Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen:

“Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen

aprile 18, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Con l’intervista al tedesco Jo Leinen comincia la rassegna di Greenews.info per sondare i programmi e le intenzioni “green” dei candidati al Parlamento Europeo dei vari partiti e movimenti, sia italiani che stranieri. Potete seguirci su Twitter con l’hashtag #greenelections2014.

Leinen è Parlamentare europeo dal 1999. Fa parte del gruppo politico dell’ Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) ed è membro della Commissione parlamentare ENVI - Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare.  Nato nel 1948 in Germania, Leinen durante gli anni Ottanta è stato un noto portavoce del movimento antinucleare e del movimento per la pace; durante lo stesso periodo è stato attivista della Bundesverband Bürgerinitiativen Umweltschutz (BBU), un’associazione di cittadini per l’ambiente. Ha ricoperto, inoltre, la carica di vice-presidente dell’Ufficio Europeo dell’Ambiente. È anche conosciuto per le sue posizioni filo-europeiste e federaliste. Candidato alle prossime elezioni europee del 25 maggio ci racconta quali sono, secondo lui, le sfide ambientali che attendono l’UE nei prossimi cinque anni.

D) Onorevole Leinen, quali saranno, secondo lei, le sfide che attendono l’Unione Europea in campo ambientale durante i prossimi cinque anni?

R) Nei prossimi cinque anni, il dibattito sul clima e sull’energia per il 2030 sarà il fulcro della politica ambientale dell’Unione Europea. Il Parlamento UE punta a tre obiettivi giuridicamente vincolanti per ridurre la CO2 del 40%, incrementare l’uso delle energie rinnovabili al 30% e l’efficienza energetica al 40%. Per quanto riguarda il dibattito ambientale, il passaggio verso un’economia circolare e l’aumento dell’efficienza delle risorse è un tema cruciale. Pertanto è urgente un cambiamento in questa direzione del paradigma industriale. Un sistema economico in cui i materiali sono sostenibili, riutilizzati e riciclati – al fine di limitare la quantità di materie prime vergini in “entrata” nel ciclo produttivo, così come la riduzione dei rifiuti in “uscita” dal processo produttivo – renderà l’Europa maggiormente capace di gestire la crescente domanda globale di risorse naturali.

D) Qual è il tema ambientale che l’Assemblea Parlamentare che si formerà dopo il voto di maggio  non potrà assolutamente evitare di affrontare?

R) È sempre più evidente che esiste un limite alla crescita in termini di disponibilità di risorse naturali, il che significa che le nostre aziende devono rispondere a una crescente scarsità di quest’ultime. L’UE è povera di risorse minerarie e di conseguenza è fra i maggiori importatori di materie prime. Il 48% del nostro rame, il 64% dello zinco e della bauxite, così come il 78% di nichel proviene dall’estero. Importiamo tutto il cobalto, il platino, il titanio e il vanadio. Il Continente è quindi altamente dipendente, che gestire le nostre risorse in modo efficiente è una questione ambientale ed economica fondamentale. Abbiamo bisogno di fissare un traguardo: migliorare la produttività delle materie prime del 40% tra oggi e il 2030. Tale obiettivo offre un aumento del PIL, crea più di 2 milioni di posti di lavoro supplementari e ci porta sulla buona strada per una gestione più efficiente delle risorse in Europa migliorando l’ecologica, l’economa e le prestazioni sociali.

D) La nuova PAC, la Politica Agricola Comune post 2013 rappresenta la voce principale del budget UE e ha un elevato impatto sociale – nonché profonde implicazioni economiche – in ogni Stato Membro. Come considera la riforma appena varata?  Quali aspetti crede debbano essere migliorati in futuro?

R) La proposta della Commissione sulla riforma della PAC è stata un passo nella giusta direzione, verso una PAC più “verde”, che premia l’agricoltura sostenibile. Eppure, la proposta è stata annacquata in molti aspetti come ad esempio consentendo meno colture diversificate o esentando più aziende dal greening. L’obiettivo più alto della PAC è quello di garantire la produzione di alimenti di alta qualità per tutti gli europei, ma questo non dovrebbe accadere sacrificando gli ecosistemi e la biodiversità. Abbiamo bisogno di invertire le attuali tendenze di alcune pratiche agricole che impoveriscono le risorse naturali, riducono la biodiversità ed hanno un impatto negativo sullo stato delle acque e sulla fertilità del suolo. La prossima volta dobbiamo fare meglio!

D) Come valuta il “Pacchetto Clima ed Energia 2030″ recentemente approvato dall’Assemblea Plenaria dell’Europarlamento? Molte organizzazioni ambientali considerano il taglio del 40% delle emissioni di CO2, il target del 30% per quanto riguarda le energie rinnovabili e quello del 40% per l’efficienza energetica misure non abbastanza coraggiose per combattere il riscaldamento globale. Da Parlamentare che ha votato questi provvedimenti cosa risponde al mondo delle ONG?

R) La posizione del Parlamento è decisamente migliore rispetto alla proposta della Commissione. Tre obiettivi vincolanti mandano un chiaro segnale per gli investitori e l’industria. Se puntiamo ad un mix energetico con una quota elevata di energie rinnovabili e una maggiore efficienza energetica, sarà possibile ridurre non solo le emissioni di gas a effetto serra, ma incoraggiare l’innovazione, creare posti di lavoro ”verdi” e ridurre la dipendenza dalle importazioni dell’Europa. Sono d’accordo con le ONG, anche la posizione del Parlamento è tutt’altro che ambiziosa. Il mio Gruppo politico – Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento Europeo – al momento  del voto aveva spinto per la riduzione del 50% delle emissioni di CO2, una quota del 45% di energie rinnovabili e per il 40% dell’efficienza energetica, visto che rinnovabili ed efficienza energetica ridurrebbero la porzione delle importazioni di combustibili fossili dell’UE di 260 miliardi di Euro all’anno entro il 2030.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende