Home » Bollettino Europa »Rubriche » Biocarburanti: un documentario contro gli “effetti collaterali” della prima generazione:

Biocarburanti: un documentario contro gli “effetti collaterali” della prima generazione

gennaio 26, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

Come un sogno che sembrava avverarsi, i vantaggi dei biocarburanti dovevano essere la mossa che avrebbe dato scacco matto alle emissioni di CO2, creando nuovi mercati meno dipendenti dalle importazioni di petrolio estero e rafforzando, al tempo stesso, la sicurezza energetica. Così, nel 2003, l’Unione Europea ha iniziato a mettere in atto una serie di misure per sostituire progressivamente i tradizionali carburanti diesel e benzina utilizzati nei nostri mezzi di trasporto con i biocarburanti. Ora, più di 10 anni dopo, quello a cui si assiste è il cosiddetto “effetto farfalla” indotto da queste fonti. O meglio, dall’uso distorto che se ne è fatto. Invece di ridurre l’impatto ambientale complessivo, la legislazione ha accelerato la deforestazione in alcune aree del pianeta e ha portato ad un aumento dei prezzi alimentari a livello mondiale.

Il quadro appena descritto è sintetizzato in un Web documentario - commissionato da BirdLife Europe, European Environmental Bureau (EEB) e Transport & Environment (T&E) – che esplora come l’Unione Europea non sia finora riuscita nella decarbonizzazione dei trasporti attraverso i biocarburanti – almeno quelli “di prima generazione“.

Il documentario è formato da quattro capitoli che coprono altrettanti aspetti della riforma sui biocarburanti dell’UE. Il primo riguarda come alcuni di questi siano responsabili della deforestazione rendendoli potenzialmente dannosi per il clima quanto i combustibili fossili (anche se rimarrebbero da comparare gli effetti sulla salute umana dei due diversi residui di combustione…). Il secondo indaga l’impatto sociale dei biofuel. Il loro effetto sui prezzi alimentari a livello mondiale, l’uso del suolo e il land grabbing, il fenomeno di acquisizione su larga scala di terreni agricoli in paesi in via di sviluppo, mediante affitto o acquisto di grandi estensioni. Le ultime due parti riguardano, invece, la battaglia delle lobby a Bruxelles e le posizioni politiche attuali di ciascuna delle tre istituzioni dell’Unione Europea.

Il documentario esce in occasione del primo dibattito che il Parlamento Europeo ospita sul tema della riforma dei biocarburanti. In settimana saranno presentati gli emendamenti ed il voto in Commissione Ambiente è previsto per la seconda metà di febbraio. Bisognerà, poi aspettare aprile per la decisione in Plenaria.

Tutto è iniziato più di dieci anni fa, quando l’UE ha introdotto la prima Direttiva sui biofuel con un obiettivo indicativo del 5,75% di questo tipo di carburanti nei trasporti entro il 2010. Questo traguardo è stato successivamente rafforzato nella Direttiva sulle Energie Rinnovabili, che prevede che entro il 2020 una quota minima del 10% dell’energia complessivamente consumata nel settore dei trasporti debba essere rappresentata da biocarburanti.

Ciò che a molti sembrava una buona idea – anche se una parte del mondo ambientalista e scientifico era scettico fin dall’inizio – si è rivelato avere conseguenze impreviste, come mostrato nel documentario. Questo accumulo di “prove” sul possibile impatto negativo della politica dei biocarburanti ha portato dunque ad una revisione da parte della Commissione già nell’ottobre 2012. Quella che verrà discussa dal Parlamento è, infatti, una proposta di Direttiva per limitare le emissioni di CO2 generate dal cambiamento di utilizzo del suolo, come ad esempio la distruzione di foreste, per far posto alle piantagioni di biocarburanti convenzionali, o lo spostamento della coltivazione del cibo altrove perché l’offerta rimanga almeno costante, il che aumenterebbe il conto complessivo delle emissioni. Quello, cioè, che in poche parole si chiama “Indirect land-use change” (Iluc).

Il testo in discussione limita a una soglia massima del 7% la porzione di biocarburanti di prima generazione, ossia quelli prodotti mediante coltivazioni agricole, sul totale dell’energia consumata dal settore dei trasporti. Le nuove misure incoraggiano invece il passaggio verso la seconda e terza generazione di biocarburanti, ossia quelli prodotti con materiale vegetale riciclato, che hanno un impatto ambientale completamente diverso. Vengono pertanto proposti incentivi in questa nuova direzione e l’obbligo per gli Stati membri di impostare obiettivi nazionali che assicurino che i biocarburanti “avanzati” rappresentino almeno lo 0,5% della quota del 10% riservata alle rinnovabili nel complessivo consumo energetico prodotto dal settore dei trasporti.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende