Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cangiari è possibile, anche nella moda.:

Cangiari è possibile, anche nella moda.

giugno 22, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

La metafora più azzeccata è forse quella della busta da lettera. Abiti come grandi buste per recapitare un messaggio di cambiamento. Cangiari è il nome del primo marchio etico dell’Alta moda italiana, – nato nel 2009 nella Locride – che in dialetto calabrese significa appunto “cambiare”. Un progetto sviluppato da alcune cooperative nell’ambito del Consorzio Goel, che puntando sulla sostenibilità sociale e ambientale, sul mutamento possibile del modo di vivere, è arrivato nel 2010 sulle passerelle milanesi. Fino a raggiungere un riconoscimento ancora più importante: essere l’unico marchio di moda italiana ammesso e premiato, a maggio 2010, al Salone del lusso sostenibile di Parigi.

«Goel è un gruppo di imprese sociali nato in Calabria nel 2006 per produrre cambiamento e lottare contro le ingiustizie e la n’drangheta, per uno sviluppo ecosostenibile della regione», spiega Vincenzo Linarello, presidente del consorzio. Goel svolge attività in vari settori: dall’assistenza sociale e i servizi alle imprese a tour operator di turismo responsabile, all’agricoltura biologica (i prodotti a marchio Goel Bio saranno presto commercializzati nelle botteghe del commercio equo), fino alla moda. «Tra le nostre cooperative, ce n’erano alcune con maestranze di artigianato tessile che avevano recuperato la tessitura al telaio della nostra tradizione. Si trattava di tessuti di grande qualità, e così abbiamo pensato di creare una linea di abiti di alta moda», racconta Linarello.

Una linea che si contraddistinguesse dalle altre per la sua differenza, come sottolinea il simbolo stesso di Cangiari, quello che in matematica significa dissimile, diverso. E Cangiari è davvero diverso da tutte le altre case di moda già presenti sul mercato: «Per prima cosa, gli abiti sono confezionati sartorialmente, con tessuti in parte fatti a mano. Poi, Cangiari è certificato Gots, marchio che contraddistingue i tessuti biologici, ma certifica anche la filiera, verificando la sostenibilità delle posizioni di lavoro e delle politiche ambientali di un’azienda. Terza cosa: i nostri abiti non sono solo Made in Italy, ma anche made in sociale, visto che sono realizzati da cooperative sociali, i cui dipendenti sono, per almeno il 30%, persone svantaggiate», racconta orgoglioso Linarello.

Lo stile dei vestiti è insieme moderno e tradizionale, sobrio ed elegante: «A ispirare il look Cangiari è il Mediterraneo, uno spazio in cui sono proliferate civiltà meravigliose e le frontiere non diventano barriere. La Calabria è una penisola protesa su questo mare di tradizioni: per questo le nostre collezioni, pur essendo moderne, assaggiano i diversi stili mediterranei. E da qui nasce anche il messaggio sociale che vogliamo lanciare: l’incontro tra popoli diversi genera cultura, no ai respingimenti e alle chiusure».

L’esperienza è ancora molto giovane: «L’idea è nata nel 2009, mentre la prima campagna di comunicazione l’abbiamo lanciata nel 2010. Abbiamo passato un anno a rafforzare il marchio, sostenuti anche dalla Camera nazionale della moda italiana, che da subito ci ha dato il suo appoggio». A luglio 2010 è arrivato il Premio Moda & Sociale del Galà della Moda di Catania, a settembre gli abiti Cangiari sono andati per la prima volta in commercio, a novembre è stato inaugurato lo SpazioCANGIARI, il primo concept store di prodotti ecologici provenienti dalle imprese sociali, aperto a Milano in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta.

Cangiari è un’impresa sostenibile anche dal punto di vista ambientale: grucce riciclate e riciclabili in cartone e packaging sostenibile. La linea  è completamente vegan, senza capi e accessori in pelle; la seta è cruelty free, ricavata senza uccidere il baco, per evitare di incidere sugli animali, sottolinea Linarello, ogni volta che questo è possibile. E l’azienda si sta anche impegnando per usare solo energia prodotta con fonti rinnovabili.

Un profilo di profonda responsabilità, che però non sempre viene apprezzato dai consumatori: «In Italia ci stiamo affermando più per la bellezza e la qualità dei nostri capi, che per la sensibilità ambientale e sociale. E comunque, questo valore aggiunto legato alla nostra responsabilità è più riconosciuto dai clienti e molto meno dai buyer». All’estero, intanto, la loro esperienza è piaciuta molto: di questo marchio nato nella Calabria Ionica si sono occupate le televisioni di Francia, Germania e Austria. «Per adesso però non siamo ancora approdati oltreconfine con i nostri abiti. Prima vogliamo affermarci in Italia, Paese che rimane sempre un punto di riferimento nel mondo della moda». Il futuro è pieno di progetti: «Dal prossimo settembre, i nostri capi saranno in quattro delle dieci boutique più importanti d’Italia. Stiamo anche lavorando per realizzare dei vestiti con tessuti di ginestra dell’Aspromonte, secondo una lavorazione tradizionale della Calabria, e con seta lavorata a mano».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

novembre 29, 2016

Treedom, alberi di Natale inconsueti per un regalo da coltivare

Treedom, la piattaforma web nata nel 2010 a Firenze, che permette a persone e aziende di finanziare la piantumazione di alberi a livello globale, ha lanciato la campagna 2016 per un regalo di Natale insolito quanto utile: da oggi è on-line “We make it real”, un servizio che permetterà agli utenti di regalare a parenti e [...]

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

novembre 29, 2016

Federparchi apre ai privati. A Roma la presentazione della nuova Convenzione

Lunedi 5 dicembre 2016 presso la Sede romana di Intesa Sanpaolo, in via Del Corso, verrà firmata la Convenzione tra Federparchi, FITS! (Fondazione per l’Innovazione del Terzo Settore) e Rinnovabili.it. I tre partner si faranno promotori di un nuovo progetto dedicato al supporto di iniziative di conservazione, sviluppo e tutela del patrimonio ambientale e territoriale. L’obiettivo della Convenzione [...]

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

novembre 28, 2016

A 30 anni dalla Carta di Ottawa: il convegno di ISDE sulla “salute globale”

In occasione della ricorrenza dei 30 anni dalla Carta di Ottawa, ISDE Italia, l’Associazione Medici per l’Ambiente, ASL Sud Est Toscana e Regione Toscana organizzano il 29 novembre, nel contesto del 11° Forum Risk Management alla Fortezza da Basso di Firenze, la 6° Conferenza Nazionale sulla Salute Globale, dal titolo “Costruire una politica pubblica per la [...]

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

novembre 25, 2016

A Viareggio un laboratorio sul compost, per ridurre i rifiuti domestici

“Il cerchio del compost: riciclare per la Terra”. Si terrà sabato 26 novembre dalle 9 alle 12 a Villa Argentina a Viareggio il convegno di approfondimento di RicicLAB, il ciclo di laboratori creativi sul riuso a ingresso libero realizzato da Sea Risorse e Sea Ambiente e organizzato dallo spazio smartCO2 COworking+Community insieme ad una rete di associazioni [...]

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

novembre 25, 2016

Black Friday? No, “Buy Nothing Day” contro la deriva del consumismo selvaggio

Una nuova ricerca pubblicata ieri da Greenpeace Germania, alla vigilia del “Black Friday”, la giornata che negli Stati Uniti segna l’inizio dello shopping natalizio e che sta diventando popolare anche in Italia – con sconti selvaggi e istigazione all’acquisto compulsivo – evidenzia le gravi conseguenze sull’ambiente dell’eccessivo consumo, in particolare di capi d’abbigliamento. “Difficile resistere [...]

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

novembre 24, 2016

Storica vittoria di Greenpeace e PAN Europe alla Corte di Giustizia UE: il segreto industriale non potrà più coprire i danni all’ambiente

La Corte di Giustizia dell’Unione Europea ieri mattina ha accolto la richiesta di Greenpeace e del Pesticide Action Network (PAN) Europe stabilendo che i test di sicurezza condotti dalle aziende chimiche per valutare i pericoli dei pesticidi devono essere resi pubblici. Per la Corte di Giustizia questi studi rientrano infatti nell’ambito delle “informazioni sulle emissioni nell’ambiente“, [...]

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

novembre 24, 2016

Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione: Guido Barilla presenta la 7° edizione sui paradossi del cibo

Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition, ha incontrato ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per presentare il 7° Forum Internazionale su Alimentazione e Nutrizione dal titolo “Mangiare Meglio, Mangiare Meno, Mangiare Tutti” che si terrà il 1° dicembre 2016, all’Università Bocconi di Milano. Un grande evento interdisciplinare per creare un [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende