Home » Rubriche »Very Important Planet » Carla de Gioannis, un “Pesce fuor d’acqua” per denunciare il disastro della plastica nei mari:

Carla de Gioannis, un “Pesce fuor d’acqua” per denunciare il disastro della plastica nei mari

Carla De Gioannis ha battezzato il suo primo lavoro fotografico “Pesce fuor d’acqua”. Curioso per una fotografa in perfetta simbiosi con l’elemento marino, che pratica nuoto agonistico da quando ha 6 anni. Dopo una parentesi torna in vasca a 30  anni e a 50 (nel 2017) conquista il titolo mondiale nei 50 rana, categoria master, ai campionati di Budapest. Carla, cagliaritana, è la moglie di Gaetano Mura, navigatore oceanico, e quello che vede ogni giorno dalla finestra di casa, a Cala Gonone, è lo spettacolare Golfo di Orosei, con strapiombo su una scogliera di lava basaltica. Un legame con il mare che potremmo definire anagrafico, affettivo, sportivo, paesaggistico… Ecco perché ha voluto contribuire, con la sua arte e la sua esperienza personale, a lanciare un grido di allarme…

D) Carla, questo tuo primo lavoro è dedicato alla plastica. Un racconto per immagini di come i polimeri di ogni specie e formula chimica sporchino la limpidezza del mare. Ma il pericolo più insidioso, a quanto pare, è la microplastica, che circola ormai nei corpi della fauna marina ed umana. Non a caso c’è un pesce con corpo umano nella foto ripresa da molti giornali: tuo marito Gaetano. Come è nata questa idea?

R) E’un progetto che abbiamo voluto portare avanti insieme. Nasce dalla comune passione per il mare. Da una vita, quando usciamo in gommone, raccogliamo la plastica che troviamo in mare. Parlandone tra di noi abbiamo pensato a come poter dare un contributo alla discussione pubblica, come sensibilizzare le persone su questo pericolo. La “messa in scena” del racconto fotografico non è stata un problema avendo le spiagge sotto casa.

D) La plastica utilizzata nelle foto  è stata portata sul set “ad arte”, ma l’avete raccolta in mare, sugli scogli…

R) Purtroppo è vero… Una gran parte della plastica l’abbiamo raccolta sugli scogli del porto, in periodo di bassa stagione. Assicuro che in 10 minuti, ahimè, si riesce a portare a casa un ricco bottino! Il contrasto tra questi rifiuti di plastica e un mare così bello dovrebbe servire a evidenziare, in concreto, il pericolo che stiamo correndo. Ho visto delle foto di altre località del Mediterraneo e le immagini sono  drammatiche. In alcuni casi non vediamo la plastica per via delle correnti marine, ma le microplastiche sono presenti anche nelle nostre acque più limpide. Il tema non va assolutamente trascurato…

D) Per il momento avete fatto due esposizioni, quali reazioni avete notato negli spettatori?

R) Mi ha colpito molto la reazione del pubblico: tanti, direi troppi, cadevano dalle nuvole… Eppure questo problema si conosce da anni! Eravamo a Cagliari, una città di mare, basta un giro in barca per osservare il fenomeno. Probabilmente io e Gaetano sentiamo più profondamente questo problema perché viviamo costantemente in mare. Chi lo frequenta poco o si limita alla spiaggia forse non lo percepisce a sufficienza. Poi ci sono pure “gli estremisti”, come un signore che ha avuto la faccia tosta di dire, alla mostra di Porto San Paolo, nel Nord della Sardegna, che questo è il prezzo del progresso: “Io alle comodità non rinuncio”, ha detto! Di plastica, in definitiva, se ne parla tanto – fa figo ormai – però questo non si traduce in vere azioni, che incidano sulla vita quotidiana. C’è anche chi ci specula, chi fa business sul problema. Per esempio il fenomeno delle borracce in plastica: si tolgono le bottigliette per mettere le borraccette! In ogni caso si continua a produrre con materiali e processi dannosi per l’ambiente…

D) Perché, tra le varie forme di denuncia, hai scelto il linguaggio fotografico?

R) E’ più immediato. Io fotografo le cose che non mi piacciono e il linguaggio fotografico mi permette di denunciare le cose che non vanno bene…

D) “Pesce fuor d’acqua” non è finito, si tratta di un work in progress?

R) Vorremmo lavorare in altre località per documentare tutto ciò che non funziona. Questo pesce rappresenta l’icona del nostro racconto, continuerà ad essere protagonista. Nei luoghi dove ci inviteranno per allestire la mostra produrremo una foto che documenta il nostro passaggio…

Gian Basilio Nieddu

Share and Enjoy:
  • Print
  • PDF
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Digg
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Current
  • Wikio IT
  • Netvibes
  • Live


PARLA CON LA NOSTRA REDAZIONE

Newsletter settimanale


Notizie dalle aziende

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

aprile 15, 2021

Tree-ticket: il concerto si paga in alberi

Un concerto in presenza, immersi in una foresta, per riavvicinare l’uomo alla natura attraverso la musica del violoncellista Mario Brunello e di Stefano Mancuso, con una differenza rispetto a qualsiasi altro concerto al mondo: l’accesso si paga in alberi, con il TreeTicket. L’esperimento si terrà a Malga Costa in Val di Sella, in Trentino, nella cornice della [...]

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

aprile 13, 2021

Ricerca Mastercard: la spesa post-Covid vira verso modelli più sostenibili

Secondo quanto emerge da una nuova ricerca di Mastercard incentrata sulla sostenibilità, a seguito della pandemia da Covid-19 sarebbe cresciuto in modo significativo il desiderio da parte di italiani ed europei di salvaguardare l’ambiente e miliardi di consumatori nel mondo sarebbero disposti ad adottare comportamenti “più responsabili“. Oltre la metà dei nostri connazionali (64% contro il [...]

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

aprile 1, 2021

Mascherine irregolari: da un’azienda veneta il vademecum per riconoscerle

Sono decine di milioni le mascherine fasulle che girano per l’Italia. Molti sono infatti i truffatori che hanno approfittato della situazione di emergenza e del fatto che molte aziende hanno deciso di avviare procedure di importazione. Le norme, troppo spesso, non vengono rispettate e nelle ultime settimane le cronache hanno evidenziato casi di vere e [...]

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

marzo 15, 2021

Frane sulle Alpi? Uno studio evidenzia le connessioni con i cambiamenti climatici

Gli studiosi del gruppo di ricerca “River Basin Group” della Facoltà di Scienze e Tecnologie dell’Università di Bolzano, in collaborazione con l’Istituto di Geoscienze dell’Università di Potsdam in Germania, hanno osservato come il riscaldamento delle temperature e lo scioglimento del permafrost a causa dei cambiamenti climatici stiano determinando un aumento dell’instabilità dei pendii e della [...]

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

febbraio 26, 2021

Su Infinity arriva “Green Storytellers”, storie di ambiente e sostenibilità

Arriva sulla piattaforma Infinity di Mediaset “Green Storytellers”, il primo programma TV su sostenibilità e ambiente voluto e finanziato interamente grazie ad una campagna di crowdfunding di successo su Produzioni dal Basso, prima piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation. Il progetto “green” dei due autori, registi e conduttori, Marco Cortesi e Mara Moschini, ha incontrato il sostegno e l’entusiasmo di [...]

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

gennaio 5, 2021

Auto elettriche: la conferma che gli incentivi funzionano. Vendite a +250% rispetto al 2019

Il 2020 si è chiuso con un’impennata delle vendite di auto elettriche che porta ad un dato record in termini percentuale di + 251,5% rispetto all’anno precedente, con un totale di 59.875 auto immatricolate di cui 32.500 Bev (vale a dire auto con batteria elettrica) e 27.375 Phev (auto ibride plug in). Nel 2019 il [...]

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

dicembre 4, 2020

Sole 24 Ore: apre il bando “Leader della Sostenibilità 2021″

La sostenibilità e l’attenzione alle tematiche ambientali e sociali si sta confermando tema chiave per le aziende, in quanto strumento importante di competitività e di attrattività verso gli investitori e il mercato, come dimostra il sondaggio Ipsos sul tema dell’economia circolare, presentato all’EcoForum di Legambiente lo scorso ottobre, secondo il quale un’impresa su quattro investe [...]

Visualizza tutte le notizie dalle Aziende