Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Bolivia, un’ambiente spaccato tra regione andina e amazzonica:

Bolivia, un’ambiente spaccato tra regione andina e amazzonica

ottobre 11, 2012 Impressioni di viaggio, Rubriche

A quasi un anno dalla sua partenza, dal Nepal, il nostro corrispondente Carlo Taglia prosegue, in Sud America, il suo viaggio “a costo ed emissioni zero” intorno al mondo, per documentare le condizioni ambientali dei Paesi attraversati.

Per comprendere meglio la situazione ambientale della Bolivia bisogna prima conoscere la doppia faccia del suo settore economico. Il paese e’ praticamente diviso in due parti, la regione andina poverissima e la regione amazzonica orientale in forte sviluppo. In termini di attività e produzione economica, Santa Cruz e’ la regione più importante del paese. I suoi principali proventi derivano dalla produzione di petrolio, gas naturale, canna da zucchero, cotone e legna, oltre alla coltivazione di soya, riso e mais. Da ciò ne consegue un considerevole mercato industriale nel capoluogo, Santa Cruz De La Sierra, per la lavorazione dello zucchero, la raffinazione del petrolio, i silos e l’agroindustria della soya. Le fertili regioni orientali del paese sovrastano quelle occidentali, aride e montuose. Tanto da richiedere l’autonomia per non farsi carico della estrema povertà dei concittadini meno fortunati.

Questa differenza divide in due il paese anche sotto il profilo ambientale, perchè se nell’area occidentale la situazione e’ piuttosto regredita, a Santa Cruz si stanno sviluppando, invece, pratiche sostenibili a difesa dell’ambiente. In questa provincia è stato creato un organo competente che si occupa della conservazione dell’area. I suoi obiettivi sono preservare le risorse naturali, educare e informare i propri cittadini ad una maggiore sensibilità comune verso la protezione dell’ambiente. Purtroppo, e inevitabilmente, l’area di La Paz non segue questo corso virtuoso, dovendo ancora confrontarsi con troppe problematiche economiche e sociali.

Con una larga porzione di foresta amazzonica sul proprio territorio, anche la Bolivia deve far fronte alla rapida deforestazione, l’erosione del suolo, la riduzione della biodiversita’ e, non ultimo, l’inquinamento industriale nelle risorse idriche. Il mercato della legna e l’intensa agricoltura per gli allevamenti sono le principali cause della deforestazione, che oltretutto porta alla perdita di biodiversita’ e anche all’erosione del suolo, a causa di metodi rudimentali e poco sostenibili per preparare i campi, bruciando le aree interessate. Esistono alcuni parchi nazionali protetti come il Parco Madidi, a nord del paese, considerato uno dei parchi con la maggiore biodiversita’ nel mondo, che conta circa milleottocento specie di vertebrati grazie alle sue variazioni di altitudine, che si estendono dai duecento metri sopra il livello del mare ai quasi seimila, e permettono la diffusione di esemplari estremamente diversi tra loro.

L’inquinamento delle risorse idriche e la scarsa disponibilità di acqua sono alcuni dei problemi ai quali lavora direttamente il presidente EvoMorales, primo indigeno alla guida del Paese. Nella cittadina di Copacabana, che affaccia sul lago Titicaca, esistono restrizioni per l’utilizzo dell’acqua per usi comuni e gli animali, tra cui vacche e galline, muoiono disidratati. Nelle città i corsi d’acqua sono spesso inquinati dall’attività umana, in particolare dai rifiuti urbani e dalle miniere. La cura nella lavorazione dell’acqua potabile e’ dunque fondamentale da queste parti, dove più di altrove si comprende cosa significa il termine “oro blu“. Soprattutto nelle regioni di andine, dove l’acqua deve essere bollita almeno quindici minuti per eliminare i batteri che spesso causano diarrea e altre temibili malattie. La povertà di questi popoli peggiora la situazione perchè il gas e’ costoso e le madri devono alimentare famiglie con un largo numero di figli in case senza acqua, elettricità nè riscaldamento. Il risultato inevitabile e’ un alto tasso di mortalità infantile impressionante e gravi conseguenze per la salute dell’intera popolazione, soprattutto i più poveri, privi di un’adeguata educazione per difendersi dall’inquinamento idrico.

La piu’ povera nazione del Sud America ha comunque deciso di investire nell’eolico, con l’ambizione di installare 700 MW nei prossimi dieci anni. Come prima tappa si installeranno circa 50 MW nelle regioni andine, dove si raggiungono la più intense raffiche di vento, per poi estendere il progetto anche nell’area di Santa Cruz. Una nota sicuramente positiva, anche se il presidente Morales – se vorrà preservare le risorse naturali, unica ricchezza del Paese – dovrà ancora concentrarsi a diffondere cambiamenti drastici nei metodi di coltivazione, utilizzando pratiche più moderne e sostenibili, e a trovare il modo di tenere sotto controllo l’inquinamento idrico, attraverso la sensibilizzazione e l’educazione della popolazione andina.

Carlo Taglia

Le riflessioni di viaggio complete di Carlo Taglia, documentate da foto e video, sono anche disponibili sul suo blog: http://karl-girovagando.blogspot.com/

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

maggio 13, 2019

MIUR: l’Italia avrà la sua nave rompighiaccio per studiare i mari polari

Per la comunità scientifica italiana, in particolare quella che studia i Poli, si tratta di un grande risultato, che aprirà la strada a nuovi studi. L’OGS, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ricevuto dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – ha acquistato dalla norvegese Rieber [...]

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

maggio 4, 2019

Clean Cliff Project: il progetto di salvaguardia delle scogliere nato da due tuffatori estremi

Per la prima volta dalla nascita di questa competizione sportiva, uno speciale progetto di salvaguardia ambientale, accompagnerà la Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato mondiale di tuffo da scogliere naturali, per lanciare un forte messaggio in difesa degli oceani, grazie alla volontà e tenacia di due giovanissimi campioni: Eleanor Townsend Smart, high diver americana, e Owen Weymouth, [...]

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

aprile 29, 2019

Amianto: sono ancora 125 milioni i lavoratori esposti al “killer silenzioso”

Domenica 28 aprile si è celebrata la “Giornata Mondiale delle Vittime dell’Amianto”, una ricorrenza per ricordare che, ancora oggi, sono circa 125 milioni i lavoratori esposti alla fibra killer, che provoca non meno di 107.000 decessi ogni anno (secondo le stime OMS), di cui circa 6.000 solo in Italia. Una guerra al “killer silenzioso” che non può essere vinta [...]

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende