Home » Rubriche »Very Important Planet » Bunna, il Natural Mystic del reggae italiano:

Bunna, il Natural Mystic del reggae italiano

Amianto, petrolio, scorie, immondizia, sprechi, discariche, polveri sottili. L’inquinamento non dà scampo alle grandi città. Meglio vivere sul fiume, in una lingua di terra, circondata dal verde dei prati e delle montagne del pinerolese. Come fa Bunna, al secolo Vitale Bonino, classe 1964, leader, voce e chitarra degli Africa Unite, il più noto gruppo raggae italiano, in questi giorni anche membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, il concorso cinematografico internazionale dedicato alle pellicole a tema ambientale.

Con una tournée europea che toccherà Berlino, Bruxelles, Londra, L’Aia, Dublino, Parigi, Madrid, Barcellona, Valencia, lui e il gruppo festeggiano quest’anno i 30 anni di storia insieme, coronati da un libro (stampato rigorosamente su carta riciclata), dal titolo “Trent’anni in levare. Storia della storia degli Africa Unite”, pubblicato il 25 maggio da Chinaski Edizioni.

D) Bunna, quali sono i temi civili affrontati dai film di Cinemambiente in concorso quest’anno?

R) E’ molto presente la tematica dei rifiuti, un problema drammatico per l’Italia, ma non solo. L’apertura della manifestazione è stata dedicata al lungometraggio di Lucy Walker dal titolo Waste Land”, cioèterra desolata”, ma anche “terra devastata”, girato in una delle più grandi discariche del mondo, Jardim Gramacho, alla periferia di Rio de Janeiro. Mi ha impressionato, perché i temi ambientali hanno per me un’importanza speciale. Ogni settimana conduco anche una trasmissione su Radio Life Gate, Natural Mysticche non parla solo di musica, ma ha stretti legami con lo stato di salute della natura e dell’informazione.

D) Che importanza hanno, secondo te, manifestazioni di sensibilizzazione come la rassegna di Torino?

R) Sono un’opportunità preziosa per avvicinare la gente a problematiche che altrimenti non verrebbero approfondite. La politica dovrebbe fare di più, rappresentare le necessità di tutti, e invece è quanto mai lontana. Ma la piazza ha ancora qualche mezzo per protestare. Ciascuno di noi ha un ruolo importante nella salvaguardia dell’ambiente. Dobbiamo abbandonare la filosofia del “cosa ci posso fare?” e incominciare la rivoluzione dal nostro quotidiano.

D) Tu da dove inizi? Mobilità, energia pulita, comportamenti a basso impatto ambientale?

R) Nella nostra società è sempre difficile essere fedeli e rigorosi, e seguire una linea di vita coerente. Io parto dall’abc: quando posso non uso l’auto, faccio la differenziata, compro frutta, verdura e carne dai produttori consociati in un gruppo di acquisto solidale del pinerolese, in casa tengo una temperatura mai superiore ai 21 gradi.

D) Perchè hai deciso di restare a Pinerolo?

R) Sono rimasto fedele alla città in cui sono nato e in cui è nato il gruppo. Apprezzo la provincia, vado il minimo indispensabile in città. Il caos della metropoli lo trovo pesante. Casa mia è collocata su un lembo di terra, bagnato da due parti da un ruscello. Adoro questa dimensione rilassante, in cui posso fare tutta la musica che voglio senza dover rendere conto a nessuno.

D) In alternativa, dove ti trasferiresti?

R) In Olanda. E’ un paese a misura d’uomo, molto libero – anche sul fronte delle liberalizzazioni…

D) La vostra musica, il reggae, discende da Bob Marley e da una certa cultura vicina alla natura e ai suoi ritmi lenti. Pensiamo al rastafarianesimo. Che cos’è rimasto oggi di quei valori figli degli anni ’70?

R) Gli Africa Unite si rifanno al genere reggae, cercando di trovare nel nostro Paese i riferimenti culturali per fare la nostra musica. Di quell’ispirazione naturalista originaria è rimasto però poco. La “one love philosophy” di Marley si è persa.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

giugno 18, 2021

“L’Adieu des glaciers”: al Forte di Bard le trasformazioni dei ghiacciai alpini

“L’Adieu des glaciers: ricerca fotografica e scientifica” è un progetto prodotto dal Forte di Bard, che intende proporre un viaggio iconografico e scientifico progressivo tra i ghiacciai dei principali Quattromila della Valle d’Aosta per raccontare, anno dopo anno, la storia delle loro trasformazioni. L’iniziativa, che ha un orizzonte temporale di quattro anni, ha iniziato la sua [...]

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende