Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bioecopest, il nemico naturale degli insetti:

Bioecopest, il nemico naturale degli insetti

settembre 14, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

Eliminare gli insetti nocivi con un nemico naturale: un batterio o un virus per loro letale, ma innocuo per l’uomo. Per adesso si tratta di una strategia o poco più; tanti prodotti sono in via di sperimentazione. Ma in un futuro prossimo, una rivoluzione dell’agricoltura potrebbe partire proprio da qui. Da una scoperta cioè che consentirà anche alle grandi aziende agricole di utilizzare meno pesticidi, e forse gradualmente di abbandonarli. Negli Stati Uniti alcuni laboratori hanno già isolato e immesso sul mercato in specifici “formulati” un batterio che attacca le larve di lepidotteri. In Italia la materia si studia nelle università, ma la prima azienda di biotecnologie applicate al controllo degli organismi nocivi è stata fondata nel 2010 nel Parco Tecnologico della Sardegna, vicino ad Alghero, da Luca Ruiu , ricercatore trentacinquenne. 

Bioecopest Srl, come dice il nome, ricerca, sviluppa e commercializza prodotti naturali  ecocompatibili e consentiti in agricoltura biologica per il contenimento di insetti, funghi, batteri  ed altri organismi nocivi (in inglese “pest”). La modalità di base è sempre la stessa: isolare batteri letali per gli insetti nocivi e utilizzarli come principi attivi di prodotti da utilizzare al posto dei comuni pesticidi.

Il laboratorio, spin off sostenuto dall’Università di Sassari, ha già all’attivo un brevetto e sta lavorando al secondo: «Sul secondo brevetto non posso dire ancora niente per motivi di segreto industriale. Il primo è invece un prodotto per il controllo delle mosche delle stalle, quelle comuni che conosciamo tutti. In questo momento è in fase di autorizzazione pre-commerciale da parte del Ministero della Sanità e contiamo di lanciarlo sul mercato statunitense tra due-tre anni e su quello europeo tra tre o quattro», spiega Ruiu. Tempi apparentemente lunghi che però, sottolinea «sono quelli delle biotecnologie. Pensi che per sviluppare un medicinale ci vogliono dieci anni».

I riscontri positivi non si sono fatti attendere e l’azienda ha già ottenuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio Nazionale per l’Innovazione 2009, consegnato dal presidente della Repubblica Napolitano, e il premio del concorso Il talento delle Idee, organizzato da Unicredit. Se gli si chiede come ha avuto l’idea di fondare un’azienda così innovativa, la sua risposta è semplice: «Ho sempre studiato questo», dice Ruiu, che dopo la laurea a Sassari ha fatto un dottorato in Entomologia Agraria (la scienza che studia gli insetti) a Perugia e ha studiato per un periodo a Cambridge. Ma la vera occasione è arrivata nel 2008 con il Fullbright Best, un programma di scambio culturale promosso dall’Ambasciata Americana a Roma e rivolto a giovani scienziati che abbiano un progetto imprenditoriale basato su innovazione e trasferimento tecnologico. Grazie al progetto, Ruiu sbarca nella Silicon Valley, gira tra le università di Berkeley, Stanford e Santa Clara e apprende un modello di impresa da replicare in Italia. E qui, appena arrivato, dà vita a Bioecopest.

Le prospettive per il futuro sono positive: «Solo il mercato del biologico vale oggi a livello mondiale 40 miliardi di euro, pari al 5% dell’intero mercato agricolo, ed è in costante crescita. Inoltre, i nostri prodotti sono destinati anche alle aziende convenzionali, visto che dal 2014, secondo una norma europea, sarà obbligatorio integrare i pesticidi chimici con metodi di controllo biologico degli insetti nocivi. Sicuramente in alcuni Paesi saranno chieste delle deroghe, ma le opportunità che si aprono sembrano interessanti». Bioecopest è seguita da vicino da diversi investitori italiani e stranieri, e ha anche ricevuto offerte di collaborazione da alcune multinazionali del settore.

Nell’azienda lavorano attualmente nove persone, di cui quattro impiegate costantemente in laboratorio: «Collezioniamo i microrganismi e studiamo quelli che ci sembrano più efficaci come principi attivi. La nostra attività di ricerca non si ferma mai. Siamo anche in contatto continuo con l’università di Sassari, perché ci sembra importante non staccarci da un luogo in cui si fa la ricerca di base». Una volta sviluppati, assicura Ruiu, i biopesticidi  saranno convenienti per gli agricoltori e sicuri per l’uomo, gli animali e l’ambiente. Se da una parte consentiranno di eliminare il fenomeno delle specie resistenti ai pesticidi chimici, dall’altra non faranno scomparire del tutto questi organismi e rispetteranno gli equilibri dell’ecosistema, compresa la salvaguardia degli altri nemici naturali degli insetti in questione, già presenti nell’ambiente.

Veronica Ulivieri

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende