Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Capitale dell’Innovazione”: 500mila euro in palio per il miglior ecosistema urbano europeo:

“Capitale dell’Innovazione”: 500mila euro in palio per il miglior ecosistema urbano europeo

settembre 9, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Green city”, “Smart city”, termini che sentiamo spesso nei discorsi dedicati all’ambiente. Ma cosa hanno in comune? Senza dubbio il fatto di avere come soggetto privilegiato i centri urbani. La popolazione, il territorio, le attività produttive e le interazioni che queste componenti hanno tra loro determinano in modo inequivocabile l’impatto delle città sulla salute del pianeta. Considerando anche il fatto che il 68% della popolazione dell’UE attualmente risiede in zone urbane.

Per questo la Commissione Europea ha lanciato un concorso che mira a individuare la “Capitale dell’Innovazione”. L’Esecutivo di Bruxelles premierà, infatti, la città con il miglior “ecosistema innovativo”. Una giuria di esperti indipendenti selezionerà la vincitrice nella primavera 2014 e la prescelta riceverà 500mila Euro a sostegno delle proprie iniziative. Il termine per la presentazione delle domande è il 3 dicembre 2013. Possono partecipare le città di tutti gli Stati membri UE o di Paesi associati al programma quadro di ricerca europeo con più di 100mila abitanti e per iniziative in corso almeno dal primo gennaio 2010. I territori dove non vi sono insediamenti di oltre 100mila abitanti possono candidare la città più grande.

Ma cosa dovrà dimostrare di avere la i-Capital europea? Le contendenti saranno valutate, da un lato, sulle iniziative intraprese e sui risultati ottenuti e, dall’altro, sulle idee in cantiere per rafforzare la capacità innovativa. Dovranno dimostrare di seguire una strategia globale che sia, in primo luogo, “innovativa”. Idee, processi e strumenti smart, capaci cioè di attrarre talenti, finanziamenti, investimenti, con l’impegno ed il coinvolgimento dei cittadini e il collegamento tra soggetti imprenditoriali pubblici e privati che dovranno darsi forza a vicenda.

Con questo premio, la Commissione Europea vuole, infatti, riconoscere il ruolo delle città come luogo di innovazione sistemica, con la loro capacità di connettere le persone, i luoghi ed i diversi attori economici. La città vincitrice dovrà avere il pregio di consentire, ispirare e coltivare l’innovazione incoraggiando, coinvolgendo e stimolando il talento proveniente da diversi percorsi di vita: professionisti, politici, imprenditori e cittadini.

Le politiche pensate e messe in campo dovranno poi essere “integrate” e “interattive”. Vale a dire, che devono fare riferimento ad una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva e in grado di fare rete. Requisito fondamentale: la possibilità di replicare la strategia in altri contesti e realtà differenti, in modo da stimolare la circolazione di buone pratiche.

“Le città sono i motori dell’economia europea. Sette europei su dieci vivono in zone urbane che generano i due terzi del PIL dell’UE. Vogliamo esortare i centri urbani a innalzare la posta quando si tratta di innovazione e a creare una rete di città in grado di condividere le migliori idee per il futuro”. Spiega la commissaria europea per la Ricerca, l’innovazione e la scienza Maire Geoghegan-Quinn.

L’UE promuove, infatti, lo sviluppo urbano intelligente e sostenibile per mezzo delle proprie strategie di ricerca e innovazione. Il prossimo programma dedicato a ciò, Horizon 2020, interesserà il periodo 2014-2020 e si concentrerà più che mai sul finanziamento dell’intera catena dell’innovazione, dalla scoperta scientifica allo sviluppo “vicino al mercato”. Anche il finanziamento regionale unionale in futuro sarà incentrato maggiormente sulla ricerca e l’innovazione, ad esempio sulla costruzione di infrastrutture. L’entità “Regione” assumerà quindi una importanza fondamentale nell’orientamento delle politiche UE.

Questo è stato sottolineato anche a Vilnius durante l’appena conclusa conferenza dal titolo “Un’Europa efficiente”. Organizzato dal Comitato delle Regioni UE, l’incontro si è focalizzato principalmente su come è possibile migliorare il quadro normativo, rafforzare gli strumenti economici e creare un sistema più coerente di sostegno per potenziare l’efficienza energetica e la produzione di energia sostenibile a livello locale.

La conferenza è stata anche occasione di scambio di buone pratiche. Ugo Cappellacci – Presidente della regione Sardegna e della Commissione Ambiente, Cambiamenti climatici ed Energia del Comitato delle Regioni – ha, per esempio, illustrato il programma Sardegna CO2.zero, con il quale la Regione italiana punta ad essere una delle più “pulite” d’Europa. Investendo su green economy e azzeramento delle emissioni inquinanti, la Sardegna sta mettendo in campo una transizione delle centrali ad olio combustibile a quelle a gas metano e il raggiungimento di una quota importante di energia prodotta da rinnovabili. A questo si è affiancato il progetto dedicato all’efficienza energetica denominato “Smart City- Comuni in classe A” che ha coinvolto in prima linea il territorio e le sue Municipalità.

L’esperienza sarda è un chiaro esempio di come sia fondamentale il ruolo dei governi regionali e locali. Perché è a loro che spettano le azioni concrete per raggiungere gli obiettivi sul consumo e la produzione di energia sostenibile fissati dalla UE per il 2020. Proprio per raggiungere questi traguardi è, quindi, fondamentale dare il massimo sostegno alle numerose iniziative per l’efficienza energetica a livello locale. Senza dimenticare quanto sia centrale affiancare a ciò anche l’accrescimento della cultura ambientale degli amministratori e dei cittadini. Le conclusioni raccolte a Vilnius confluiranno in un documento sulla revisione della Strategia Europea 2020 che il Comitato delle Regioni metterà a punto nel suo prossimo incontro ad Atene nel marzo 2014.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende