Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Biolab: i piatti pronti biologici alla conquista dell’Europa:

Biolab: i piatti pronti biologici alla conquista dell’Europa

febbraio 26, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Via dei Vegetariani numero 2. Biolab, azienda goriziana nata nel 1991, “prima ancora dei regolamenti comunitari sul biologico”, come precisa il suo fondatore Massimo Santinelli, è partita alla conquista dei mercati europei, con un indirizzo dello stabilimento che è tutto un programma. Dopo essersi dedicata per un decennio e mezzo alla produzione di soia e derivati, cinque anni fa Biolab si è specializzata in piatti pronti biologici a base vegetale e ingredienti vegetariani e vegani di qualità, a filiera spesso nazionale e in certi casi locale, e senza l’uso di olio di palma. Con ottimi risultati “anticiclici”: mentre nel 2013, secondo l’Osservatorio Federconsumatori, i consumi alimentari in generale si sono ridotti del 4,6%, l’azienda goriziana ha avuto una crescita quasi del 70%, passando dai 3,290 milioni di fatturato del 2012 ai 5,5 milioni dell’anno che si è appena chiuso, il doppio rispetto a tre anni fa. “Abbiamo avuto già una prima avvisaglia nel 2001, quando è scoppiato il caso mucca pacca. Poi, soprattutto da cinque anni a questa parte, osserviamo ogni anno percentuali importanti di crescita: i consumi stanno cambiando, le persone mangiano meno carne e scelgono sempre di più alimenti vegetali”.

Oggi vegetariani e vegani sono, secondo l’Eurispes, il 7,1% della popolazione, che fa circa 4 milioni di persone. Un mercato in crescita, fatto di consumatori che non si accontentano più solo di tofu o seitan alla piastra, ma vogliono scoprire sapori diversi, o riscoprire quelli tradizionali. Oltre a polpettine di miglio,grano saraceno, avena, cous cous e ai veganburger, infatti, Biolab propone,  rivisitati, i piatti tipici della tradizione italiana. “Fra le referenze più vendute ci sono proprio il ragù di soia alla bolognese, lo spezzatino vegetale e la cotoletta, tutti vegani. Per questo motivo poniamo grande attenzione alla ricerca di ricette che coniughino qualità e sapore, grazie alla professionalità dello chef che collaborava da tempo con noi e che ora è entrato a far parte del nostro staff”.  Nel 2013 l’azienda ha lanciato otto nuovi prodotti, fra cui il Frico, una specie di tortino di formaggio e patate tipico della tradizione friulana, o le panariselle, mozzarelline vegan a base di latte di riso impanate. Altre cinque novità arriveranno nei banchi frigo entro maggio. Tra questi, anche un veg-cordon bleu. Inoltre, l’azienda sta rilanciando un particolare radicchio friulano, con il marchio La Rosa di Gorizia.

Prodotti che, nelle intenzioni di Biolab dovrebbero raggiungere presto anche i consumatori di altri Paesi europei, e sono già presenti sul mercato della Germania, dove alla fine dell’anno scorso il colosso della distribuzione Dennree ha inserito nel proprio catalogo tre referenze dell’azienda goriziana. All’impegno per l’internazionalizzazione corrisponde quello per una filiera sempre più locale e, di conseguenza, maggiormente controllabile e tracciabile.  “Il 30% della soia gialla biologica che usiamo è friulana, il resto viene da altre regioni italiane – continua Santinelli – e il nostro obiettivo è che entro il 2016 tutto il nostro fabbisogno sia coperto da coltivazioni del Friuli Venezia Giulia. Stiamo stimolando gli agricoltori a coltivare con metodo biologico, non è molto facile convincerli, ma sono tenace e paziente, fiducioso che ce la faremo”. Le verdure biologiche vengono dall’Italia, l’olio extravergine d’oliva dall’area mediterranea. Quest’ultimo ha sostituito, insieme a quello di girasole, l’olio di palma: “In passato lo abbiamo usato, ma quando siamo venuti a conoscenza dei danni ambientali che causa la sua produzione, lo abbiamo eliminato”.

Il tentativo è conciliare la qualità con un prezzo sostenibile per i consumatori: “Un nostro piatto costa in media 3 o 4 euro. Partiamo sempre dal prezzo e, andando a ritroso, valutiamo gli ingredienti. La crescita degli ultimi anni ci sta permettendo di offrire prodotti con ingredienti di alta qualità a prezzi accessibili per i consumatori”, grazie all’economia di scala. Non senza sensibilizzare le persone a un modo di alimentarsi differente: nel 2010 l’azienda ha lanciato il Festival Vegetariano, diventato in pochi anni il principale evento italiano dedicato al vegetarismo, con 40.000 visitatori nel 2013.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende