Home » Campioni d'Italia » Risorse Smart, la start up siciliana che “piazza” i sottoprodotti agricoli:

Risorse Smart, la start up siciliana che “piazza” i sottoprodotti agricoli

settembre 16, 2015 Campioni d'Italia

“Convincere gli agricoltori a conferire la paglia alla Laterlite all’inizio non è stato facile, ma dopo il primo pagamento, arrivato puntuale dall’azienda a 30 giorni dalla fattura, il mio telefono non la smetteva più di squillare: tutti offrivano la paglia”. Roberta Selvaggi, agronoma, 26 anni, è la fondatrice, insieme ad altre tre socie (l’architetta Marilù Federico, la giornalista Grazia Sicali e l’agronoma Mariagrazia Signorello), tutte siciliane come lei, di Risorse Smart, start up che si propone di far incontrare la domanda e l’offerta di sottoprodotti agricoli, perché non vadano più a finire in discarica, ma vengano valorizzati.

La collaborazione con lo stabilimento Laterlite in provincia di Enna, che produce argilla espansa per l’edilizia e utilizza la paglia per alimentare gli altiforni, è il primo progetto su cui hanno lavorato Roberta e le sue colleghe ed è un esempio di incontro riuscito. “Alle imprese, che possono essere impianti di digestione anaerobica, aziende agricole che desiderano stimare il potenziale energetico dei propri sottoprodotti, o società che in vario modo possono valorizzare queste matrici, offriamo un supporto logistico, ma anche normativo, perché spesso si ha paura di gestire in modo diverso dal conferimento in discarica queste biomasse. La normativa però è chiara e noi possiamo aiutare le aziende a valorizzare questi scarti nel pieno rispetto delle regole”.

La Laterlite, per esempio, “ha di recente convertito i suoi forni, che prima bruciavano carbone proveniente dalla Russia e ora sono alimentati con paglia di grano duro siciliano. Lo stabilimento ha bisogno di 7.000 tonnellate all’anno di paglia, 2.000 rotoballe a settimana”.

Risorse Smart coordina la logistica e il conferimento della biomassa, secondo un preciso calendario: “L’anno scorso abbiamo coinvolto 56 fornitori, quest’anno 72. Il nostro non è un lavoro semplice: l’impresa ha bisogno di un flusso costante di paglia da giugno a novembre, mentre gli agricoltori si trovano a gestire un prodotto stagionale e hanno necessità agricole e logistiche, condizionate anche dal meteo”. Se si incastra tutto, però, il sistema si rivela conveniente per tutti: all’azienda il combustibile costa molto meno, i fornitori ricevono una remunerazione per la paglia conferita di almeno 55 euro a tonnellata più IVA, che costituisce un’integrazione del reddito, e sui territori si innesca un piccolo indotto per l’imballo e il trasporto della biomassa.

Il caso di un piccolo birrificio di Ragusa è altrettanto esemplificativo: “Lo stabilimento produce ogni due settimane 100 chili di trebbie, lo scarto di lavorazione dell’orzo maltato: per lo smaltimento in discarica sarebbero serviti 700 euro, un prezzo inaccessibile per dei giovani imprenditori. Grazie a Risorse Smart, le trebbie vengono invece conferite gratuitamente a un impianto a biogas, con risparmi consistenti per l’azienda”.

Il team di Risorse Smart ha anche stimato il potenziale energetico dei sottoprodotti agricoli siciliani, che tra sansa e acque di vegetazione, scarti di macellazione, siero del latte, pastazzo degli agrumi, residui colturali, deiezioni animali, colture in rotazione e secondi raccolti e colture dedicate, ammontano a quasi 1,4 milioni di tonnellate. “Assumendo di utilizzarne anche solo il 30%, perché alcune hanno già altri utilizzi, questa quota basterebbe ad alimentare 20 impianti di digestione anaerobica da 500 kW, in grado di fornire energia a più di 3.000 abitazioni”. Ad oggi, gli impianti di questo tipo in Sicilia sono solo tre, a cui se ne aggiunge un altro che produce energia elettrica attraverso la combustione di cippato. “Il problema della Sicilia è la mancanza di domanda”, spiega Roberta Selvaggi, che con le socie punta però ad espandere l’attività anche al resto d’Italia e all’estero, attraverso la realizzazione di una piattaforma on line per l’incontro di domanda e offerta nel settore degli scarti agricoli.

La speranza delle imprenditrici sta nel biometano: “Da poco il GSE ha emesso le linee guida per la sua immissione in rete, e il settore sta attirando gli interessi degli investitori. Ci auguriamo di veder sorgere nuovi impianti per la produzione di biometano anche in Sicilia, con i quali potremmo collaborare per l’approvvigionamento di biomasse”.

In attesa di conoscere l’esito del bando pubblico Smart Start, da cui potrebbero arrivare i finanziamenti per realizzare la piattaforma on line, le imprenditrici siciliane il 3 ottobre saranno ospiti a Expo per spiegare la loro idea. Nel frattempo, il lavoro continua: “Stiamo facendo ricerca sulla possibilità di usare nei digestori anche le pale dei fichi d’India o la sulla. Oggi questi impianti sono alimentati in buona parte con colture dedicate, ma l’ottimale sarebbe integrarle con i sottoprodotti, risparmiando loro la discarica”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

settembre 15, 2016

Mai provata un’auto a emissioni zero? A Milano il “Battesimo elettrico” di Share’ngo

Mai provata un’auto a emissioni zero? Come ha scritto il direttore editoriale di Greenews.info, Andrea Gandiglio, al rientro dalla 7° ECOdolomites, “è un’esperienza assolutamente da provare e suggerire a chiunque”. Il giorno del Battesimo Elettrico, per molti milanesi, potrebbe essere Sabato 17 settembre all’appuntamento che Share’ngo ha organizzato dalle 9.30 alle 13.00  presso l’Isola Digitale [...]

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

settembre 15, 2016

Accordo ENEA e Ministero della Difesa per l’efficientamento degli edifici militari

L’efficientamento energetico del Policlicnico militare del Celio a Roma, uno dei maggiori ospedali italiani, sarà il primo atto dell’accordo di collaborazione fra ENEA e Ministero della Difesa. Il protocollo d’intesa firmato l’altro ieri a Roma dal Presidente ENEA Federico Testa e dal Sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano prevede la riqualificazione e l’efficientamento energetico di edifici [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende