Home » Rubriche »Very Important Planet » Bunna, il Natural Mystic del reggae italiano:

Bunna, il Natural Mystic del reggae italiano

Amianto, petrolio, scorie, immondizia, sprechi, discariche, polveri sottili. L’inquinamento non dà scampo alle grandi città. Meglio vivere sul fiume, in una lingua di terra, circondata dal verde dei prati e delle montagne del pinerolese. Come fa Bunna, al secolo Vitale Bonino, classe 1964, leader, voce e chitarra degli Africa Unite, il più noto gruppo raggae italiano, in questi giorni anche membro della giuria del Festival Cinemambiente di Torino, il concorso cinematografico internazionale dedicato alle pellicole a tema ambientale.

Con una tournée europea che toccherà Berlino, Bruxelles, Londra, L’Aia, Dublino, Parigi, Madrid, Barcellona, Valencia, lui e il gruppo festeggiano quest’anno i 30 anni di storia insieme, coronati da un libro (stampato rigorosamente su carta riciclata), dal titolo “Trent’anni in levare. Storia della storia degli Africa Unite”, pubblicato il 25 maggio da Chinaski Edizioni.

D) Bunna, quali sono i temi civili affrontati dai film di Cinemambiente in concorso quest’anno?

R) E’ molto presente la tematica dei rifiuti, un problema drammatico per l’Italia, ma non solo. L’apertura della manifestazione è stata dedicata al lungometraggio di Lucy Walker dal titolo Waste Land”, cioèterra desolata”, ma anche “terra devastata”, girato in una delle più grandi discariche del mondo, Jardim Gramacho, alla periferia di Rio de Janeiro. Mi ha impressionato, perché i temi ambientali hanno per me un’importanza speciale. Ogni settimana conduco anche una trasmissione su Radio Life Gate, Natural Mysticche non parla solo di musica, ma ha stretti legami con lo stato di salute della natura e dell’informazione.

D) Che importanza hanno, secondo te, manifestazioni di sensibilizzazione come la rassegna di Torino?

R) Sono un’opportunità preziosa per avvicinare la gente a problematiche che altrimenti non verrebbero approfondite. La politica dovrebbe fare di più, rappresentare le necessità di tutti, e invece è quanto mai lontana. Ma la piazza ha ancora qualche mezzo per protestare. Ciascuno di noi ha un ruolo importante nella salvaguardia dell’ambiente. Dobbiamo abbandonare la filosofia del “cosa ci posso fare?” e incominciare la rivoluzione dal nostro quotidiano.

D) Tu da dove inizi? Mobilità, energia pulita, comportamenti a basso impatto ambientale?

R) Nella nostra società è sempre difficile essere fedeli e rigorosi, e seguire una linea di vita coerente. Io parto dall’abc: quando posso non uso l’auto, faccio la differenziata, compro frutta, verdura e carne dai produttori consociati in un gruppo di acquisto solidale del pinerolese, in casa tengo una temperatura mai superiore ai 21 gradi.

D) Perchè hai deciso di restare a Pinerolo?

R) Sono rimasto fedele alla città in cui sono nato e in cui è nato il gruppo. Apprezzo la provincia, vado il minimo indispensabile in città. Il caos della metropoli lo trovo pesante. Casa mia è collocata su un lembo di terra, bagnato da due parti da un ruscello. Adoro questa dimensione rilassante, in cui posso fare tutta la musica che voglio senza dover rendere conto a nessuno.

D) In alternativa, dove ti trasferiresti?

R) In Olanda. E’ un paese a misura d’uomo, molto libero – anche sul fronte delle liberalizzazioni…

D) La vostra musica, il reggae, discende da Bob Marley e da una certa cultura vicina alla natura e ai suoi ritmi lenti. Pensiamo al rastafarianesimo. Che cos’è rimasto oggi di quei valori figli degli anni ’70?

R) Gli Africa Unite si rifanno al genere reggae, cercando di trovare nel nostro Paese i riferimenti culturali per fare la nostra musica. Di quell’ispirazione naturalista originaria è rimasto però poco. La “one love philosophy” di Marley si è persa.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

settembre 18, 2019

Ricerca PoliMI: con l’auto elettrica si risparmiano 12.000 euro in 10 anni

Il costo di utilizzo è uno dei principali fattori di convenienza nell’usare un’auto elettrica, da preferire a una con motore a scoppio, benzina o Diesel. Questo è solo uno degli aspetti che emerge dallo Smart Mobility Report 2019, l’analisi che l’Energy & Strategy Group del Politecnico di Milano ha dedicato alla mobilità elettrica e che sarà presentata nella [...]

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

giugno 14, 2019

Armadio Verde lancia il “recommerce” anche per l’abbigliamento maschile

Ad un anno dall’introduzione della collezione femminile, Armadio Verde, il primo recommerce italiano, che permette di ridare valore ai capi di abbigliamento usati facendo leva sull’economia circolare, presenta la linea uomo, che si aggiunge agli articoli donna e bambino (i primi ad andare online nel 2015). “Armadio Verde nasce con l’obiettivo di rimettere in circolo [...]

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

giugno 6, 2019

Micromobilità elettrica: firmato il decreto che apre la strada a hoverboard e monopattini elettrici in città

Parte nelle città italiane la sperimentazione della cosiddetta micromobilità elettrica, ovvero di hoverboard, segway, monopattini elettrici e monowheel. Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, ha infatti firmato, il 4 giugno, il decreto ministeriale che attua la norma della Legge di Bilancio 2019 e specifica nel dettaglio sia le caratteristiche dei mezzi che delle [...]

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

giugno 3, 2019

CSR Manager Network: “la sostenibilità è ormai elemento ineluttabile per le imprese”

“Le imprese italiane valutano la sostenibilità sempre più al centro nei sistemi di governance e delle strategie di business, arrivando a raggiungere il Regno Unito, da sempre all’avanguardia in questo campo”. È quanto emerge dallo studio “C.d.A. e politiche di sostenibilità – Rapporto 2018”, presentato nei giorni scorsi a Milano e condotto attraverso questionari e analisi [...]

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

maggio 29, 2019

“Notturni nelle Rocche”: 18 passeggiate tra natura e cultura nei boschi del Roero

E’ tutto pronto all’Ecomuseo delle Rocche del Roero, in Piemonte, per inaugurare la 12° edizione dei “Notturni”, la rassegna estiva di passeggiate notturne nei boschi e nei borghi delle suggestive rocche roerine, con animazioni teatrali nella natura e approfondimenti a tema botanico e faunistico. Quest’anno le passeggiate in programma saranno ben 18, coordinate dall’Ecomuseo ma realizzate [...]

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

maggio 27, 2019

“Oasi della biodiversità”: il progetto di Unifarco nelle Dolomiti bellunesi

Ai piedi delle Dolomiti bellunesi, Unifarco – azienda di prodotti cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up – ha dato avvio al progetto di creazione delle ‘oasi della biodiversità’ con l’obiettivo di proteggere e valorizzare la varietà biologica locale. Oggi più che mai avvalersi di ciò che la natura regala risulta di fondamentale importanza non solo per la [...]

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

maggio 21, 2019

“Made in Nature”, un progetto europeo da 1,5 mln di euro per raccontare il biologico

“Made in Nature” è il progetto finanziato dall’Unione Europea con 1,5 milioni di euro per promuovere, nei prossimi tre anni (dal 1 febbraio 2019 al 31 gennaio 2022), i valori e la cultura della frutta e verdura biologica in Italia, Francia e Germania. Come indicato nel claim (“Scopri i valori del biologico europeo”), lo scopo [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende