Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Ca’ du Russ, la battaglia per il biologico di Sergio Marchisio:

Ca’ du Russ, la battaglia per il biologico di Sergio Marchisio

maggio 25, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Un intero territorio comunale tutto coltivato a biologico, sbarrato ai pesticidi e alla chimica per un’agricoltura più sana e naturale, sia per chi ci lavora che per chi vive intorno alle vigne. E’questo il sogno seminato, alcuni anni, fa da Sergio Marchisio, titolare  di Tenuta Ca’du Russ, azienda vinicola biodinamica di Castellinaldo, nel Roero, che dopo anni di battaglia “politica” tra gli agricoltori della zona sta raccogliendo i primi frutti e portando il piatto della bilancia dal suo lato. “Risultati stratosferici” li definisce Marchisio, che non si limita a fare la sua parte, per ridurre gli impatti ambientali delle proprie produzioni, ma diffonde  il verbo della sostenibilità tra i colleghi delle altre aziende della zona. Perché più sono meglio è per tutti.

Una riconversione ad ampio raggio, dunque, in gran parte già riuscita come Sergio racconta a Greenews.info: “Il 2015 è stata un’annata favolosa e siamo arrivati a toccare il 60/65% della produzione locale a biologicoun ottimo risultato. In cinque anni, non in una vita! Resta uno zoccolo duro di coltivatori che si affida ancora alla chimica, ma si tratta soprattutto di agricoltori che non trasformano il prodotto, vendono l’uva e non vinificano”. E che sono ovviamente meno interessati ad una migliore qualità del vino. I numeri snocciolati da Marchisio restano in ogni caso sorprendenti perché ottenuti in pochi anni di battaglia. Una vera e propria azione politica e culturale quella di diffondere il protocollo Libera Natura convincendo chi per una vita ha coltivato con l’aiuto dei prodotti di sintesi.

La scelta della famiglia Marchisio – Marisa, Fabio, Ivo, Francesca, Elena, Sofia, Marisol e Teresa – va poi al di là del biologico e sposa i principi della biodinamica. Sergio ne è un convinto discepolo: “Le mie piante sono felici, le loro foglie è come se parlassero e mi ringraziassero tutti i giorni“, un amore nato da una folgorazione: “mi ha colpito un passo di Rudolf Steiner – l’ispiratore dell’agricoltura biodinamica, NdR – in cui scriveva che I’uomo è I’unico essere vivente che avvelena il cibo che mangia. Ho pensato: una volta non era così… Ai tempi dei miei genitori, tutto il nostro cibo era perfettamente biologico. E queste colline erano il trionfo quotidiano della biodiversità”.

E’questa complessità di vita vegetale che si ritrova al naso e in bocca nei vini di Ca’du Russ, come il Faiv, un capolavoro di spumante brut metodo classico realizzato con le uve Arneis (il bianco) o Nebbiolo (il rosé), massima espressione del territorio, contro la massificazione del gusto “internazionale”. Vini che sono entrati anche nella selezione dell’Associazione Greencommerce e hanno conquistato nicchie mondiali – dagli estimatori statunitensi ai seguaci finlandesi e di Singapore – “prova provata” che le intuizioni steineriane non sono solo filosofia, ma anche sana economia e mercato. Argomenti validi dunque contro gli scettici, che portano il produttore, dopo tanti sacrifici e diffidenza patita, a una piena soddisfazione: “Siamo partiti 10 anni fa, con alti e bassi, come tutte le cose, ma la risposta è stata eccezionale e ci soddisfa appieno“, non solo dal lato economico: “le analisi di qualità dell’uva parlano da sole, sono dati che non avevo mai visto. Anche lo zoccolo duro sta scricchiolando quando vede i risultati: filari in fiore e non dominati dal giallo bruciato dal diserbante. E il livello di produzione è comunque buono“.

Battaglia vinta, ma guerra ancora no. “Il 2014 purtroppo è stata un’ annata catastrofica, la gente si è spaventata e alcuni hanno perso fiducia nel biologico – ricorda Sergio – I falsi profeti sono venuti a fare contro-propaganda, ma abbiamo recuperato nel 2015“. Insomma, il biologico tiene e si conferma un metodo produttivo ben al di là delle mode transitorie, tanto che anche ”le multinazionali stanno puntando ormai su prodotti alternativi a quelli chimici. Negli ultimi 3 anni il discorso verso il pulito ha fatto grandi passi avanti, lo noti anche al supermercato, c’è sempre uno scaffale dedicato al biologico”. Per Marchisio stiamo assistendo ad una svolta epocale del mercato:se anche la Grande Distribuzione si interessa vuol dire che c’è domanda. Per di più sul prezzo la differenza è del 10/15 % mica tre volte tanto!”.

La sfida, in questo territorio dei paesaggi vitivinicoli, premiato anche dal recente riconoscimento UNESCO, resta comunque impegnativa per gli agricoltori: “le condizioni per la vite non sono così belle come in Sardegna o Sicilia, qui lavora bene la peronospora“, per questo i piazzisti della chimica hanno avuto sempre vita facile da queste parti:siamo stati indirizzati per decenni da tecnici finanziati dalle grandi multinazionali, ora far cambiare la mentalità radicata in 50 anni non è facile. Ma la nostra idea di base resta quella di eliminare tutti i prodotti chimici. Abbiamo fatto un gran lavoro con l’associazione dei Vinaioli di Castellinaldo e i risultati sono arrivati, ma c’è ancora molto da fare”.

A Ca’du Russ, tra i vari successi, hanno contribuito a rendere pregiato il biondo Arneis, un vitigno bianco DOC del Roero, che nessuno più coltivava. Una vittoria nutrita di determinazione e passione, quella trasmessa dai genitori e in particolare dalla mamma di Sergio, che in ogni filare piantava una rosa (da qui il nome “Costa delle Rose“). Per cambiare il mondo agricolo serve certo la tecnica, ma anche la filosofia (steineriana) e un tocco di poesia e di amore per il buon vivere.

Gian Basilio Nieddu

 

 

 

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

maggio 8, 2017

A REbuild 2017 è protagonista l’edilizia “off-site”: dal cantiere alla fabbrica

Edilizia off-site è il concetto chiave del cambiamento proposto negli appuntamenti 2017 di REbuild, l’evento dedicato al settore delle costruzioni e riqualificazioni, in programma a Riva del Garda il 22 e 23 giugno prossimi. La produzione tende infatti a spostarsi in fabbrica, mentre il cantiere diviene il luogo dell’assemblaggio di parti prodotte industrialmente. Già in [...]

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

maggio 5, 2017

ANARF e Federforeste: un protocollo per rilanciare la filiera bosco-legno tra pubblico e privato

ANARF (Associazione Nazionale delle Attività Regionali Forestali), presieduta da Alberto Negro, Direttore di Veneto Agricoltura, e FederForeste, con a capo il trentino Gabriele Calliari, hanno siglato nei giorni scorsi a Mestre, presso la sede di Coldiretti Veneto, un protocollo per la gestione del patrimonio forestale improntato, tra l’altro, al dialogo tra realtà pubbliche e private. [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende