Home » Bollettino Europa »Rubriche » Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo:

Boom di impieghi nelle rinnovabili, ma l’UE rischia di non tenere il passo

agosto 31, 2015 Bollettino Europa, Rubriche

A livello mondiale il settore delle energie rinnovabili dà lavoro a sempre più persone. Nel 2014, infatti, L’International Renewable Energy Agency (IRENA) ha stimato che gli impieghi nell’ambito delle energie rinnovabili – fatta esclusione per il settore idroelettrico, per il quale i dati a disposizione sono insufficienti – hanno raggiunto quota 7,7 milioni. Una crescita del 18% rispetto all’anno precedente, pari a 1,2 milioni di posti di lavoro. L’aumento dell’occupazione si riflette in tutta la gamma delle energie green, dal solare all’eolico,passando per biocarburanti, biomasse e biogas fino ai piccoli impianti idroelettrici.

I numeri sono contenuti nel recente rapporto dal titolo Renewable Energy and Jobs – Annual Review 2015, dove IRENA passa al setaccio i dati nazionali e quelli relativi alle specifiche declinazioni che compongono il vasto mondo delle energie verdi.

Riguardo quest’ultimo aspetto, la medaglia d’oro va al settore del solare, con quasi 2,5 milioni di occupati nel fotovoltaico, a cui si aggiungono 760 mila occupati nel solare termico e 22 mila nell’ambito dei sistemi a concentrazione solare. Seguono poi il settore dei biocombustibili liquidi, con poco meno di 1,8 milioni di occupati, e l’eolico, che per la prima volta supera il milione di addetti.

Per scoprire, invece, quale, tra i Paesi analizzati, si aggiudica il primo posto dobbiamo spostarci in Asia. È, infatti, il continente a oriente a occupare la maggioranza dei lavoratori. In testa, la Cina che da sola assorbe quasi la metà del totale: 3,4 milioni di posti di lavoro nelle rinnovabili, il grosso dei quali nei settori del solare fotovoltaico: 1,6 milioni, in crescita del 4% – e del solare termico: 600 mila, anche se in calo del 20%. Posizioni alte anche per India, Indonesia, Giappone, e Bangladesh. Ma il secondo posto è detenuto dal Brasile, con 934 mila addetti, 845 mila dei quali nel solo settore dei biocombustibili liquidi. Seguono gli Stati Uniti con 724 mila occupati.

In leggera controtendenza, invece, l’Unione Europea, che ha visto il numero complessivo di impiegati calare da 1,25 ad 1,2 milioni anche se, sommando tutti e 28 i Paesi, si troverebbe in seconda posizione davanti al Brasile. Sono stati persi posti di lavoro soprattutto nel settore del fotovoltaico: meno 87.000 a causa della minore competitività e ad una riduzione della domanda. Un calo che la crescita nei settori delle biomasse (+37.900), dell’eolico (+12.600), del geotermico (+7.300) e del biogas, non sono riusciti a compensare. Risentendo della situazione complessiva di crisi economica e della relativa forte contrazione degli investimenti.

Resiste la Germania – che occupa poco meno di un terzo del totale europeo e a livello mondiale si classifica quinta - nonostante sia anch’essa stata colpita da una leggera flessione in alcuni settori (fotovoltaico e solare termico), parzialmente compensato da un aumento in altri, soprattutto nell’eolico. Nella classifica UE seguono Francia, Regno Unito, Italia e Spagna che insieme alla Germania assorbono il 70% degli occupati dell’intera Unione Europea. Sottolineando, così, il pressoché inesistente ruolo degli altri Stati del Vecchio Continente.

Nel panorama europeo, tuttavia, il rapporto pone l’attenzione sugli ambiziosi piani di sviluppo di eolico offshore in Gran Bretagna che, molto probabilmente, nei prossimi anni, si tradurranno nella creazione di posti di lavoro. È, inoltre, interessante notare che, in Europa, il settore delle biomasse, che ha raggiunto il numero di 342.100 occupati, ora supera l’eolico.

Alla presentazione del documento i rappresentanti di IRENA hanno sottolineato che l’occupazione nel campo delle energie rinnovabili per continuare a crescere, deve essere favorita da politiche di sostegno. “Al fine di massimizzare la creazione di posti di lavoro, i governi devono attuare un mix di interventi intersettoriali che incoraggino la distribuzione, stimolino gli investimenti nelle industrie locali e rafforzino le capacità a livello di impresa di promuovere la formazione e la ricerca”, ha affermato Rabia Ferroukhi, vicedirettore di IRENA.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende