eh già”, ribatte un pioniere del biologico certificato, “e le chiarificazioni e il filtraggio e le altre pratiche in fase di vinificazione? “.

Ma è vero, chiedo a un altro produttore, che Gaja, di fatto, fa biologico ma non gliene frega niente di metterlo in etichetta? “Certo, sta facendo un lavoro spettacolare, addirittura in biodinamica!”. “Non mi risulta…”, controbatte il pioniere di prima.

Quello che conta è che il vino sia buono!” tuona un altro ancora. Ok, siamo tutti d’accordo, ma i trattamenti che alcuni continuano a fare in vigna solo deleteri per l’ambiente, gli spiego, e non è l’unico modo possibile per fare vino buono… “Vedrai che in cinque anni li tolgono dal mercato quei prodotti lì (i fitofarmaci, NdR), tanto le multinazionali stanno già investendo sui prodotti per l’agricoltura biologica, è sempre roba loro!“, mi risponde con un tono complottista. Un collega rincara la dose: “Anche ‘sto glifosato… sì, farà male, ma com’è che adesso è scattata la guerra? Sta a vedere che sono loro (le multinazionali, NdR) che hanno iniziato perché devono vendere altri prodotti!”.

Io non diserbo più la vigna, non c’è quasi più nessuno che lo fa“, mi tranquillizza un piemontese del Monferrato, diventato sito Unesco con Langhe Roero. Ma… (c’è sempre un ma in questi colloqui vinitalyani), “il diserbo sottofila quello lo devi fare…”. “E – mi dice un vicino di stand – guarda che anche quei metodi col vapore, mica inquinano meno! E’lentissimo, ci impieghi una vita, e alla fine quanto gasolio (del trattore, NdR) hai consumato?”.

E poi il leit motiv che torna nell’infinita diatriba tra bio e non bio: “io lavoro già da tempo moooolto sopra al disciplinare bio“, rivendica un convenzionale. “Già, e chi lo controlla? E nelle annate difficili come il 2014 cosa ha fatto?”, ribatte un biologico certificato invocando il ruolo della “parte terza” come garanzia.

Lancio una modesta proposta a chi vorrà raccoglierla: per evitare che il consumatore cada in una deprimente confusione su cosa sia effettivamente più sano, pulito e giusto, sarebbe forse ora di stimolare un maggiore confronto fuori dai recinti, tra produttori bio e non bio, così che, intanto, si conoscano e capiscano meglio tra loro, la smettano di seminare zizania e si scambino buone pratiche, nell’interesse di tutti – invece di farsi le scarpe uno con l’altro.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

gennaio 22, 2018

Sacchetti per l’ortofrutta. CSI cerca di far chiarezza sui requisiti tecnici

Il dibattito sull’obbligo dei sacchetti biodegradabili per l’acquisto di frutta e verdura sfusa nei supermercati e nei negozi, scattato il 1° gennaio 2018, non si placa e cresce la confusione tra i consumatori. Per questo il laboratorio Food-Packaging-Materials di CSI, società del Gruppo IMQ, è voluto intervenire per fornire alcune informazioni tecniche, che spiegano, ad [...]

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

gennaio 18, 2018

“IODP Expedition 374″: una nuova missione oceanografica all’Antartide per indagare i cambiamenti climatici

L’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS torna a indagare l’Antartide e i cambiamenti climatici a un anno di distanza dalla missione che aveva portato al largo del Mare di Ross l’OGS Explora, l’unica nave da ricerca di capacità oceanica con classe artica di proprietà di un ente italiano. Laura De Santis, [...]

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

gennaio 18, 2018

Una geniale “pausa caffè” all’Università di Bolzano. Ecco come riciclare le cialde

“Mai una pausa caffè fu tanto proficua. Mentre tra colleghi sorseggiavamo il nostro espresso ottenuto con una macchinetta come quelle che ora vanno di moda, sia negli uffici che nelle case, abbiamo scherzato sul senso di colpa indotto dalla mole di packaging che, caffè dopo caffè, occorre smaltire”, afferma il Prof. Matteo Scampicchio della Libera [...]

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

gennaio 16, 2018

Klimahouse Startup Award 2018: 10 finaliste del “costruire secondo natura”

Dai Concentratori Solari Luminescenti che trasformano comuni finestre in pannelli solari semitrasparenti  in grado di soddisfare  il  fabbisogno energetico di un edificio, al sistema robotizzato che velocizza il montaggio di ponteggi nei cantieri, inventato da una startup di Monaco di Baviera, fino alle mattonelle fatte di funghi sviluppate da una giovane azienda di Varese, perfette come materiale da costruzione [...]

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

gennaio 12, 2018

Stefano Boeri Architetti: a Eindhoven il “Bosco Verticale” si fa social

Lo studio Stefano Boeri Architetti prosegue nella progettazione di “boschi verticali” nel mondo: dopo i progetti di Milano, Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi – e  dopo  la  diffusione  globale  del  videoappello per  la  Forestazione  Urbana in vista del World Forum on Urban Forests di Mantova 2018 -  è arrivato nei giorni scorsi l’annuncio  del nuovo [...]

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

gennaio 11, 2018

“Mi abbatto e sono felice”. L’ecomonologo di Daniele Ronco in scena a Roma

Fino al 14 gennaio, al Teatro Belli di Roma, torna in scena, con la regia di Marco Cavicchioli, “Mi abbatto e sono felice“, l’ecomonologo di Daniele Ronco prodotto da Mulino ad Arte, vincitore di numerosi premi e ispirato al concetto di “decrescita felice” di Maurizio Pallante. “Mi abbatto e sono felice” è un monologo a [...]

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

gennaio 8, 2018

“Out of Fashion”: un percorso formativo nella moda sostenibile

Riprenderà venerdì 12 gennaio 2018 alla Fondazione Ferrè di Milano il percorso formativo di “Out of Fashion“ nell’ambito della moda sostenibile, etica e consapevole. Ideato nel 2014 da Connecting Cultures con l’ambizioso obiettivo di promuovere una nuova cultura della moda attraverso un pensiero originale e indipendente, il progetto Out of Fashion si è sviluppato attraverso l’offerta [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende