Home » Bollettino Europa »Rubriche » Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo:

Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo

agosto 31, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A livello mondiale il settore delle energie rinnovabili dà lavoro a sempre più persone. Nel 2014, infatti, L’International Renewable Energy Agency (IRENA) ha stimato che gli impieghi nell’ambito delle energie rinnovabili – fatta esclusione per il settore idroelettrico, per il quale i dati a disposizione sono insufficienti – hanno raggiunto quota 7,7 milioni. Una crescita del 18% rispetto all’anno precedente, pari a 1,2 milioni di posti di lavoro. L’aumento dell’occupazione si riflette in tutta la gamma delle energie green, dal solare all’eolico,passando per biocarburanti, biomasse e biogas fino ai piccoli impianti idroelettrici.

I numeri sono contenuti nel recente rapporto dal titolo Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2015, dove IRENA passa al setaccio i dati nazionali e quelli relativi alle specifiche declinazioni che compongono il vasto mondo delle energie verdi.

Riguardo quest’ultimo aspetto, la medaglia d’oro va al settore del solare, con quasi 2,5 milioni di occupati nel fotovoltaico, a cui si aggiungono 760 mila occupati nel solare termico e 22 mila nell’ambito dei sistemi a concentrazione solare. Seguono poi il settore dei biocombustibili liquidi, con poco meno di 1,8 milioni di occupati, e l’eolico, che per la prima volta supera il milione di addetti.

Per scoprire, invece, quale, tra i Paesi analizzati, si aggiudica il primo posto dobbiamo spostarci in Asia. È, infatti, il continente a oriente a occupare la maggioranza dei lavoratori. In testa, la Cina che da sola assorbe quasi la metà del totale: 3,4 milioni di posti di lavoro nelle rinnovabili, il grosso dei quali nei settori del solare fotovoltaico: 1,6 milioni, in crescita del 4% – e del solare termico: 600 mila, anche se in calo del 20%. Posizioni alte anche per India, Indonesia, Giappone, e Bangladesh. Ma il secondo posto è detenuto dal Brasile, con 934 mila addetti, 845 mila dei quali nel solo settore dei biocombustibili liquidi. Seguono gli Stati Uniti con 724 mila occupati.

In leggera controtendenza, invece, l’Unione Europea, che ha visto il numero complessivo di impiegati calare da 1,25 ad 1,2 milioni anche se, sommando tutti e 28 i Paesi, si troverebbe in seconda posizione davanti al Brasile. Sono stati persi posti di lavoro soprattutto nel settore del fotovoltaico: meno 87.000 a causa della minore competitività e ad una riduzione della domanda. Un calo che la crescita nei settori delle biomasse (+37.900), dell’eolico (+12.600), del geotermico (+7.300) e del biogas, non sono riusciti a compensare. Risentendo della situazione complessiva di crisi economica e della relativa forte contrazione degli investimenti.

Resiste la Germania – che occupa poco meno di un terzo del totale europeo e a livello mondiale si classifica quinta - nonostante sia anch’essa stata colpita da una leggera flessione in alcuni settori (fotovoltaico e solare termico), parzialmente compensato da un aumento in altri, soprattutto nell’eolico. Nella classifica UE seguono Francia, Regno Unito, Italia e Spagna che insieme alla Germania assorbono il 70% degli occupati dell’intera Unione Europea. Sottolineando, così, il pressoché inesistente ruolo degli altri Stati del Vecchio Continente.

Nel panorama europeo, tuttavia, il rapporto pone l’attenzione sugli ambiziosi piani di sviluppo di eolico offshore in Gran Bretagna che, molto probabilmente, nei prossimi anni, si tradurranno nella creazione di posti di lavoro. È, inoltre, interessante notare che, in Europa, il settore delle biomasse, che ha raggiunto il numero di 342.100 occupati, ora supera l’eolico.

Alla presentazione del documento i rappresentanti di IRENA hanno sottolineato che l’occupazione nel campo delle energie rinnovabili per continuare a crescere, deve essere favorita da politiche di sostegno. “Al fine di massimizzare la creazione di posti di lavoro, i governi devono attuare un mix di interventi intersettoriali che incoraggino la distribuzione, stimolino gli investimenti nelle industrie locali e rafforzino le capacità a livello di impresa di promuovere la formazione e la ricerca”, ha affermato Rabia Ferroukhi, vicedirettore di IRENA.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

ottobre 18, 2018

“I quattro elementi”, uno spettacolo teatrale sul difficile rapporto tra uomo e natura

L’associazione Music Theatre International presenta il 26 ottobre 2018, in prima nazionale al Teatro Centrale Preneste di Roma, lo spettacolo “I 4 elementi“, idea artistica di Stefania Toscano, che ne cura la parte coreografica, con drammaturgia e regia di Paola Sarcina, progetto video di Federico Spirito. La teoria dei “4 elementi” della natura costituisce il “pretesto creativo” a cui s’ispira la [...]

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

ottobre 17, 2018

ISDE: “A Medicina non si insegna la correlazione ambiente-salute”. Un convegno a Roma

Si terrà a Roma, il 19 e il 20 ottobre prossimi, un convegno organizzato dall’Ordine dei Medici di Roma e da ISDE, l’Associazione Medici per l’Ambiente, sul delicato tema ambiente e salute. I “determinanti di salute” e, in particolare, il binomio ambiente-salute sono, infatti, secondo ISDE, scarsamente considerati nei programmi di studio delle facoltà universitarie di [...]

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

ottobre 16, 2018

UNCEM e Confindustria portano a Roma la visione della montagna come “luogo di sviluppo sostenibile”

Insieme per lo sviluppo delle “Terre Alte”. Oggi, agli Stati generali della Montagna, convocati a Roma dal Ministro delle Autonomie e degli Affari Regionali Erika Stefani, UNCEM e Confindustria Belluno Dolomiti (coordinatrice della rete nazionale di “Confindustria per la Montagna”), presenteranno un documento che evidenzia la necessità di attivare sui territori sinergie tra pubblico e privato per identificare strategie e politiche coerenti a [...]

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

ottobre 15, 2018

Restructura 2018: focus su bioedilizia e recupero dei borghi alpini

A Torino dal 15 al 18 novembre 2018 il quartiere espositivo del Lingotto Fiere propone la trentunesima edizione di Restructura, il salone nazionale dedicato a riqualificazione, recupero e ristrutturazione in ambito edilizio allestito all’interno dei 20.000 mq del padiglione Oval. Restructura è la manifestazione fieristica B2B e B2C del Nord Ovest che riunisce annualmente i principali interpreti della filiera [...]

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

ottobre 13, 2018

“Bologna Award Food Festival”, il cibo come vettore di sostenibilità

Dal 14 al 16 ottobre, negli spazi della Fondazione FICO a Bologna,va in scena il festival che racconta il cibo “sostenibile”: Bologna Award Food Festival propone incontri, dialoghi, eventi e un percorso espositivo firmato da Altan. Fra i protagonisti ci saranno il “giardiniere di Versailles”, Giovanni Delù, che ogni giorno accudisce non solo il verde della Reggia del [...]

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

ottobre 12, 2018

La “Biennale della Sostenibilità Territoriale” apre al pubblico. Appuntamento all’EnviPark di Torino

Dopo due giornate di lavori al Castello del Valentino, riservate a studenti e ricercatori, la prima edizione della Biennale della Sostenibilità Territoriale di Torino apre al pubblico, con l’appuntamento di oggi alle ore 16,00 all’Environment Park (“Verso il 2020: sostenibilità territoriale tra bilancio e rilancio”). La nuova Biennale ha l’ambizione di diventare un luogo di [...]

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

ottobre 2, 2018

Nasce il “Venetian Green Building Cluster”, rete regionale per l’innovazione nell’edilizia sostenibile

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto hanno deciso di unire le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito dell’edilizia sostenibile. È questa la missione del neonato Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione “green” dell’intero settore, sostenendo processi di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende