Home » Bollettino Europa »Rubriche » Biodiversità europea a rischio. Il braccio di ferro sulla revisione di due Direttive chiave:

Biodiversità europea a rischio. Il braccio di ferro sulla revisione di due Direttive chiave

maggio 18, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

La Commissione Europea è impegnata nella revisione di due direttive chiave dal punto di vista naturalistico: Habitat e Uccelli, fra le più importanti al mondo in termini di tutela di animali, piante e habitat, dall’estinzione.

In difesa di queste due fondamentali normative gli ambientalisti europei si sono mobilitati lanciando una campagna online dal titolo “Allarme natura”, Oltre 100 organizzazioni non governative hanno unito le forze per consentire ai cittadini di partecipare alla consultazione pubblica che l’Esecutivo UE ha lanciato proprio in occasione delle previste riforme. Unica occasione per i cittadini di esprimere la propria opinione durante la valutazione tecnica della Commissione. C’è tempo fino al prossimo 24 luglio, mentre ad ottobre è prevista una conferenza ad hoc con i risultati preliminari della valutazione.

Le organizzazioni ecologiste, tra cui  WWF, BirdLife, European Environmental Bureau e Friends of the Earth Europe, temono che Bruxelles abbia intenzione di indebolire, più che di migliorare, le norme esistenti. Per questo si battono perché le attuali regole vengano almeno mantenute, meglio applicate e fatte rispettare. Grazie ad esse, infatti, l’Europa conta oggi sulla più estesa rete di aree protette al mondo, Natura 2000, che copre un quinto della superficie terrestre e il 4% delle aree marine dell’UE. E che ha messo al riparo dall’estinzione molte popolazioni di uccelli e i grandi mammiferi, come orsi bruni e lupi.

Il WWF ha combattuto per oltre 30 anni per assicurarsi che l’Europa avesse leggi di tutela della natura con standard di livello mondiale. Non possiamo lasciare che questa eredità venga distrutta, per questo ora parte un appello popolare per mantenere viva la natura“. Ha dichiarato Tony Long, direttore dell’ufficio regionale del WWF.

Dal canto suo il Commissario Europeo all’Ambiente, Karmenu Vella, risponde alla preoccupazioni delle ONG dicendo che le Direttive Habitat e Uccelli costituiscono una pietra miliare della politica di conservazione dell’Europa e garantisce che non ci sarà un ridimensionamento degli obiettivi delle norme, e che quindi non verranno messe in discussione.

Certo è che non solo non dovrebbero essere ritoccate, ma sempre più implementate. Visto che, dando uno sguardo al rapporto sullo “Stato della natura nell’UE” – lo studio più completo sulla fauna selvatica e l’ambiente naturale in Europa mai prodotto – emerge un quadro di drammatico declino tra le specie aviarie una volta comuni come l’allodola e tortora, soprattutto a causa delle pressioni agricole e di politiche di uso del suolo non sostenibili. Un uccello su tre è in pericolo, senza contare 10 di specie di api selvatiche, e il documento avverte anche che gli ecosistemi stanno lottando per far fronte alle conseguenze dell’attività umana.

Individuata soprattutto nell’agricoltura intensiva e nelle modifiche al terreno naturale, le più grandi minacce per la flora e la fauna. L’agricoltura rappresenta infatti i due terzi di uso del suolo dell’UE. La distruzione e la conversione di habitat naturali, unita all’uso di pesticidi ha decimato intere specie animali. Le monocolture, i cambiamenti nei regimi di pascolo, e la rimozione di vegetazione naturale hanno poi aggravato la situazione. Senza contare le modifiche a corsi d’acqua, la caccia, la cattura, l’avvelenamento e il bracconaggio come minacce specifiche alla avifauna. La perdita di biodiversità nell’UE è stimata in 450 miliardi di euro all’anno, pari al 3% del PIL.

Di 804 habitat naturali valutati dall’Agenzia Europea dell’Ambiente per il rapporto, il 77% è stato considerato in cattive condizioni. Solo il 4% ha visto alcuni miglioramenti.

La regione delle Alpi è identificata come una zona relativamente ben conservata. Ma il ‘Boreal’ (Norvegia, Finlandia e Paesi Baltici) e l’’Atlantic’ (Regno Unito, Francia occidentale, Danimarca e Benelux), emergono come zone dove la biodiversità è in pericolo.

Da ricordare, infine, che l’Unione Europea ha sei obiettivi di biodiversità per il 2020 che coprono l’applicazione legislativa, la protezione degli ecosistemi, la migliore sostenibilità dell’agricoltura e della silvicoltura, i controlli sulle specie invasive e la prevenzione della perdita di biodiversità a livello mondiale.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende