Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Canale Ecologia, ovvero come un’associazione può difendere e valorizzare il territorio:

Canale Ecologia, ovvero come un’associazione può difendere e valorizzare il territorio

luglio 6, 2016 Campioni d'Italia, Rubriche

Una piccola associazione di cittadini, locale, ancorata al territorio, senza ramificazioni nazionali, ma che riesce ad acquistare 230.000 metri quadrati di terreno da preservare, tutelare e offrire agli studenti delle scuole per lezioni all’aria aperta, sottraendoli ad “altri” utilizzi e finalità che rischierebbero di danneggiare l’ambiente. I “Campioni di Italia” di oggi sono i soci e attivisti di Canale Ecologia, l’associazione con base nel Comune di Canale, nel suggestivo territorio vitivinicolo del Roero, in Piemonte, che dal 1991 è riuscita a creare ben due parchi: quello chiamato Parco di Mombirone (50mila metri quadri) e l’Oasi di San Nicolao (230mila metri quadri) nelle Rocche del Roero. Un grande risultato per i 160 associati, che in quasi tre decenni di vita non si sono limitati ad acquistare terreni, ma sono saliti sulle barricate per piccole e grandi battaglie ecologiste sul territorio e profuso un grande impegno sul fronte dell’educazione ambientale.

Ma qual è il “modello di business” adottato per riuscire a reperire le risorse necessarie all’acquisto dei terreni e gestire tutte queste attività? “Ci siamo ‘quotati‘, abbiamo organizzato iniziative, ricevuto il sostegno di enti locali e di banche ed avuto anche delle donazioni di terreni. Sono stati preziosi i contributi di Euronatur (Fondo Europeo per la Natura) e del Consorzio di riforestazione Roero Verde”, ci spiega Gino Scarsi, il portavoce dell’associazione, che affianca il presidente Giovanni Bosio e che aggiunge, con una punta di orgoglio: “Non penso che esistano in Italia associazioni locali come la nostra che siano riuscite a tagliare i nostri traguardi! Per il Parco di Mombirone ben 300 Canalesi hanno permesso l’acquisto dei terreni”.

In questa partita lunga 26 anni, lamenta Scarsi, in realtà, avrebbero addirittura potuto fare di più, ma in Italia mancano le leggi a sostegno dell’associazionismo ambientale. “Un metro quadro di terreno ci costa 1 euro, per duemila metri spendiamo 2.000 euro, però ce ne sono quasi altrettanti che se ne vanno in carta“, ovvero parcella del notaio e tasse varie: “per essere precisi, duemila metri quadri ci costano più o meno 1.500 euro in atti notarili, timbri e registri! Non abbiamo nessuna facilitazione, altrimenti oggi avremmo il doppio della terra – che è un bene comune. Sciolta l’associazione il patrimonio resta infatti pubblico“.

Con i propri investimenti contro il consumo di suolo Canale Ecologia ha anche aiutato l’economia del territorio legata alle eccellenze enogastronomiche: “Si è permessa la salvaguardia e la tutela di numerose e importanti tartufaie storiche, prova ne siano i sentieri continuamente battuti. Ed è riconosciuto da tutti i ristoratori che i migliori tartufi bianchi arrivano proprio dall’Oasi di San Nicolao, nel  2007 riconosciuta anche come area della rete Wilderness italiana”.

Non vanno sottovalutate nemmeno altre piccole ma importanti attività economiche che si possono mettere in moto con queste buone pratiche. “All’ingresso dell’oasi, nelle Rocche tra Canale e Cisterna d’Asti, c’è una piccola costruzione che veniva utilizzata come immobile di un campo di tiro a volo, un’attività che ha provocato la reazione degli abitanti,  infastiditi dal rumore. Ora è la nostra sede, l’abbiamo ribattezzata Casa Natura ed è diventata la base di tutte le escursioni, un centro di appoggio per gli studenti del territorio che qui fanno ‘scuola all’aperto’. Qui vengono anche gli scout a fare campeggio ed organizziamo le nostre attività e manifestazioni culturali”.

Una delle manifestazioni più seguite è infatti “Film a Casa Natura“, dove sullo schermo all’aperto, nel periodo estivo, prendono vita le immagini di importanti film dedicati al tema ambientale. Una rassegna che esiste da sei anni e in questa ultima edizione è stata aperta dalla proiezione di “Resistenza Naturale“, il lavoro del regista americano Jonathan Nossiter, molto conosciuto da queste parti per il documentario “Mondovino“, girato in Italia e dedicato ai nostri viticoltori che hanno scelto produzioni naturali e senza chimica. Nelle prossime settimane sono in programma anche Cowspiracy, la “Zuppa del Demonio” e “Samsara“.

Tante azioni e iniziative propositive, dunque, ma gli associati di Canale Ecologia non hanno paura di dire anche no e “salire sulle barricate”. “Siamo stati in prima fila contro la centrale a biomasse, abbiamo fatto la nostra parte sul referendum per l’acqua pubblica, partecipato alla marcia per la terra ad Alba durante la giornata internazionale. A livello nazionale abbiamo aderito al movimento di opinione Stop al Consumo di Territorio e al forum dei movimenti Salviamo il Paesaggio. Ci muoviamo su tutti i fronti ambientali e non in teoria, siamo pratici e con i piedi ben piantati a terra“. Le sfide future in agenda sono ancora tante, a iniziare dalla richiesta di riconoscimento del proprio parco come Parco Naturale Regionale: “abbiamo iniziato a parlarne, qualche incontro, stiamo coinvolgendo i Comuni, c’è interesse e disponibilità anche se il cammino è lento”.Ci vuole pazienza, ma soprattutto determinazione.

Gian Basilio Nieddu

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende