Home » Bollettino Europa »Rubriche » Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo:

Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo

agosto 31, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A livello mondiale il settore delle energie rinnovabili dà lavoro a sempre più persone. Nel 2014, infatti, L’International Renewable Energy Agency (IRENA) ha stimato che gli impieghi nell’ambito delle energie rinnovabili – fatta esclusione per il settore idroelettrico, per il quale i dati a disposizione sono insufficienti – hanno raggiunto quota 7,7 milioni. Una crescita del 18% rispetto all’anno precedente, pari a 1,2 milioni di posti di lavoro. L’aumento dell’occupazione si riflette in tutta la gamma delle energie green, dal solare all’eolico,passando per biocarburanti, biomasse e biogas fino ai piccoli impianti idroelettrici.

I numeri sono contenuti nel recente rapporto dal titolo Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2015, dove IRENA passa al setaccio i dati nazionali e quelli relativi alle specifiche declinazioni che compongono il vasto mondo delle energie verdi.

Riguardo quest’ultimo aspetto, la medaglia d’oro va al settore del solare, con quasi 2,5 milioni di occupati nel fotovoltaico, a cui si aggiungono 760 mila occupati nel solare termico e 22 mila nell’ambito dei sistemi a concentrazione solare. Seguono poi il settore dei biocombustibili liquidi, con poco meno di 1,8 milioni di occupati, e l’eolico, che per la prima volta supera il milione di addetti.

Per scoprire, invece, quale, tra i Paesi analizzati, si aggiudica il primo posto dobbiamo spostarci in Asia. È, infatti, il continente a oriente a occupare la maggioranza dei lavoratori. In testa, la Cina che da sola assorbe quasi la metà del totale: 3,4 milioni di posti di lavoro nelle rinnovabili, il grosso dei quali nei settori del solare fotovoltaico: 1,6 milioni, in crescita del 4% – e del solare termico: 600 mila, anche se in calo del 20%. Posizioni alte anche per India, Indonesia, Giappone, e Bangladesh. Ma il secondo posto è detenuto dal Brasile, con 934 mila addetti, 845 mila dei quali nel solo settore dei biocombustibili liquidi. Seguono gli Stati Uniti con 724 mila occupati.

In leggera controtendenza, invece, l’Unione Europea, che ha visto il numero complessivo di impiegati calare da 1,25 ad 1,2 milioni anche se, sommando tutti e 28 i Paesi, si troverebbe in seconda posizione davanti al Brasile. Sono stati persi posti di lavoro soprattutto nel settore del fotovoltaico: meno 87.000 a causa della minore competitività e ad una riduzione della domanda. Un calo che la crescita nei settori delle biomasse (+37.900), dell’eolico (+12.600), del geotermico (+7.300) e del biogas, non sono riusciti a compensare. Risentendo della situazione complessiva di crisi economica e della relativa forte contrazione degli investimenti.

Resiste la Germania – che occupa poco meno di un terzo del totale europeo e a livello mondiale si classifica quinta - nonostante sia anch’essa stata colpita da una leggera flessione in alcuni settori (fotovoltaico e solare termico), parzialmente compensato da un aumento in altri, soprattutto nell’eolico. Nella classifica UE seguono Francia, Regno Unito, Italia e Spagna che insieme alla Germania assorbono il 70% degli occupati dell’intera Unione Europea. Sottolineando, così, il pressoché inesistente ruolo degli altri Stati del Vecchio Continente.

Nel panorama europeo, tuttavia, il rapporto pone l’attenzione sugli ambiziosi piani di sviluppo di eolico offshore in Gran Bretagna che, molto probabilmente, nei prossimi anni, si tradurranno nella creazione di posti di lavoro. È, inoltre, interessante notare che, in Europa, il settore delle biomasse, che ha raggiunto il numero di 342.100 occupati, ora supera l’eolico.

Alla presentazione del documento i rappresentanti di IRENA hanno sottolineato che l’occupazione nel campo delle energie rinnovabili per continuare a crescere, deve essere favorita da politiche di sostegno. “Al fine di massimizzare la creazione di posti di lavoro, i governi devono attuare un mix di interventi intersettoriali che incoraggino la distribuzione, stimolino gli investimenti nelle industrie locali e rafforzino le capacità a livello di impresa di promuovere la formazione e la ricerca”, ha affermato Rabia Ferroukhi, vicedirettore di IRENA.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

agosto 10, 2017

Il “grand tour” di Goethe 231 anni dopo, nelle gambe di una donna

“Il 25 Agosto 2017 lascerò l’Italia per raggiungere Karlovy Vary, in Repubblica Ceca, da dove il 28 Agosto partirò a piedi per ripercorrere, ben 231 anni dopo, il viaggio di Wolfgang Goethe del 1786. Il viaggio di Goethe  ha avuto una grande importanza nella cultura europea e sicuramente potrebbe coincidere con l’inizio del mito del [...]

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

agosto 4, 2017

RÖFIX lancia CalceClima, intonaci e finiture a base canapa per la bioedilizia

RÖFIX, azienda austriaca presente in Italia dal 1980, ha lanciato una nuova linea di prodotti industriali per la bioedilizia a base di canapa a marchio “CalceClima Canapa“. I prodotti CalceClima – intonaco e finitura a base di canapulo e calce idraulica naturale – hanno già ottenuto il marchio di qualità Natureplus, che certifica la loro [...]

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

agosto 4, 2017

CRESCO Award: candidature aperte fino al 7 settembre per i progetti di sostenibilità dei Comuni

E’ stato prorogato fino al 7 settembre alle ore 13.00 il termine per la presentazione delle candidature per il CRESCO Award – Città sostenibili, il premio promosso da Fondazione Sodalitas e ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani), in partnership con alcune aziende impegnate sul fronte della sostenibilità, per valorizzare la spinta innovativa dei Comuni italiani nel mettere [...]

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

agosto 3, 2017

Mister Lavaggio: la pulizia dell’auto arriva a casa con un’App. E senza acqua

Anche il lavaggio dell’automobile, in tempi di siccità, finisce sotto accusa per l’eccessivo  e inutile spreco di acqua. Un’ordinanza diffusa in alcune città italiane vieta infatti ai cittadini  l’utilizzo improprio  di  acqua destinata ad azioni quotidiane, come irrigare superfici private adibite ad attività sportive, riempire piscine private, alimentare impianti di condizionamento, pulizia e lavaggio della fossa  biologica o “lavare [...]

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

agosto 3, 2017

Mobilità come servizio: a Torino parte il progetto “IMove” con altre tre città europee

Torino sarà una delle città, con Berlino, Manchester e Göteborg, dove si testerà il servizio MaaS (acronimo di Mobility as a Service). La Città, insieme alla società partecipata 5T, è infatti tra i partner di IMove,  progetto del programma europeo Horizon 2020 che ha tra i suoi obiettivi la realizzazione di un servizio MaaS, che [...]

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

agosto 1, 2017

Earth Overshoot Day: nel 2017 le risorse naturali annuali si esauriscono il 2 agosto

Mancano poche ore ormai al 2 agosto, il cosiddetto Earth Overshoot Day 2017 (o Giorno del superamento delle risorse della Terra), la giornata in cui l’umanità avrà usato l’intero “budget” annuale di risorse naturali. Stando ai dati a disposizione, il Global Footprint Network ha stimato che per soddisfare il nostro fabbisogno attuale di risorse naturali [...]

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

luglio 31, 2017

Rural Festival, un presidio di biodiversità tra Emilia e Toscana

Sabato 2 e domenica 3 settembre 2017 a Rivalta di Lesignano De’ Bagni, in provincia di Parma, torna per il quarto anno l’appuntamento del “Rural Festival“, dedicato alla varietà di produzioni artigianali locali di agricoltori e allevatori: un invito alla scoperta e all’assaggio di prodotti di antiche razze animali e varietà vegetali. L’area protetta di biodiversità [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende