Home » Off the Green »Rubriche » Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly:

Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly

aprile 14, 2017 Off the Green, Rubriche

Anche il 51° Vinitaly si è chiuso, con un grande successo di pubblico (128.000 presenze) e di business (30.200 buyers internazionali). Ottimo. Io, però, ne esco piuttosto confuso.

Quando 10 anni fa ho iniziato ad ascoltare le storie dei produttori di vino bio (e seguire il mercato del biologico in generale) mi sembrava tutto più facile e la traiettoria più lineare. L’Italia, semplicemente, non era ancora pronta a recepire il messaggio, se non in nicchie di consumatori salutisti o ambientalisti. E i produttori “convenzionali” – così come la GDO – potevano allegramente fregarsene di quei pochi “invasati” che gli rodevano quote dello zerovirgola.

Il mercato mondiale e nazionale, però, ha continuato a crescere, ogni anno, a doppia cifra e quando i soldi in ballo diventano tanti tutto inevitabilmente si complica. I convenzionali non possono più ignorare il biologico e il biodinamico o liquidarli con una battuta, sono ormai obbligati a confrontarsi, a formarsi un’opinione più strutturata in merito. E a prepararsi a rispondere alla domanda dietro l’angolo: “Ma tu, perché non fai bio?”. E qui, apriti cielo, scatta il pandemonio.

Cercherò di fare una sintesi, senza pregiudizi, delle osservazioni empiriche e delle testimonianze raccolte in fiera, anche se il compito è quantomai arduo…

Partiamo da un dato oggettivo: l’area espositiva Vinitalybio si è ancora ristretta e assomiglia sempre più a una riserva indiana, mentre sembrano godere di un leggero ma crescente favore Vi.vi.t (Vigne Vignaioli Terroir, l’area degli “artigiani” del vino che cercano l’autenticità) e F.I.V.I (la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti). Le ragioni potrebbero essere molto “italiche”: il biologico è un disciplinare, figlio di una normativa europea recepita nell’ordinamento italiano, il resto è un mood, una filosofia, che non richiede la compilazione di carte né verifiche da parte di enti certificatori. E si sa che gli Italiani sono più attratti dagli stili di vita poco regolamentati che dalle leggi… Questo non significa, tuttavia, che siano diminuiti, in fiera, i produttori bio certificati, anzi! Li si trova ovunque nei padiglioni regionali. Il punto (su cui riflettere) è che, sempre più, molti di loro non vogliono “autoghettizzarsi”, perché si sentono innanzitutto produttori di vino, poi produttori di vino di una determinata zona geografica e poi produttori di vino bio. Per loro è scontato che il biologico debba diventare la normalità, così come molti ritengono che il vero successo della green economy sarà compiuto solo quando riprenderemo a chiamarla economy e l’aggettivo green non sarà più necessario.

E a questo proposito c’è una buona notizia (non scontata): tutti, ma proprio tutti quelli con cui parlo (convenzionali e “integrati” compresi) sono d’accordo che il futuro della viticoltura debba andare nella direzione del “biologico”! Ma…un passo oltre questa dichiarazione comune di intenti si apre la voragine dei distinguo. Innanzitutto, mi ricorda, un produttore piemontese dell’area FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) “il vino si fa in vigna e non in cantina” e quindi lui può pensare, in futuro – quando ci saranno tutti i preparati necessari a sostituire i fitofarmaci attuali – di diventare biologico in vigna, ma non ci pensa nemmeno di dover certificare l’iter in cantina. In sostanza vorrebbe tornare a una normativa fa, alle vecchie etichette in cui, prima di “vino biologico“, si scriveva “vino ottenuto da uve provenienti da agricoltura biologica”… “Eh già”, ribatte un pioniere del biologico certificato, “e le chiarificazioni e il filtraggio e le altre pratiche in fase di vinificazione? “.

Ma è vero, chiedo a un altro produttore, che Gaja, di fatto, fa biologico ma non gliene frega niente di metterlo in etichetta? “Certo, sta facendo un lavoro spettacolare, addirittura in biodinamica!”. “Non mi risulta…”, controbatte il pioniere di prima.

Quello che conta è che il vino sia buono!” tuona un altro ancora. Ok, siamo tutti d’accordo, ma i trattamenti che alcuni continuano a fare in vigna solo deleteri per l’ambiente, gli spiego, e non è l’unico modo possibile per fare vino buono… “Vedrai che in cinque anni li tolgono dal mercato quei prodotti lì (i fitofarmaci, NdR), tanto le multinazionali stanno già investendo sui prodotti per l’agricoltura biologica, è sempre roba loro!“, mi risponde con un tono complottista. Un collega rincara la dose: “Anche ‘sto glifosato… sì, farà male, ma com’è che adesso è scattata la guerra? Sta a vedere che sono loro (le multinazionali, NdR) che hanno iniziato perché devono vendere altri prodotti!”.

Io non diserbo più la vigna, non c’è quasi più nessuno che lo fa“, mi tranquillizza un piemontese del Monferrato, diventato sito Unesco con Langhe Roero. Ma… (c’è sempre un ma in questi colloqui vinitalyani), “il diserbo sottofila quello lo devi fare…”. “E – mi dice un vicino di stand – guarda che anche quei metodi col vapore, mica inquinano meno! E’lentissimo, ci impieghi una vita, e alla fine quanto gasolio (del trattore, NdR) hai consumato?”.

E poi il leit motiv che torna nell’infinita diatriba tra bio e non bio: “io lavoro già da tempo moooolto sopra al disciplinare bio“, rivendica un convenzionale. “Già, e chi lo controlla? E nelle annate difficili come il 2014 cosa ha fatto?”, ribatte un biologico certificato invocando il ruolo della “parte terza” come garanzia.

Lancio una modesta proposta a chi vorrà raccoglierla: per evitare che il consumatore cada in una deprimente confusione su cosa sia effettivamente più sano, pulito e giusto, sarebbe forse ora di stimolare un maggiore confronto fuori dai recinti, tra produttori bio e non bio, così che, intanto, si conoscano e capiscano meglio tra loro, la smettano di seminare zizania e si scambino buone pratiche, nell’interesse di tutti – invece di farsi le scarpe uno con l’altro.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

luglio 21, 2017

A Milano partono i lavori per l’asilo pubblico di CityLife

Ieri il Sindaco di Milano Giuseppe Sala e  l’Assessore Pierfrancesco Maran hanno inaugurato i lavori per la costruzione dell’asilo pubblico nell’area di CityLife, nella neonata via Demetrios Stratos. L’asilo sarà il primo realizzato interamente in legno a Milano, immerso nel nuovo grande parco urbano che, una volta ultimato, sarà di 173.000 mq complessivi e ospiterà oltre [...]

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

luglio 20, 2017

“Clothes for Love”: nei punti vendita Auchan il nuovo contenitore digitale per i vestiti usati

La tecnologia al servizio della solidarietà. Parte oggi da Milano, presso il punto vendita Simply di Viale Corsica 21, il progetto Clothes for love, a cura dell’organizzazione umanitaria HUMANA People to People Italia e in collaborazione con Auchan Retail Italia e le principali amministrazioni comunali lombarde. Il progetto prevede il posizionamento di un nuovo contenitore [...]

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

luglio 20, 2017

Binari senza tempo: riparte la “Ferrovia del Tanaro”, tra fiabe, trekking e treni storici

La storica Ferrovia del Tanaro si rimette in marcia: dopo la sospensione della circolazione ordinaria nel 2012 e la terribile ferita alluvionale del novembre 2016, la linea ferroviaria Ceva-Ormea, è di nuovo pronta a partire, grazie al progetto “Binari senza tempo” della Fondazione FS Italiane, in collaborazione con Regione Piemonte, Unione Montana Alta Valle Tanaro e il [...]

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

luglio 20, 2017

Ecoturismo in crescita: secondo una ricerca italiana online è boom delle vacanze sostenibili

Attenzione al consumo di risorse, utilizzo di fonti rinnovabili, alimentazione biologica e a km. zero e forme di mobilità condivisa. Sono solo alcune delle buone pratiche che decretano il successo di strutture e località turistiche, apprezzate dal 48% degli Italiani, che pare abbiano deciso di premiare, anche in vacanza, le iniziative con maggiore rispetto dell’ambiente. Sono [...]

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

luglio 17, 2017

Agenzia del Demanio: il 24 luglio apre il bando per la concessione gratuita di 46 immobili pubblici

L’Agenzia del Demanio e il Touring Club Italiano hanno presentato i risultati della consult@zione pubblica online del progetto “Cammini e Percorsi”, iniziativa a rete promossa da MiBACT e MIT che, nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022, punta alla riqualificazione e riuso di immobili pubblici situati lungo percorsi ciclopedonali e itinerari storico-religiosi. Il report esamina i [...]

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

luglio 17, 2017

ING Italia: la green economy in Italia è più avanzata di quanto percepito

“Lights on sustainability” è il nome dell’evento organizzato venerdì 14 luglio, a Roma, dal gruppo bancario ING Italia per celebrare i suoi dieci anni di impegno nel settore delle energie rinnovabili e per tracciare uno scenario dei principali trend della green economy e della sostenibilità, a livello globale e con un focus sull’Italia. La divisione wholesale [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende