Home » Campioni d'Italia »Rubriche » Cangiari è possibile, anche nella moda.:

Cangiari è possibile, anche nella moda.

giugno 22, 2011 Campioni d'Italia, Rubriche

La metafora più azzeccata è forse quella della busta da lettera. Abiti come grandi buste per recapitare un messaggio di cambiamento. Cangiari è il nome del primo marchio etico dell’Alta moda italiana, – nato nel 2009 nella Locride – che in dialetto calabrese significa appunto “cambiare”. Un progetto sviluppato da alcune cooperative nell’ambito del Consorzio Goel, che puntando sulla sostenibilità sociale e ambientale, sul mutamento possibile del modo di vivere, è arrivato nel 2010 sulle passerelle milanesi. Fino a raggiungere un riconoscimento ancora più importante: essere l’unico marchio di moda italiana ammesso e premiato, a maggio 2010, al Salone del lusso sostenibile di Parigi.

«Goel è un gruppo di imprese sociali nato in Calabria nel 2006 per produrre cambiamento e lottare contro le ingiustizie e la n’drangheta, per uno sviluppo ecosostenibile della regione», spiega Vincenzo Linarello, presidente del consorzio. Goel svolge attività in vari settori: dall’assistenza sociale e i servizi alle imprese a tour operator di turismo responsabile, all’agricoltura biologica (i prodotti a marchio Goel Bio saranno presto commercializzati nelle botteghe del commercio equo), fino alla moda. «Tra le nostre cooperative, ce n’erano alcune con maestranze di artigianato tessile che avevano recuperato la tessitura al telaio della nostra tradizione. Si trattava di tessuti di grande qualità, e così abbiamo pensato di creare una linea di abiti di alta moda», racconta Linarello.

Una linea che si contraddistinguesse dalle altre per la sua differenza, come sottolinea il simbolo stesso di Cangiari, quello che in matematica significa dissimile, diverso. E Cangiari è davvero diverso da tutte le altre case di moda già presenti sul mercato: «Per prima cosa, gli abiti sono confezionati sartorialmente, con tessuti in parte fatti a mano. Poi, Cangiari è certificato Gots, marchio che contraddistingue i tessuti biologici, ma certifica anche la filiera, verificando la sostenibilità delle posizioni di lavoro e delle politiche ambientali di un’azienda. Terza cosa: i nostri abiti non sono solo Made in Italy, ma anche made in sociale, visto che sono realizzati da cooperative sociali, i cui dipendenti sono, per almeno il 30%, persone svantaggiate», racconta orgoglioso Linarello.

Lo stile dei vestiti è insieme moderno e tradizionale, sobrio ed elegante: «A ispirare il look Cangiari è il Mediterraneo, uno spazio in cui sono proliferate civiltà meravigliose e le frontiere non diventano barriere. La Calabria è una penisola protesa su questo mare di tradizioni: per questo le nostre collezioni, pur essendo moderne, assaggiano i diversi stili mediterranei. E da qui nasce anche il messaggio sociale che vogliamo lanciare: l’incontro tra popoli diversi genera cultura, no ai respingimenti e alle chiusure».

L’esperienza è ancora molto giovane: «L’idea è nata nel 2009, mentre la prima campagna di comunicazione l’abbiamo lanciata nel 2010. Abbiamo passato un anno a rafforzare il marchio, sostenuti anche dalla Camera nazionale della moda italiana, che da subito ci ha dato il suo appoggio». A luglio 2010 è arrivato il Premio Moda & Sociale del Galà della Moda di Catania, a settembre gli abiti Cangiari sono andati per la prima volta in commercio, a novembre è stato inaugurato lo SpazioCANGIARI, il primo concept store di prodotti ecologici provenienti dalle imprese sociali, aperto a Milano in un immobile confiscato alla ‘ndrangheta.

Cangiari è un’impresa sostenibile anche dal punto di vista ambientale: grucce riciclate e riciclabili in cartone e packaging sostenibile. La linea  è completamente vegan, senza capi e accessori in pelle; la seta è cruelty free, ricavata senza uccidere il baco, per evitare di incidere sugli animali, sottolinea Linarello, ogni volta che questo è possibile. E l’azienda si sta anche impegnando per usare solo energia prodotta con fonti rinnovabili.

Un profilo di profonda responsabilità, che però non sempre viene apprezzato dai consumatori: «In Italia ci stiamo affermando più per la bellezza e la qualità dei nostri capi, che per la sensibilità ambientale e sociale. E comunque, questo valore aggiunto legato alla nostra responsabilità è più riconosciuto dai clienti e molto meno dai buyer». All’estero, intanto, la loro esperienza è piaciuta molto: di questo marchio nato nella Calabria Ionica si sono occupate le televisioni di Francia, Germania e Austria. «Per adesso però non siamo ancora approdati oltreconfine con i nostri abiti. Prima vogliamo affermarci in Italia, Paese che rimane sempre un punto di riferimento nel mondo della moda». Il futuro è pieno di progetti: «Dal prossimo settembre, i nostri capi saranno in quattro delle dieci boutique più importanti d’Italia. Stiamo anche lavorando per realizzare dei vestiti con tessuti di ginestra dell’Aspromonte, secondo una lavorazione tradizionale della Calabria, e con seta lavorata a mano».

Veronica Ulivieri

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

aprile 22, 2017

Anche in Italia si marcia per la scienza nella Giornata della Terra

Nel gennaio scorso un gruppo di ricercatori statunitensi ha promosso una March for Science da realizzarsi durante la Giornata della Terra per appoggiare la ricerca scientifica impegnata nella difesa della nostra salute, della sicurezza e dell’ambiente e denunciare le pressioni che la minacciano. L’obiettivo è di dare un forte segnale pubblico a favore della ricerca e di politiche [...]

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

aprile 21, 2017

Orange Fiber e Ferragamo lanciano la prima collezione moda ottenuta dalle arance

Salvatore Ferragamo e Orange Fiber, l’azienda che produce innovativi tessuti eco-sostenibili, lanceranno il 22 aprile la prima collezione moda realizzata con tessuti ottenuti dai sottoprodotti della spremitura delle arance. Una data scelta appositamente per la coincidenza con la Giornata della Terra, che ricorda a tutti la necessità della tutela dell’ambiente e della ricerca di fonti [...]

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

aprile 21, 2017

A Veglie nasce BEA, la Bottega dell’EcoArredo che fa upcycling

Il laboratorio urbano di Veglie, in provincia di Lecce, diventa un cantiere aperto per la trasformazione di rifiuti in nuovi oggetti con BEA – Bottega dell’EcoArredo, il laboratorio partecipato di design ecologico. Creatività, upcycling e life-coaching per un progetto promosso da CulturAmbiente onlus insieme a Urban Lab e Laboratorio Linfa nell’ambito dell’avviso pubblico della Regione Puglia [...]

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

aprile 21, 2017

Quattro passi in Fiera a Treviso per parlare di “Futuro al lavoro”

“Futuro al lavoro”: è questo in duplice accezione, il tema scelto per la XII edizione della Fiera4passi, organizzata dalla Cooperativa Pace e Sviluppo di Treviso (prima organizzazione di commercio equo e solidale in Veneto per attività, fatturato e numero di volontari e terza in Italia) al Parco Sant’Artemio di Treviso – sede della Provincia – [...]

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

aprile 20, 2017

Indagine TripAdvisor: cresce la voglia di ospitalità sostenibile. Lefay Resort primo in Europa

  I viaggiatori italiani sembrano sempre più attenti all’impatto ambientale delle strutture in cui soggiornano e dei tour e attrazioni che prenotano durante il loro viaggio. È quanto emerge da un’indagine condotta da TripAdvisor, il sito per la pianificazione e prenotazione dei viaggi, su oltre 1.800 viaggiatori italiani in occasione dell’Earth Day del 22 aprile, la [...]

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

aprile 19, 2017

Buone pratiche italiane: Acea Pinerolese indicata come modello dal Ministero tedesco dell’Energia

Il Ministero dell’Economia e dell’Energia della Germania ha scelto l’italiana Acea Pinerolese con il suo Polo ecologico di trattamento del rifiuto organico da raccolta differenziata come modello di best practice tra i progetti di energie rinnovabili di tutto l’Arco Alpino. Il rapporto analizza tutte le realtà dei Paesi che si affacciano sull’arco alpino che hanno [...]

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

aprile 19, 2017

Car sharing elettrico: con Share ‘ngo ora te lo paga il supermercato

Saranno le “destinazioni”, ossia gli esercizi commerciali che offrono prodotti e servizi (palestre, cinema, teatri, negozi ecc.) a pagare con sempre maggiore frequenza il costo dell’auto in car sharing? Ne è convinta Share’ngo, il primo operatore italiano di car sharing elettrico, che dopo le prime esperienze con Carrefour Express e Carrefour Market a Milano, renderà [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende