Home » Bollettino Europa »Rubriche » Bruxelles si interroga su nucleare e pozzi offshore: 25 miliardi per rendere sicure le centrali:

Bruxelles si interroga su nucleare e pozzi offshore: 25 miliardi per rendere sicure le centrali

ottobre 8, 2012 Bollettino Europa, Rubriche

Nucleare e pozzi offshore di gas e petrolio. Anche questa settimana le massime istituzioni europee hanno visto all’ordine del giorno alcuni temi caldi del dibattito sulla transizione ad una low carbon economy. Argomento senza dubbio più scottante quello relativo alle centrali nucleari. L’incidente di Fukushima ha infatti spinto l’UE, nel giugno 2011, ad attivare una serie di “stress test” i cui risultati sono stati anticipati questa settimana dal Commissario all’Energia Gunther Oettinger.

Sotto il controllo di ENSREG, l’organismo europeo che raccoglie le agenzie di sicurezza nucleare di ogni Stato UE, sono stati sottoposti ai test 145 impianti sparsi sul territorio di quindici Stati membri. La valutazione ha riguardato la solidità e la sicurezza delle infrastrutture in caso di catastrofi naturali, in particolare alluvioni e terremoti. Addirittura nel caso che accadano simultaneamente. I risultati, a dire il vero, non sono così rassicuranti. Gli standard attuali per il calcolo del rischio non sono infatti applicati in 54 reattori, nel caso di terremoti, e in 62 per il pericolo inondazioni. Gli strumenti di misura e allerta di possibili scosse sismiche dovrebbero invece essere installati o migliorati in 121 reattori, mentre 81 non hanno luoghi sicuri dove custodire le apparecchiature necessarie a fronteggiare gravi incidenti. E ancora: 32 reattori non sono equipaggiati con sistemi di ventilazione che consentano la depressurizzazione sicura in caso di incidente e 24 non dispongono di una sala di controllo di emergenza in caso quella principale sia fuori uso.

“La sicurezza, in generale, è sufficiente”, commenta tuttavia Oettinger, “ma non c’è spazio per l’autocompiacimento, si deve lavorare insieme per fare in modo che gli standard siano sempre messi in atto”, ha aggiunto il Commissario. Nessuna centrale da chiudere, quindi, ma l’Esecutivo di Bruxelles ha fatto i conti: saranno necessari investimenti compresi fra i 10 e i 25 miliardi di euro per rendere le centrali UE in linea con i massimi livelli di sicurezza previsti dall’Agenzia Atomica Internazionale. Il rapporto completo e le raccomandazioni relative ad ogni singolo impianto sono però ancora in via di completamento e saranno sul tavolo del Consiglio Europeo del 18 e 19 ottobre. Spetterà, infatti, ai Governi degli Stati membri l’attuazione delle linee guida dettate dai dossier.

In quell’occasione ad avere i maggiori grattacapi sarà sicuramente la Francia, Paese nel quale ci sono il 40% delle centrali UE. I risultati preliminari segnalano inoltre il Paese d’Oltralpe come quello con il maggior numero di impianti che necessitano di ammodernamento. Tutti i cinquantotto reattori francesi presentano, infatti, carenze in materia di sicurezza. Raggruppati in diciannove centrali, quattro delle quali molto vicine al confine italiano, nessuno dispone, per esempio, degli strumenti di misurazione sismica. Non sono adeguati nemmeno gli equipaggiamenti per il soccorso in caso di incidente, a differenza di quelli di altri Paesi, come la Germania, il Regno Unito, la Svezia e la Spagna, ritenuti” in regola”.

A Bruxelles non si è parlato solo di nucleare. Nel mirino della discussione sono finiti anche gli impianti petroliferi e di gas offshore. Sulla base delle relazioni nazionali e dell’analisi dei rischi condotte dalla Commissione Europea, nell’UE le probabilità di gravi incidenti legati alle piattaforme di estrazione in mare aperto sono infatti elevate. A riassumere la situazione è una relazione parlamentare a cura di Ivo Belet, eurodeputato belga responsabile delle nuove norme sulla sicurezza di questi impianti. Anche in questo caso, ad avere fatto scattare il campanello di allarme ex post è stato il disastro ecologico del Golfo del Messico. Ma non è l’unico: secondo le stime della Commissione Europea, le perdite economiche e i danni dovuti a incidenti offshore nel settore degli idrocarburi, nella sola UE, sono mediamente quantificabili fra i 205 e 915 milioni di euro l’anno.

La nuova legislazione, che la presidenza cipriota dell’UE spera di vedere approvata entro il semestre, ha come obiettivo quello di assicurare che solo le imprese dotate di adeguati mezzi tecnici, piani di emergenza e risorse per risarcire eventuali danni ambientali fino a 370 km. dalla costa abbiano il nulla osta per potere lavorare nelle acque dell’Unione Europea. L’iter di approvazione appare però complicatissimo. In primo luogo per quanto riguarda i contenuti, dalla definizione stessa di grave incidente” alla capacità tecnica e finanziaria che gli operatori dovranno assicurare. Da definire, inoltre, il possibile ruolo dell’Agenzia per la Sicurezza Marittima UE (Emsa), la verifica di piani di rischio e di emergenza da parte di organismi indipendenti, una possibile moratoria sulle trivellazioni nell’Artico e l’applicazione da parte delle aziende europee degli stessi standard di sicurezza anche nelle operazioni extra-UE. In secondo luogo per la forma che le regole dovranno assumere. La differenza sarà importante: un Regolamento prevede norme uguali per tutti gli Stati membri e immediatamente applicabili. La Direttiva, invece, va trasposta e recepita nell’ordinamento nazionale, con i relativi tempi e modifiche. E pare che la maggioranza delle istituzioni e dei Paesi propenda per quest’ultima opzione.

Includendo anche Norvegia, Islanda e Liechtenstein, si parla complessivamente di quasi mille impianti offshore. E le misure avranno un forte impatto anche sull’Italia, che si posiziona al terzo posto nell’UE per numero di piattaforme (123), dopo Gran Bretagna (486) e Paesi Bassi (181). Non è un segreto il fatto che il Mediterraneo sia diventato una nuova terra di conquista per i pozzi offshore di gas e petrolio. Tanto da far alzare la voce dell’Organizzazione Mondiale per la Conservazione della Natura (Iucn). La zona costituisce, infatti, una delle trentaquattro aree critiche per quanto riguarda la biodiversità dell’intero Pianeta (i cosiddetti “hotspots”). Proprio a causa delle delicate condizioni ecologiche del Mediterraneo, della minaccia per la vita marina e per le comunità costiere, L’Iucn chiede dunque a Bruxelles che vengano definite rigide regole di sicurezza, come quella di non consentire autorizzazioni laddove sono possibili impatti su vicini siti naturali.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende