Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Borgogna: la vigna (biodinamica) che diventa cosmopolita:

Borgogna: la vigna (biodinamica) che diventa cosmopolita

ottobre 11, 2010 Impressioni di viaggio, Rubriche

Courtesy of Eleonora Pollano“Allez, on coupe!” (Forza, si taglia!)

Per una settimana questo bonario sollecito ha accompagnato le mie mattine e i miei pomeriggi, accovacciata tra i filari delle splendide vigne della Borgogna, nella Francia centrale. Un minuscolo paese, Pommard, come la maggior parte dei comuni limitrofi, si è trasformato in un crocevia di nazionalità e culture e ha dato (squisita) ospitalità a coloro che si erano candidati a partecipare all’evento dell’anno: la vendemmia.

Rito millenario, sempre identico a se stesso, il taglio dei grappoli d’uva, per mano esclusiva degli uomini e delle donne, ha conservato qui la sua peculiarità e la sua bellezza: nessuna macchina (né decespugliatori né trattori né tantomeno raccoglitori) si scorge tra le immense file di innesti, solo schiene curve (dei vendemmiatori) e schiene appesantite da cesti enormi (dei porteur) si muovono rapide per otto ore al giorno. Colonna sonora il cadenzato “zac zac” delle forbici e i canti che mescolano l’inglese, il francese, lo spagnolo e, addirittura, il norvegese, tra le risate generali.

Perché nonostante il lavoro duro, il freddo che congela le mani e la sveglia che suona presto la mattina, in vigna non ci si lamenta mai anzi si avverte una profonda gioia e un sincero senso di collettività e partecipazione ad un evento importante e quasi catartico. La vendemmia è l’apice dell’impegno di un intero anno di lavoro sul terreno, il risultato di una lunga aspettativa e deve dunque avvenire nel momento e nel modo perfetto.

Nel nettare prodotto dalla vigna è insito il carattere del clima nel quale ha delicatamente coltivato i suoi frutti. Accanto a questo spettacolo armonioso, a questa relazione intima che la vigna possiede con il suo ambiente, non si può evitare di pensare agli uomini che la accompagnano nella sua ricerca verso la perfezione. Raccogliamo oggi la saggezza di tutti quelli che ci hanno preceduto e ci hanno lasciato tra le mani delle terre che vibrano di vitalità oltre che a vegetali accuratamente selezionati attraverso le generazioni e adattate a ogni epoca. Il seguito è un po’ come una sinfonia, dove il clima segna il ritmo, il territorio l’armonia e alla vigna è assegnato il ruolo del primo violino. Il direttore d’orchestra è tutta l’equipe che lavora con passione ogni giorno per offrire l’espressione più fine e delicata della loro compagna più vicina, la vigna”. Questo il racconto appassionato, quasi emozionato, di Benjamin Leroux, enologo 35enne, da un decennio a capo della produzione vinicola del Domaine Comte Armand

Avere il ruolo di direttore d’orchestra vuol dire sapere comporre in maniera armoniosa con i talenti dell’ambiente. Una relazione intima. Non bisogna mai perdere di vista il fatto che il vino si fa soprattutto nella vigna e, non potendo controllare le condizioni climatiche, la riflessione si deve focalizzare essenzialmente sull’elemento vegetale e, ovviamente sul sole. Quest’ultimo è l’elemento fondamentale, il supporto indispensabile ma anche il luogo di una immensa diversità e complessità, sia a livello geologico che biologico.

La produzione di questo domaine è biodinamica: non viene utilizzato nessun insetticida, solo decotti di erbe naturali (ortica, camomilla, finocchio, dente di leone, valeriana e corteccia) con cui spruzzare le piante. Il lavoro che potrebbe essere meccanico è affidato alla manualità e agli animali, nessuna molecola di sintesi viene impiegata nella protezione sanitaria, nessun lievito aiuta la fermentazione.

I vini sono l’immagine stessa della qualità dei frutti dai quali sono generati” continua Benjamin, dunque, dopo la raccolta delle uve, i grappoli vengono accuratamente selezionati e messi in grosse tinozze nelle quali gli acini vengono pestati, rigorosamente con i piedi, al fine di conservare una porzione di bacche intere.

Courtesy of Eleonora PollanoIl periodo di vinificazione si divide in 3 tempi distinti: un periodo di macerazione fermentata in anticipo, da 5 a 8 giorni, a una temperatura di 13-14 gradi C, la fermentazione alcolica spontanea la cui durata è di 5 /10 giorni, infine la macerazione dopo la fermentazione, che, a seconda dell’anno, andrà dai 3 ai 15 giorni. Nella maggior parte dei casi la macerazione dura circa 4 settimane.

La luna che influisce sul ritmo di lavoro nella vigna, interviene allo stesso modo nelle cave: così queste 4 settimane di macerazione corrispondono a un ciclo lunare siderale (ritmo che influisce sui flussi della terra). A seconda del nome e dell’età delle vigne, i vini saranno conservati dai 18 ai 24 mesi nelle botti con delle percentuali di legno nuovo che possono andare da 0% per i villaggi, all’80% per le vecchie vigne della tenuta degli “Epeneaux”. Quest’ultima dà vita a 4 cuvées corrispondenti a 4 tranche di età della vigna ripartite tra i 18 e i 73 anni. Da queste quattro vinificazioni nasceranno 2 vini: il Pommard 1er cru Clos des Epeneaux, che proviene da vigne con un’età superiore ai 25 anni. Il secondo vino, sotto il nome di Pommard Village o Pommard 1er cru, segue la qualità del millesimo e proviene dalle vigne più giovani.

Ricoperta di fango, ma felice di aver preso parte a questo rito profano, cito Colette “La vigne, le vin sont de grands mystères. Seul dans le domaine végétal, le vin permet à l’homme de comprendre la véritable saveur de la terre” (“La vigna, il vino sono grandi misteri. Solo nel regno vegetale , il vino permette all’uomo di comprendere il veritiero sapore della terra”).

Elena Marcon

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

febbraio 23, 2018

“M’illumino di Meno” 2018: è ora di cambiare passo per salvare la Terra

Quest’anno Caterpillar e RAI Radio2 dedicano l’iniziativa “M’illumino di Meno“ alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi. Perché sotto i nostri piedi, ricordiamocelo, c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo. Entro fine giornata del 23 febbraio 2018, la quattordicesima edizione di “M’illumino di Meno” ha dunque l’obiettivo di raggiungere la Luna a piedi con 555 [...]

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende