Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen:

“Cambiare il paradigma industriale contro la scarsità delle risorse”. La ricetta di Jo Leinen

aprile 18, 2014 Bollettino Europa, Rubriche

Con l’intervista al tedesco Jo Leinen comincia la rassegna di Greenews.info per sondare i programmi e le intenzioni “green” dei candidati al Parlamento Europeo dei vari partiti e movimenti, sia italiani che stranieri. Potete seguirci su Twitter con l’hashtag #greenelections2014.

Leinen è Parlamentare europeo dal 1999. Fa parte del gruppo politico dell’ Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) ed è membro della Commissione parlamentare ENVI - Ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare.  Nato nel 1948 in Germania, Leinen durante gli anni Ottanta è stato un noto portavoce del movimento antinucleare e del movimento per la pace; durante lo stesso periodo è stato attivista della Bundesverband Bürgerinitiativen Umweltschutz (BBU), un’associazione di cittadini per l’ambiente. Ha ricoperto, inoltre, la carica di vice-presidente dell’Ufficio Europeo dell’Ambiente. È anche conosciuto per le sue posizioni filo-europeiste e federaliste. Candidato alle prossime elezioni europee del 25 maggio ci racconta quali sono, secondo lui, le sfide ambientali che attendono l’UE nei prossimi cinque anni.

D) Onorevole Leinen, quali saranno, secondo lei, le sfide che attendono l’Unione Europea in campo ambientale durante i prossimi cinque anni?

R) Nei prossimi cinque anni, il dibattito sul clima e sull’energia per il 2030 sarà il fulcro della politica ambientale dell’Unione Europea. Il Parlamento UE punta a tre obiettivi giuridicamente vincolanti per ridurre la CO2 del 40%, incrementare l’uso delle energie rinnovabili al 30% e l’efficienza energetica al 40%. Per quanto riguarda il dibattito ambientale, il passaggio verso un’economia circolare e l’aumento dell’efficienza delle risorse è un tema cruciale. Pertanto è urgente un cambiamento in questa direzione del paradigma industriale. Un sistema economico in cui i materiali sono sostenibili, riutilizzati e riciclati – al fine di limitare la quantità di materie prime vergini in “entrata” nel ciclo produttivo, così come la riduzione dei rifiuti in “uscita” dal processo produttivo – renderà l’Europa maggiormente capace di gestire la crescente domanda globale di risorse naturali.

D) Qual è il tema ambientale che l’Assemblea Parlamentare che si formerà dopo il voto di maggio  non potrà assolutamente evitare di affrontare?

R) È sempre più evidente che esiste un limite alla crescita in termini di disponibilità di risorse naturali, il che significa che le nostre aziende devono rispondere a una crescente scarsità di quest’ultime. L’UE è povera di risorse minerarie e di conseguenza è fra i maggiori importatori di materie prime. Il 48% del nostro rame, il 64% dello zinco e della bauxite, così come il 78% di nichel proviene dall’estero. Importiamo tutto il cobalto, il platino, il titanio e il vanadio. Il Continente è quindi altamente dipendente, che gestire le nostre risorse in modo efficiente è una questione ambientale ed economica fondamentale. Abbiamo bisogno di fissare un traguardo: migliorare la produttività delle materie prime del 40% tra oggi e il 2030. Tale obiettivo offre un aumento del PIL, crea più di 2 milioni di posti di lavoro supplementari e ci porta sulla buona strada per una gestione più efficiente delle risorse in Europa migliorando l’ecologica, l’economa e le prestazioni sociali.

D) La nuova PAC, la Politica Agricola Comune post 2013 rappresenta la voce principale del budget UE e ha un elevato impatto sociale – nonché profonde implicazioni economiche – in ogni Stato Membro. Come considera la riforma appena varata?  Quali aspetti crede debbano essere migliorati in futuro?

R) La proposta della Commissione sulla riforma della PAC è stata un passo nella giusta direzione, verso una PAC più “verde”, che premia l’agricoltura sostenibile. Eppure, la proposta è stata annacquata in molti aspetti come ad esempio consentendo meno colture diversificate o esentando più aziende dal greening. L’obiettivo più alto della PAC è quello di garantire la produzione di alimenti di alta qualità per tutti gli europei, ma questo non dovrebbe accadere sacrificando gli ecosistemi e la biodiversità. Abbiamo bisogno di invertire le attuali tendenze di alcune pratiche agricole che impoveriscono le risorse naturali, riducono la biodiversità ed hanno un impatto negativo sullo stato delle acque e sulla fertilità del suolo. La prossima volta dobbiamo fare meglio!

D) Come valuta il “Pacchetto Clima ed Energia 2030″ recentemente approvato dall’Assemblea Plenaria dell’Europarlamento? Molte organizzazioni ambientali considerano il taglio del 40% delle emissioni di CO2, il target del 30% per quanto riguarda le energie rinnovabili e quello del 40% per l’efficienza energetica misure non abbastanza coraggiose per combattere il riscaldamento globale. Da Parlamentare che ha votato questi provvedimenti cosa risponde al mondo delle ONG?

R) La posizione del Parlamento è decisamente migliore rispetto alla proposta della Commissione. Tre obiettivi vincolanti mandano un chiaro segnale per gli investitori e l’industria. Se puntiamo ad un mix energetico con una quota elevata di energie rinnovabili e una maggiore efficienza energetica, sarà possibile ridurre non solo le emissioni di gas a effetto serra, ma incoraggiare l’innovazione, creare posti di lavoro ”verdi” e ridurre la dipendenza dalle importazioni dell’Europa. Sono d’accordo con le ONG, anche la posizione del Parlamento è tutt’altro che ambiziosa. Il mio Gruppo politico – Socialisti e Democratici (S&D) al Parlamento Europeo – al momento  del voto aveva spinto per la riduzione del 50% delle emissioni di CO2, una quota del 45% di energie rinnovabili e per il 40% dell’efficienza energetica, visto che rinnovabili ed efficienza energetica ridurrebbero la porzione delle importazioni di combustibili fossili dell’UE di 260 miliardi di Euro all’anno entro il 2030.

Beatrice Credi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

febbraio 20, 2018

“Muoversi a Torino”, il nuovo portale che integra open data e servizi al cittadino

Il 13 febbraio la Città di Torino ha lanciato “Muoversi a Torino”, il nuovo servizio di infomobilità in linea con le principali città europee: un portale web istituzionale, interamente orientato a fornire indicazioni utili e informazioni sempre aggiornate per muoversi agevolmente in città e nell’area metropolitana. Il nuovo sito – realizzato e gestito dalla partecipata 5T - si [...]

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

febbraio 19, 2018

Non beviamoci il mare con una cannuccia. Marevivo contro l’inquinamento da plastica

Quanto tempo si impiega a bere un cocktail con una cannuccia in plastica? Mediamente 20 minuti. Quanto tempo è necessario invece per smaltirla? 500 anni. In tutto il mondo si utilizzano quotidianamente più di un miliardo di cannucce, solo negli Stati Uniti ogni giorno se ne consumano 500 milioni, secondo i dati della Plastic Pollution [...]

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

febbraio 16, 2018

Mais OGM? No, grazie. La risposta di Greenpeace allo studio dell’Università di Pisa

Commentando lo studio scientifico sul mais OGM reso noto ieri dalle Università di Pisa e Scuola Superiore Sant’Anna, l’associazione ambientalista Greenpeace sottolinea come le colture OGM, considerate “una panacea per la produzione di cibo”, costituiscano in realtà un freno per l’innovazione ecologica in agricoltura. Sottopongono l’agricoltura al controllo e ai brevetti di poche aziende agrochimiche e [...]

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

febbraio 15, 2018

In diretta Facebook da un’auto elettrica: Margot Robbie online grazie alla batteria di una Nissan Leaf

Margot Robbie, attrice e produttrice australiana, di recente candidata al Premio Oscar 2018 come “Miglior attrice protagonista” per la sua interpretazione di Tonya Harding nel film “I, Tonya” (2017) è stata protagonista, in qualità di ambasciatrice dei veicoli elettrici Nissan, della sua prima diretta streaming su Facebook. Una diretta molto speciale perché alimentata per la prima [...]

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

febbraio 9, 2018

“Sulle tracce dei ghiacciai”: stessa prospettiva ma cent’anni dopo. I cambiamenti climatici in due foto gemelle

ll clima continua a cambiare e i ghiacciai proseguono nel loro inesorabile arretramento. Per aumentare la consapevolezza pubblica su questo devastante fenomeno il fotografo ambientalista Fabiano Ventura ha avviato, a partire dal 2009, un progetto internazionale fotografico-scientifico decennale, articolato su sei spedizioni, che documenta gli effetti dei cambiamenti climatici sulle più importanti catene montuose della Terra [...]

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

febbraio 5, 2018

Guida ecologica: il Ministero dell’Ambiente propone una certificazione per le autoscuole

Una certificazione per la guida ecologica. È quanto annunciato sabato 3 febbraio dal Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria attraverso un nuovo approccio alla guida delle auto. Lo smog è infatti una vera e propria “spada di Damocle” che pende sulle grandi città italiane, in particolare del Nord Italia, [...]

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

febbraio 5, 2018

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: ogni famiglia butta via 85 kg. di cibo all’anno

Il 2018 sarà l’anno zero per le rilevazioni sullo spreco del cibo in Italia: perché per la prima volta arrivano i dati reali sullo spreco alimentare nelle nostre case, integrati da rilevazioni nella grande distribuzione e nelle mense scolastiche. Gli innovativi monitoraggi, su campione statistico di 400 famiglie di tutta Italia e su campioni significativi [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende