Home » Racconti d'Ambiente »Rubriche » Calipso in bicicletta. Viaggiare leggeri a Lipsì, isola ammaliatrice del Dodecanneso:

Calipso in bicicletta. Viaggiare leggeri a Lipsì, isola ammaliatrice del Dodecanneso

settembre 16, 2014 Racconti d'Ambiente, Rubriche

Quando, sulla spiaggia scabra di Platys Gialos,  mi capita d’udire lo sfogo telefonico della sciura milanese a qualche metro di distanza da me  su “quest’isola orrenda con un menga da fare e con la puzza di pipì dei gatti”,  capisco definitivamente che Lipsì è il posto giusto per me.

Una piccola isola, dal trasandato equilibrio tra vivacità e pace può essere un paradiso per alcuni e un inferno di noia o scomodità per altri. Dipende sempre da quello che si sta cercando. Unica pecca: qualche italiano di troppo. Tanto per non uscire dalla smorfia dell’italiano all’estero che si lamenta dei troppi italiani!

Una tradizione locale vede in Lipsì la leggendaria Ogigia, l’isola incantata di Calypso, la ninfa che riuscì a trattenere per sette anni Ulisse dal suo definitivo ritorno ad Itaca (ci vollero le intercessioni di Atena, Zeus e del messaggero Ermes per convincerla a lasciare imbarcare l’amato Odìsseo, sull’onda della nostalgia di casa). E quale isola non vorrebbe arrogarsi una tale progenitura?

A documentarsi un po’, ci si accorge che, quanto ad attribuzioni, Ogigia ha fatto praticamente il giro del mondo, dalle isole sullo stretto di Gibilterra a Pantelleria! Tutte vogliono essere Ogigia. Ma Lipsì esercita davvero una malìa: un incantamento selettivo che la rende amata o odiata, senza molte sfumature. Inutile dire che mi ha conquistato (al punto di trasformarsi da luogo di vacanza in luogo d’esperienza), per il suo essere a perfetta misura d’uomo, anzi a misura di passo d’uomo.

Come Ulisse, non ci dovevo neanche venire. Mi trovavo a Kos, l’isolone di scalo del Dodecanneso, l’arcipelago più esteso tra Egeo e Mediterraneo, delimitato a sud da Creta, a Nord dall’isola di Samo, ad Ovest dalle Cicladi, ad Est dalla Turchia. Dopo aver cercato un fantomatico camping (inesistente), avevo fatto spallucce a Bobe, un albergatore indigeno che mi offriva una stanza nei pressi del porto a un prezzo – a suo dire – insuperabile (quarantacinque euro). “Ho bisogno di trovare un posto dove campeggiare, meglio ancora se gratis.” E Bobe non domo: “Una volta si poteva ma adesso è proibito. Qui a Kos scordatelo. Io l’ho fatto vent’anni fa a Creta, con la fidanzata. Era tutto diverso”. “Quella ragazza è tua moglie adesso?”. “No, mia moglie è venuta dopo. E con lei le figlie. Dunque è andata bene così.  Solo a
vent’anni puoi fare qualsiasi cosa ti passi per la testa. Ma è giusto. E lo sai perché?” “Perché?” “Perché ogni giorno puoi morire non in un minuto ma in un secondo. E ora sai che ti dico?” “Cosa?”. “Guarda la mia pelle: la vedi? Ho la pelle d’oca e questo lo devo alla nostra conversazione. Mi piacciono gli italiani: una fazza, una razza! Posso darti un letto per questa notte a venti euro. E’ il prezzo migliore che posso farti. E domani ti prendi un catamarano per Lipsì o per Nìsiros: sono le isole giuste per te.”

L’isola di Lipsì, a 12 km a est di Patmos e a 10 km a nord di Leros, si estende su una superficie di diciassette chilometri quadrati. La sua pianta sembra l’osso spolpato da un cane. Le sue coste volubili si frastagliano, si distendono e altre volte formano dei piccoli golfi che mitigano le correnti dell’Egeo. Il porto si specchia nel paese vivace (600 abitanti in bassa stagione, 1400 in alta), tra una banchina punteggiata di ouzerie e il classico borgo vecchio arroccato nella parte alta del paese: una tavola da backgammon colorata del bianco, celeste e lillà delle case, e raccolta intorno alla chiesetta greco-ortodossa. Fino a qui un paese di mare da cartolina.

Oltre l’abitato, due strade principali conducono alla scoperta dell’isola. Le motorette in affitto sciamano veloci e la loro densità scompare. Le strade tornano a valere indistintamente per le ruote, gli zoccoli dell’asino, le piante dei piedi. E’ un lento passaggio tra rocche, poderi di ulivi, campi, terrazzamenti, vigne. Per ogni spiaggia c’è almeno una chiesa come un palpito, divisa al suo interno dall’Iconostàsi e dalle Tre Porte del rito bizantino. Lungo il ciglio delle strade le capre – vere abitanti onorarie dell’isola – guardano con indolenza i visitatori e dicono la loro omelìa.

E poi ci sono le strade dove osano solo i piedi o gli zoccoli dei capri, come quella che conduce sul Monte Skafi (277 metri), al santuario di Chimissi, vero e proprio santuario diffuso o villaggio sacro, tra le rocche più alte dell’isola. Qui convivono senza speculazioni lo zoccolo pagano di Dioniso e il crocefisso.

Al calare del sole mi trovo davanti alla più distante spiaggia di Platys Gialos, accoccolata in un piccolo golfo della parte nord orientale dell’isola. In fondo alla spiaggia solo una taverna aggrappata a un cucuzzolo di rocche e ciuffi di macchia. Praticamente una stalla o un ovile a cielo aperto per le capre, le anatre, i leprotti e gli asini della proprietà. La taverna, antico gomitolo d’incontri, simposi o risse, gelosie, canzoni, dichiarazioni d’amore, poesia e rebètes – i suonatori del rebetiko. Ora nelle taverne si ascolta più spesso il laikò, una sorta di pop melodico di retaggio ellenico.

Al mio arrivo la spiaggia è deserta. C’è solo un’auto e sta lasciando lo spiazzo per mettersi in strada. Devono essere i gestori. “Abbiamo chiuso. A Settembre facciamo solo la giornata e il sabato sera. Se vuoi ti diamo uno strappo in paese.” “Io veramente volevo sapere se da queste parti c’è un posto dove campeggiare” “Da queste parti è tutto nostro ma per noi non è un problema se metti la tenda. Se vuoi un consiglio, mettiti dietro quella chiesa – anche quella è nostra. E’ l’unico posto dove non arriva il sole alle sei del mattino.”

E quando il vento è agitato, la tua tenda trema come una foglia. E quando è buio, è buio e non basta una lucetta a cambiare le cose (e poi non è poi così male il buio).  E quando le fasi della luna avanzano, la notte dorme sotto una luce soffusa. E puoi camminare senza paura al profumo della salvia e delle tamerici. E, in ogni caso, l’alba non importuna mai come un’estranea, perché le giornate cominciano e finiscono prima. I ritmi iniziano a coincidere conquelli del sorgere e del calare del sole: viene da sé. Dunque in breve tempo, ti capita di aprire gli occhi e tibuttarti su una spiaggia appena trafitta da un occhiello di luce, la sabbia umida e un angolo di Mare Egeo da dedicare a te stesso.

Durante il mio ultimo giorno da isolano ho incontrato anche una Calipso in bicicletta.  Oramai Calipso parla benissimo l’inglese, naturalmente. Si chiama “aggiornamento”. Ma non è riuscita a trattenermi oltre. Torno a casa con la sensazione che Lipsì sarà la mia Itaca per un po’.

Orlando Manfredi

Playlist:
Vinicio Capossela, Calipso, da Marinai, profeti e balene, 2011.
Vinicio Capossela,  Teftèri. Il libro dei conti in sospeso. 2013, Il Saggiatore.
Le Orme, Calipso, da Florian, 1979.
Yorgòs Chronàs, da Poeti Greci Contemporanei, A.A.V.V., www.poieìn.gr
Michel Tournier , Venerdì o il limbo del Pacifico, 2006, Einaudi.

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

agosto 9, 2018

Al Centro Velico Caprera i corsi di navigazione e ambiente

E’ salpato sabato 21 luglio il primo Corso di Navigazione, Ambiente e Cultura del Centro Velico Caprera. Un’assoluta novità per la più prestigiosa scuola di vela del Mediterraneo che ha pensato di unire i contenuti di un classico corso di cabinato ad un’esperienza formativa dal punto di vista culturale e naturalistico, grazie alla presenza di un esperto [...]

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

luglio 19, 2018

“Rinnovare le rinnovabili”: come renderle competitive senza incentivi

Si svolgerà venerdì 20 luglio a Roma presso l’Auditorium del GSE (Viale Maresciallo Pilsudski, 92) dalle 9:00 alle 13:00 il workshop “Rinnovare le rinnovabili: servizi, tecnologie e mercati per un futuro sostenibile senza incentivi”, un’occasione per riflettere sul recente accordo raggiunto tra Consiglio, Parlamento e Commissione Europea, che ha rialzato al 32% il target complessivo [...]

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

luglio 17, 2018

Festival EcoFuturo: a Padova “orti bioattivi” e l’auto elettrica del Conte Carli, datata 1891

Torna dal 18 al 22 luglio a Padova, nella cornice ecologica del Fenice Green Energy Park,  EcoFuturo Festival, giunto alla sua V edizione. Cinque giornate con appuntamenti, incontri, spettacoli, corsi, workshop, esposizioni e cene bio. Il tutto nel segno dell’innovazione ecologica. Il focus di questa edizione sarà l’anidride carbonica che sta alterando il clima e la [...]

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

luglio 12, 2018

“Re Boat Roma Race”, la regata riciclata torna nelle acque dell’EUR

Dal 14 al 16 settembre 2018 torna al Parco Centrale del Lago dell’EUR di Roma la Re Boat Roma Race, la prima regata in Italia d’imbarcazioni costruite con materiali di recupero, in un’ottica di riuso e riciclo. Un evento che accoglie famiglie, bambini, ragazzi e chiunque abbia voglia di porsi in gioco in questa folle e divertente [...]

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

luglio 9, 2018

Rigenerazione post-industriale: a Mirafiori si sperimenta la creazione di un “nuovo terreno”

Tecnologie nature based per riconvertire aree post industriali, trasformandole in infrastrutture verdi, coinvolgendo cittadini, Ong e associazioni del territorio. E’ questo l’obiettivo del progetto ProGIreg (Productive Green Infrastructure for post industrial Urban Regeneration) che coinvolge, oltre a Torino, con focus del Progetto Mirafiori Sud, le città di Dortmund (Germania), Zagabria (Croazia) e Ningbo (Cina). Il [...]

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

luglio 9, 2018

G34 Lima-Fotodinamico: la barca a vela diventa scuola di vita e di rinnovabili

Ingegneri specializzati  nello studio  delle energie rinnovabili imbarcati su una barca a vela condotta dai ragazzi dell’associazione New Sardiniasail ovvero adolescenti con problemi penali che il Dipartimento di Giustizia  di Cagliari ha affidato nelle mani di Simone Camba – poliziotto e presidente di  New Sardiniasail – per imparare un mestiere.  Un progetto sociale che vede [...]

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

giugno 25, 2018

UE verso la finanza sostenibile. Investimenti “green & social” meno rischiosi?

L’Unione Europea compie un altro passo esplorativo verso il riconoscimento e incoraggiamento della finanza sostenibile, come strumento per raggiungere gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio (SDG), ma anche come mezzo per perseguire la stabilità finanziaria nel vecchio continente. Martedì 19 giugno la Commissione per gli Affari Economici e Monetari del Parlamento Europeo ha infatti approvato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende