Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica:

Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica

novembre 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Creare un’impresa per risolvere un problema di salute in famiglia. Più o meno è andata così per la Bubble & Co. di Parma, specializzata in cosmesi per bambini. “Quando è nato nostro figlio soffriva di alcune patologie della pelle, abbiamo iniziato ad utilizzare alcuni prodotti, ma non siamo mai riusciti a risolvere il problema. Fino a quando mia moglie – che collaborava con un laboratorio - ha trovato la soluzione con loro e ha iniziato a fare produrre per noi prodotti scegliendo ingredienti biologici

E’ così la vita di Francesco D’Abate cambia: sollievo per le condizioni del bambino e passaggio da rappresentante di prodotti del settore  casalingo al mondo imprenditoriale. Per gli strani e bizzarri casi del destino il quarantunenne con natali a Milano, dopo una vita a fare cose per cui non aveva studiato, ritorna al suo primo amore: la biologia. “Mi sono laureato in scienze biologiche e dopo un percorso lavorativo diverso mi ritrovo a fare,  per esigenze di famiglia, quello che avevo studiato”.

A gonfie vele con Bubble & Co. che ha una chiara missione:”Realizzare prodotti dermocosmetici sostenibili, per adulti e bambini, partendo da sostanze completamente bio e dermo-compatibili”. Da 0 a 100 anni, come recita il claim sulle confezioni di prodotto.

La squadra messa in piedi  da Francesco nel 2013 si è arricchita di un team di medici, biologi e chimici che si occupano di ricerca, sviluppo, consulenza, produzione e commercializzazione:“Siamo nati per la commercializzazione, ma ora siamo diventati produttori diretti attraverso l’acquisizione del laboratorio”.

Le competenze da biologo del titolare sono ovviamente utili all’azienda, ma non da meno quelle acquisite nell’esperienza commerciale: “Il primo venditore della mia azienda sono stato io. Con fatica abbiamo aperto il canale preferenziale per la vendita dei nostri prodotti, ovvero il mondo della prima infanzia e puericoltura, poi farmacia e parafarmacia – anche se  il nostro è un prodotto trasversale che si trova anche nei negozi di abbigliamento!”.

Il problema risolto della famiglia D’Abate è dunque diventato un bel business. In un mondo sempre più inquinato, con aria e terra intrise di veleno, i problemi dermatologici purtroppo crescono: “Il mercato ha risposto bene, anche se abbiamo incontrato delle difficoltà. Per i prezzi necessariamente più alti della media. Il problema è far capire che non tutti i prodotti sono uguali: uno bio o naturale è completamente diverso dal convenzionale“. “Abbiamo deciso di recuperare e portare avanti le ‘vecchie tradizioni’ usando solo ingredienti naturali, provenienti da agricoltura biologica, che assicurino al tempo stesso efficacia e il minore impatto possibile sul piano sociale e ambientale”. Bubble & Co. ha quindi scelto di dire basta “a derivati animali, peg, parabeni, laureth, sles, sls, edta, ogm, coloranti e siliconi, profumi sintetici” e di fare tutto in Italia.

Per il biologico, del resto, ci sono buone prospettive, secondo Francesco: “Nel  mercato della cosmesi rappresenta solo il 3-4% e può ancora crescere. Bisogna lavorare sull’informazione e far sapere che l’utilizzo di prodotti biologici e naturali sin dalla nascita del bambino può aiutare ad evitare determinate patologie, prevenire per esempio la dermatite atopica o la psoriasi. Fino ad oggi si parlava di bio per l’alimentare, ma ora anche per la cosmesi c’è maggiore attenzione da parte di tante mamme, che guardano alla composizione dell’ingredientistica per farsi un’idea più precisa del prodotto”.

E poi l’ultima chicca, per gli amanti degli animali: la linea Biofido, anche questa con formulazioni senza formaldeide, alogeni, peg, parabeni, allergeni, etanolo, coloranti, siliconi, paraffine, sls, sles, ogm e radiazioni ionizzanti. Tutti prodotti realizzati con materie prime di origine vegetale, principi attivi naturali altamente funzionali e ingredienti adatti alla pelle e al pelo di cani, gatti e animali da compagnia. Ovviamente non testati su animali e senza ingredienti di origine animale, ça va sans dire.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

marzo 26, 2020

Commercio ecologico e solidale contro la crisi: Greeneria e Letsell lanciano il “franchising online” gratuito

In tempi di restrizioni alla mobilità delle persone e chiusure di esercizi commerciali dovute all’emergenza coronavirus, l’e-commerce sembra essere l’unica modalità per non bloccare totalmente l’economia e le vendite, soprattutto di prodotti non alimentari. Da qui l’idea di due società piemontesi di lanciare il primo “franchising online” in Italia, per offrire a studenti, famiglie e commercianti una [...]

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

marzo 25, 2020

Premio “Mani Tese”: 10.000 euro per inchieste di giornalismo investigativo e sociale

Dopo il successo della prima edizione torna il Premio Mani Tese per il giornalismo investigativo e sociale, di cui sono ufficialmente aperte le candidature. Il Premio Mani Tese intende sostenere la produzione di inchieste originali su tematiche concernenti gli impatti dell’attività di impresa sui diritti umani e sull’ambiente, in Italia o nei Paesi terzi in cui [...]

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

marzo 18, 2020

Giornata Mondiale del Riciclo: dati positivi per CONAI. “Ma occorre incentivare l’uso di materia riciclata”

La Giornata Mondiale del Riciclo del 18 marzo 2020 si apre con una nota di ottimismo. «Secondo le prime stime CONAI, nel 2019 l’Italia ha avviato a riciclo il 71,2% dei rifiuti da imballaggio, una quantità superiore a 9 milioni e mezzo di tonnellate. Se pensiamo che la richiesta dell’Europa è quella di raggiungere il 65% entro [...]

500 elettrica, la prima volta di Fiat

marzo 4, 2020

500 elettrica, la prima volta di Fiat

E’ stata presentata oggi a Milano, in anteprima mondiale, la Nuova 500, la prima vettura di FCA nata full electric, che si preannuncia per il marchio Fiat del gruppo, una nuova rivoluzione, dopo quella che negli anni Sessanta ha reso la mobilità a motore alla portata di tutti. Adesso però, spiegano dal quartier generale Fiat, “It’s [...]

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

marzo 3, 2020

Bando CONAI per l’ecodesign: 500.000 euro in palio per le imprese

L’edizione 2020 del Bando CONAI per l’eco-design degli imballaggi è stata annunciata lo scorso 28 febbraio, con l’obiettivo di stimolare una sfida verso una maggiore sostenibilità ambientale. Le aziende italiane si dovranno infatti confrontare a colpi di miglioramento dei propri imballaggi, rivisti in chiave di economia circolare. Nel 2019 i casi virtuosi presentati e ammessi sono [...]

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

febbraio 24, 2020

Inchiesta Altroconsumo: 2/3 dei prodotti acquistati online sui principali e-commerce non è sicuro

Sono risultati impressionanti quelli dell’inchiesta condotta da Altroconsumo insieme ad altre organizzazioni di consumatori europee e pubblicati sul numero di marzo della propria rivista: la maggior parte dei prodotti per bambini, ma anche cosmetici, gioielli, dispositivi elettronici e abbigliamento acquistabili sulle principali piattaforme di e-commerce non è sicuro per la salute e/o non a norma di legge. L’analisi [...]

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

febbraio 10, 2020

“Green Week”, a Trento la nuova edizione del Festival della Green Economy

Nel futuro si potrà viaggiare a emissioni zero? È possibile ridurre la chimica in agricoltura? Come gestire i grandi flussi del turismo mondiale? Il “sistema moda” può essere effettivamente sostenibile? Quale impatto avrà la sostenibilità sul mondo della finanza? L’architettura sta affrontando in maniera adeguata le questioni relative al risparmio energetico e all’utilizzo di nuovi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende