Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Campioni della differenziata. CONAI, verso un’industria italiana del riciclo:

Campioni della differenziata. CONAI, verso un’industria italiana del riciclo

giugno 5, 2013 Campioni d'Italia, Rubriche

Alla conferenza di Rio+20, è stato presentato come una delle eccellenze italiane. Un sistema per la gestione della raccolta differenziata efficiente, ma con costi ridotti rispetto agli altri modelli europei. Conai, il Consorzio nazionale imballaggi, nato nel 1997 in applicazione del decreto Ronchi per raggiungere gli obiettivi di riciclo e recupero previsti dall’Unione Europea, ha da poco compiuto 15 anni di attività. Festeggiati con risultati significativi: “Nel 1998 veniva recuperato e riciclato solo un imballaggio su tre, mentre oggi siamo arrivati a tre su quattro, circa il 75% dell’immesso al consumo”, spiega il direttore generale Walter Facciotto, che quest’anno, con il progetto Raccolta10+, ha voluto portare la raccolta differenziata anche nelle tappe del Giro d’Italia.

Conai si occupa, in particolare, dell’avvio a riciclo dei rifiuti di imballaggio provenienti soprattutto dalla raccolta urbana di sei materiali, indirizzando l’attività di altrettanti consorzi specifici: acciaio (Ricrea), alluminio (Cial), carta/cartone (Comieco), legno (Rilegno), plastica (Corepla), vetro (Coreve). “In 15 anni, la raccolta domestica è cresciuta in Italia del 132%. Nel 1998 era a livelli molto bassi, andava un po’ meglio solo per il vetro e la carta, materiali tradizionalmente avviati al riciclo nel nostro Paese. La svolta è avvenuta tra il 2000 e il 2002, quando si è passati dal 40% al 57% di imballaggi recuperati. Solo nel 2012 ne abbiamo recuperate 8,2 milioni di tonnellate”, continua Facciotto. Con benefici importanti per il nostro Paese: “L’attività di Conai ha generato un beneficio economico e ambientale quantificabile in 12,7 miliardi di euro, facendo crescere l’occupazione di 16.000 unità. Inoltre, il riciclo ha permesso di evitare emissioni di CO2 pari a 82 milioni di tonnellate”.

Oggi Conai, consorzio privato senza fini di lucro, ha più di 1,2 milioni di soci, che finanziano la sua attività di attraverso il cosiddetto “contributo ambientale”: imprese che producono e utilizzano imballaggi, oltre ad aziende che commercializzano merci imballate. Per fare un esempio, tra i soci ci sono i produttori di bottiglie di plastica, i marchi che imbottigliano l’acqua e le aziende che la vendono. Dal 2000 è in vigore l’accordo con Anci, che riconosce ai Comuni che decidono di aderire il versamento di un corrispettivo da parte di Conai per i materiali raccolti. In pratica, “i Comuni conferiscono i diversi materiali differenziati ai consorzi, dietro il pagamento di una somma a tonnellata che varia in base alla qualità della raccolta differenziata, ossia alla presenza o meno di rifiuti estranei, garantendo così i Comuni rispetto alle fluttuazioni dei prezzi sul mercato. I consorzi poi vendono i materiali alle aziende attraverso le aste”. Un sistema che ha rappresentato “un volano anche per incentivare in generale la raccolta differenziata.

Oggi all’accordo aderiscono oltre la metà dei Comuni italiani, fino a superare il 90% nel caso della plastica. “L’anno scorso abbiamo riconosciuto alle amministrazioni più di 300 milioni di euro”, ricorda Facciotto. Una fonte di liquidità preziosa, in tempi di casse vuote e investimenti bloccati dal Patto di Stabilità, segno di come, al di là di ogni facile retorica, i rifiuti rappresentino veramente una risorsa. Ambientale – perché grazie al riciclo consentono di non usare materiali vergini – ed economica, in grado di alimentare un’industria particolarmente importante per l’Italia, povera di materie prime. “Abbiamo l’obiettivo di trasformare quello che è stato visto come uno strumento per salvaguardare l’ambiente in una vera e propria industria del riciclo, che si accompagni a un utilizzo sempre più diffuso di materie prime seconde. Uno dei settori simbolo dell’economia verde, che vogliamo far crescere puntando molto sull’economy oltre che sul green”, spiega Facciotto. Conai, oltre alle iniziative per promuovere la raccolta differenziata, offre anche supporto alle imprese virtuose, per esempio attraverso Eco Tool, strumento gratuito di valutazione dell’impatto ambientale degli imballaggi.

Nel percorso verso lo sviluppo di una vera e propria industria del settore, gli obiettivi di riciclo imposti dall’Unione Europea per il 2020 sono cruciali. “Vogliamo far capire che la raccolta è un mezzo e non un fine: lo scopo ultimo deve essere il riciclo, che ha bisogno di frazioni di buona qualità, senza troppi scarti. In questo ci aiuta anche la direttiva UE del 2008, in cui si prevede che i Comuni raggiungano il 50% di riciclo dei materiali provenienti dalla raccolta domestica entro il 2020. L’Italia oggi ha una media di raccolta differenziata del 35%: si tratta quasi di raddoppiare questa percentuale, arrivando almeno al 60%, visto che poi in fase di riciclo va sempre considerato un 10% fisiologico di scarti”.

Ma gli enti locali si stanno impegnando per arrivare pronti al 2020? “Per adesso c’è un po’ di difficoltà. Penso che il governo dovrebbe intervenire per far crescere questa industria, incentivando prima di tutto l’uso di materiali riciclati. Una cosa che si potrebbe fare subito sarebbe far rispettare la norma sul Green Public Procurement, oggi largamente disattesa: prevede che le amministrazioni pubbliche comprino per almeno il 30% prodotti ottenuti da materiale riciclato. In questo modo si creerebbe una domanda in grado di innescare un ciclo positivo”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

aprile 19, 2021

Quando le rinnovabili conquistano le basi militari: il caso francese di BayWa r.e.

Ormai è noto che la cavalcata delle rinnovabili è inarrestabile, ma questa è una vera e propria “conquista militare”: BayWa r.e., player globale nel settore delle energie rinnovabili, ha annunciato di aver trasformato due basi aeree inutilizzate e dismesse in Francia in parchi solari e terreni agricoli per l’allevamento di pecore. La società del Gruppo [...]

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende