Home » Impressioni di viaggio »Rubriche » Capo Verde, terra di relax e saudade:

Capo Verde, terra di relax e saudade

maggio 14, 2015 Impressioni di viaggio, Rubriche

L’arcipelago di Capo Verde, lontano 500 km dalle coste senegalesi, al largo dell’Africa occidentale, è formato da dieci isole, ognuna con la sua particolarità e la sua storia. Fogo per esempio, è caratterizzata da terra fertile e clima favorevole a varie altitudini, la vita ruota intorno al suo vulcano, che ha eruttato l’autunno scorso non causando vittime ma ingenti danni al territorio. Da secoli, nella caldera del vulcano, si coltiva la vite con metodi tradizionali. La “resa” è piuttosto contenuta e la qualità della produzione non regolare, ma è un motivo di giusto orgoglio.

Sao Vicente invece è un’isola aridissima, sempre sconvolta dal vento, famosa soprattutto per aver dato i natali a Cesaria Evora che ha portato in giro per il mondo, attraverso la sua voce incantevole, quell’idea soltanto portoghese di nostalgia conosciuta come “saudade”.

Impressionante è la quiete che avvolge questo arcipelago, considerato un “ponte” tra l’Africa, l’Europa e l’America latina che non si è dimenticato della lotta per l’indipendenza (1975) né della sofferenza per la povertà. Il governo del paese si basa sui principi democratici di una repubblica parlamentare ed è stato escluso dal 207 dalla lista stilata dall’ONU dei Paesi Meno Sviluppati (LDC) . Nonostante le difficoltà economiche e la gravosa disoccupazione, il paese non ha mai conosciuto tensioni sociali o politiche e trasmette alcuni insegnamenti importanti come la volontà di relativizzare i problemi e la scelta di un saper vivere in una forma più pura.

Il primo progetto su cui è caduto il nostro occhio è la rete di rifornimento locale alle mense scolastiche, ideato dalla ONG spagnola CERAI (Centro de Estudos Rurais e Agricultura Internacional) specializzata in sviluppo rurale sostenibile, in partnership con la Fondazione capoverdiana di Azione sociale e scolastica (FICASE) all’interno del programma (2011-2015) per il “Sostegno alla sicurezza alimentare e Nutrizione Scolastica” promosso dalla FAO. Il costo mensile che le famiglie pagano alla scuola è di 6 escudos (l’equivalente di circa 0,50€) in cambio di un pasto giornaliero costituito da legumi, riso e altri cereali, pesce in abbondanza e verdure, soprattutto radici e tuberi (patate, carote, rape) che non hanno bisogno di molta acqua per crescere. Questo progetto contribuisce a diversificare la dieta degli alunni, generando nuove opportunità di commercio per i piccoli produttori locali e rafforzando un modello sostenibile di struttura associativa e produzione agricola.

Oltre al lavoro di educazione nutrizionale nelle scuole, il gruppo di lavoro del CERAI si occupa anche di organizzare corsi per la popolazione (agricoltori, disoccupati, neo-imprenditori) che promuovono i diritti al cibo, all’educazione e alla salute. Recentemente uno di questi corsi ha dato vita alla cooperativa UTAGA (Unidade de Transformaçao Agro Alimentar) che ha come obiettivo quello di ridurre lo spreco di prodotti freschi, disponibili in abbondanza durante la stagione di raccolta, e vede all’attivo un gruppo di nove donne che ogni pomeriggio si incontra in laboratorio per dedicarsi alle diverse fasi del processo di produzione: dalla trasformazione alla conservazione fino alla messa in commercio, di prodotti come verdure disidratate, frutta candita (papaya e altri frutti tropicali), sottaceti, confetture, salse, sughi e caramelle.

Spostandoci all’estrema punta nord-ovest incontriamo l’isola di Santo Antão, la più verde dell’arcipelago, dove oltre alla pesca e al turismo (soprattutto trekking organizzati da comitive francesi) le principali fonti economiche derivano dalla produzione di canna da zucchero, yam, manioca, banane, mango e cereali. Qui scopriamo Babilònia, un centro sperimentale ed educativo nel settore del turismo integrato che riunisce i produttori biologici di Santo Antão. Il progetto promuove  la coltivazione di ortaggi e frutti locali come esperienza pedagogica ed è un esempio concreto di infrastruttura di accoglienza per visitatori con un ristorante e due abitazioni, inserite in un’iniziativa di  turismo comunitario. Attraverso Slow Food, alcuni dei rappresentanti di questa associazione sono stati ospiti a Terra Madre, la sezione del Salone del Gusto di Torino dedicata alle comunità del cibo, dove hanno avuto la possibilità di far conoscere i loro prodotti e la loro esperienza oltre oceano.

Il motto di Capo Verde è “no stress”, coniato dai senegalesi che vengono qui a cercare fortuna. Una meta ideale per il relax vacanziero anche per il clima secco tropicale, con una temperatura che si aggira sempre intorno ai 25°, dove la stagione delle piogge va da agosto a ottobre, ma piove raramente, ed è di fatto estate tutto l’anno. Le strutture ricettive sono numerose e adatte a vari gusti; per vivere la realtà delle isole è consigliabile muoversi attraverso i canali di ospitalità locali, gestiti soprattutto da europei che scelgono di trasferirsi qui senza snaturare il territorio, anzi conservando e valorizzandone lo stile di vita.

E’ un luogo che fa bene all’anima perché non ti lascia mai solo, il vento costante depura i pensieri e sembra non ci sia mai tempo per affannarsi o brontolare. Una parola che si sente spesso ripetere è morabeza che in lingua locale (il criolo) rappresenta la capacità dei capoverdiani di accogliere le persone nelle loro case, nelle loro isole. Significa poter andare e tornare, arrivare, salutare e di nuovo partire, con la possibilità di farlo forse perchè questo è un popolo abituato alle partenze, agli arrivederci e all’incertezza. Certo non è soltanto una meraviglia la vita isolana, mancano molte cose qui ma alla fine la sensazione è che si possa vivere bene, se non meglio, anche senza alcuni agi che la società occidentale ha reso indispensabili.

Miriam Bertuzzi

 

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

settembre 29, 2016

Fotovoltaico: Italia Solare propone al GSE la “risoluzione anticipata degli incentivi”. Liquidità ai proprietari

L’Associazione Italia Solare di Monza vuole proporre al GSE un modello di risoluzione anticipata degli incentivi per impianti fino a 3 kWp, quindi residenziali, così che i proprietari degli impianti possano avere immediata liquidità. In Sicilia, ad esempio, ci sono oggi circa 11.000 impianti fotovoltaici incentivati con i vari “Conto Energia” (dal 1° al 5°) [...]

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

settembre 27, 2016

“Energy citizens”: secondo Greenpeace potrebbero produrre metà del fabbisogno energetico europeo

La metà della popolazione dell’Unione Europea, circa 264 milioni di persone, potrebbe produrre la propria elettricità autonomamente e da fonti rinnovabili entro il 2050, soddisfacendo così il 45% della domanda comunitaria di energia. È quanto dimostra il report scientifico “The Potential for Energy Citizens in the European Union”, redatto dall’istituto di ricerca ambientale CE Delft [...]

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

settembre 23, 2016

Tra fontane, cisterne e acquedotti: trekking alla scoperta della rete idrica di Bergamo

«Le malvagità degli uomini vivono nel bronzo, le loro virtù le scriviamo sulle acque», diceva William Shakespeare. Ed è sulle orme delle virtù che si snoda «Le Vie dell’Acqua», il progetto patrocinato dal Comune di Bergamo e sostenuto e finanziato da UniAcque che celebra così i suoi primi 10 anni di attività, per far riscoprire [...]

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

settembre 20, 2016

Wadis Mar: un progetto europeo per conservare l’acqua nei paesi aridi

La ricarica artificiale degli acquiferi come soluzione per conservare l’acqua nei paesi aridi e a rischio desertificazione, rendendola così disponibile per l’agricoltura e gli altri settori. E’questa la tecnica sviluppata grazie a Wadis-Mar (Water harvesting and Agricultural techniques in Dry lands: an Integrated and Sustainable model in MAghreb Regions), un progetto che negli ultimi quattro [...]

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

settembre 20, 2016

Al Liceo Keplero di Roma si fa lezione sul tetto (verde)

Al Liceo Scientifico Keplero di Roma il verde pensile ha trasformato il lastrico solare in un’aula di sperimentazione dove i ragazzi coltivano piante e ortaggi. Ma non solo: lezioni di microbiologia, sperimentazioni agronomiche ma anche approfondimenti pratici su idraulica e capacità termica dei tetti verdi. Il tutto, in quest’aula davvero speciale, un grande giardino pensile [...]

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

settembre 19, 2016

Carburanti alternativi: si apre la strada alla realizzazione delle infrastrutture

Il Consiglio dei Ministri ha approvato nei giorni scorsi, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/94/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2014, sulla realizzazione di un’infrastruttura per i combustibili alternativi. La finalità della direttiva è di ridurre la dipendenza dal petrolio e attenuare l’impatto ambientale nel settore [...]

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

settembre 16, 2016

Macfrut 2017: CCPB partner dei contenuti per l’area bio

MACFRUT 2016 si chiude con un accordo per la prossima edizione di maggio 2017: l’ente di certificazione CCPB sarà partner per i contenuti di MACFRUT Bio, area dedicata all’ortofrutta biologica.  “Il  biologico  cresce  enormemente”  commenta  Fabrizio  Piva amministratore  delegato CCPB “solo nei primi sei mesi del 2016 ci sono 12.000 nuove aziende bio, +20% rispetto al 2015. Perché [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende