Home » Bollettino Europa »Rubriche » “Capitale dell’Innovazione”: 500mila euro in palio per il miglior ecosistema urbano europeo:

“Capitale dell’Innovazione”: 500mila euro in palio per il miglior ecosistema urbano europeo

settembre 9, 2013 Bollettino Europa, Rubriche

Green city”, “Smart city”, termini che sentiamo spesso nei discorsi dedicati all’ambiente. Ma cosa hanno in comune? Senza dubbio il fatto di avere come soggetto privilegiato i centri urbani. La popolazione, il territorio, le attività produttive e le interazioni che queste componenti hanno tra loro determinano in modo inequivocabile l’impatto delle città sulla salute del pianeta. Considerando anche il fatto che il 68% della popolazione dell’UE attualmente risiede in zone urbane.

Per questo la Commissione Europea ha lanciato un concorso che mira a individuare la “Capitale dell’Innovazione”. L’Esecutivo di Bruxelles premierà, infatti, la città con il miglior “ecosistema innovativo”. Una giuria di esperti indipendenti selezionerà la vincitrice nella primavera 2014 e la prescelta riceverà 500mila Euro a sostegno delle proprie iniziative. Il termine per la presentazione delle domande è il 3 dicembre 2013. Possono partecipare le città di tutti gli Stati membri UE o di Paesi associati al programma quadro di ricerca europeo con più di 100mila abitanti e per iniziative in corso almeno dal primo gennaio 2010. I territori dove non vi sono insediamenti di oltre 100mila abitanti possono candidare la città più grande.

Ma cosa dovrà dimostrare di avere la i-Capital europea? Le contendenti saranno valutate, da un lato, sulle iniziative intraprese e sui risultati ottenuti e, dall’altro, sulle idee in cantiere per rafforzare la capacità innovativa. Dovranno dimostrare di seguire una strategia globale che sia, in primo luogo, “innovativa”. Idee, processi e strumenti smart, capaci cioè di attrarre talenti, finanziamenti, investimenti, con l’impegno ed il coinvolgimento dei cittadini e il collegamento tra soggetti imprenditoriali pubblici e privati che dovranno darsi forza a vicenda.

Con questo premio, la Commissione Europea vuole, infatti, riconoscere il ruolo delle città come luogo di innovazione sistemica, con la loro capacità di connettere le persone, i luoghi ed i diversi attori economici. La città vincitrice dovrà avere il pregio di consentire, ispirare e coltivare l’innovazione incoraggiando, coinvolgendo e stimolando il talento proveniente da diversi percorsi di vita: professionisti, politici, imprenditori e cittadini.

Le politiche pensate e messe in campo dovranno poi essere “integrate” e “interattive”. Vale a dire, che devono fare riferimento ad una crescita intelligente, sostenibile, inclusiva e in grado di fare rete. Requisito fondamentale: la possibilità di replicare la strategia in altri contesti e realtà differenti, in modo da stimolare la circolazione di buone pratiche.

“Le città sono i motori dell’economia europea. Sette europei su dieci vivono in zone urbane che generano i due terzi del PIL dell’UE. Vogliamo esortare i centri urbani a innalzare la posta quando si tratta di innovazione e a creare una rete di città in grado di condividere le migliori idee per il futuro”. Spiega la commissaria europea per la Ricerca, l’innovazione e la scienza Maire Geoghegan-Quinn.

L’UE promuove, infatti, lo sviluppo urbano intelligente e sostenibile per mezzo delle proprie strategie di ricerca e innovazione. Il prossimo programma dedicato a ciò, Horizon 2020, interesserà il periodo 2014-2020 e si concentrerà più che mai sul finanziamento dell’intera catena dell’innovazione, dalla scoperta scientifica allo sviluppo “vicino al mercato”. Anche il finanziamento regionale unionale in futuro sarà incentrato maggiormente sulla ricerca e l’innovazione, ad esempio sulla costruzione di infrastrutture. L’entità “Regione” assumerà quindi una importanza fondamentale nell’orientamento delle politiche UE.

Questo è stato sottolineato anche a Vilnius durante l’appena conclusa conferenza dal titolo “Un’Europa efficiente”. Organizzato dal Comitato delle Regioni UE, l’incontro si è focalizzato principalmente su come è possibile migliorare il quadro normativo, rafforzare gli strumenti economici e creare un sistema più coerente di sostegno per potenziare l’efficienza energetica e la produzione di energia sostenibile a livello locale.

La conferenza è stata anche occasione di scambio di buone pratiche. Ugo Cappellacci – Presidente della regione Sardegna e della Commissione Ambiente, Cambiamenti climatici ed Energia del Comitato delle Regioni – ha, per esempio, illustrato il programma Sardegna CO2.zero, con il quale la Regione italiana punta ad essere una delle più “pulite” d’Europa. Investendo su green economy e azzeramento delle emissioni inquinanti, la Sardegna sta mettendo in campo una transizione delle centrali ad olio combustibile a quelle a gas metano e il raggiungimento di una quota importante di energia prodotta da rinnovabili. A questo si è affiancato il progetto dedicato all’efficienza energetica denominato “Smart City- Comuni in classe A” che ha coinvolto in prima linea il territorio e le sue Municipalità.

L’esperienza sarda è un chiaro esempio di come sia fondamentale il ruolo dei governi regionali e locali. Perché è a loro che spettano le azioni concrete per raggiungere gli obiettivi sul consumo e la produzione di energia sostenibile fissati dalla UE per il 2020. Proprio per raggiungere questi traguardi è, quindi, fondamentale dare il massimo sostegno alle numerose iniziative per l’efficienza energetica a livello locale. Senza dimenticare quanto sia centrale affiancare a ciò anche l’accrescimento della cultura ambientale degli amministratori e dei cittadini. Le conclusioni raccolte a Vilnius confluiranno in un documento sulla revisione della Strategia Europea 2020 che il Comitato delle Regioni metterà a punto nel suo prossimo incontro ad Atene nel marzo 2014.

Beatrice Credi

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

novembre 17, 2017

1° EcoForum Legambiente: l’economia circolare dei rifiuti arriva in Piemonte

Dalla naturale evoluzione del Forum Nazionale Rifiuti – promosso a livello italiano da Legambiente Onlus, Editoriale La Nuova Ecologia e Kyoto Club – che negli ultimi tre anni è stato l’evento di riferimento sulla gestione sostenibile dei rifiuti in Italia, nasce l’”EcoForum per l’Economia Circolare del Piemonte”. L’EcoForum piemontese si svilupperà, il 22 novembre 2017, in occasione della Settimana Europea per [...]

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

novembre 16, 2017

Restructura 2017: la 30° edizione tra passato e futuro del settore edile

Apre al pubblico nella mattinata di oggi, a Torino, la trentesima edizione di Restructura, uno dei punti di riferimento fieristici in Italia nel settore della riqualificazione, del recupero e della ristrutturazione in ambito edilizio. Un osservatorio privilegiato per professionisti e visitatori che dal 16 al 19 novembre 2017 all’Oval del Lingotto Fiere avranno l’opportunità di confrontarsi con i protagonisti del [...]

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

novembre 15, 2017

Simboli e costi del decommissioning nucleare: demolito il camino della centrale del Garigliano

La fine di una triste era dell’energia in Italia ha bisogno anche di simboli. Sogin ha completato nei giorni scorsi lo smantellamento del camino della centrale nucleare del Garigliano (Caserta), una struttura tronco-conica in cemento armato alta 95 metri, con un diametro variabile dai 5 metri della base ai 2 metri della sommità. La struttura, [...]

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

novembre 15, 2017

GRETA, il progetto europeo per diffondere la geotermia nello spazio alpino

“Dobbiamo diffondere le tecnologie rinnovabili e a basse emissioni” ha ribadito Kai Zosseder della Technical University of Munich, leader del progetto GRETA (near-surface Geothermal REsources in the Territory of the Alpine space), aprendo la mid-term conference del 7 novembre scorso, a Salisburgo. “Ma per ora – ha aggiunto – il potenziale della geotermia a bassa [...]

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

novembre 13, 2017

DEMOSOFC: un impianto a idrogeno alimentato a biogas da fanghi di depurazione

Si chiama DEMOSOFC il progetto europeo che sta per dare il via all’impianto con celle a combustibile alimentate a biogas più grande d’Europa. Si tratta di un impianto di energia co-generata recuperando i fanghi prodotti dal processo di depurazione delle acque reflue di Torino, da cui, grazie alla digestione anaerobica e alle fuel cell, le [...]

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

novembre 10, 2017

E’possibile riciclare i rifiuti plastici delle spiagge? Dati incoraggianti dal primo studio di settore

Cotton fioc, frammenti, oggetti e imballaggi sanitari, tappi e cannucce sono i rifiuti più presenti sulle nostre spiagge. La causa è da attribuire principalmente ad abitudini errate da parte di consumatori e imprese. Quello che in molti però non sanno è che anche questo tipo di rifiuto potrebbe essere avviato a riciclo, con vantaggi sia [...]

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

novembre 10, 2017

Gruppo Sanpellegrino pubblica il primo report sul “valore condiviso”

Il Gruppo Sanpellegrino, leader italiano del settore beverage e acque minerali, con 1.500 dipendenti e 900 milioni di euro di fatturato, ha realizzato, per la prima volta, un Report sulla “creazione di valore condiviso”, per raccogliere e diffondere i dati relativi alle azioni di CSR (corporate social responsibility) avviate negli ultimi anni. Dal quadro tracciato [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende