Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Buon compleanno Società Geografica Italiana! 150 anni di studio dell’ambiente:

Buon compleanno Società Geografica Italiana! 150 anni di studio dell’ambiente

febbraio 22, 2017 Campioni d'Italia, Rubriche

Tutti gli affluenti del Po, l’elenco dei laghi e delle montagne più alte d’Italia da ripetere come una cantilena. Quando la geografia è declassata ad esercizio mnemonico La materia, spesso odiata per questo approccio, però è molto più dei nomi da mandare a memoria. “Non solo fiumi, laghi e monti, ma la relazione tra l’uomo e l’ambiente. La geografia è una disciplina essenziale per comprendere una realtà globalizzata e i suoi fenomeni più rilevanti come le migrazioni o, anche, i processi finanziari o la geopolitica”. Alessandro Ricci, segretario generale della Società Geografica Italiana, non si limita ad elencare appuntamenti, manifestazioni, notti bianche, mostre ed esposizioni per i festeggiamenti dei 150 anni della gloriosa istituzione nazionale. La ricorrenza plurisecolare.è, infatti, una preziosa opportunità per  ribadire l’attualità ed il valore della geografia in una società con frontiere sempre più liquide (anche quando si alzano i muri) e  in trasformazione.

“La società è attiva dal 1867, nell’immediato periodo post unitario e figlia del Risorgimento. Fu fondata a Firenze, allora capitale d’Italia, e poi trasferita a Roma. In questo secolo e mezzo oltre ad aver permesso numerose esplorazioni e ricerche – spiega Ricci – ha raccolto un patrimonio di grande valore storico, culturale e scientifico che mettiamo a disposizione degli studiosi di tutto il mondo”.

Per i 150 anni le iniziative sono numerose e da non perdere: “Organizziamo una grande mostra itinerante sulla nostra storia. Partirà da Firenze e all’esposizione seguirà un convegno internazionale con la partecipazione del Presidente della Repubblica. Si terrà a metà maggio e hanno assicurato la presenza le delegazioni delle altre società geografiche internazionali.”

Questo il lato più istituzionale, ma l’obiettivo è coinvolgere il numero maggiore di persone:”Apriremo la nostra sede più del normale, abbiamo programmato delle visite guidate. Poi delle attività seminarili, incontri, una notte bianca con proiezioni delle immagini del nostro archivio e la pubblicazione del rapporto dedicato alle migrazioni”.

Fiumi, laghi, monti quindi, in una parola, ambiente? “Siamo anche  associazione ambientalista. Quando si parla di geografia si parla delle relazioni tra uomo e ambiente, abbiamo sempre avuto un occhio particolare alle tematiche paesaggistiche e sostenuto un’intensa attività convegnistica sul tema“. Ricci  ricorda pure il progetto “Obiettivo Terra”, insieme alla Fondazione UniVerde. Un premio fotografico ambientale con una menzione speciale per gli scatti sulla sostenibilità“. Senza dimenticare “diverse pubblicazioni sul surriscaldamento climatico e il rapporto annuale del 2009 dedicato al tema dei ‘Paesaggi italiani tra nostalgia e trasformazione dove ci focalizzammo sul dissesto idrogeologico“.

Tempi duri per i geografi. Nella scuola la materia “ha subito un taglio delle ore e soffre di dinamiche di esclusione che però cozzano con la realtà. La composizione delle classi è sempre più multiculturale, viviamo in un’epoca di globalizzazione crescente, in continua connessione. Senza dimenticare problemi come il dissesto idrogeologico.Disastri naturali, ma con una forte impronta umana. Eppure si conoscono  sempre meno le basi e le caratteristiche fondamentali della disciplina”. Questo lo sfogo di Ricci che sottolinea la necessità di “conoscere il territorio” per prevenire ed intervenire. Insomma “l’educazione geografica è anche educazione ambientale. Un tassello fondamentale per la salvaguardia del pianeta”.

Si soffre pure  all’Università: “dove sono rimasti pochi corsi di laurea prettamente geografici. La geografia è dislocata nelle facoltà di Lettere, di Scienze Politiche, di Economia. – spiega Ricci –  Ci rendiamo conto del vuoto presente nelle nuove generazioni, ci sono tante lacune da colmare. In particolare oggi, visto che  si parla spesso di geopolitica, dei rapporti di potere basati su logiche geografiche. Come si può  vivere in un mondo dominato da queste dinamiche senza conoscerne le ragioni più profonde?“.

In un mondo dove si pensa di conoscere tutto c’è ancora tanto da scoprire. Visitando, per esempio, la sede della società, ospitata nel cinquecentesco Palazzo Mattei in Villa Celimontana, depositaria di un patrimonio unico: la biblioteca è aperta tutti i giorni e ospita 400.000 volumi, la cartoteca 200.000 documenti, il fondo orientale conserva  materiali cartografici che risalgono al XV secolo. Opere rare e preziose. Poi l’archivio fotografico che raccoglie 400.000 fototipi ovvero fotografie, diapositive e cartoline. Un patrimonio da difendere e tutelare. A questo proposito è possibile partecipare al programmaAdotta un documento“: con una donazione si può partecipare al restauro di un reperto. Un piccolo, ma prezioso, contributo per tutelare la nostra memoria storica.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

giugno 20, 2018

A Chieri il 2° Festival Internazionale dei Beni Comuni

Come dare nuova vita agli spazi dismessi delle città? Come riempire i vuoti urbani non solo attraverso una riqualificazione fisica ma anche culturale, sociale e ambientale? Quale futuro collettivo immaginare per le aree abbandonate? Come creare rete tra istituzioni e associazioni cittadine per intervenire in modo partecipato nei processi di riattivazione degli immobili inutilizzati, come [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende