Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica:

Bubble & Co. Come passare da un problema dermatologico ad un’azienda di cosmesi biologica

novembre 2, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Creare un’impresa per risolvere un problema di salute in famiglia. Più o meno è andata così per la Bubble & Co. di Parma, specializzata in cosmesi per bambini. “Quando è nato nostro figlio soffriva di alcune patologie della pelle, abbiamo iniziato ad utilizzare alcuni prodotti, ma non siamo mai riusciti a risolvere il problema. Fino a quando mia moglie – che collaborava con un laboratorio - ha trovato la soluzione con loro e ha iniziato a fare produrre per noi prodotti scegliendo ingredienti biologici

E’ così la vita di Francesco D’Abate cambia: sollievo per le condizioni del bambino e passaggio da rappresentante di prodotti del settore  casalingo al mondo imprenditoriale. Per gli strani e bizzarri casi del destino il quarantunenne con natali a Milano, dopo una vita a fare cose per cui non aveva studiato, ritorna al suo primo amore: la biologia. “Mi sono laureato in scienze biologiche e dopo un percorso lavorativo diverso mi ritrovo a fare,  per esigenze di famiglia, quello che avevo studiato”.

A gonfie vele con Bubble & Co. che ha una chiara missione:”Realizzare prodotti dermocosmetici sostenibili, per adulti e bambini, partendo da sostanze completamente bio e dermo-compatibili”. Da 0 a 100 anni, come recita il claim sulle confezioni di prodotto.

La squadra messa in piedi  da Francesco nel 2013 si è arricchita di un team di medici, biologi e chimici che si occupano di ricerca, sviluppo, consulenza, produzione e commercializzazione:“Siamo nati per la commercializzazione, ma ora siamo diventati produttori diretti attraverso l’acquisizione del laboratorio”.

Le competenze da biologo del titolare sono ovviamente utili all’azienda, ma non da meno quelle acquisite nell’esperienza commerciale: “Il primo venditore della mia azienda sono stato io. Con fatica abbiamo aperto il canale preferenziale per la vendita dei nostri prodotti, ovvero il mondo della prima infanzia e puericoltura, poi farmacia e parafarmacia – anche se  il nostro è un prodotto trasversale che si trova anche nei negozi di abbigliamento!”.

Il problema risolto della famiglia D’Abate è dunque diventato un bel business. In un mondo sempre più inquinato, con aria e terra intrise di veleno, i problemi dermatologici purtroppo crescono: “Il mercato ha risposto bene, anche se abbiamo incontrato delle difficoltà. Per i prezzi necessariamente più alti della media. Il problema è far capire che non tutti i prodotti sono uguali: uno bio o naturale è completamente diverso dal convenzionale“. “Abbiamo deciso di recuperare e portare avanti le ‘vecchie tradizioni’ usando solo ingredienti naturali, provenienti da agricoltura biologica, che assicurino al tempo stesso efficacia e il minore impatto possibile sul piano sociale e ambientale”. Bubble & Co. ha quindi scelto di dire basta “a derivati animali, peg, parabeni, laureth, sles, sls, edta, ogm, coloranti e siliconi, profumi sintetici” e di fare tutto in Italia.

Per il biologico, del resto, ci sono buone prospettive, secondo Francesco: “Nel  mercato della cosmesi rappresenta solo il 3-4% e può ancora crescere. Bisogna lavorare sull’informazione e far sapere che l’utilizzo di prodotti biologici e naturali sin dalla nascita del bambino può aiutare ad evitare determinate patologie, prevenire per esempio la dermatite atopica o la psoriasi. Fino ad oggi si parlava di bio per l’alimentare, ma ora anche per la cosmesi c’è maggiore attenzione da parte di tante mamme, che guardano alla composizione dell’ingredientistica per farsi un’idea più precisa del prodotto”.

E poi l’ultima chicca, per gli amanti degli animali: la linea Biofido, anche questa con formulazioni senza formaldeide, alogeni, peg, parabeni, allergeni, etanolo, coloranti, siliconi, paraffine, sls, sles, ogm e radiazioni ionizzanti. Tutti prodotti realizzati con materie prime di origine vegetale, principi attivi naturali altamente funzionali e ingredienti adatti alla pelle e al pelo di cani, gatti e animali da compagnia. Ovviamente non testati su animali e senza ingredienti di origine animale, ça va sans dire.

Gian Basilio Nieddu

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende