Home » Bollettino Europa »Rubriche » Biologico: parte la riforma della normativa europea:

Biologico: parte la riforma della normativa europea

marzo 31, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

La tanto attesa riforma del biologico in Europa ha preso il via. È solo il primo passo (conosciamo bene il lungo e complicato percorso delle leggi a livello UE), ma la proposta della Commissione è una decisione importante, in un settore ormai chiave in cui le norme devono essere aggiornate e adeguate per consentirne lo sviluppo ulteriore e far fronte alle sfide future. Visto che si tratta di un comparto intrecciato con molte politiche comunitarie: dall’agricoltura, ai consumatori; fino alla salute dei cittadini.

Un documento, quello presentata dall’Esecutivo di Bruxelles, che affronta svariati aspetti che si possono riassumere in tre obiettivi principali: mantenere la fiducia dei consumatori e dei produttori e facilitare il passaggio degli agricoltori alla produzione biologica. Cercando di colmare le lacune del sistema attuale.

Innanzitutto la proposta sancisce – come richiesto da più del 90% dei cittadini europei – che il biologico è, per definizione, privo di OGM. Tuttavia, ai fini dell’etichettatura, è tollerata una presenza accidentale e non intenzionale di questo tipo di organismi autorizzati sul territorio dell’Unione. Precisamente, lo 0,9% per ingrediente, con l’obbligo però di individuarne la causa della presenza. Il logo bio sugli alimenti trasformati garantisce inoltre che almeno il 95% degli ingredienti del prodotto sia biologico. Sarà consentito anche l’utilizzo di loghi nazionali a fianco di quello europeo. La presenza di residui di pesticidi, invece, sarà armonizzata a livello UE, per permettere una concorrenza leale tra Stati Membri. A ciò si aggiunge il fatto che, dall’entrata in vigore della riforma, il 100% dei mangimi utilizzati dovrà essere bio. Senza contare che nell’allevamento non sarà più permesso, nella fase finale dell’ingrasso, mantenere fermo il bestiame nelle stalle.

Scompaiono (finalmente, ci verrebbe da dire!) le aziende agricole miste, dove una parte di produzione è biologica e una parte no, per favorirne controlli. I quali saranno rafforzati, visto che verranno estesi a tutta la filiera senza eccezione, dai produttori ai trasformatori ai distributori. Decade così la deroga alla distribuzione per i prodotti preconfezionati. Inoltre, per il futuro dovranno essere conformi alle regole europee anche i prodotti provenienti da Paesi Terzi. Nel capitolo sugli accordi internazionali si legge, poi, che la Commissione ha la possibilità di negoziare l’export europeo di prodotti bio e non solo le importazioni, come avviene ora.

Interessante notare che i piccoli produttori, con aziende che non superano i cinque ettari, avranno la possibilità di convertirsi al biologico aderendo ad un regime di certificazione di gruppo.

Infine, per quanto riguarda la riconversione retroattiva a bio, non sarà più possibile ottenerla, salvo per le terre non coltivate per la durata della riconversione che è fissata a due anni per pascoli e culture arabili e a tre anni per le colture permanenti, come i frutteti e vigneti. Anche per il settore dell’acquacultura è vietata la riconversione retroattiva, ma si prevede di estendere al 2021 la deroga.

Il tutto è accompagnato dal tentativo di semplificazione della legislazione per ridurre i costi amministrativi a carico degli agricoltori e migliorare la trasparenza. Per quanto riguarda l’applicazione delle novità è previsto, in ogni caso, un periodo transitorio fino al 2021 per le sementi e per gli animali da riproduzione. Per gli altri settori la riforma dovrebbe essere operativa nel 2017. Il documento sarà ora trasmessa al Parlamento Europeo e al Consiglio. Nel frattempo, per aiutare agricoltori, produttori e commercianti ad adeguarsi alla proposta di riforma, la Commissione ha approvato un piano d’azione per il futuro della produzione biologica in Europa. Il piano prevede una migliore informazione degli agricoltori sulle iniziative in materia di sviluppo rurale e di politica agricola dell’UE a favore dell’agricoltura biologica, un rafforzamento dei legami tra i progetti di ricerca e innovazione, nonché sugli incentivi all’uso di alimenti biologici, ad esempio nelle scuole.

La riforma del settore rappresenterebbe inoltre, secondo le dichiarazioni ufficiali, una delle grandi priorità di politica agricola del semestre di presidenza italiano dell’UE che inizia il primo luglio.

“La produzione biologica in Europa deve crescere mantenendo un alto livello di eccellenza, che ha fatto il successo del settore”. Così il Commissario Europeo all’Agricoltura Dacian Ciolos, ha commentato la proposta. Parole pronunciate anche alla luce dei dati. Il consumo di prodotti biologici in Europa è quadruplicato in dieci anni. Ma il successo di questo tipo di alimenti non finisce qui. Ogni anno mezzo milione di ettari di terreno agricolo nell’UE viene convertito a produzione biologica. Nella sola Italia la superficie è cresciuta del 6,4% tra il 2011 e il 2012. Non a caso il nostro Paese è tra i leader europei e mondiali. Tuttavia, gli agricoltori sono bene lontani dal soddisfare le richieste dei consumatori, che devono accontentarsi del biologico importato, con standard qualitativi non sempre conformi alle rigide regole europee. La produzione interna è, infatti, appena raddoppiata. A beneficiare dell’aumento dei consumi non sono stati quindi i produttori europei, ma quelli mondiali, che spesso esportano nell’UE senza veramente rispettare gli alti standard di produzione comunitari. Per questo la proposta mira a rivedere gli accordi internazionali.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

dicembre 11, 2017

DeProducers: un video alle Svalbard per celebrare il “Global Seed Vault”, cassaforte mondiale dei semi

Esiste un avamposto della biodiversità sulla Terra prima della “fine del mondo”: si chiama Global Seed Vault (GSV) e si trova nell’arcipelago delle Isole Svalbard a 1.300 chilometri dal Polo Nord. Pochi ne conoscono l’esistenza, ma si tratta del più grande deposito di semi del mondo e potrebbe essere l’ultima risorsa dell’umanità in caso di [...]

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

dicembre 7, 2017

Da Ecodom e CDCA il primo “Atlante Italiano dell’Economia Circolare”

Cento storie di imprese virtuose rappresentano il nucleo di partenza del primo Atlante Italiano dell’Economia Circolare – presentato nei giorni scorsi a Roma – che raccoglie esperienze basate sul riutilizzo, sulla riduzione degli sprechi, sulla diminuzione dei rifiuti, sulla reimmissione nel ciclo produttivo di materie prime recuperate (seconde). Il progetto è promosso da Ecodom, il [...]

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

dicembre 6, 2017

Antibiotico-resistenza: nel 2050 sarà la prima causa di morte animale

Si è svolta sabato 2 dicembre, a Parma, la “Giornata interdisciplinare di studio sull’antibiotico-resistenza” organizzata dall’Ordine dei Medici Veterinari di Parma con il sostegno di MSD Animal Health. Undici relatori, moderati dal Dr. Alberto Brizzi, organizzatore e presidente dell’Ordine, hanno illustrato, da prospettive diverse, gli impatti attuali e i rischi futuri relativi alla cosiddetta AMR [...]

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

dicembre 5, 2017

ANIE Rinnovabili: nuove installazioni a +20% sul 2016

Secondo i dati diffusi da ANIE Rinnovabili, nei primi dieci mesi del 2017 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico e idroelettrico hanno raggiunto complessivamente circa 726 MW (+20% rispetto allo stesso periodo del 2016). Si conferma inoltre il trend mensile del fotovoltaico, che con i 29 MW connessi a ottobre 2017 raggiunge quota 352 MW [...]

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

dicembre 5, 2017

Giornata Mondiale del Suolo: Fondazione Cariplo lancia il nuovo portale dedicato all’ambiente

Il 5 dicembre è la Giornata Mondiale del Suolo. Una celebrazione che in Italia assume un significato particolare, essendo uno dei paesi in Europa con il più alto ritmo di consumo di questa risorsa non rinnovabile. Per questo Fondazione Cariplo ha scelto di lanciare proprio oggi il nuovo portale dedicato all’Ambiente, che avrà il compito di [...]

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

dicembre 1, 2017

Sacchetti plastica: dal 1° gennaio 2018 scattano le nuove restrizioni

Il 13 agosto 2017 è entrata in vigore la legge 123/2017, che recepisce la direttiva UE 2015/720 e contiene la nuova normativa sulle borse di plastica, con importanti novità anche per i sacchetti ultraleggeri utilizzati per gli alimenti sfusi (es. frutta e verdura) che non rispettino i criteri di compostabilità e biodegradabilità. In particolare il testo dispone [...]

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

novembre 30, 2017

Rete IRENE lancia “Condominio PIU’”: analisi gratuite per migliorare l’efficienza energetica

Una campagna all’insegna del beneficio multiplo: più efficienza energetica, risparmio, valore, comfort, attenzione per l’ambiente e salute, sono questi i sei principi cardine che hanno ispirato la creazione della nuova campagna di Rete IRENE (Imprese per la Riqualificazione Energetica negli Edifici) aderente alla Campagna nazionale per l’efficienza energetica “Italia in Classe A”. Lanciata ufficialmente nei giorni [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende