Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bio Soil Expert: piante e microrganismi contro il dissesto idrogeologico:

Bio Soil Expert: piante e microrganismi contro il dissesto idrogeologico

luglio 8, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

La soluzione al dissesto idrogeologico in molti casi può arrivare dalla natura. Alberto Ferrarese, 30 anni, biotecnologo, ne era convinto e nel 2009, quando ha incontrato due ex compagni dell’università, ha deciso che era il momento per provare a dare corpo a quest’idea. Così è nata Bio Soil Expert, start up che produce piante in grado di fermare i processi di erosione del suolo, ma anche di depurarlo da metalli pesanti, pesticidi e altre sostanze inquinanti.

“Cinque anni fa io, Paolo Campostrini e Andrea Zerminiani ci siamo ritrovati. Tutti e tre eravamo specializzati in microbiologia ambientale e genetica vegetale. Per la mia tesi, avevo condotto delle attività di bonifica sperimentali sull’area ex Sloi a Trento, e mi ero appassionato all’argomento: il mio sogno era di sviluppare un sistema di piante e microganismi per migliorare lo stato dei terreni”, racconta Alberto. All’inizio Bio Soil è un progetto a cui lavorare dopo cena: i tre hanno un lavoro da dipendenti e il sistema italiano, dove scarseggiano finanziamenti per le idee innovative, impone di lavorare il doppio per mantenersi e correre dietro ai propri sogni. “Per un anno e mezzo abbiamo lavorato al business plan e fatto un’attività di Ricerca e sviluppo interna, con esperimenti nel campo della famiglia di uno di noi e nel giardino di casa”.

L’impegno paga e nel 2011 “FitoBioRemedio”, sistema che sfrutta consorzi di piante e microrganismi utili per la bonifica di terreni contaminati, arriva primo a D2T, la business plan competititon della Provincia Autonoma di Trento. Grazie al premio di 50.000 euro, nel 2012 può nascere così la società, oggi ospitata presso l’incubatore e hub della green economy Progetto Manifattura di Rovereto.

In collaborazione con l’Università di Verona, che ha curato alcune parti della ricerca per mettere a punto i prodotti finali – per esempio, la selezione dei batteri – nel 2012 è arrivato il primo prodotto: “La prima idea era quella di piante per la bonifica, ma nel 2011 c’erano state grosse alluvioni, e allora abbiamo deciso di focalizzarci inizialmente su dissesto idrogeologico. Così nasce Erosion-5,  che unisce piante erbacee autoctone e microrganismi: “I batteri, agendo in sinergia con le piante, aumentano di molto la capacità di proliferazione delle radici, garantendo una crescita ampia e capillare. L’effetto immediato è un aumento della stabilità del terreno”. La soluzione è adatta per piste da sci, crinali montani, argini, rampe autostradali: “Lavoriamo sul primo metro di terreno, cercando di prevenire il fenomeno del dissesto superficiale, molto diffuso in Italia. Già dopo due settimane, si fa fatica a strappare la pianta, dopo quattro mesi si vedono già i primi miglioramenti in termini di stabilità”. Per adesso, il sistema è stato installato su circa 2.000 metri quadrati, per conto di Province, uffici del genio civile, consorzi di bonifica in Trentino, Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna. “Ma stiamo contattando anche le Regioni del Sud Italia, perché il problema riguarda tutto il nostro Paese”.

Quest’anno l’azienda ha invece lanciato Agri-Biobed, un sistema filtrante biologico che sfrutta particolari capacità di piante e microrganismi per la degradazione e l’assorbimento dei residui fitosanitari e dei metalli pesanti spesso presenti nei formulati per l’agricoltura convenzionale. L’obiettivo è soprattutto quello di ridurre l’impatto ambientale delle cosiddette “perdite dirette” di pesticidi, da cui secondo alcuni studi dipende più del 50% dell’inquinamento da essi causato: fuoriuscite in fase di riempimento delle botti, perdite dei macchinari adibiti allo spargimento, residui non pompabili, acque di lavaggio e risciacquo. “Stiamo studiando anche prodotti per la fito-remediation, in grado cioè di assorbire e degradare idrocarburi, diossine, metalli pesanti e altre sostanze nocive presenti nei terreni, per sanificarli. Il nostro obiettivo è provare a sostituire le classiche tecniche di ingegneria ambientale con le piante: una questione prima di tutto culturale che fa ancora un po’ fatica a farsi strada. Le nuove soluzioni le presenteremo a novembre a Ecomondo“.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende