Home » Rubriche »Very Important Planet » Carla de Gioannis, un “Pesce fuor d’acqua” per denunciare il disastro della plastica nei mari:

Carla de Gioannis, un “Pesce fuor d’acqua” per denunciare il disastro della plastica nei mari

Carla De Gioannis ha battezzato il suo primo lavoro fotografico “Pesce fuor d’acqua”. Curioso per una fotografa in perfetta simbiosi con l’elemento marino, che pratica nuoto agonistico da quando ha 6 anni. Dopo una parentesi torna in vasca a 30  anni e a 50 (nel 2017) conquista il titolo mondiale nei 50 rana, categoria master, ai campionati di Budapest. Carla, cagliaritana, è la moglie di Gaetano Mura, navigatore oceanico, e quello che vede ogni giorno dalla finestra di casa, a Cala Gonone, è lo spettacolare Golfo di Orosei, con strapiombo su una scogliera di lava basaltica. Un legame con il mare che potremmo definire anagrafico, affettivo, sportivo, paesaggistico… Ecco perché ha voluto contribuire, con la sua arte e la sua esperienza personale, a lanciare un grido di allarme…

D) Carla, questo tuo primo lavoro è dedicato alla plastica. Un racconto per immagini di come i polimeri di ogni specie e formula chimica sporchino la limpidezza del mare. Ma il pericolo più insidioso, a quanto pare, è la microplastica, che circola ormai nei corpi della fauna marina ed umana. Non a caso c’è un pesce con corpo umano nella foto ripresa da molti giornali: tuo marito Gaetano. Come è nata questa idea?

R) E’un progetto che abbiamo voluto portare avanti insieme. Nasce dalla comune passione per il mare. Da una vita, quando usciamo in gommone, raccogliamo la plastica che troviamo in mare. Parlandone tra di noi abbiamo pensato a come poter dare un contributo alla discussione pubblica, come sensibilizzare le persone su questo pericolo. La “messa in scena” del racconto fotografico non è stata un problema avendo le spiagge sotto casa.

D) La plastica utilizzata nelle foto  è stata portata sul set “ad arte”, ma l’avete raccolta in mare, sugli scogli…

R) Purtroppo è vero… Una gran parte della plastica l’abbiamo raccolta sugli scogli del porto, in periodo di bassa stagione. Assicuro che in 10 minuti, ahimè, si riesce a portare a casa un ricco bottino! Il contrasto tra questi rifiuti di plastica e un mare così bello dovrebbe servire a evidenziare, in concreto, il pericolo che stiamo correndo. Ho visto delle foto di altre località del Mediterraneo e le immagini sono  drammatiche. In alcuni casi non vediamo la plastica per via delle correnti marine, ma le microplastiche sono presenti anche nelle nostre acque più limpide. Il tema non va assolutamente trascurato…

D) Per il momento avete fatto due esposizioni, quali reazioni avete notato negli spettatori?

R) Mi ha colpito molto la reazione del pubblico: tanti, direi troppi, cadevano dalle nuvole… Eppure questo problema si conosce da anni! Eravamo a Cagliari, una città di mare, basta un giro in barca per osservare il fenomeno. Probabilmente io e Gaetano sentiamo più profondamente questo problema perché viviamo costantemente in mare. Chi lo frequenta poco o si limita alla spiaggia forse non lo percepisce a sufficienza. Poi ci sono pure “gli estremisti”, come un signore che ha avuto la faccia tosta di dire, alla mostra di Porto San Paolo, nel Nord della Sardegna, che questo è il prezzo del progresso: “Io alle comodità non rinuncio”, ha detto! Di plastica, in definitiva, se ne parla tanto – fa figo ormai – però questo non si traduce in vere azioni, che incidano sulla vita quotidiana. C’è anche chi ci specula, chi fa business sul problema. Per esempio il fenomeno delle borracce in plastica: si tolgono le bottigliette per mettere le borraccette! In ogni caso si continua a produrre con materiali e processi dannosi per l’ambiente…

D) Perché, tra le varie forme di denuncia, hai scelto il linguaggio fotografico?

R) E’ più immediato. Io fotografo le cose che non mi piacciono e il linguaggio fotografico mi permette di denunciare le cose che non vanno bene…

D) “Pesce fuor d’acqua” non è finito, si tratta di un work in progress?

R) Vorremmo lavorare in altre località per documentare tutto ciò che non funziona. Questo pesce rappresenta l’icona del nostro racconto, continuerà ad essere protagonista. Nei luoghi dove ci inviteranno per allestire la mostra produrremo una foto che documenta il nostro passaggio…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live




PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

gennaio 20, 2020

Ma quale “green diesel”! L’Authority multa Eni. Prima sanzione contro il “greenwashing”

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha irrogato, il 15 gennaio 2020, una sanzione di 5 milioni di euro all’Eni per la diffusione di messaggi pubblicitari ingannevoli utilizzati nella campagna promozionale che ha riguardato il carburante Eni Diesel+, sia relativamente all’affermazione del “positivo impatto ambientale” connesso al suo utilizzo, che alle asserite caratteristiche di quel carburante in [...]

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

gennaio 20, 2020

Verso Davos con gli sci, per protestare contro la crisi climatica

Partenza da Sondrio per attraversare le Alpi con gli sci e andare a protestare al World Economic Forum in apertura domani a Davos, contro chi pratica il greenwashing e parla di “sostenibilità” nel cuore di un ecosistema che viene distrutto a scopo di lucro. 80 km. nella neve e 3.500 metri di dislivello – fino a raggiungere i 3.000 [...]

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

dicembre 13, 2019

Decreto Clima: approvazione definitiva alla Camera. Ecco cosa verrà incentivato

Con 261 voti a favore, 178 contrari e 5 astenuti, la Camera dei Deputati ha approvato in via definitiva, il 10 dicembre, il disegno di legge di conversione (A.C. 2267) del D.L. 111/2019 (cosiddetto “Decreto Clima“) nel testo già approvato, con modifiche, dal Senato (A.S. 1547). Il provvedimento, composto originariamente di 9 articoli, a seguito delle modifiche [...]

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

dicembre 10, 2019

“Urban Forest”: il Museo della Montagna di Torino si prende cura del bosco urbano

Mercoledì 4 dicembre, al Museo Nazionale della Montagna ”Duca degli Abruzzi” di Torino, ha preso il via il progetto Urban Forest, un’iniziativa che costituisce il nucleo centrale della mostra “Tree Time”, a cura di Daniela Berta e Andrea Lerda. Il bosco che circonda il Museo è infatti un vero e proprio bosco urbano nel centro della [...]

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

dicembre 10, 2019

Accordo Essity-Assocarta: i fanghi di cartiera diventano solette per le scarpe

La multinazionale svedese Essity – leader mondiale nei settori dell’igiene e della salute con brand come TENA, Nuvenia e Tempo – ha annuncia ieri un nuovo progetto di economia circolare che vede coinvolto lo stabilimento produttivo di Porcari (LU), in Toscana. Grazie ad un processo di riutilizzo degli scarti di cartiera, originariamente destinati alla discarica, [...]

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

dicembre 9, 2019

Ford e McDonald’s: componenti per le automobili dagli scarti dei chicchi di caffè

Ford Motor Company e McDonald’s USA hanno annunciato che presto daranno avvio ad un processo di trasformazione degli scarti dei chicchi di caffè, in componenti per le automobili, come l’alloggiamento dei fari. Ogni anno, durante la lavorazione di milioni di chicchi di caffè, l’involucro si stacca naturalmente durante il processo di tostatura. Oggi è tecnologicamente [...]

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

dicembre 5, 2019

“De Ruina Terrae”: in mostra a Bologna immagini di devastazione del Pianeta

Un racconto per immagini su un mondo surriscaldato dalle emissioni nocive,  invaso dalla plastica e dalla sporcizia, dove l’habitat naturale di animali e piante viene bruciato ed annientato.  Una storia che prende il nome di “De Ruina Terrae. L’impatto dell’uomo sulla natura” e che sarà possibile ripercorrere dal 5 (inaugurazione alle ore 19,00) al 7 [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende