Home » Campioni d'Italia »Rubriche » CanapaCruda: nelle Marche (ri)nasce la carta di cannabis sativa con zero chimica:

CanapaCruda: nelle Marche (ri)nasce la carta di cannabis sativa con zero chimica

giugno 11, 2014 Campioni d'Italia, Rubriche

La storia di CanapaCruda è prima di tutto quella di una strada trovata nonostante le mille difficoltà della crisi, di un progetto nato da zero e a costo quasi zero, ma ad alto contenuto di creatività. Prima di raccontare meglio il progetto di carta di canapa (solo acqua e fibre vegetali, nessun additivo o colla) nato nelle Marche pochi mesi fa, vale la pena partire dalla sua ideatrice. Melania Tozzi, 35 anni, ha fatto tanti lavori diversi: prima la ragioniera, poi la barista e la cuoca; ha sempre dipinto, fatto creazioni di piccolo artigianato. Dopo aver perso il lavoro e dopo due anni di (naturale) scoramento, si è salvata da sola: ha fatto appello alla sua creatività, ha archiviato l’idea di lasciare l’Italia e, unendo la passione per le fibre di canapa alla tradizione cartaria di Fabriano, la sua città, si è inventata CanapaCruda.

“E’ nato tutto un po’ per caso. Ho seguito un corso al museo della tessitura vicino a Spoleto, e ho iniziato così a fare manufatti in canapa. E’ un materiale che mi piace molto, perché è caldo, nuovo, e porta con sé una storia particolare legata anche al proibizionismo. Poi a settembre scorso ho seguito a Fabriano un master per l’uso creativo della carta e a dicembre ho iniziato a elaborare il mio progetto. Le prime sperimentazioni le ho fatte a gennaio”. È servito un lungo lavoro di ricerca, perché se è vero che con la canapa già nel Medioevo si producevano corde, vele per le imbarcazioni, tessuti ,e la carta di canapa era già usata in Cina più di due millenni fa, molto di quel sapere nel nostro Paese è andato perduto. “Andando a scavare, ho trovato ingegneri e tecnici in pensione che l’avevano sperimentata nelle cartiere di Fabriano. Unendo le diverse informazioni, leggendo libri, sono arrivata a realizzare il mio progetto”.

La messa al bando della cannabis – nonostante una forte differenza di concentrazione del THC, l’ingrediente degli stupefacenti, tra la canapa indiana e quella tessile – e la concorrenza delle fibre sintetiche ha fatto scomparire le coltivazioni decenni fa. Ora però qualcosa sta cambiando, sono nate nuove coltivazioni e si moltiplicano le fiere, da Fermo (Indica Sativa Trade) a Napoli (Canapa in mostra). Secondo alcune stime, nel 2013 si sarebbero registrate in Italia 200 ettari di coltivazioni di canapa per uso industriale, il 1300% in più rispetto al 2012, “non molto, se pensiamo che, visto che fino agli anni ’30 del secolo eravamo i secondi produttori al mondo per quantità, nel periodo di massima produzione solo in Italia erano coltivati a canapa oltre 79.000 ettari”, si legge su Canapaindustriale.it.

Ma come avviene concretamente la produzione di carta con la cannabis sativa? “E’ un processo abbastanza economico, che usa solo acqua e canapa, senza l’aggiunta di colle e additivi. Grazie alle fibre molto lunghe dello stelo, infatti, i fogli sono resistenti e compatti senza bisogno di aggiungere sostanze chimiche. La fibra viene macinata con un macchinario detto cilindro olandese, usato anche per la produzione di carta tradizionale, poi viene immersa nell’acqua e con il telaio viene formato il foglio. Quest’ultimo viene appoggiato su un feltro e, una volta asciugato e pressato, è pronto”. Il risultato è una carta particolare, diversa da quella da fibra di legno: “E’ ruvida, l’odore assomiglia a quello del fieno, rievoca i campi”. Gli utilizzi possibili sono molti: si va dai gioielli ai bloc notes ai fogli per la scrittura e la stampa, fino ai vestiti e ad oggetti di design come lampade e cornici. “Sto lavorando a un progetto per abiti in CanapaCruda e sto collaborando con un ecodesigner pugliese. Inoltre, mi piacerebbe poter collaborare in futuro con imprese di biopackaging anche alimentare e con altri designer”. La canapa a Melania arriva dall’azienda agraria Trionfi Honorati di Jesi: “Coltivano la cannabis sativa per usi cosmetici e alimentari. Per la produzione di carta si usano gli steli, che sarebbero uno scarto”.

Grazie a un piccolo finanziamento in arrivo dalla fondazione Marche e dalla Fondazione Merloni, entro fine anno Melania vorrebbe aprire il suo laboratorio. “Per il momento mi appoggio all’Istituto tecnico di Fabriano. Sto lavorando per costruire un macchinario ad hoc per la macinatura delle fibre, e continuo le mie sperimentazioni. Il mio sogno è arrivare a produrre da sola anche la canapa, utilizzando gli steli per la carta e le altre parti della pianta per prodotti cosmetici e alimentari, chiudendo la filiera. E’ un progetto che permetterebbe di creare anche posti di lavoro in un territorio che, a causa della chiusura di molte fabbriche, ne ha un gran bisogno”.

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

luglio 27, 2017

Tere Group progetta MEMO, il camion dimostrativo alimentato con biometano da alghe

Con la collaborazione diretta della casa madre italiana Tere Group Srl, detentrice della tecnologia e insieme ad UNIMORE (Università di Modena e Reggio Emilia), L.I.S.T. (Luxembourg Institute of Science and Technology) e altri partner lussemburghesi, la nuova società Tere Group Lux S.A avvierà un innovativo progetto rivolto alla costruzione di MEMO (Mezzo Operativo Mobile), un [...]

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

luglio 26, 2017

Wow! Anche i sex toys diventano naturali

E’ una delle tendenze di questa estate, ma è in crescita da diversi mesi a giudicare dai dati Google e social: gli italiani amano sempre di più utilizzare prodotti “per il benessere sessuale della coppia”. Solo nelle ultime settimane le ricerche sul web per i sex toys hanno registrato un aumento del 300%. Tendenza che riguarda [...]

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

luglio 25, 2017

Cocoons, le ciambelle di cartone con tecnologia “plant & forget” per riforestare i terreni degradati

Cocoon, incubatrice biodegradabile brevettata dall’azienda olandese Land Life Company, potrebbe aiutare a riforestare i territori italiani colpiti da siccità e incendi rivitalizzando ecosistemi degradati e comunità, come sta già succedendo in 24 Paesi nel mondo. Sono infatti due miliardi gli ettari di terreno degradati nel mondo, un’area più grande di quella dell’intero Sudamerica. Tanto che [...]

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

luglio 25, 2017

Test in Emilia Romagna per EFLAME, il sistema per monitorare i principi di incendio

Reti wireless, fibra ottica e tecnologie di visione digitale in campo per prevenire e contrastare gli incendi estivi che stanno causando ingenti danni in molte regioni italiane. E’ la Regione Emilia Romagna, con il supporto della Protezione Civile, a lanciare  un progetto pilota che interessa due siti dell’Appennino tra Modena e Ferrara. Qui sono state installate stazioni di monitoraggio composte da [...]

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

luglio 25, 2017

“Basta con l’emergenza! Si usi il sottosuolo come banca dell’acqua”: il Consiglio dei Geologi interviene sul problema siccità

“È necessario uscire dalla logica dell’emergenza per la mancanza di risorse idriche poiché l’intervento emergenziale, in una fase di grave siccità come quella che stiamo attraversando, rischia di portare al nulla”. Lo afferma Arcangelo Francesco Violo, segretario nazionale e coordinatore della Commissione Risorse idriche del Consiglio Nazionale dei Geologi. Il binomio caldo-siccità, in questa torrida estate [...]

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

luglio 24, 2017

Panasonic mette il fotovoltaico sul tetto della Toyota Prius PHV

Un’autovettura a energia solare? E’ già in circolazione sulle nostre strade, si tratta della Toyota Prius PHV, lanciata sul mercato a febbraio 2017, è dotata dei “Moduli Fotovoltaici HIT per Automobile” di produzione Panasonic. Il modello è definito un plug-in hybrid (PHV) perché rappresenta l’evoluzione dal sistema hybrid verso un veicolo sempre più elettrico. La [...]

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

luglio 24, 2017

L’Abruzzo guida la rivolta delle Regioni contro le trivelle

Seconda vittoria legale dell’Abruzzo in pochi giorni: la Corte Costituzionale, con sentenza 198/2017, ha annullato il decreto “Trivelle” del 2015 in quanto emanato senza preventiva intesa con le Regioni: “Non spettava allo Stato e per esso al Ministro dello Sviluppo Economico – scrive la Consulta – adottare il decreto del 25 marzo 2015 senza adeguato coinvolgimento [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende