Home » Rubriche »Very Important Planet » Buon sangue non mente. Intervista a Giuseppe Cederna:

Buon sangue non mente. Intervista a Giuseppe Cederna

cedernaL’alpinismo ce l’ha nelle vene. Il suo dna parla chiaro. Suo padre Antonio era un noto ambientalista italiano, passato alla storia per le battaglie di tutela dell’Appia Antica e del suo Parco. Il bisnonno, sempre Antonio, era stato addirittura presidente del Club Alpino Lombardo, “uomo d’altri tempi, con una passione viscerale per la scalata delle Orobie Valtellinesi, sempre intento a raccogliere minerali, misurare altezze, rinvenire tracce di flora e fauna, come quegli esploratori che immagini di leggere sui libri dell’800”.

Per Giuseppe Cederna, attore e scrittore, ma soprattutto grande frequentatore delle più ambiziose vette del mondo, buon sangue non mente. All’amore per la montagna unisce anche quello per i viaggi. E ogni volta che si mette in cammino per qualche sperduta terra del globo, al turismo si sostituisce la meravigliosa scoperta di un nuovo pezzo di umanità, che prontamente, al ritorno, fa rivivere in un racconto. Libro o spettacolo di teatro che sia.

D) Chi la conosce narra che lei riesca a collezionare ogni anno anche due o tre viaggi lunghi e importanti. Come le è nato questo impulso di organizzare sempre nuove partenze? Roma è così claustrofobica?

R) E’ da quando ho tre mesi di vita che per parecchi giorni all’anno sono abituato a spostarmi dalla Capitale alla Valtellina, località e paesaggi che adoro letteralmente. Ma solo a 30 anni mi è venuta voglia di fare un corso di freeclimbing, che mi ha portato a viaggiare in varie parti d’Italia per arrampicare. Da quel momento sono come diviso in due: con una metà della mia anima sto a Roma, mia città di nascita, con l’altra sono assolutamente felice se sono a un passo dalla montagna. E’ una gioia naturale, antica, un filo della memoria che mi ricongiunge ai miei antenati e che quando sono in alto si riannoda.

D) Quali montagne ha scalato?

R) Davvero molte, ma non sono mai andato oltre i 5000 metri. Una volta l’anno vado in India, per camminare, vedere i monti e impegnarmi per la mia Onlus, con cui aiutiamo i progetti di microcredito e di sviluppo degli abitanti locali. Sono anche un grande frequentatore di deserti. In generale credo che il viaggio sia un grande esercizio di educazione civica. E mi spiego: quando arrivi in un posto nuovo, prendiamo il Ladak, il Tibet o il Kashmir, luoghi a me molto cari, ti accorgi di come la tua presenza possa essere distruttiva per la natura o per chi lì ci vive. Il mio invito, scalando o visitando paesi sconosciuti, è di farlo sempre in punta di piedi, con la discrezione del profano rispettoso. La sensazione di non sentirsi come a casa propria è interessante, ti fa risvegliare l’impulso di stare in silenzio senza voler essere protagonista. E questa mi sembra una bella lezione, di cui, tornando a casa, dovremmo fare buon uso.

D) Eppure, fatto ritorno da un viaggio in cui abbiamo goduto della meraviglia di paesaggi incontaminati, spesso non ci facciamo scrupoli a inquinare i nostri. Perché secondo lei?

R) I comportamenti ambientalisti sono ormai ridotti all’osso, invece di aumentare dagli anni ’80 siamo indietreggiati di moltissimo. Lo vedo anche nella mia cerchia di amici: nessuno che spenga le luci, né chiuda l’acqua per non sprecare. Io ho imparato a farlo proprio dai viaggi nel deserto o in India, dove l’acqua è ovviamente un bene più prezioso dell’oro. Anche il mondo dei media non sta facendo nulla. Ci siamo assuefatti a classi politiche che praticano il gangsterismo del territorio. I parchi nazionali e le coste non sono più un valore, l’importante è costruire, cementificare. Una deregulation totale.

D) Cosa ne pensa delle “domeniche a piedi”, effetto reale contro l’inquinamento o semplice divieto pro-forma?

R) Ben vengano. Magari ci fosse qualcuno che le moltiplica, che ci dà la sveglia e ci costringe ad abbandonare le auto. Siamo tutti come distratti da una narcosi collettiva, mentre ciascuno di noi potrebbe, con le proprie azioni, cambiare le cose.

D) In che modo?

R) Rispettando la raccolta differenziata, evitando di farsi incantare dal consumismo e di comprare troppo, non buttando le cicche sfumazzate per terra, praticando tutti questi gesti come una sorta di pratica religiosa zen o orientale, come il nostro mantra per l’ambiente.

D) La sua prossima partenza?

R) Tra 10 giorni sarò in Spagna, destinazione Bilbao. In attesa di maggio, quando andrò con un giovane amico regista in India, a portare i proventi della raccolta fondi per la popolazione di laggiù.

Letizia Tortello

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

aprile 27, 2017

“Fare i conti con l’ambiente” verso la decima edizione

“Fare i conti con l’ambiente” il festival formativo ravennate, che si terrà da mercoledì 17 a venerdì 19 maggio 2017, si appresta a tagliare il traguardo dei dieci anni con un programma ricco di iniziative. Grande spazio sarà previsto sulle tematiche connesse alla mobilità sostenibile con la presentazione di due progetti europei. Il primo, Low Carbon Transport [...]

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

aprile 27, 2017

SIMPLA: formazione gratuita per i Comuni su mobilità sostenibile ed efficienza energetica

Decongestionare il traffico, ottenere una maggiore efficienza energetica, ridurre le emissioni inquinanti: sono obiettivi sempre più stringenti che le amministrazioni locali devono perseguire per concorrere alla tutela ambientale e contrastare i cambiamenti climatici, in linea con le indicazioni dell’UE. Per questo il progetto europeo SIMPLA (Sustainable Integrated Multi-sector PLAnning) ha aperto un bando dedicato ai [...]

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

aprile 26, 2017

Per salvare il suolo bastano 54.000 firme in Italia. Legambiente al rush finale

In occasione della Giornata della Terra del 22 aprile Legambiente si è mobilitata in tutta Italia per incrementare le adesioni alla petizione popolare europea People4Soil. Nelle piazze i volontari del cigno verde hanno raccolto le firme per chiedere all’Unione Europea di introdurre una legislazione specifica sul suolo, riconoscendolo e tutelandolo come patrimonio comune. Il traguardo da [...]

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

aprile 24, 2017

Da Città di Castello a Roma, parte la Discesa del Tevere in ricordo di Goethe

Domenica 23 aprile è partita da Città di Castello in Umbria la 38°Discesa Internazionale del Tevere, per arrivare il 1 maggio a Roma e attraversare la Città Eterna in canoa, in bici e a piedi. Lungo il percorso visite ad ecomusei e borghi, pasti con prodotti biologici locali e anche “la cena di Wolfgang Goethe“, per celebrare, in [...]

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

aprile 24, 2017

Adidas presenta le nuove running Parley realizzate con i rifiuti plastici degli Oceani

Adidas ha presentato in occasione dell’Earth Day 2017 le edizioni Parley delle iconiche scarpe running UltraBOOST, UltraBOOST X e UltraBOOST Uncaged, realizzate utilizzando i rifiuti plastici che inquinano gli oceani (simboleggiati dalle tonalità blu e azzurre dei nuovi modelli), disponibili nei negozi e online a partire dal 10 maggio. Ricavando uno speciale filato destinato ai dettagli [...]

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende