Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen:

“Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen

aprile 18, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Con l’intervista al tedesco Jo Leinen comincia la rassegna di Greenews.info per sondare i programmi e le intenzioni “green” dei candidati al Parlamento Europeo dei vari partiti e movimenti, sia italiani che stranieri. Potete seguirci su Twitter con l’hashtag #greenelections2014.

Leinen è Parlamentare europeo dal 1999. Fa parte del gruppo politico dell’ Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) ed è membro della Commissione parlamentare ENVI - Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare.  Nato nel 1948 in Germania, Leinen durante gli anni Ottanta è stato un noto portavoce del movimento antinucleare e del movimento per la pace; durante lo stesso periodo è stato attivista della Bundesverband Bürgerinitiativen Umweltschutz (BBU), un’associazione di cittadini per l’ambiente. Ha ricoperto, inoltre, la carica di vice-presidente dell’Ufficio Europeo dell’Ambiente. È anche conosciuto per le sue posizioni filo-europeiste e federaliste. Candidato alle prossime elezioni europee del 25 maggio ci racconta quali sono, secondo lui, le sfide ambientali che attendono l’UE nei prossimi cinque anni.

D) Onorevole Leinen, quali saranno, secondo lei, le sfide che attendono l’Unione Europea in campo ambientale durante i prossimi cinque anni?

R) Nei prossimi cinque anni, il dibattito sul clima e sull’energia per il 2030 sarà il fulcro della politica ambientale dell’Unione Europea. Il Parlamento UE punta a tre obiettivi giuridicamente vincolanti per ridurre la CO2 del 40%, incrementare l’uso delle energie rinnovabili al 30% e l’efficienza energetica al 40%. Per quanto riguarda il dibattito ambientale, il passaggio verso un’economia circolare e l’aumento dell’efficienza delle risorse è un tema cruciale. Pertanto è urgente un cambiamento in questa direzione del paradigma industriale. Un sistema economico in cui i materiali sono sostenibili, riutilizzati e riciclati – al fine di limitare la quantità di materie prime vergini in “entrata” nel ciclo produttivo, così come la riduzione dei rifiuti in “uscita” dal processo produttivo – renderà l’Europa maggiormente capace di gestire la crescente domanda globale di risorse naturali.

D) Qual è il tema ambientale che l’Assemblea Parlamentare che si formerà dopo il voto di maggio  non potrà assolutamente evitare di affrontare?

R) È sempre più evidente che esiste un limite alla crescita in termini di disponibilità di risorse naturali, il che significa che le nostre aziende devono rispondere a una crescente scarsità di quest’ultime. L’UE è povera di risorse minerarie e di conseguenza è fra i maggiori importatori di materie prime. Il 48% del nostro rame, il 64% dello zinco e della bauxite, così come il 78% di nichel proviene dall’estero. Importiamo tutto il cobalto, il platino, il titanio e il vanadio. Il Continente è quindi altamente dipendente, che gestire le nostre risorse in modo efficiente è una questione ambientale ed economica fondamentale. Abbiamo bisogno di fissare un traguardo: migliorare la produttività delle materie prime del 40% tra oggi e il 2030. Tale obiettivo offre un aumento del PIL, crea più di 2 milioni di posti di lavoro supplementari e ci porta sulla buona strada per una gestione più efficiente delle risorse in Europa migliorando l’ecologica, l’economa e le prestazioni sociali.

D) La nuova PAC, la Politica Agricola Comune post 2013 rappresenta la voce principale del budget UE e ha un elevato impatto sociale – nonché profonde implicazioni economiche – in ogni Stato Membro. Come considera la riforma appena varata?  Quali aspetti crede debbano essere migliorati in futuro?

R) La proposta della Commissione sulla riforma della PAC è stata un passo nella giusta direzione, verso una PAC più “verde”, che premia l’agricoltura sostenibile. Eppure, la proposta è stata annacquata in molti aspetti come ad esempio consentendo meno colture diversificate o esentando più aziende dal greening. L’obiettivo più alto della PAC è quello di garantire la produzione di alimenti di alta qualità per tutti gli europei, ma questo non dovrebbe accadere sacrificando gli ecosistemi e la biodiversità. Abbiamo bisogno di invertire le attuali tendenze di alcune pratiche agricole che impoveriscono le risorse naturali, riducono la biodiversità ed hanno un impatto negativo sullo stato delle acque e sulla fertilità del suolo. La prossima volta dobbiamo fare meglio!

D) Come valuta il “Pacchetto Clima ed Energia 2030″ recentemente approvato dall’Assemblea Plenaria dell’Europarlamento? Molte organizzazioni ambientali considerano il taglio del 40% delle emissioni di CO2, il target del 30% per quanto riguarda le energie rinnovabili e quello del 40% per l’efficienza energetica misure non abbastanza coraggiose per combattere il riscaldamento globale. Da Parlamentare che ha votato questi provvedimenti cosa risponde al mondo delle ONG?

R) La posizione del Parlamento è decisamente migliore rispetto alla proposta della Commissione. Tre obiettivi vincolanti mandano un chiaro segnale per gli investitori e l’industria. Se puntiamo ad un mix energetico con una quota elevata di energie rinnovabili e una maggiore efficienza energetica, sarà possibile ridurre non solo le emissioni di gas a effetto serra, ma incoraggiare l’innovazione, creare posti di lavoro ”verdi” e ridurre la dipendenza dalle importazioni dell’Europa. Sono d’accordo con le ONG, anche la posizione del Parlamento è tutt’altro che ambiziosa. Il mio Gruppo politico – Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento Europeo – al momento  del voto aveva spinto per la riduzione del 50% delle emissioni di CO2, una quota del 45% di energie rinnovabili e per il 40% dell’efficienza energetica, visto che rinnovabili ed efficienza energetica ridurrebbero la porzione delle importazioni di combustibili fossili dell’UE di 260 miliardi di Euro all’anno entro il 2030.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

maggio 23, 2017

Second Hand Effect: il secondo report di Subito sul valore ecologico del riuso

Quanta CO2 è possibile risparmiare vendendo o acquistando beni usati? Ogni giorno milioni di persone in 8 Paesi in cui opera Schibsted Media Group comprano e vendono oggetti di seconda mano contribuendo al risparmio di ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2, di cui 6,1 milioni di tonnellate solo in Italia (+77% in più rispetto [...]

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

maggio 23, 2017

Torino e Venaria partner di STEVE, il progetto europeo per la mobilità elettrica urbana

Le città di Torino e Venaria insieme alla spagnola Calvià e all’austriaca Villach saranno i siti pilota dove si svilupperà il progetto STEVE (Smart-Taylored L-category Electric Vehicle demonstration in hEtherogeneous urbanuse-cases) finanziato dall’Unione Europea all’interno della programmazione di azioni innovative:  “Horizon 2020 – Green Vehicles 2016-2017”. Al centro del progetto l’utilizzo di un veicolo elettrico [...]

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

maggio 22, 2017

A Slow Fish il nuovo report del WWF sull’industria ittica: “scegliamo la biodiversità nel piatto”

I prodotti ittici costituiscono la fonte di proteine per 3 miliardi di persone e il reddito di 800 milioni di persone si fonda sulla pesca e sull’industria ittica. Nel 2014 nei paesi europei sono stati spesi 34,57 miliardi per acquistare prodotti ittici. In totale nei paesi europei si consumano 7,5 milioni di tonnellate di pesce [...]

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

maggio 18, 2017

All’Università di Siena torna il Millenials Lab dedicato a cibo e ambiente

Conciliare la produzione di cibo e il rispetto per l’ambiente, per gli agricoltori, per la salute di produttori e consumatori. Un tema di grande attualità e di rilevanza globale, che è al centro, all’Università di Siena, del “Millennials Lab”, dal 10 al 21 maggio, e della riunione degli imprenditori che collaborano al programma internazionale PRIMA [...]

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

maggio 18, 2017

Oli esausti vegetali trasformati in biocarburanti. Accordo tra Eni e CONOE

Gli oli vegetali esausti diventano biocarburanti. Eni e Conoe, il Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali ed animali esausti, alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti e del Dirigente Generale Direzione Generale per la Sicurezza dell’Approvvigionamento e per le Infrastrutture Energetiche Ministero dello [...]

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

maggio 10, 2017

Gli alveari urbani di Green Island a New York, tra ecologia e design

Green Island, progetto internazionale fondato da Claudia Zanfi 16 anni fa e dedicato alla biodiversità urbana attraverso iniziative culturali, progetti espositivi, educazione alla sostenibilità, porta a New York la sua visione innovativa degli Alveari Urbani: Urban Bee Hives , parte di un percorso focalizzato sulla salvaguardia delle api e sulla valorizzazione del territorio. “Un progetto” spiega Zanfi [...]

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

maggio 8, 2017

Commoventi storie ai tempi dei cambiamenti climatici. Il vincitore del 65° Trento Film Festival

Samuel in the clouds (Belgio, 2016) del regista belga Pieter Van Eecke, una straordinaria e commovente storia ambientata in Bolivia e legata alle conseguenze dei cambiamenti climatici, è il film vincitore del 65° Trento Film Festival, conclusosi domenica 7 maggio 2017. La giuria internazionale composta da Timothy Allen (fotografo e regista) Gilles Chappaz (giornalista e [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende