Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Brillor: gli agrodetergenti della Valchiusella, dal sogno alla realtà:

Brillor: gli agrodetergenti della Valchiusella, dal sogno alla realtà

gennaio 15, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Prima che di detersivi agricoli ed ecologici, quella di Brillor è la storia dei sogni realizzati di Antonina Maria e del marito Adrian e della vita radicalmente cambiata di Paola. Il marchio di “agrodetergenti” ecologici è nato tre anni fa dal loro incontro, unendo il lungo lavoro di sperimentazione della coppia – lei siciliana, lui albanese, ma trapiantati in Valchiusella, vicino a Ivrea – alle esperienze della loro futura socia, torinese.

Qualche anno fa, mentre facevo un corso di naturopatia a Torino, sono venuta a sapere di quello che facevano Antonina Maria e Adrian, e ho deciso di venire in Valchiusella a vedere con i miei occhi. Ho trovato persone incredibili che rischiavano di non arrivare mai al mercato. Lei è una chimica, non erborista: ha scopeto tutto da sola, sperimentando insieme ai contadini locali”, racconta Paola, che oggi cura la parte commerciale.

Dopo una carriera nella comunicazione pubblicitaria, da dieci anni aveva dovuto abbandonare tutto per problemi familiari. La scelta di trasferirsi con la famiglia nella valle, però, è arrivata dopo, nel 2010: “Il mondo in cui ho lavorato per molto tempo non mi andava più bene, volevo cambiare. Brillor è stato per me anche un modo per cambiare vita, e per i miei soci la via per realizzare ciò per cui hanno sempre lavorato”, riflette oggi.

Quando Paola raggiunge la coppia ad Alice, 50 chilometri da Torino, nasce la società Le erbe di Brillor: lei mette il capitale, i soci le conoscenze, l’esperienza, i risultati delle ricerche fatte.

Oggi il marchio produce sapone per il bucato, per i pavimenti, per la lavastoviglie, per i piatti, oltre a uno sgrassa tutto e a un milleusi. I macerati alla base dei detergenti sono tutti composti da ingredienti naturali, usando le piante spontanee della zona e quelle coltivate nei terreni in Valchiusella. “Produciamo in autonomia, con metodo biologico e biodinamico, timo, menta, rosmarino, lavanda, carote e achillea. Compriamo dai nostri fornitori quello che non riusciamo proprio a ottenere da soli: l’alcol, l’aceto di mele, i limoni, la curcuma, che comunque viene dall’Italia, e l’estratto di cocco certificato biologico. Abbiamo avviato però una ricerca sulla saponina per sostituire quest’ultimo con estratti di erbe locali”.

Tanti i riconoscimenti arrivati in questi anni: dal premio Oscar Green della Coldiretti alla segnalazione della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, fino al premio BioEnergy come buona pratica nel settore della chimica verde. Avviare l’attività, però, non è stato semplice: “Nessuno vuole l’agricoltura no food e trovare sbocchi sul mercato si è rivelato difficile. Oggi commercializziamo i prodotti tramite negozi e siti di e-commerce, ma anche attraverso la vendita diretta ai gruppi d’acquisto e ad altre aziende che utilizzano i nostri detergenti per le proprie pulizie”.

L’organizzazione del lavoro è orizzontale: “Antonina Maria si occupa della sperimentazione e della parte culturale, Adrian coltiva i campi e cura la produzione dei detergenti, io mi occupo della parte commerciale e dell’amministrazione”. Ad Alice sono da poco finiti i lavori di ristrutturazione di una cascina, che sarà insieme abitazione e luogo di produzione dei detersivi: “Solo per il laboratorio, è stato necessario un investimento di 120.000 euro”.

Ma quanto è difficile fare impresa in un’area periferica come la Val Chiusella? “Per niente. Dalla nostra localizzazione traiamo solo vantaggi”, spiega Paola. “Per le nostre piante è necessario essere fuori dall’inquinamento, e inoltre godiamo delle agevolazioni per la fascia pedemontana. La cosa di cui non possiamo fare a meno è internet: abbiamo puntato molto sulla comunicazione on line e siamo seguitissimi sui social network”.

Il 2013 si è chiuso con un fatturato di circa 200.000 euro, 80.000 in più rispetto all’anno precedente, e non mancano i progetti per il 2014: “Entro la prima metà dell’anno, abbiamo in programma di dedicarci anche ai saponi per la detergenza della persona. Vogliamo anche aprire a tutti le porte della nuova cascina, in modo che chi vuole possa venire a trovarci, vedere la nostra azienda e i nostri processi di produzione”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende