Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Borgogna: la vigna (biodinamica) che diventa cosmopolita:

Borgogna: la vigna (biodinamica) che diventa cosmopolita

ottobre 11, 2010 Impressioni di viaggio, Rubriche

Courtesy of Eleonora Pollano“Allez, on coupe!” (Forza, si taglia!)

Per una settimana questo bonario sollecito ha accompagnato le mie mattine e i miei pomeriggi, accovacciata tra i filari delle splendide vigne della Borgogna, nella Francia centrale. Un minuscolo paese, Pommard, come la maggior parte dei comuni limitrofi, si è trasformato in un crocevia di nazionalità e culture e ha dato (squisita) ospitalità a coloro che si erano candidati a partecipare all’evento dell’anno: la vendemmia.

Rito millenario, sempre identico a se stesso, il taglio dei grappoli d’uva, per mano esclusiva degli uomini e delle donne, ha conservato qui la sua peculiarità e la sua bellezza: nessuna macchina (né decespugliatori né trattori né tantomeno raccoglitori) si scorge tra le immense file di innesti, solo schiene curve (dei vendemmiatori) e schiene appesantite da cesti enormi (dei porteur) si muovono rapide per otto ore al giorno. Colonna sonora il cadenzato “zac zac” delle forbici e i canti che mescolano l’inglese, il francese, lo spagnolo e, addirittura, il norvegese, tra le risate generali.

Perché nonostante il lavoro duro, il freddo che congela le mani e la sveglia che suona presto la mattina, in vigna non ci si lamenta mai anzi si avverte una profonda gioia e un sincero senso di collettività e partecipazione ad un evento importante e quasi catartico. La vendemmia è l’apice dell’impegno di un intero anno di lavoro sul terreno, il risultato di una lunga aspettativa e deve dunque avvenire nel momento e nel modo perfetto.

Nel nettare prodotto dalla vigna è insito il carattere del clima nel quale ha delicatamente coltivato i suoi frutti. Accanto a questo spettacolo armonioso, a questa relazione intima che la vigna possiede con il suo ambiente, non si può evitare di pensare agli uomini che la accompagnano nella sua ricerca verso la perfezione. Raccogliamo oggi la saggezza di tutti quelli che ci hanno preceduto e ci hanno lasciato tra le mani delle terre che vibrano di vitalità oltre che a vegetali accuratamente selezionati attraverso le generazioni e adattate a ogni epoca. Il seguito è un po’ come una sinfonia, dove il clima segna il ritmo, il territorio l’armonia e alla vigna è assegnato il ruolo del primo violino. Il direttore d’orchestra è tutta l’equipe che lavora con passione ogni giorno per offrire l’espressione più fine e delicata della loro compagna più vicina, la vigna”. Questo il racconto appassionato, quasi emozionato, di Benjamin Leroux, enologo 35enne, da un decennio a capo della produzione vinicola del Domaine Comte Armand

Avere il ruolo di direttore d’orchestra vuol dire sapere comporre in maniera armoniosa con i talenti dell’ambiente. Una relazione intima. Non bisogna mai perdere di vista il fatto che il vino si fa soprattutto nella vigna e, non potendo controllare le condizioni climatiche, la riflessione si deve focalizzare essenzialmente sull’elemento vegetale e, ovviamente sul sole. Quest’ultimo è l’elemento fondamentale, il supporto indispensabile ma anche il luogo di una immensa diversità e complessità, sia a livello geologico che biologico.

La produzione di questo domaine è biodinamica: non viene utilizzato nessun insetticida, solo decotti di erbe naturali (ortica, camomilla, finocchio, dente di leone, valeriana e corteccia) con cui spruzzare le piante. Il lavoro che potrebbe essere meccanico è affidato alla manualità e agli animali, nessuna molecola di sintesi viene impiegata nella protezione sanitaria, nessun lievito aiuta la fermentazione.

I vini sono l’immagine stessa della qualità dei frutti dai quali sono generati” continua Benjamin, dunque, dopo la raccolta delle uve, i grappoli vengono accuratamente selezionati e messi in grosse tinozze nelle quali gli acini vengono pestati, rigorosamente con i piedi, al fine di conservare una porzione di bacche intere.

Courtesy of Eleonora PollanoIl periodo di vinificazione si divide in 3 tempi distinti: un periodo di macerazione fermentata in anticipo, da 5 a 8 giorni, a una temperatura di 13-14 gradi C, la fermentazione alcolica spontanea la cui durata è di 5 /10 giorni, infine la macerazione dopo la fermentazione, che, a seconda dell’anno, andrà dai 3 ai 15 giorni. Nella maggior parte dei casi la macerazione dura circa 4 settimane.

La luna che influisce sul ritmo di lavoro nella vigna, interviene allo stesso modo nelle cave: così queste 4 settimane di macerazione corrispondono a un ciclo lunare siderale (ritmo che influisce sui flussi della terra). A seconda del nome e dell’età delle vigne, i vini saranno conservati dai 18 ai 24 mesi nelle botti con delle percentuali di legno nuovo che possono andare da 0% per i villaggi, all’80% per le vecchie vigne della tenuta degli “Epeneaux”. Quest’ultima dà vita a 4 cuvées corrispondenti a 4 tranche di età della vigna ripartite tra i 18 e i 73 anni. Da queste quattro vinificazioni nasceranno 2 vini: il Pommard 1er cru Clos des Epeneaux, che proviene da vigne con un’età superiore ai 25 anni. Il secondo vino, sotto il nome di Pommard Village o Pommard 1er cru, segue la qualità del millesimo e proviene dalle vigne più giovani.

Ricoperta di fango, ma felice di aver preso parte a questo rito profano, cito Colette “La vigne, le vin sont de grands mystères. Seul dans le domaine végétal, le vin permet à l’homme de comprendre la véritable saveur de la terre” (“La vigna, il vino sono grandi misteri. Solo nel regno vegetale , il vino permette all’uomo di comprendere il veritiero sapore della terra”).

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende