Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Biotea: in Cina, alla ricerca delle piantagioni di tè senza pesticidi:

Biotea: in Cina, alla ricerca delle piantagioni di tè senza pesticidi

settembre 19, 2018 Campioni d'Italia, Rubriche

Oltre al “mal d’Africa”, pare esista pure quello verso la Cina, soprattutto la Cina più selvaggia, meno conosciuta. Se ne è innamorato Edoardo Barbero, un langarolo che dopo vent’anni di viaggi verso Oriente ha pensato di trasformare la passione per l’antica bevanda del e le sue proprietà nutraceutiche in un’azienda, la Biotea, con sede a Santa Vittoria d’Alba in provincia di Cuneo.

“Tutti questi anni passati viaggiando in Estremo Oriente, hanno originato in me una grande curiosità per questa bevanda antichissima – racconta Edoardo – mi sono innamorato della storia, per non parlare dei rituali per la sua preparazione, ma pure dei terreni dove si coltiva. Sono dei veri e propri giardini“. C’è un fattore estetico, ma la salubrità del prodotto è ancora più importante. Edoardo ne ha fatto una missione personale, per selezionare sul campo solo quei piccoli produttori che non utilizzano nelle piantagioni pesticidi e sostanze chimiche di sintesi. “La scelta di recarmi di persona nelle zone di coltivazione mi permette di conoscere personalmente i produttori e di monitorare periodicamente la produzione in modo da garantire sempre un prodotto di altissima qualità e privo di qualsiasi sostanza chimica inquinante”. Ma la “certificazione” di Edoardo – estremamente critico verso il meccanismo dei “bollini” e i conflitti d’interesse degli enti certificatori – non è solo il metterci la faccia, ma commissionare direttamente e periodicamente analisi chimiche su campioni di prodotto, da rendere disponibili ai suoi clienti.

“La nostra presenza nelle zone di produzione – spiega Barbero sul sito internet dell’azienda – ci permette di garantire un prodotto completamente naturale e tradizionale. Dalla raccolta al confezionamento tutto viene eseguito scrupolosamente, senza lasciare nulla al caso. Il Tè utilizzato per i nostri Biofiltri è esattamente lo stesso che vendiamo sfuso, lo portiamo nel filtro senza compromessi. I filtri sono prodotti con la fibra del mais completamente naturale e biodegradabile”. Quando si dice che il diavolo si nasconde nei dettagli… Quale sarebbe infatti il bilancio salutistico di un tè da agricoltura biologica se poi si andassero ad utilizzare una bustina in materiale sintetico, “plastificato”, o un punto metallico, che alla fine vanno in infusione nella nostra acqua bollente (come avviene solitamente con i tè commerciali acquistati al supermercato)?

Questa filosofia di stretta osservanza del naturale deriva a Biotea anche dalla considerazioni che il tè non è solo una bevanda buona e piacevole, ma – se coltivato correttamente – ha importanti proprietà benefiche e terapeutiche, note da millenni all’antica medicina cinese e ribadite oggi, in campo scientifico, da numerosi istituti di ricerca: “Siamo in contatto diretto con alcuni ricercatori di importanti università, siamo sempre informati sulle ricerche che confermano la grande potenzialità benefica che questa pianta può avere sulla salute”, precisa Barbero.

Il Puerh, ad esempio, il “Tè delle origini”, è considerato “l’elisir di lunga vita” dai cinesi per le sue straordinarie proprietà benefiche, che consentono di prevenire e curare molteplici patologie. È tradizionalmente prodotto con le foglie dell’albero della Camelia Sinensis, varietà assamica, originaria del sud dello Yunnan, al sud ovest della Cina, ai confini con la Birmania il Vietnam ed il Laos. “Il processo di produzione di questo Tè – si legge sul sito Biotea – è significativamente differente da tutti gli altri tipi, infatti subisce una particolare fermentazione favorevole alla proliferazione di speciali microorganismi che gli conferiscono straordinarie proprietà benefiche”. Come quelle di ridurre il colesterolo LDL, i trigliceridi e gli zuccheri nel sangue, contrastare l’ipertensione, il sovrappeso e l’invecchiamento e facilitare la digestione regolarizzando la flora batterica intestinale. Il Puerh contrasta inoltre l’acidità di stomaco e ha un effetto positivo nei casi di reflusso gastroesofageo. “E’ considerato lo spazzino del sangue perché aiuta ad eliminare le tossine che vengono assimilate con l’alimentazione. È stato anche confermato che ha notevoli proprietà antisclerotiche, riducendo il rischio della pericolosa formazione delle placche aterosclerotiche, e ha forti effetti antifibrotici”. Infine, i ricercatori hanno osservato la capacità dei componenti di questo Tè, di inibire un complesso enzima chiamato Fatty Acid Synthase (FAS), il quale pare sia la causa non solo dell’obesità ma anche di alcuni tumori. Il che suggerisce che il Tè Puerh possa agire anche da agente antitumorale, mentre, in parallelo, offre il suo aiuto come regolatore del peso corporeo, soprattutto se inserito in concomitanza con una dieta ricca di fibre vegetali e affiancato da un programma di regolari esercizi fisici.

Questa attenzione agli aspetti storici, salutistici, qualitativi ed estetici del tè tradizionale cinese, è valsa a Biotea l’importante riconoscimento come ambasciatore del Made in Italy alla fiera BellaVita, prima ad Amsterdam poi a Varsavia. Edoardo lo ricorda quasi con imbarazzo: “era pieno di aziende italiane di eccellenza, di diversi settori del food & beverage, vincere il primo premio è stata una grande emozione”.

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live

PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

marzo 14, 2022

Rapporto Deloitte “Digital Green Evolution”: nel 2022 gli smartphone genereranno 146 milioni di tonnellate di CO2

Di fronte ad un numero di dispositivi che ormai nel complesso supera la popolazione mondiale, cresce l’attenzione ai temi della sostenibilità e degli impatti ambientali derivanti dalla produzione, dall’uso e dallo smaltimento dei “telefonini“, i device di più comune utilizzo sia tra giovani che adulti. A evidenziare la criticità di questi numeri è intervenuto il [...]

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

ottobre 29, 2021

Matteo Viviani, una iena in verde a caccia di greenwashing

L’ambiente e il clima sono ormai diventati temi “mainstream”. Anche se pochissimi fanno, tutti ne parlano! Soprattutto le aziende, che hanno intercettato da tempo la crescente attenzione di consumatori sempre più critici e sensibili all’ecosostenibilità di prodotti e servizi.  Vi viene in mente un’azienda che oggi non si dica in qualche modo “green” o “ecofriendly”? [...]

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende