Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Canale Ecologia, ovvero come un’associazione può difendere e valorizzare il territorio:

Canale Ecologia, ovvero come un’associazione può difendere e valorizzare il territorio

luglio 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Una piccola associazione di cittadini, locale, ancorata al territorio, senza ramificazioni nazionali, ma che riesce ad acquistare 230.000 metri quadrati di terreno da preservare, tutelare e offrire agli studenti delle scuole per lezioni all’aria aperta, sottraendoli ad “altri” utilizzi e finalità che rischierebbero di danneggiare l’ambiente. I “Campioni di Italia” di oggi sono i soci e attivisti di Canale Ecologia, l’associazione con base nel Comune di Canale, nel suggestivo territorio vitivinicolo del Roero, in Piemonte, che dal 1991 è riuscita a creare ben due parchi: quello chiamato Parco di Mombirone (50mila metri quadri) e l’Oasi di San Nicolao (230mila metri quadri) nelle Rocche del Roero. Un grande risultato per i 160 associati, che in quasi tre decenni di vita non si sono limitati ad acquistare terreni, ma sono saliti sulle barricate per piccole e grandi battaglie ecologiste sul territorio e profuso un grande impegno sul fronte dell’educazione ambientale.

Ma qual è il “modello di business” adottato per riuscire a reperire le risorse necessarie all’acquisto dei terreni e gestire tutte queste attività? “Ci siamo ‘quotati‘, abbiamo organizzato iniziative, ricevuto il sostegno di enti locali e di banche ed avuto anche delle donazioni di terreni. Sono stati preziosi i contributi di Euronatur (Fondo Europeo per la Natura) e del Consorzio di riforestazione Roero Verde”, ci spiega Gino Scarsi, il portavoce dell’associazione, che affianca il presidente Giovanni Bosio e che aggiunge, con una punta di orgoglio: “Non penso che esistano in Italia associazioni locali come la nostra che siano riuscite a tagliare i nostri traguardi! Per il Parco di Mombirone ben 300 Canalesi hanno permesso l’acquisto dei terreni”.

In questa partita lunga 26 anni, lamenta Scarsi, in realtà, avrebbero addirittura potuto fare di più, ma in Italia mancano le leggi a sostegno dell’associazionismo ambientale. “Un metro quadro di terreno ci costa 1 euro, per duemila metri spendiamo 2.000 euro, però ce ne sono quasi altrettanti che se ne vanno in carta“, ovvero parcella del notaio e tasse varie: “per essere precisi, duemila metri quadri ci costano più o meno 1.500 euro in atti notarili, timbri e registri! Non abbiamo nessuna facilitazione, altrimenti oggi avremmo il doppio della terra – che è un bene comune. Sciolta l’associazione il patrimonio resta infatti pubblico“.

Con i propri investimenti contro il consumo di suolo Canale Ecologia ha anche aiutato l’economia del territorio legata alle eccellenze enogastronomiche: “Si è permessa la salvaguardia e la tutela di numerose e importanti tartufaie storiche, prova ne siano i sentieri continuamente battuti. Ed è riconosciuto da tutti i ristoratori che i migliori tartufi bianchi arrivano proprio dall’Oasi di San Nicolao, nel  2007 riconosciuta anche come area della rete Wilderness italiana”.

Non vanno sottovalutate nemmeno altre piccole ma importanti attività economiche che si possono mettere in moto con queste buone pratiche. “All’ingresso dell’oasi, nelle Rocche tra Canale e Cisterna d’Asti, c’è una piccola costruzione che veniva utilizzata come immobile di un campo di tiro a volo, un’attività che ha provocato la reazione degli abitanti,  infastiditi dal rumore. Ora è la nostra sede, l’abbiamo ribattezzata Casa Natura ed è diventata la base di tutte le escursioni, un centro di appoggio per gli studenti del territorio che qui fanno ‘scuola all’aperto’. Qui vengono anche gli scout a fare campeggio ed organizziamo le nostre attività e manifestazioni culturali”.

Una delle manifestazioni più seguite è infatti “Film a Casa Natura“, dove sullo schermo all’aperto, nel periodo estivo, prendono vita le immagini di importanti film dedicati al tema ambientale. Una rassegna che esiste da sei anni e in questa ultima edizione è stata aperta dalla proiezione di “Resistenza Naturale“, il lavoro del regista americano Jonathan Nossiter, molto conosciuto da queste parti per il documentario “Mondovino“, girato in Italia e dedicato ai nostri viticoltori che hanno scelto produzioni naturali e senza chimica. Nelle prossime settimane sono in programma anche Cowspiracy, la “Zuppa del Demonio” e “Samsara“.

Tante azioni e iniziative propositive, dunque, ma gli associati di Canale Ecologia non hanno paura di dire anche no e “salire sulle barricate”. “Siamo stati in prima fila contro la centrale a biomasse, abbiamo fatto la nostra parte sul referendum per l’acqua pubblica, partecipato alla marcia per la terra ad Alba durante la giornata internazionale. A livello nazionale abbiamo aderito al movimento di opinione Stop al Consumo di Territorio e al forum dei movimenti Salviamo il Paesaggio. Ci muoviamo su tutti i fronti ambientali e non in teoria, siamo pratici e con i piedi ben piantati a terra“. Le sfide future in agenda sono ancora tante, a iniziare dalla richiesta di riconoscimento del proprio parco come Parco Naturale Regionale: “abbiamo iniziato a parlarne, qualche incontro, stiamo coinvolgendo i Comuni, c’è interesse e disponibilità anche se il cammino è lento”.Ci vuole pazienza, ma soprattutto determinazione.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

luglio 21, 2017

Come recuperare il calore dai data center. La soluzione di Climaveneta esportata in Finlandia

Mitsubishi Electric Hydronics & IT Cooling Systems, tramite il suo brand Climaveneta ha recentemente fornito due pompe di calore al District Heating di Fortum a Espoo, in Finlandia. Fortum, società energetica finlandese, aveva infatti la necessità di recuperare il calore espulso da un data center di Ericsson – multinazionale di servizi di telecomunicazione – per fornirlo alla rete [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende