Home » Off the Green »Rubriche » Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly:

Bio, non bio e “bio” ma non troppo. Labirintite da Vinitaly

aprile 14, 2017 Off the Green, Rubriche

Anche il 51° Vinitaly si è chiuso, con un grande successo di pubblico (128.000 presenze) e di business (30.200 buyers internazionali). Ottimo. Io, però, ne esco piuttosto confuso.

Quando 10 anni fa ho iniziato ad ascoltare le storie dei produttori di vino bio (e seguire il mercato del biologico in generale) mi sembrava tutto più facile e la traiettoria più lineare. L’Italia, semplicemente, non era ancora pronta a recepire il messaggio, se non in nicchie di consumatori salutisti o ambientalisti. E i produttori “convenzionali” – così come la GDO – potevano allegramente fregarsene di quei pochi “invasati” che gli rodevano quote dello zerovirgola.

Il mercato mondiale e nazionale, però, ha continuato a crescere, ogni anno, a doppia cifra e quando i soldi in ballo diventano tanti tutto inevitabilmente si complica. I convenzionali non possono più ignorare il biologico e il biodinamico o liquidarli con una battuta, sono ormai obbligati a confrontarsi, a formarsi un’opinione più strutturata in merito. E a prepararsi a rispondere alla domanda dietro l’angolo: “Ma tu, perché non fai bio?”. E qui, apriti cielo, scatta il pandemonio.

Cercherò di fare una sintesi, senza pregiudizi, delle osservazioni empiriche e delle testimonianze raccolte in fiera, anche se il compito è quantomai arduo…

Partiamo da un dato oggettivo: l’area espositiva Vinitalybio si è ancora ristretta e assomiglia sempre più a una riserva indiana, mentre sembrano godere di un leggero ma crescente favore Vi.vi.t (Vigne Vignaioli Terroir, l’area degli “artigiani” del vino che cercano l’autenticità) e F.I.V.I (la Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti). Le ragioni potrebbero essere molto “italiche”: il biologico è un disciplinare, figlio di una normativa europea recepita nell’ordinamento italiano, il resto è un mood, una filosofia, che non richiede la compilazione di carte né verifiche da parte di enti certificatori. E si sa che gli Italiani sono più attratti dagli stili di vita poco regolamentati che dalle leggi… Questo non significa, tuttavia, che siano diminuiti, in fiera, i produttori bio certificati, anzi! Li si trova ovunque nei padiglioni regionali. Il punto (su cui riflettere) è che, sempre più, molti di loro non vogliono “autoghettizzarsi”, perché si sentono innanzitutto produttori di vino, poi produttori di vino di una determinata zona geografica e poi produttori di vino bio. Per loro è scontato che il biologico debba diventare la normalità, così come molti ritengono che il vero successo della green economy sarà compiuto solo quando riprenderemo a chiamarla economy e l’aggettivo green non sarà più necessario.

E a questo proposito c’è una buona notizia (non scontata): tutti, ma proprio tutti quelli con cui parlo (convenzionali e “integrati” compresi) sono d’accordo che il futuro della viticoltura debba andare nella direzione del “biologico”! Ma…un passo oltre questa dichiarazione comune di intenti si apre la voragine dei distinguo. Innanzitutto, mi ricorda, un produttore piemontese dell’area FIVI (Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti) “il vino si fa in vigna e non in cantina” e quindi lui può pensare, in futuro – quando ci saranno tutti i preparati necessari a sostituire i fitofarmaci attuali – di diventare biologico in vigna, ma non ci pensa nemmeno di dover certificare l’iter in cantina. In sostanza vorrebbe tornare a una normativa fa, alle vecchie etichette in cui, prima di “vino biologico“, si scriveva “vino ottenuto da uve provenienti da agricoltura biologica”… “Eh già”, ribatte un pioniere del biologico certificato, “e le chiarificazioni e il filtraggio e le altre pratiche in fase di vinificazione? “.

Ma è vero, chiedo a un altro produttore, che Gaja, di fatto, fa biologico ma non gliene frega niente di metterlo in etichetta? “Certo, sta facendo un lavoro spettacolare, addirittura in biodinamica!”. “Non mi risulta…”, controbatte il pioniere di prima.

Quello che conta è che il vino sia buono!” tuona un altro ancora. Ok, siamo tutti d’accordo, ma i trattamenti che alcuni continuano a fare in vigna solo deleteri per l’ambiente, gli spiego, e non è l’unico modo possibile per fare vino buono… “Vedrai che in cinque anni li tolgono dal mercato quei prodotti lì (i fitofarmaci, NdR), tanto le multinazionali stanno già investendo sui prodotti per l’agricoltura biologica, è sempre roba loro!“, mi risponde con un tono complottista. Un collega rincara la dose: “Anche ‘sto glifosato… sì, farà male, ma com’è che adesso è scattata la guerra? Sta a vedere che sono loro (le multinazionali, NdR) che hanno iniziato perché devono vendere altri prodotti!”.

Io non diserbo più la vigna, non c’è quasi più nessuno che lo fa“, mi tranquillizza un piemontese del Monferrato, diventato sito Unesco con Langhe Roero. Ma… (c’è sempre un ma in questi colloqui vinitalyani), “il diserbo sottofila quello lo devi fare…”. “E – mi dice un vicino di stand – guarda che anche quei metodi col vapore, mica inquinano meno! E’lentissimo, ci impieghi una vita, e alla fine quanto gasolio (del trattore, NdR) hai consumato?”.

E poi il leit motiv che torna nell’infinita diatriba tra bio e non bio: “io lavoro già da tempo moooolto sopra al disciplinare bio“, rivendica un convenzionale. “Già, e chi lo controlla? E nelle annate difficili come il 2014 cosa ha fatto?”, ribatte un biologico certificato invocando il ruolo della “parte terza” come garanzia.

Lancio una modesta proposta a chi vorrà raccoglierla: per evitare che il consumatore cada in una deprimente confusione su cosa sia effettivamente più sano, pulito e giusto, sarebbe forse ora di stimolare un maggiore confronto fuori dai recinti, tra produttori bio e non bio, così che, intanto, si conoscano e capiscano meglio tra loro, la smettano di seminare zizania e si scambino buone pratiche, nell’interesse di tutti – invece di farsi le scarpe uno con l’altro.

Andrea Gandiglio

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

dicembre 5, 2019

Green Jobs: in libreria la nuova guida di Tessa Gelisio e Marco Gisotti

Quali sono le 100 professioni più richieste, oggi, in Italia? La risposta è nella nuovissima guida “100 green jobs per trovare lavoro”, firmata da Tessa Gelisio e Marco Gisotti – già autori nel 2008 della “Guida ai Green Jobs” – per Edizioni Ambiente (384 pagg. 18 euro), disponibile nelle librerie fisiche e digitali dal 21 novembre 2019: un vademecum per [...]

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

novembre 26, 2019

Ricerca AXA: cambiamento climatico prima preoccupazione per tre italiani su quattro

Il cambiamento climatico irrompe al primo posto in cima alla lista dei temi prioritari per gli italiani. È “il problema” per tre italiani su quattro, che pensano che abbia un impatto diretto sulla propria salute e che si tratti di una sfida collettiva con impatti sulla loro vita, a livello personale. Sono alcune delle principali evidenze [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende