Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica:

Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica

novembre 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Creare un’impresa per risolvere un problema di salute in famiglia. Più o meno è andata così per la Bubble & Co. di Parma, specializzata in cosmesi per bambini. “Quando è nato nostro figlio soffriva di alcune patologie della pelle, abbiamo iniziato ad utilizzare alcuni prodotti, ma non siamo mai riusciti a risolvere il problema. Fino a quando mia moglie – che collaborava con un laboratorio - ha trovato la soluzione con loro e ha iniziato a fare produrre per noi prodotti scegliendo ingredienti biologici

E’ così la vita di Francesco D’Abate cambia: sollievo per le condizioni del bambino e passaggio da rappresentante di prodotti del settore  casalingo al mondo imprenditoriale. Per gli strani e bizzarri casi del destino il quarantunenne con natali a Milano, dopo una vita a fare cose per cui non aveva studiato, ritorna al suo primo amore: la biologia. “Mi sono laureato in scienze biologiche e dopo un percorso lavorativo diverso mi ritrovo a fare,  per esigenze di famiglia, quello che avevo studiato”.

A gonfie vele con Bubble & Co. che ha una chiara missione:”Realizzare prodotti dermocosmetici sostenibili, per adulti e bambini, partendo da sostanze completamente bio e dermo-compatibili”. Da 0 a 100 anni, come recita il claim sulle confezioni di prodotto.

La squadra messa in piedi  da Francesco nel 2013 si è arricchita di un team di medici, biologi e chimici che si occupano di ricerca, sviluppo, consulenza, produzione e commercializzazione:“Siamo nati per la commercializzazione, ma ora siamo diventati produttori diretti attraverso l’acquisizione del laboratorio”.

Le competenze da biologo del titolare sono ovviamente utili all’azienda, ma non da meno quelle acquisite nell’esperienza commerciale: “Il primo venditore della mia azienda sono stato io. Con fatica abbiamo aperto il canale preferenziale per la vendita dei nostri prodotti, ovvero il mondo della prima infanzia e puericoltura, poi farmacia e parafarmacia – anche se  il nostro è un prodotto trasversale che si trova anche nei negozi di abbigliamento!”.

Il problema risolto della famiglia D’Abate è dunque diventato un bel business. In un mondo sempre più inquinato, con aria e terra intrise di veleno, i problemi dermatologici purtroppo crescono: “Il mercato ha risposto bene, anche se abbiamo incontrato delle difficoltà. Per i prezzi necessariamente più alti della media. Il problema è far capire che non tutti i prodotti sono uguali: uno bio o naturale è completamente diverso dal convenzionale“. “Abbiamo deciso di recuperare e portare avanti le ‘vecchie tradizioni’ usando solo ingredienti naturali, provenienti da agricoltura biologica, che assicurino al tempo stesso efficacia e il minore impatto possibile sul piano sociale e ambientale”. Bubble & Co. ha quindi scelto di dire basta “a derivati animali, peg, parabeni, laureth, sles, sls, edta, ogm, coloranti e siliconi, profumi sintetici” e di fare tutto in Italia.

Per il biologico, del resto, ci sono buone prospettive, secondo Francesco: “Nel  mercato della cosmesi rappresenta solo il 3-4% e può ancora crescere. Bisogna lavorare sull’informazione e far sapere che l’utilizzo di prodotti biologici e naturali sin dalla nascita del bambino può aiutare ad evitare determinate patologie, prevenire per esempio la dermatite atopica o la psoriasi. Fino ad oggi si parlava di bio per l’alimentare, ma ora anche per la cosmesi c’è maggiore attenzione da parte di tante mamme, che guardano alla composizione dell’ingredientistica per farsi un’idea più precisa del prodotto”.

E poi l’ultima chicca, per gli amanti degli animali: la linea Biofido, anche questa con formulazioni senza formaldeide, alogeni, peg, parabeni, allergeni, etanolo, coloranti, siliconi, paraffine, sls, sles, ogm e radiazioni ionizzanti. Tutti prodotti realizzati con materie prime di origine vegetale, principi attivi naturali altamente funzionali e ingredienti adatti alla pelle e al pelo di cani, gatti e animali da compagnia. Ovviamente non testati su animali e senza ingredienti di origine animale, ça va sans dire.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

aprile 15, 2019

Grande successo della Formula E a Roma. Campionato elettrico in crescita

Il neozelandese Mitch Evans, del team Panasonic Jaguar, si è aggiudicato sabato 13 aprile il Gran Premio di Roma, settima tappa del campionato mondiale ABB FIA Formula E, “la formula 1 delle auto elettriche”. Al secondo posto Andrè Lotterer su DS Techeetah e al terzo Stoffel Vandoorne del team HWA Racelab. Secondo le stime degli organizzatori la gara è stata seguita [...]

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

marzo 29, 2019

ECOMED Green Expo: Catania apre la via della green economy al Mediterraneo

Dall’11 al 13 aprile la città di Catania si prepara a ospitare ECOMED, la prima “green expo” siciliana dedicata ai temi della green economy e dell’economia circolare, riletti in prospettiva mediterranea (e non solo nazionale). Per tre giorni il più grande centro fieristico ai piedi dell’Etna – le suggestive “Ciminiere” – sarà la casa di [...]

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

marzo 15, 2019

Vendemmia 2099 in anticipo di 4 settimane. In Trentino uno studio indaga l’effetto dei cambiamenti climatici sulla viticoltura

Come sarà la viticoltura in Trentino nel 2099? A causa dei cambiamenti climatici tra 80 anni si vendemmierà con un anticipo fino alle 4 settimane. A calcolarlo è uno studio interdisciplinare condotto da Fondazione Edmund Mach e Centro C3A con l’Università di Trento e Fondazione Bruno Kessler. Lo studio indaga l’impatto dei cambiamenti climatici sulle fasi [...]

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

marzo 8, 2019

L’appello di Dell: la sostenibilità come criterio di base per gli acquisti IT delle pubbliche amministrazioni

Dell Technologies, tra i maggiori produttori mondiali di soluzioni tecnologiche, ha lanciato nei giorni scorsi un appello ai Governi europei e all’intero settore IT per stimolare un maggiore impegno congiunto verso la sostenibilità, con particolare attenzione all’ambito del public procurement dei servizi IT. Si calcola infatti che, nell’Unione Europea, la spesa pubblica si aggiri intorno a [...]

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

marzo 7, 2019

La plastica invade anche il “Regno di Nettuno”. Un convegno a Ischia per lanciare l’allarme

“L’Italia produce ogni anno oltre 4.720 miliardi di bottiglie di acqua minerale in PET e ne rilascia oltre 132.000 tonnellate nelle acque costiere, che in termini di CO2 prodotta corrispondono a 472.000 tonnellate emesse per la loro produzione e 925.000 tonnellate emesse per il loro trasporto, per un totale di 1.397.000 tonnellate di CO2 emesse!”. [...]

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

marzo 1, 2019

NOI Techpark, il polo d’innovazione di Bolzano che nasce sul vecchio stabilimento metallurgico

Da area industriale a enorme quartiere dell’innovazione: NOI Techpark è il nuovo polo culturale e tecnologico di Bolzano nato per ospitare aziende, start up, centri di ricerca e università.  Nature Of Innovation: è questo il significato dell’acronimo NOI Techpark. Un’opera di rigenerazione urbana che già nel nome rivela la sua natura inclusiva, destinata a trasformare [...]

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

marzo 1, 2019

Il “sustainable thinking” della moda al Museo Salvatore Ferragamo

Il prossimo 12 aprile 2019 a Firenze, il Museo Salvatore Ferragamo inaugura “Sustainable Thinking“, un percorso narrativo che si snoda tra le pionieristiche intuizioni del fondatore Salvatore Ferragamo nella ricerca sui materiali naturali, di riciclo e innovativi, e le più recenti sperimentazioni in ambito “ecofashion”. Il progetto espositivo, ideato da Stefania Ricci, Direttore del Museo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende