Home » Bollettino Europa »Rubriche » Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo:

Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo

agosto 31, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A livello mondiale il settore delle energie rinnovabili dà lavoro a sempre più persone. Nel 2014, infatti, L’International Renewable Energy Agency (IRENA) ha stimato che gli impieghi nell’ambito delle energie rinnovabili – fatta esclusione per il settore idroelettrico, per il quale i dati a disposizione sono insufficienti – hanno raggiunto quota 7,7 milioni. Una crescita del 18% rispetto all’anno precedente, pari a 1,2 milioni di posti di lavoro. L’aumento dell’occupazione si riflette in tutta la gamma delle energie green, dal solare all’eolico,passando per biocarburanti, biomasse e biogas fino ai piccoli impianti idroelettrici.

I numeri sono contenuti nel recente rapporto dal titolo Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2015, dove IRENA passa al setaccio i dati nazionali e quelli relativi alle specifiche declinazioni che compongono il vasto mondo delle energie verdi.

Riguardo quest’ultimo aspetto, la medaglia d’oro va al settore del solare, con quasi 2,5 milioni di occupati nel fotovoltaico, a cui si aggiungono 760 mila occupati nel solare termico e 22 mila nell’ambito dei sistemi a concentrazione solare. Seguono poi il settore dei biocombustibili liquidi, con poco meno di 1,8 milioni di occupati, e l’eolico, che per la prima volta supera il milione di addetti.

Per scoprire, invece, quale, tra i Paesi analizzati, si aggiudica il primo posto dobbiamo spostarci in Asia. È, infatti, il continente a oriente a occupare la maggioranza dei lavoratori. In testa, la Cina che da sola assorbe quasi la metà del totale: 3,4 milioni di posti di lavoro nelle rinnovabili, il grosso dei quali nei settori del solare fotovoltaico: 1,6 milioni, in crescita del 4% – e del solare termico: 600 mila, anche se in calo del 20%. Posizioni alte anche per India, Indonesia, Giappone, e Bangladesh. Ma il secondo posto è detenuto dal Brasile, con 934 mila addetti, 845 mila dei quali nel solo settore dei biocombustibili liquidi. Seguono gli Stati Uniti con 724 mila occupati.

In leggera controtendenza, invece, l’Unione Europea, che ha visto il numero complessivo di impiegati calare da 1,25 ad 1,2 milioni anche se, sommando tutti e 28 i Paesi, si troverebbe in seconda posizione davanti al Brasile. Sono stati persi posti di lavoro soprattutto nel settore del fotovoltaico: meno 87.000 a causa della minore competitività e ad una riduzione della domanda. Un calo che la crescita nei settori delle biomasse (+37.900), dell’eolico (+12.600), del geotermico (+7.300) e del biogas, non sono riusciti a compensare. Risentendo della situazione complessiva di crisi economica e della relativa forte contrazione degli investimenti.

Resiste la Germania – che occupa poco meno di un terzo del totale europeo e a livello mondiale si classifica quinta - nonostante sia anch’essa stata colpita da una leggera flessione in alcuni settori (fotovoltaico e solare termico), parzialmente compensato da un aumento in altri, soprattutto nell’eolico. Nella classifica UE seguono Francia, Regno Unito, Italia e Spagna che insieme alla Germania assorbono il 70% degli occupati dell’intera Unione Europea. Sottolineando, così, il pressoché inesistente ruolo degli altri Stati del Vecchio Continente.

Nel panorama europeo, tuttavia, il rapporto pone l’attenzione sugli ambiziosi piani di sviluppo di eolico offshore in Gran Bretagna che, molto probabilmente, nei prossimi anni, si tradurranno nella creazione di posti di lavoro. È, inoltre, interessante notare che, in Europa, il settore delle biomasse, che ha raggiunto il numero di 342.100 occupati, ora supera l’eolico.

Alla presentazione del documento i rappresentanti di IRENA hanno sottolineato che l’occupazione nel campo delle energie rinnovabili per continuare a crescere, deve essere favorita da politiche di sostegno. “Al fine di massimizzare la creazione di posti di lavoro, i governi devono attuare un mix di interventi intersettoriali che incoraggino la distribuzione, stimolino gli investimenti nelle industrie locali e rafforzino le capacità a livello di impresa di promuovere la formazione e la ricerca”, ha affermato Rabia Ferroukhi, vicedirettore di IRENA.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

febbraio 1, 2018

Ricerca Schneider Electric: le grandi aziende fanno progressi sulla sostenibilità ma non sono ancora “smart”

Una nuova ricerca resa nota da Schneider Electric, leader mondiale dell’automazione e trasformazione digitale dell’energia, rivela che benché la gran parte delle grandi aziende si sentano pronte per affrontare un futuro decentralizzato, decarbonizzato e digitalizzato, molte, in realtà, non stanno ancora prendendo le necessarie misure per integrare e fare evolvere i loro programmi energetici e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende