Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica:

Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica

novembre 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Creare un’impresa per risolvere un problema di salute in famiglia. Più o meno è andata così per la Bubble & Co. di Parma, specializzata in cosmesi per bambini. “Quando è nato nostro figlio soffriva di alcune patologie della pelle, abbiamo iniziato ad utilizzare alcuni prodotti, ma non siamo mai riusciti a risolvere il problema. Fino a quando mia moglie – che collaborava con un laboratorio - ha trovato la soluzione con loro e ha iniziato a fare produrre per noi prodotti scegliendo ingredienti biologici

E’ così la vita di Francesco D’Abate cambia: sollievo per le condizioni del bambino e passaggio da rappresentante di prodotti del settore  casalingo al mondo imprenditoriale. Per gli strani e bizzarri casi del destino il quarantunenne con natali a Milano, dopo una vita a fare cose per cui non aveva studiato, ritorna al suo primo amore: la biologia. “Mi sono laureato in scienze biologiche e dopo un percorso lavorativo diverso mi ritrovo a fare,  per esigenze di famiglia, quello che avevo studiato”.

A gonfie vele con Bubble & Co. che ha una chiara missione:”Realizzare prodotti dermocosmetici sostenibili, per adulti e bambini, partendo da sostanze completamente bio e dermo-compatibili”. Da 0 a 100 anni, come recita il claim sulle confezioni di prodotto.

La squadra messa in piedi  da Francesco nel 2013 si è arricchita di un team di medici, biologi e chimici che si occupano di ricerca, sviluppo, consulenza, produzione e commercializzazione:“Siamo nati per la commercializzazione, ma ora siamo diventati produttori diretti attraverso l’acquisizione del laboratorio”.

Le competenze da biologo del titolare sono ovviamente utili all’azienda, ma non da meno quelle acquisite nell’esperienza commerciale: “Il primo venditore della mia azienda sono stato io. Con fatica abbiamo aperto il canale preferenziale per la vendita dei nostri prodotti, ovvero il mondo della prima infanzia e puericoltura, poi farmacia e parafarmacia – anche se  il nostro è un prodotto trasversale che si trova anche nei negozi di abbigliamento!”.

Il problema risolto della famiglia D’Abate è dunque diventato un bel business. In un mondo sempre più inquinato, con aria e terra intrise di veleno, i problemi dermatologici purtroppo crescono: “Il mercato ha risposto bene, anche se abbiamo incontrato delle difficoltà. Per i prezzi necessariamente più alti della media. Il problema è far capire che non tutti i prodotti sono uguali: uno bio o naturale è completamente diverso dal convenzionale“. “Abbiamo deciso di recuperare e portare avanti le ‘vecchie tradizioni’ usando solo ingredienti naturali, provenienti da agricoltura biologica, che assicurino al tempo stesso efficacia e il minore impatto possibile sul piano sociale e ambientale”. Bubble & Co. ha quindi scelto di dire basta “a derivati animali, peg, parabeni, laureth, sles, sls, edta, ogm, coloranti e siliconi, profumi sintetici” e di fare tutto in Italia.

Per il biologico, del resto, ci sono buone prospettive, secondo Francesco: “Nel  mercato della cosmesi rappresenta solo il 3-4% e può ancora crescere. Bisogna lavorare sull’informazione e far sapere che l’utilizzo di prodotti biologici e naturali sin dalla nascita del bambino può aiutare ad evitare determinate patologie, prevenire per esempio la dermatite atopica o la psoriasi. Fino ad oggi si parlava di bio per l’alimentare, ma ora anche per la cosmesi c’è maggiore attenzione da parte di tante mamme, che guardano alla composizione dell’ingredientistica per farsi un’idea più precisa del prodotto”.

E poi l’ultima chicca, per gli amanti degli animali: la linea Biofido, anche questa con formulazioni senza formaldeide, alogeni, peg, parabeni, allergeni, etanolo, coloranti, siliconi, paraffine, sls, sles, ogm e radiazioni ionizzanti. Tutti prodotti realizzati con materie prime di origine vegetale, principi attivi naturali altamente funzionali e ingredienti adatti alla pelle e al pelo di cani, gatti e animali da compagnia. Ovviamente non testati su animali e senza ingredienti di origine animale, ça va sans dire.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

settembre 1, 2020

Mercato del gas: soluzioni più sostenibili ed efficienti per la transizione energetica. La visione di E.ON

Il gas naturale è da tempo una delle principali fonti energetiche del mondo e potrebbe ulteriormente acquisire un ruolo chiave nella “transizione energetica”, come recentemente evidenziato dal Global Gas Report 2020 di International Gas Union (IGU), BloombergNEF (BNEF) e Snam e, sul fronte italiano, dalle proiezioni dello Studio Confindustria – Nomisma Energia “Sistema gas naturale [...]

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

giugno 26, 2020

Circularity, il motore di ricerca per far incontrare domanda e offerta di rifiuti

Circularity, start up innovativa fondata nel 2018 con l’obiettivo di rivoluzionare il mondo dei rifiuti in Italia, ha lanciato il primo motore di ricerca per raccogliere informazioni e concludere transazioni che consentano alle imprese industriali di attivare processi di economia circolare e gestire i rifiuti come una risorsa e non soltanto come un costo e [...]

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

giugno 4, 2020

Condizionamento dell’aria e “povertà energetica”. Dati preoccupanti dallo studio di Ca’ Foscari

L’uso del condizionatore gonfia notevolmente le bollette elettriche delle famiglie, con importanti conseguenze sulla loro “povertà energetica”. Lo rivela uno studio condotto da un gruppo di ricerca dell’Università Ca’ Foscari Venezia e del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (CMCC), appena pubblicato sulla rivista scientifica Economic Modeling. Studi precedenti realizzati negli Stati Uniti stimano un incremento [...]

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

giugno 4, 2020

CONAI e Università della Basilicata: un’opportunità per 80 giovani laureati

E’ in fase di partenza l’edizione 2020 del progetto Green Jobs, nato per promuovere la crescita di competenze e sensibilità nel settore dell’economia circolare attraverso attività formative sul territorio: CONAI e l’Università degli Studi della Basilicata daranno, anche quest’anno, la possibilità a ottanta laureati della Regione di partecipare gratuitamente a un iter didattico per facilitare [...]

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

maggio 27, 2020

Non dimentichiamo l’usato: vale 24 miliardi di euro l’anno

Quanto la second hand economy sia ormai rilevante nell’economia nazionale italiana lo conferma la sesta edizione dell’Osservatorio Second Hand Economy condotto da BVA Doxa per Subito, piattaforma leader in Italia per la compravendita di oggetti usati, con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, che ha evidenziato come il valore generato da questa forma di “economia [...]

Möves: a Milano al lavoro in eBike

maggio 20, 2020

Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti. In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro [...]

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

maggio 15, 2020

Superbonus 110%, Gabetti: “previsti 7 miliardi di investimenti per l’efficienza energetica”

Tra i provvedimenti varati dal Governo il nuovo “Decreto Rilancio” prevede l’innalzamento delle detrazioni dell’Ecobonus e del Sismabonus al 110% a partire dal 1° luglio 2020, aprendo importanti opportunità di rilancio per il settore immobiliare nel dopo emergenza Covid. “Grazie al ‘Decreto Rilancio’ e al Superbonus al 110% sarà possibile intervenire sulle nostre città con [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende