Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Bolivia, un’ambiente spaccato tra regione andina e amazzonica:

Bolivia, un’ambiente spaccato tra regione andina e amazzonica

ottobre 11, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

A quasi un anno dalla sua partenza, dal Nepal, il nostro corrispondente Carlo Taglia prosegue, in Sud America, il suo viaggio “a costo ed emissioni zero” intorno al mondo, per documentare le condizioni ambientali dei Paesi attraversati.

Per comprendere meglio la situazione ambientale della Bolivia bisogna prima conoscere la doppia faccia del suo settore economico. Il paese e’ praticamente diviso in due parti, la regione andina poverissima e la regione amazzonica orientale in forte sviluppo. In termini di attività e produzione economica, Santa Cruz e’ la regione più importante del paese. I suoi principali proventi derivano dalla produzione di petrolio, gas naturale, canna da zucchero, cotone e legna, oltre alla coltivazione di soya, riso e mais. Da ciò ne consegue un considerevole mercato industriale nel capoluogo, Santa Cruz De La Sierra, per la lavorazione dello zucchero, la raffinazione del petrolio, i silos e l’agroindustria della soya. Le fertili regioni orientali del paese sovrastano quelle occidentali, aride e montuose. Tanto da richiedere l’autonomia per non farsi carico della estrema povertà dei concittadini meno fortunati.

Questa differenza divide in due il paese anche sotto il profilo ambientale, perchè se nell’area occidentale la situazione e’ piuttosto regredita, a Santa Cruz si stanno sviluppando, invece, pratiche sostenibili a difesa dell’ambiente. In questa provincia è stato creato un organo competente che si occupa della conservazione dell’area. I suoi obiettivi sono preservare le risorse naturali, educare e informare i propri cittadini ad una maggiore sensibilità comune verso la protezione dell’ambiente. Purtroppo, e inevitabilmente, l’area di La Paz non segue questo corso virtuoso, dovendo ancora confrontarsi con troppe problematiche economiche e sociali.

Con una larga porzione di foresta amazzonica sul proprio territorio, anche la Bolivia deve far fronte alla rapida deforestazione, l’erosione del suolo, la riduzione della biodiversita’ e, non ultimo, l’inquinamento industriale nelle risorse idriche. Il mercato della legna e l’intensa agricoltura per gli allevamenti sono le principali cause della deforestazione, che oltretutto porta alla perdita di biodiversita’ e anche all’erosione del suolo, a causa di metodi rudimentali e poco sostenibili per preparare i campi, bruciando le aree interessate. Esistono alcuni parchi nazionali protetti come il Parco Madidi, a nord del paese, considerato uno dei parchi con la maggiore biodiversita’ nel mondo, che conta circa milleottocento specie di vertebrati grazie alle sue variazioni di altitudine, che si estendono dai duecento metri sopra il livello del mare ai quasi seimila, e permettono la diffusione di esemplari estremamente diversi tra loro.

L’inquinamento delle risorse idriche e la scarsa disponibilità di acqua sono alcuni dei problemi ai quali lavora direttamente il presidente EvoMorales, primo indigeno alla guida del Paese. Nella cittadina di Copacabana, che affaccia sul lago Titicaca, esistono restrizioni per l’utilizzo dell’acqua per usi comuni e gli animali, tra cui vacche e galline, muoiono disidratati. Nelle città i corsi d’acqua sono spesso inquinati dall’attività umana, in particolare dai rifiuti urbani e dalle miniere. La cura nella lavorazione dell’acqua potabile e’ dunque fondamentale da queste parti, dove più di altrove si comprende cosa significa il termine “oro blu“. Soprattutto nelle regioni di andine, dove l’acqua deve essere bollita almeno quindici minuti per eliminare i batteri che spesso causano diarrea e altre temibili malattie. La povertà di questi popoli peggiora la situazione perchè il gas e’ costoso e le madri devono alimentare famiglie con un largo numero di figli in case senza acqua, elettricità nè riscaldamento. Il risultato inevitabile e’ un alto tasso di mortalità infantile impressionante e gravi conseguenze per la salute dell’intera popolazione, soprattutto i più poveri, privi di un’adeguata educazione per difendersi dall’inquinamento idrico.

La piu’ povera nazione del Sud America ha comunque deciso di investire nell’eolico, con l’ambizione di installare 700 MW nei prossimi dieci anni. Come prima tappa si installeranno circa 50 MW nelle regioni andine, dove si raggiungono la più intense raffiche di vento, per poi estendere il progetto anche nell’area di Santa Cruz. Una nota sicuramente positiva, anche se il presidente Morales – se vorrà preservare le risorse naturali, unica ricchezza del Paese – dovrà ancora concentrarsi a diffondere cambiamenti drastici nei metodi di coltivazione, utilizzando pratiche più moderne e sostenibili, e a trovare il modo di tenere sotto controllo l’inquinamento idrico, attraverso la sensibilizzazione e l’educazione della popolazione andina.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono anche disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende