Home » Bollettino Europa »Rubriche » Biodiversità europea a rischio. Il braccio di ferro sulla revisione di due Direttive chiave:

Biodiversità europea a rischio. Il braccio di ferro sulla revisione di due Direttive chiave

maggio 18, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

La Commissione Europea è impegnata nella revisione di due direttive chiave dal punto di vista naturalistico: Habitat e Uccelli, fra le più importanti al mondo in termini di tutela di animali, piante e habitat, dall’estinzione.

In difesa di queste due fondamentali normative gli ambientalisti europei si sono mobilitati lanciando una campagna online dal titolo “Allarme natura”, Oltre 100 organizzazioni non governative hanno unito le forze per consentire ai cittadini di partecipare alla consultazione pubblica che l’Esecutivo UE ha lanciato proprio in occasione delle previste riforme. Unica occasione per i cittadini di esprimere la propria opinione durante la valutazione tecnica della Commissione. C’è tempo fino al prossimo 24 luglio, mentre ad ottobre è prevista una conferenza ad hoc con i risultati preliminari della valutazione.

Le organizzazioni ecologiste, tra cui  WWF, BirdLife, European Environmental Bureau e Friends of the Earth Europe, temono che Bruxelles abbia intenzione di indebolire, più che di migliorare, le norme esistenti. Per questo si battono perché le attuali regole vengano almeno mantenute, meglio applicate e fatte rispettare. Grazie ad esse, infatti, l’Europa conta oggi sulla più estesa rete di aree protette al mondo, Natura 2000, che copre un quinto della superficie terrestre e il 4% delle aree marine dell’UE. E che ha messo al riparo dall’estinzione molte popolazioni di uccelli e i grandi mammiferi, come orsi bruni e lupi.

Il WWF ha combattuto per oltre 30 anni per assicurarsi che l’Europa avesse leggi di tutela della natura con standard di livello mondiale. Non possiamo lasciare che questa eredità venga distrutta, per questo ora parte un appello popolare per mantenere viva la natura“. Ha dichiarato Tony Long, direttore dell’ufficio regionale del WWF.

Dal canto suo il Commissario Europeo all’Ambiente, Karmenu Vella, risponde alla preoccupazioni delle ONG dicendo che le Direttive Habitat e Uccelli costituiscono una pietra miliare della politica di conservazione dell’Europa e garantisce che non ci sarà un ridimensionamento degli obiettivi delle norme, e che quindi non verranno messe in discussione.

Certo è che non solo non dovrebbero essere ritoccate, ma sempre più implementate. Visto che, dando uno sguardo al rapporto sullo “Stato della natura nell’UE” – lo studio più completo sulla fauna selvatica e l’ambiente naturale in Europa mai prodotto – emerge un quadro di drammatico declino tra le specie aviarie una volta comuni come l’allodola e tortora, soprattutto a causa delle pressioni agricole e di politiche di uso del suolo non sostenibili. Un uccello su tre è in pericolo, senza contare 10 di specie di api selvatiche, e il documento avverte anche che gli ecosistemi stanno lottando per far fronte alle conseguenze dell’attività umana.

Individuata soprattutto nell’agricoltura intensiva e nelle modifiche al terreno naturale, le più grandi minacce per la flora e la fauna. L’agricoltura rappresenta infatti i due terzi di uso del suolo dell’UE. La distruzione e la conversione di habitat naturali, unita all’uso di pesticidi ha decimato intere specie animali. Le monocolture, i cambiamenti nei regimi di pascolo, e la rimozione di vegetazione naturale hanno poi aggravato la situazione. Senza contare le modifiche a corsi d’acqua, la caccia, la cattura, l’avvelenamento e il bracconaggio come minacce specifiche alla avifauna. La perdita di biodiversità nell’UE è stimata in 450 miliardi di euro all’anno, pari al 3% del PIL.

Di 804 habitat naturali valutati dall’Agenzia Europea dell’Ambiente per il rapporto, il 77% è stato considerato in cattive condizioni. Solo il 4% ha visto alcuni miglioramenti.

La regione delle Alpi è identificata come una zona relativamente ben conservata. Ma il ‘Boreal’ (Norvegia, Finlandia e Paesi Baltici) e l’’Atlantic’ (Regno Unito, Francia occidentale, Danimarca e Benelux), emergono come zone dove la biodiversità è in pericolo.

Da ricordare, infine, che l’Unione Europea ha sei obiettivi di biodiversità per il 2020 che coprono l’applicazione legislativa, la protezione degli ecosistemi, la migliore sostenibilità dell’agricoltura e della silvicoltura, i controlli sulle specie invasive e la prevenzione della perdita di biodiversità a livello mondiale.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

gennaio 30, 2018

Greenpeace: “è criminale non agire contro lo smog”. Azione dimostrativa a Bruxelles

Attivisti di Greenpeace sono entrati in azione stamattina a Bruxelles, scoprendo il loro petto e mostrando un lavoro di body art che ritrae i loro polmoni, per chiedere aria pulita e provvedimenti contro lo smog ai Paesi convocati d’urgenza oggi dal Commissario europeo per l’ambiente Karmenu Vella. Nel 2017 la Commissione europea aveva già messo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende