Home » Bollettino Europa »Rubriche » Biologico: parte la riforma della normativa europea:

Biologico: parte la riforma della normativa europea

marzo 31, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

La tanto attesa riforma del biologico in Europa ha preso il via. È solo il primo passo (conosciamo bene il lungo e complicato percorso delle leggi a livello UE), ma la proposta della Commissione è una decisione importante, in un settore ormai chiave in cui le norme devono essere aggiornate e adeguate per consentirne lo sviluppo ulteriore e far fronte alle sfide future. Visto che si tratta di un comparto intrecciato con molte politiche comunitarie: dall’agricoltura, ai consumatori; fino alla salute dei cittadini.

Un documento, quello presentata dall’Esecutivo di Bruxelles, che affronta svariati aspetti che si possono riassumere in tre obiettivi principali: mantenere la fiducia dei consumatori e dei produttori e facilitare il passaggio degli agricoltori alla produzione biologica. Cercando di colmare le lacune del sistema attuale.

Innanzitutto la proposta sancisce – come richiesto da più del 90% dei cittadini europei – che il biologico è, per definizione, privo di OGM. Tuttavia, ai fini dell’etichettatura, è tollerata una presenza accidentale e non intenzionale di questo tipo di organismi autorizzati sul territorio dell’Unione. Precisamente, lo 0,9% per ingrediente, con l’obbligo però di individuarne la causa della presenza. Il logo bio sugli alimenti trasformati garantisce inoltre che almeno il 95% degli ingredienti del prodotto sia biologico. Sarà consentito anche l’utilizzo di loghi nazionali a fianco di quello europeo. La presenza di residui di pesticidi, invece, sarà armonizzata a livello UE, per permettere una concorrenza leale tra Stati Membri. A ciò si aggiunge il fatto che, dall’entrata in vigore della riforma, il 100% dei mangimi utilizzati dovrà essere bio. Senza contare che nell’allevamento non sarà più permesso, nella fase finale dell’ingrasso, mantenere fermo il bestiame nelle stalle.

Scompaiono (finalmente, ci verrebbe da dire!) le aziende agricole miste, dove una parte di produzione è biologica e una parte no, per favorirne controlli. I quali saranno rafforzati, visto che verranno estesi a tutta la filiera senza eccezione, dai produttori ai trasformatori ai distributori. Decade così la deroga alla distribuzione per i prodotti preconfezionati. Inoltre, per il futuro dovranno essere conformi alle regole europee anche i prodotti provenienti da Paesi Terzi. Nel capitolo sugli accordi internazionali si legge, poi, che la Commissione ha la possibilità di negoziare l’export europeo di prodotti bio e non solo le importazioni, come avviene ora.

Interessante notare che i piccoli produttori, con aziende che non superano i cinque ettari, avranno la possibilità di convertirsi al biologico aderendo ad un regime di certificazione di gruppo.

Infine, per quanto riguarda la riconversione retroattiva a bio, non sarà più possibile ottenerla, salvo per le terre non coltivate per la durata della riconversione che è fissata a due anni per pascoli e culture arabili e a tre anni per le colture permanenti, come i frutteti e vigneti. Anche per il settore dell’acquacultura è vietata la riconversione retroattiva, ma si prevede di estendere al 2021 la deroga.

Il tutto è accompagnato dal tentativo di semplificazione della legislazione per ridurre i costi amministrativi a carico degli agricoltori e migliorare la trasparenza. Per quanto riguarda l’applicazione delle novità è previsto, in ogni caso, un periodo transitorio fino al 2021 per le sementi e per gli animali da riproduzione. Per gli altri settori la riforma dovrebbe essere operativa nel 2017. Il documento sarà ora trasmessa al Parlamento Europeo e al Consiglio. Nel frattempo, per aiutare agricoltori, produttori e commercianti ad adeguarsi alla proposta di riforma, la Commissione ha approvato un piano d’azione per il futuro della produzione biologica in Europa. Il piano prevede una migliore informazione degli agricoltori sulle iniziative in materia di sviluppo rurale e di politica agricola dell’UE a favore dell’agricoltura biologica, un rafforzamento dei legami tra i progetti di ricerca e innovazione, nonché sugli incentivi all’uso di alimenti biologici, ad esempio nelle scuole.

La riforma del settore rappresenterebbe inoltre, secondo le dichiarazioni ufficiali, una delle grandi priorità di politica agricola del semestre di presidenza italiano dell’UE che inizia il primo luglio.

“La produzione biologica in Europa deve crescere mantenendo un alto livello di eccellenza, che ha fatto il successo del settore”. Così il Commissario Europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos, ha commentato la proposta. Parole pronunciate anche alla luce dei dati. Il consumo di prodotti biologici in Europa è quadruplicato in dieci anni. Ma il successo di questo tipo di alimenti non finisce qui. Ogni anno mezzo milione di ettari di terreno agricolo nell’UE viene convertito a produzione biologica. Nella sola Italia la superficie è cresciuta del 6,4% tra il 2011 e il 2012. Non a caso il nostro Paese è tra i leader europei e mondiali. Tuttavia, gli agricoltori sono bene lontani dal soddisfare le richieste dei consumatori, che devono accontentarsi del biologico importato, con standard qualitativi non sempre conformi alle rigide regole europee. La produzione interna è, infatti, appena raddoppiata. A beneficiare dell’aumento dei consumi non sono stati quindi i produttori europei, ma quelli mondiali, che spesso esportano nell’UE senza veramente rispettare gli alti standard di produzione comunitari. Per questo la proposta mira a rivedere gli accordi internazionali.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende