Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Brillor: gli agrodetergenti della Valchiusella, dal sogno alla realtà:

Brillor: gli agrodetergenti della Valchiusella, dal sogno alla realtà

gennaio 15, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

Prima che di detersivi agricoli ed ecologici, quella di Brillor è la storia dei sogni realizzati di Antonina Maria e del marito Adrian e della vita radicalmente cambiata di Paola. Il marchio di “agrodetergenti” ecologici è nato tre anni fa dal loro incontro, unendo il lungo lavoro di sperimentazione della coppia – lei siciliana, lui albanese, ma trapiantati in Valchiusella, vicino a Ivrea – alle esperienze della loro futura socia, torinese.

Qualche anno fa, mentre facevo un corso di naturopatia a Torino, sono venuta a sapere di quello che facevano Antonina Maria e Adrian, e ho deciso di venire in Valchiusella a vedere con i miei occhi. Ho trovato persone incredibili che rischiavano di non arrivare mai al mercato. Lei è una chimica, non erborista: ha scopeto tutto da sola, sperimentando insieme ai contadini locali”, racconta Paola, che oggi cura la parte commerciale.

Dopo una carriera nella comunicazione pubblicitaria, da dieci anni aveva dovuto abbandonare tutto per problemi familiari. La scelta di trasferirsi con la famiglia nella valle, però, è arrivata dopo, nel 2010: “Il mondo in cui ho lavorato per molto tempo non mi andava più bene, volevo cambiare. Brillor è stato per me anche un modo per cambiare vita, e per i miei soci la via per realizzare ciò per cui hanno sempre lavorato”, riflette oggi.

Quando Paola raggiunge la coppia ad Alice, 50 chilometri da Torino, nasce la società Le erbe di Brillor: lei mette il capitale, i soci le conoscenze, l’esperienza, i risultati delle ricerche fatte.

Oggi il marchio produce sapone per il bucato, per i pavimenti, per la lavastoviglie, per i piatti, oltre a uno sgrassa tutto e a un milleusi. I macerati alla base dei detergenti sono tutti composti da ingredienti naturali, usando le piante spontanee della zona e quelle coltivate nei terreni in Valchiusella. “Produciamo in autonomia, con metodo biologico e biodinamico, timo, menta, rosmarino, lavanda, carote e achillea. Compriamo dai nostri fornitori quello che non riusciamo proprio a ottenere da soli: l’alcol, l’aceto di mele, i limoni, la curcuma, che comunque viene dall’Italia, e l’estratto di cocco certificato biologico. Abbiamo avviato però una ricerca sulla saponina per sostituire quest’ultimo con estratti di erbe locali”.

Tanti i riconoscimenti arrivati in questi anni: dal premio Oscar Green della Coldiretti alla segnalazione della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, fino al premio BioEnergy come buona pratica nel settore della chimica verde. Avviare l’attività, però, non è stato semplice: “Nessuno vuole l’agricoltura no food e trovare sbocchi sul mercato si è rivelato difficile. Oggi commercializziamo i prodotti tramite negozi e siti di e-commerce, ma anche attraverso la vendita diretta ai gruppi d’acquisto e ad altre aziende che utilizzano i nostri detergenti per le proprie pulizie”.

L’organizzazione del lavoro è orizzontale: “Antonina Maria si occupa della sperimentazione e della parte culturale, Adrian coltiva i campi e cura la produzione dei detergenti, io mi occupo della parte commerciale e dell’amministrazione”. Ad Alice sono da poco finiti i lavori di ristrutturazione di una cascina, che sarà insieme abitazione e luogo di produzione dei detersivi: “Solo per il laboratorio, è stato necessario un investimento di 120.000 euro”.

Ma quanto è difficile fare impresa in un’area periferica come la Val Chiusella? “Per niente. Dalla nostra localizzazione traiamo solo vantaggi”, spiega Paola. “Per le nostre piante è necessario essere fuori dall’inquinamento, e inoltre godiamo delle agevolazioni per la fascia pedemontana. La cosa di cui non possiamo fare a meno è internet: abbiamo puntato molto sulla comunicazione on line e siamo seguitissimi sui social network”.

Il 2013 si è chiuso con un fatturato di circa 200.000 euro, 80.000 in più rispetto all’anno precedente, e non mancano i progetti per il 2014: “Entro la prima metà dell’anno, abbiamo in programma di dedicarci anche ai saponi per la detergenza della persona. Vogliamo anche aprire a tutti le porte della nuova cascina, in modo che chi vuole possa venire a trovarci, vedere la nostra azienda e i nostri processi di produzione”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

gennaio 17, 2019

Global Risks Report 2019: il commento del WWF

Secondo il Global Risks Report 2019, pubblicato ieri dal World Economic Forum, i rischi ambientali, come i fenomeni atmosferici estremi, la mancanza di azioni sul clima e la perdita di biodiversità, rappresentano le più grandi sfide, sempre crescenti, con cui l’umanità deve fare i conti. Proprio quelli di carattere ambientale rappresentano tre dei primi cinque rischi [...]

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

gennaio 16, 2019

Bando Prism-E della Regione Piemonte: finanziamenti per PMI che innovano nelle “cleantech”

Sono in arrivo nuove agevolazioni a sostegno delle clean technologies piemontesi, un settore sempre più strategico per il futuro del Paese. È infatti aperto il bando Prism-E della Regione Piemonte, che mette a disposizione 8,5 milioni di euro a piccole medie imprese – a cui si aggiungono grandi imprese che collaborano con le PMI – di Piemonte e [...]

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

gennaio 16, 2019

“Worn Wear Tour”: Patagonia promuove la riparazione dell’abbigliamento da sci

Il prossimo 24 gennaio a Innsbruck, in Austria, prenderà il via il “Worn Wear Tour” di Patagonia, lo storico brand di abbigliamento da montagna fondato da Yvon Chouinard, che farà tappa presso le destinazioni sciistiche più importanti di tutta Europa riparando cerniere, bottoni, strappi e anche abbigliamento tecnico in GORE-TEX. Ideata nel 2013, l’iniziativa Worn Wear [...]

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

gennaio 10, 2019

Il turismo minerario dell’Isola d’Elba. Alla scoperta delle pietre e degli storici giacimenti ferrosi

Il rosso del ferro, l’oro della pirite e l’argento dell’ematite, fino alle mille sfumature del granito. Quello dell’Isola d’Elba è un viaggio tra i colori delle pietre, custodite da sempre nel ventre dell’isola e scavate, a partire dagli Etruschi fino a una manciata di anni fa, con giacimenti apparentemente inesauribili. Chiuse nel 1981 dopo quasi [...]

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

dicembre 19, 2018

Agricoltura biologica: il testo unificato riconosce “il ruolo ambientale” e prevede un logo nazionale

La Camera dei Deputati ha approvato a grande maggioranza, nei giorni scorsi, il testo unificato delle proposte di legge “Disposizioni per la tutela, lo sviluppo e la competitività della produzione agricola, agroalimentare e dell’acquacoltura con metodo biologico”, che prevede l’introduzione di un logo nazionale e il riconoscimento del ruolo ambientale dell’agricoltura biologica, oltre a quello economico-sociale [...]

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

dicembre 19, 2018

Reborn Ideas, il nuovo aggregatore di prodotti italiani da upcycling

Reborn Ideas è la nuova start up marchigiana nata con l’obiettivo di aggregare e vendere prodotti “ecochic”, 100% Made in Italy, ispirati all’upcycling, al recycling, o realizzati con nuovi materiali ecosostenibili, grazie alla riscoperta della sapiente manualità artigianale italiana. L’upcycling, in particolare, è il processo di conversione di materie prime di scarto o prodotti dismessi [...]

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

dicembre 14, 2018

Con “Torino ti dà la carica” la colonnina elettrica arriva sotto casa

Privati cittadini, operatori commerciali e liberi professionisti residenti o domiciliati a Torino potranno chiedere di disporre di una colonnina di ricarica elettrica sotto la propria abitazione o davanti al negozio o all’ufficio. Si tratta del nuovo progetto “Torino ti dà la carica“, presentato oggi dall’amministrazione comunale guidata da Chiara Appendino. Lo scorso 28 settembre la Città [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende